Community

/ Magazine della casa

Magazine della casa

Vivi la tua passione per la casa e il giardino, scopri le ultime tendenze di stile e trova nuovi spunti per i tuoi progetti con gli articoli della nostra redazione.
Tutti gli articoli
I miei articoli
Creare un articolo
Tutto Bagno e arredo bagnoGiardino e TerrazzoDecorazione e IlluminazionePavimenti e rivestimentiVerniciCucinaOrdine e sistemazioneFalegnameria ed EdiliziaUtensileria e FerramentaFinestre, porte e scaleElettricità, automazioni e Smart HomeClimatizzatori, stufe e idraulicaNataleEventi e iniziative community
Community LM
Community Manager
11/27/23-09:43 (modificato il 11/27/23-09:46)

Il 2 dicembre 2023 Leroy Merlin torna con il Bricolage del Cuore, la maratona organizzata per migliorare la vita delle persone che vivono in case accoglienza, strutture comunitarie, sedi di associazioni o beni comuni, e questa volta… sarà in versione natalizia!
In questa occasione, ci recheremo in diverse realtà sul territorio portando con noi alberi di Natale e decorazioni, per decorare e addobbare insieme questi spazi condivisi in occasione delle feste.

Unitevi a noi partecipando all’evento più vicino a voi: potete scoprirli tutti qui, sulla nostra Community.

Ogni evento locale è organizzato in una realtà territoriale differente e ha la sua storia, ad esempio:

  • il nostro negozio di Torino Giulio Cesare si recherà presso il Centro Cultura Ludica-ITER dell'Assessorato all'Istruzione della Città di Torino per addobbare l’ingresso e la zona accoglienza;
  • il negozio di Pantigliate sarà ospitato dal centro TMA per ragazzi autistici di Mombretto di Mediglia, per decorare gli spazi comuni;
  • il negozio di Verona ha organizzato l’evento presso la Fondazione Più di un Sogno, che sostiene le persone con sindrome di Down e disabilità intellettiva per aiutarle ad ottenere una migliore qualità di vita;
  • i negozi di Catania si recheranno insieme presso l’associazione Punto Luce, uno spazio ad alta densità educativa che sorge a Catania, nel quartiere di San Giovanni Galermo, e che offre attività gratuite a bambini e ragazzi tra e 6 e 17 anni.

L’impegno di Leroy Merlin nell’organizzazione di queste iniziative ad Impatto Positivo non si ferma, perchè siamo convinti che tutti abbiano diritto alla propria casa ideale, ma anche ad un po’ di magia, nel periodo di Natale.

In attesa del nostro Bricolage del Cuore XMas Edition 2023, ecco gli scatti più belli dell’edizione dell’anno scorso!

Partecipate numerosi e non dimenticatevi di iscrivervi qui all’evento più vicino a voi: noi vi aspettiamo!

elisabetta.garoni
Architetto
11/23/23-15:12 (modificato il 11/23/23-15:14)

Affitti sempre più alti e appartamenti sempre più piccoli: soprattutto chi vive nelle grandi città ha spesso dovuto fare i conti con spazi ristretti, anche solo per una fase della vita. Gli studenti lo sanno bene: vivere in un monolocale ha vantaggi e svantaggi ma con creatività e ingegno si possono avere tanti comfort e poche rinunce. E’ d’obbligo ricorrere a mobili trasformabili, cioè con una doppia funzione (divano trasformabile in letto, tavolini che diventano tavoli, pouf con contenitore…), e pensare in verticale per sfruttare al massimo l’altezza e le pareti. L’esigenza primaria rimane però quella di dividere la zona notte dalla zona giorno. Vediamo insieme alcune soluzioni interessanti.

Dividi due zone del tuo monolocale con un paravento - Leroy Merlin

Con un mobile bifacciale

Un monolocale è un miniappartamento composto da un’unica stanza che fa da cucina, soggiorno e camera da letto, con l’aggiunta di un bagno. Le metrature di un monolocale possono variare anche di molti mq e la soluzione ottimale non è detto che sia la stessa per ogni spazio. In genere per stabilire un confine tra zona giorno e zona notte è preferibile scegliere una soluzione che non crei una barriera alla luce, per esempio con mobile bifacciale o una libreria a giorno che hanno anche il vantaggio di essere utilizzabili sia da un lato che dall’altro. Puoi destinare alcuni cassetti, apribili dal lato del letto, alla biancheria e sfruttare ripiani e i contenitori dal lato soggiorno come libreria o dispensa. Con l’aggiunta di ruote per mobili in pochi secondi lo spazio tornerà ad essere unico, per occasioni conviviali come una festa o una cena con numerosi amici.

Un mobile bifacciale arreda e separa - Leroy Merlin

Con una parete traforata vedo non vedo

Una parete leggera fatta con un pannello di metallo microforato può risolvere il problema della separazione virtuale tra zona notte e soggiorno. Il più delle volte non è necessaria una netta separazione ma basta una separazione visiva, un’idea di demarcazione di due funzioni. Con un colore diverso delle pareti, la demarcazione è già intuita. Se preferisci una separazione più netta, costruisci una quinta che va dal pavimento e arriva fino al soffitto con pannelli di lamiera verniciata e forata montati su telai e fissati alla muratura. Puoi realizzarli anche con listelli di legno, con tessuti intelaiati, con grandi tele per pittori da dipingere e decorare secondo i tuoi gusti, con pannelli reticolati in legno normalmente destinati al giardino che puoi trasformare in pareti verdi con vasi e piante sospese o dipingere a piacere.

Crea il tuo angolo privato con una parete vedo non vedo - Leroy Merlin

Usa elementi destinati al giardino

Sempre in tema di elementi pensati per usi diversi ma che possono essere felicemente utilizzati per dividere due zone anche interne, ti segnalo il traliccio Mosaic in polipropilene disponibile in colore bianco o marrone. Adatto ad un arredamento moderno e informale, può rappresentare una soluzione interessante, funzionale e decorativa al tempo stesso.

Ispirazione per dividere il monolocale con un elemento destinato all'outdoor - Leroy Merlin

Con una parete vetrata

Una vetrata è sempre una buona soluzione in ambienti piccoli perchè non crea nessuna barriera alla luce naturale. Lo sguardo inoltre può spaziare e avere una percezione completa e più ampia dallo spazio. Per avere privacy puoi scegliere vetri smerigliati dall’effetto vedo non vedo. In ambienti di piccole dimensioni è sempre consigliabili scegliere tinte chiare per pareti e soffitti ma nulla toglie di utilizzare il colore per creare punti focali e interessanti e dare personalità alla casa.

Una parete vetrata separa e lascia passare la luce - Leroy Merlin

Con una tenda alta fino al soffitto

Una delle mie soluzioni preferite è dividere in due lo spazio con una tenda. La trovo una soluzione intelligente, flessibile, poco invadente, decorativa ed economica. Monta un binario o un cavo per tende a soffitto e scegli una tenda tra le mille versioni di stampe e colori possibili. Questa sarà la parte più difficile! Puoi scegliere una tenda con tessuto oscurante e pesante oppure una garza leggerissima e molto romantica. A seconda della misura dovrai appendere una, due o più tende che all’occorrenza e in pochi secondi potrai raccogliere sulla parete ed eliminare la separazione camera/soggiorno. Inoltre sarà semplicissimo rinnovare il tessuto e cambiare stile alla stanza.

Idea per separare la zona notte con una tenda - Leroy Merlin

Con un separè

Spesso dimenticati e sottovalutati, separè e paravento andrebbero invece visti come veri e propri risolutori e aiuti indispensabili in piccoli open space. Sono disponibili in tanti materiali per stili diversi: con schermi in carta di riso dal mood giapponese, con pannelli decorativi stampati, a doghe di legno, in metallo e tessuto o provvisti anche di comode ruote. I modelli a 6 pannelli sono adatti a stanze più ampie. Con pareti e pannelli divisori puoi risolvere agevolmente ogni esigenza per delimitare due aree del tuo mini appartamento.

L'idea più semplice: rivaluta il paravento - Leroy Merlin

Quale delle soluzioni preferisci per dividere zona giorno e zona notte nel tuo monolocale? Sei orientato su una soluzione fissa o su una separazione facilmente amovibile? Facci sapere la tua opinione e se hai altre soluzioni proponile alla Community e descrivile nei commenti qui sotto.

Rossella Minetto
Esploratore
11/23/23-13:50 (modificato il 11/23/23-13:51)

Quando si tratta di arredare e decorare spazi che includono finestre con cassonetti, la scelta delle** tende** diventa un elemento chiave, capace di influenzare sia l'estetica che la funzionalità dell'ambiente. Le finestre dotate di cassonetti, spesso presenti in edifici moderni e ristrutturazioni, richiedono tipologie di tende che possano adattarsi a questa specifica struttura, coniugando eleganza e praticità. Le opzioni disponibili variano in base a stile, materiale, meccanismo di apertura e livello di oscuramento desiderato, offrendo soluzioni personalizzabili per ogni esigenza. Ecco quindi quattro idee e soluzioni per arredare la stanza con finestre con cassonetto:

  1. Tende plissettate
  2. Tende a pachetto
  3. Tende a rullo
  4. Tende a pannello


Tende da salotto per finestre con cassonetto - Leroy Merlin

Tende plissettate

Una prima valida soluzione per arredare le finestre con cassonetto sono le tende plissettate. Sono caratterizzate da pieghe uniformi e precise, offrono un aspetto sofisticato e moderno, adattandosi perfettamente a diversi stili di interni. Il design plissettato non solo aggiunge un elemento decorativo raffinato, ma permette anche un controllo efficace della luce e della privacy, essendo facilmente regolabili in altezza.

Le tende plissettate si integrano armoniosamente con i cassonetti, grazie alla loro struttura compatta e al meccanismo di apertura e chiusura verticale. Questo le rende particolarmente adatte per spazi dove è importante mantenere linee pulite e un design minimalista. Sono disponibili in una vasta gamma di tessuti, colori e trasparenze, consentendo di scegliere il livello di oscuramento e il colore che meglio si adatta all'ambiente circostante.

Inoltre, la loro installazione è generalmente semplice e non invasiva, rendendole una scelta pratica anche dal punto di vista pratico. Quando si tratta di scegliere tende per la casa che uniscano estetica e funzionalità, in grado di valorizzare sia ambienti residenziali che spazi lavorativi il modello plissettato è perfetto per la sua capacità di adattarsi a diverse esigenze e stili le rende una delle opzioni più apprezzate per le finestre con cassonetto.


Pratiche tende plissettate per finestre con cassonetti - Canva

Tende a pacchetto

Scegliere le tende a pacchetto per le finestre con cassonetto può essere una soluzione ardua ma non impossibile. Questo tipo di tenda, conosciuta per il suo design unico che si piega su sé stesso creando un effetto 'a pacchetto' quando viene tirata su, si adatta perfettamente alle finestre con cassonetto, grazie alla sua struttura che ne consente un'installazione compatta e discreta. Il loro aspetto sobrio e raffinato le rende particolarmente adatte per ambienti moderni e minimalisti, ma possono essere facilmente integrate anche in contesti più classici, grazie alla varietà di tessuti e colori disponibili.

L'uso di tende a pacchetto permette un controllo preciso della luce e della privacy, in quanto possono essere regolate con grande facilità, posizionandole all'altezza desiderata. Queste tende offrono un'alternativa esteticamente piacevole alle tradizionali tende verticali o orizzontali, aggiungendo un tocco di calore e comfort agli spazi.

In termini di materiali, le tende a pacchetto sono disponibili in un'ampia varietà, dai tessuti leggeri e trasparenti a quelli più pesanti e oscuranti, permettendo così di scegliere in base alle specifiche esigenze di ogni stanza. La loro versatilità le rende una scelta eccellente per chi desidera combinare design e praticità nelle proprie soluzioni per finestre con cassonetto.


Le tende a pacchetto e versatilità con le finestre a cassonetto - Leryo Merlin

Tende a rullo

Le tende a rullo rappresentano una soluzione funzionale per finestre dotate di cassonetto, combinando praticità d'uso e sobrietà estetica. Questo tipo di tenda, caratterizzato da un tessuto avvolgibile su un tubo meccanico, si adatta perfettamente all'interno dei cassonetti, garantendo una completa integrazione con l'architettura della finestra. Il loro design lineare e pulito le rende ideali per ambienti moderni e minimalisti, ma sono altrettanto adatte in contesti più tradizionali grazie alla vasta scelta di tessuti, colori e motivi.

Le tende a rullo sono particolarmente utili perché possono essere facilmente regolate per lasciar filtrare la giusta quantità di luce naturale o per oscurare completamente la stanza, rendendole ideali per diversi usi. Sono particolarmente adatte per uffici e ambienti lavorativi, dove è necessario moderare la luce per ridurre il riverbero sui monitor dei computer, ma trovano ottima applicazione anche in ambienti domestici, come camere da letto e sale da pranzo, dove è desiderato un controllo maggiore della luce.

La vastità di alternative tra le quali scegliere, la facilità di installazione e di manutenzione rende le tende a rullo una scelta pratica per chi cerca una soluzione di tendaggio efficiente e dall'aspetto moderno, in grado di adattarsi a diverse esigenze di stile e funzionalità nelle finestre con cassonetto.


Luminose tende a rullo per il salotto - Leroy Merlin

Tende a pannello

Le tende a pannello sono una scelta raffinata e contemporanea per l'abbellimento di finestre dotate di cassonetto, offrendo una soluzione estetica distintiva e di grande impatto visivo. Queste tende, composte da pannelli verticali che scivolano su binari, si adattano perfettamente ai cassonetti, permettendo un movimento fluido e un aspetto pulito quando sono aperte o chiuse. Scegliere le tende a pannello significa decidere di optare per la loro struttura lineare che le particolarmente adatte per ambienti moderni, conferendo un tocco di eleganza minimalista.

L'utilità delle tende a pannello risiede nella loro versatilità e nella capacità di adattarsi a diverse esigenze di spazio e luce. Sono particolarmente efficaci in ambienti ampi e spaziosi, come salotti o sale riunioni, dove i pannelli possono essere utilizzati per dividere gli spazi o per creare zone d'ombra senza ostruire la luce completamente. Inoltre, la possibilità di scegliere tra diversi tessuti, da quelli più traslucidi a quelli oscuranti, le rende adatte a diverse esigenze di illuminazione e privacy.

Installare tende a pannello in ambienti con finestre grandi o vetrate, come sale da pranzo o uffici panoramici, può migliorare l'estetica dell'ambiente, offrendo al contempo una soluzione pratica per la gestione della luce e del comfort visivo. La loro semplicità di utilizzo e la possibilità di personalizzazione le rendono una soluzione di grande valore per chi desidera combinare funzionalità e stile in ambienti con finestre con cassonetto.


Le tende a pannello sono perfette per finestre con cassetto di ampie dimensioni - Leroy Merlin

Se anche tu hai delle finestre con cassonetto e desideri scegliere delle tende per completare l'arredo della stanza, non scoraggiarti: trova la soluzione che meglio si adatta allo stile della tua casa e poi raccontami la tua esperienza!

elisabetta.garoni
Architetto
11/23/23-10:36 (modificato il 11/23/23-14:42)

Un giro in soffitta ti ha fatto rivalutare un vecchio mobile che non aspetta altro che di essere riportato in vita? Hai scoperto un amore travolgente per la poltrona vintage in vendita nel mercatino sotto casa? Il dubbio è come collocarli nel tuo appartamento dove tutti gli arredi sono moderni e che apparentemente non dialogherebbero con pezzi retrò. Mescolare mobili antichi in case moderne richiede una certa attenzione per non creare un mix senza filo conduttore e correre il rischio di sovraccaricare l’ambiente con troppi stili diversi che creerebbero solo confusione. Provo a suggerirti alcune soluzioni a cui ispirarti e qualche consiglio su finiture e materiali. Leggi anche l’articolo con 5 idee faidate per una casa retrò con piccole idee da realizzare da solo. Continua nella lettura!

Impreziosisci l’ambiente con un tavolo antico e carta da parati vintage – Leroy Merlin

Trasforma in libreria la vecchia credenza

In alcuni casi, cambiare destinazione d’uso al mobile tramandato da generazioni ci aiuta a renderlo più adatto alla nostra casa moderna. Un classificatore da ufficio può diventare la cassettiera in camera da letto, il tavolo da cucina può trasformarsi in scrivania e via discorrendo. Anche portare piccole modifiche svecchierà un pezzo che non ci convince fino in fondo. Per esempio, se rimuovi le ante di una credenza vintage in legno la potrai utilizzare come libreria e se aggiungi una carta da parati decorativa sullo schienale acquisterà un’aria tutta nuova e molto personale. Puoi anche intervenire sulla base e aggiungere piedini in metallo per alleggerire il volume: starà benissimo in soggiorno.

Pezzi di arredamento vintage per l’angolo smart working – 123RF

Nuovo tessuto per nuova poltrona

Un discorso a parte meritano gli imbottiti. Abbiamo assistito negli ultimi anni ad un revival del modernariato, soprattutto quello degli anni ‘50 e non ti saranno sfuggite sulle riviste di arredamento le poltrone vintage che trovano posto in living modernissimi. A volte è sufficiente una profonda pulizia, a volte serve invece un restauro professionale della pelle per riportare la seduta all’antico splendore. Se però l’imbottitura è troppo deteriorata ed è necessario un intervento più drastico di riparazione, ti consiglio di osare con la scelta di un tessuto d’arredamento molto speciale: un colore inusuale (ti piace il rosa?) o una fantasia geometrica o floreale abbinata alla pittura colorata della parete o alla tenda.

Ispirazione per rinnovare la poltrona vintage con un nuovo tessuto – 123RF

Valorizza il mobile con uno sfondo pop

Prima di decidere dove posizionare il tuo nuovo mobile antico considera le misure della stanza. E’ importante concentrarsi sulle giuste proporzioni per non rischiare che un mobile troppo grande per la tua parete crei un senso di oppressione e tolga spazio e importanza agli altri elementi. Inoltre i mobili antichi o di modernariato in legno possono stonare con il pavimento: essenze diverse, finiture lucide e opache si accompagnano con difficoltà. Può bastare aggiungere un bel tappeto per evitare un contatto diretto. Anche la scelta di una carta da parati che faccia da sfondo al mobile aiuta a valorizzarlo perché crea un punto focale che attrae lo sguardo.

Metti in risalto il mobile vintage con uno sfondo originale - Leroy Merlin

Tavolo antico in cucina moderna

Il classico tavolo rotondo in legno massello, molto comune nelle case dei nostri nonni, può essere valorizzato con un intervento faidate. Spesso i vecchi mobili in legno hanno una finitura lucida che non piace più. E’ necessaria un’opera di svecchiamento delle superfici con pulitura, carteggiatura e pittura con due mani di vernice per mobili. Il colore fa la differenza! Se scegli il bianco avrai più possibilità di abbinare sedie di stili diversi, ma puoi anche azzardare con un colore vivace e deciso (giallo limone? Arancio vitaminico?). Il tavolo rotondo, se la tua cucina è abbastanza ampia, darà un tocco di personalità all’insieme e sarà valorizzato sia accostando sedute retrò che sedie moderne e di design.

Recupera il tavolo tondo per la tua cucina – 123RF

Mobili di recupero anche in cucina

Mischiare vecchio e nuovo renderà la tua cucina accattivante, creativa e originale. Arredare la tua cucina con mobili di recupero ti darà grandi soddisfazioni. Come fare? Ecco qualche spunto. Elimina i cassetti più bassi dal vecchio comò e lascia un vano a giorno da sfruttare con ceste e contenitori multiuso e diventerà una splendida isola vintage, la piattaia retrò può trovare spazio su una parete dove mettere in bella mostra le stoviglie più belle ma anche libri di cucina e quadri; il bancone proveniente da una vecchia bottega si trasforma in un comodo piano di lavoro e dispensa da personalizzare con nuove maniglie e pomelli e ganci laterali per gli strofinacci per renderlo ancora più speciale e fuori dal comune.

Ispirazione per recuperare un vecchio mobile in cucina – 123RF

Sei anche tu appassionato di mobili vintage? Hai trovato idee per riutilizzare un pezzo antico nella tua casa moderna? Mixare vecchio e nuovo nel giusto equilibrio valorizza sia il tuo arredamento di design che i pezzi antichi o di modernariato ricchi di ricordi e di vite passate. Raccontaci nei commenti le tue idee e ispira la Community con le soluzioni che hai scelto per casa tua.

ValeriaBonatti
Architetto
11/22/23-17:44 (modificato il 11/22/23-20:18)

Anche tu sei sempre con un occhio agli annunci immobiliari perché vorresti una casa più grande? A volte lo spazio manca davvero, magari perché la famiglia cresce, ma spesso è più una questione estetica o di sensazioni, perché l’abbiamo riempita troppo o perché le nostre scelte di arredo ora in qualche modo non ci soddisfano più. Pavimenti, colori, arredo, luce e trucchi che ingannano l’occhio: vediamo insieme cosa fare, in modo creativo, per percepire la casa più spaziosa, a partire dal soggiorno.

Pennellate di colore danno carattere a un living chiaro e arioso – Leroy Merlin

1. Pavimenti che ampliano la percezione del soggiorno

Cominciamo dal basso a capire come intervenire per far sembrare il soggiorno più grande di quello che è. Ci sono pavimenti, soprattutto quelli vecchiotti come le cementine o le piastrelle, che al di là del fascino vintage, con il loro disegno, la texture o anche solo le fughe (soprattutto se le piastrelle sono piccole) “spezzettano” la superficie. In realtà anche un modernissimo parquet di qualità, ma pieno di nodi e venature, e magari posato nel verso sbagliato, interrompe la continuità della superficie su cui cammini. Sì quindi a pavimenti il più uniformi possibile, ai grandi formati sia di grès che di parquet, e ai pavimenti senza fughe, fino ad arrivare al top della resina. Per allargare lo spazio il materiale non è importante, ma sicuramente un pavimento chiaro e lucido aiuta! E come fare a intervenire, se il tuo soggiorno ha proprio l’esatto contrario? Per non incorrere in lavori troppo pesanti, considera l’idea di sovrapporre un pavimento sottile, senza dover sollevare quello sottostante. Oppure stendi dei tappeti, anzi, meglio uno solo e grande, piuttosto che diversi piccoli. Se lo spazio non è tanto, usa questo trucco: infila il tappeto anche sotto il divano o il tavolo, invece che solo davanti, vedrai la differenza. E altra soluzione, che ti propongo nella foto, prova a mettere il tappeto, ma anche il divano e la posa del parquet, in diagonale: sai perché allarga visivamente lo spazio? In un quadrato la diagonale è il lato più lungo!

Evidenziare la diagonale allarga lo spazio – Leroy Merlin

2. I colori che dilatano lo spazio

Il nero smagrisce, il bianco allarga, si dice così anche per i vestiti. Vero. Quando però di tratta di tinteggiare il soggiorno, non sono convinta che sia indispensabile il total white per creare un ambiente leggero e visivamente più ampio. Anche perché il rischio è di perdere quel senso di accoglienza e intimità che anche tu, sono sicura, vuoi sentire quando rientri a casa e di ritrovarsi con un soggiorno luminoso e moderno, ma un po’ freddino. In realtà basta davvero poco per mantenere un ambiente arioso, ma allo stesso tempo vivace, creativo e che ti rappresenta. La seconda proposta quindi è: crea un ambiente uniforme e sostituisci al bianco delle tinte chiare, ma che siano colore: basta un greige (che sarebbero le tonalità tra il grigio e il beige) o colori pastello, anche se personalmente io li preferisco nelle camere da letto. Se ti piacciono però, non rinunciare ai colori decisi, soprattutto quelli solari: è sufficiente una sola parete, invece che tutta la stanza, per dare carattere e personalità al soggiorno. Non trascurare infine il potenziale delle pitture con effetti illuminanti, come il metallizzato, glitterato o perlato. Danno allo stesso tempo quel tocco di luce e di raffinatezza, perfetti per un living elegante e di ampio respiro.

Living dai colori neutri e uniformi, ma arioso e accogliente – Leroy Merlin

3. Come arredare un soggiorno per farlo sembrare più grande

Se il tuo soggiorno non è tanto ampio, di sicuro più lo riempi, più sembrerà piccolo. Ecco quindi il trucco più facile del mondo per far sì che un ambiente venga percepito ampio, leggero e rilassante: tanto ordine, pochi fronzoli. Cosa vuol dire? Che tutti gli oggetti a cui tieni devono sparire e che anche i mobili vanno ridotti al minimo? Assolutamente no. Significa, innanzitutto, mantenere omogeneità (di colore o carattere stilistico) tra i vari elementi, così da dare uniformità alle superfici e non sfaccettare lo spazio. Superfici che devono essere il più libere possibile: scegli quindi pochi oggetti da tenere fuori, gli altri mettili via per intercambiarli ogni tanto. Alterna mobili aperti, come una libreria e delle mensole, ad altri chiusi dove hai più libertà di tenere tutto quello che vuoi e come vuoi. Infine scegli mobili leggeri, chiari e sollevati da terra, che lascino intravedere il pavimento e che siano della giusta misura per l’uso che dovrai farne, così da non occupare spazio inutilmente. Terza idea creativa, quindi: se avrai bisogno di più elementi per quando arrivano ospiti, usa gli arredi a scomparsa, come piani a ribalta, tavoli allungabili, sedie pieghevoli, pouf contenitori, da aprire solo quando servono.

Mobili aperti e chiusi per tenere tutto in ordine – Leroy Merlin

4. Luce a volontà per non perdere spazio

La quarta soluzione è piena di luce! Non importa quale sia lo stile del tuo soggiorno, può essere sofisticato e moderno o romantico e country, l’importante è lasciare che la luce entri, passi, si rifletta e vada a illuminare tutta la stanza senza lasciare angoli bui, che scompaiono alla nostra percezione. E come fare? Prima di tutto scegli tendaggi leggeri e bianchi, che creino intimità, ma lascino passare i raggi del sole. Mantieni poi pareti e arredi chiari: in pratica un total white di cui quasi non ti rendi conto se, per rivestire i muri, al posto della pittura usi una carta da parati con una texture appena accennata e, per mobili e accessori, utilizzi tutti elementi tono su tono, in varie sfumature dei famosi greige e pastello. Lascia anche che la luci filtri da una stanza all'altra attraverso porte vetrate o che si rifletta in uno specchio. Combina infine diverse fonti luminose da accendere anche tutte insieme: lampadari, luci da terra o da tavolo, applique e non dimenticare le candele!

La luce invade lo spazio e lo dilata – Leroy Merlin

5. Crea profondità per un soggiorno più grande

A volte lo spazio bisogna proprio inventarselo. Fisicamente, organizzando, anche in soggiorno le diverse attività coi mobili giusti e sfruttando bene ogni angolo, pareti comprese. Ma in una stanza che, in genere, è quella più grande della casa, c’è un altro modo per dare profondità e quindi renderla visivamente più ampia. Sfruttare proprio la dimensione delle pareti per creare, utilizzando pitture di colori differenti, delle geometrie che, con le loro linee prospettiche, aggiungano dimensione alla stanza. Ti sembra ancora poco? L’ultima proposta allora è questa: con i fotomurali spalanca il tuo soggiorno verso scorci di paesaggi che ti affascinano e ti trasmettono sensazioni positive: può essere un bosco, il mare, il vicolo di un paesino o i grattacieli di una grande città. Ciò che conta è che il tuo soggiorno sembrerà non finire più lì, ma continuare dietro l’angolo o oltre la vetrata. E sono più che sicura che tu te lo godrai ogni giorno con il sorriso.

Apri il tuo soggiorno verso nuovi orizzonti – Leroy Merlin

Ora che hai visto qualche proposta creativa per dilatare lo spazio del soggiorno, spero che guarderai anche il tuo con occhi diversi. Leggi anche l’articolo di Elisabetta “6 trucchi per ingrandire visivamente una stanza“ e se ti viene in mente qualche altro modo per farlo sembrare più grande, scrivicelo qui nei commenti o mandaci delle foto sulla Gallery Casa e Giardino!

Carlotta Lulli
Redattrice
11/20/23-13:31 (modificato il 03/04/24-09:07)

Ristrutturare il bagno è un’operazione che richiede creatività e cura. Le variabili in gioco sono molte, dall’organizzazione degli spazi agli impianti da tenere in considerazione, senza sottovalutare il design, elemento più prezioso di altri.
Per realizzare dei perfetti bagni ristrutturati è necessario organizzare ogni elemento nel modo giusto così da poter sfruttare una stanza della casa che sia funzionale, ma anche piacevole da vivere ogni giorno.
Se stai pensando alla ristrutturazione anche tu, ti saranno utili le idee home made che alcuni nostri clienti hanno realizzato nelle loro case. In questo elenco ti proponiamo 8 progetti realizzati da voi.

Gli 8 progetti di bagni ristrutturati prima e dopo

Ogni angolo della casa ha bisogno di attenzione e progetti pensati su misura. Il bagno è quello che richiede maggiore cura per precisi motivi legati alla logistica degli impianti. Se sei alla ricerca di interessanti idee per bagni ristrutturati saranno utili gli 8 progetti realizzati dai nostri clienti in cui per alcuni potrai vedere il prima e il dopo e per altri soltanto il suggestivo effetto finale del restyling.
Ecco di seguito i più interessanti progetti di bagni ristrutturati pubblicati sulla Community di Leroy Merlin:

  • Bagno con elementi minimal ma di carattere
  • Bagno piccolo ma accogliente
  • Bagno con doccia walk in
  • Bagno creativo con cabina idromassaggio
  • Bagno con mosaico e fibre ottiche
  • Bagno colorato con gres porcellanato effetto legno
  • Bagno con carta da parati e lavabo in pietra
  • Bagno funzionale con complementi ricerati

1. Bagno con elementi minimal ma di carattere

Il progetto del bagno pensato da @giuseppe.dolce vede protagonisti gli elementi indispensabili per un ambiente minimal, ma di carattere come i mobili bagno in legno e i pavimenti in gres porcellanato. Ottima anche l'illuminazione dello specchio con riflettori
Ecco il prima e il dopo.

2. Bagno piccolo ma accogliente

Per realizzare il suo nuovo bagno @michele.dima ha utilizzato l’aggrappante Mapei e la colla Mapei per posizionare le piastrelle in gres porcellanato Tempo Antracita. La doccia, posizionata ad angolo, sfrutta perfettamente lo spazio a disposizione.
Il risultato, come puoi vedere, è l'ideale soprattutto se hai un bagno non troppo spazioso, ma non vuoi rinunciare a un ambiente ricercato e accogliente.

3. Bagno con doccia walk in

Il progetto del nostro utente @marco.b aveva l’obiettivo di un bagno più spazioso, luminoso e facile da pulire. Con la sua ristrutturazione ha realizzato un bagno personalizzato che rispecchia tutte queste caratteristiche.
La protagonista è la doccia walk in che, con un lato completamente aperto, dona alla stanza maggiore ampiezza. A valorizzarla è il rivestimento della parete frontale sulla quale è stata posizionata la piastrella Balade Chevron beige.
Se anche tu desideri avere una doccia aperta vedi il prima e il dopo della ristrutturazione bagno del nostro utente.

4. Bagno creativo con cabina idromassaggio

Quella di @salvatore. simonelli è stata una ristrutturazione totale che ha reso il suo bagno un esempio di bagno creativo con cabina idromassaggio. Realizzato con una cabina doccia idromassaggio e nuovi sanitari, precisamente il wc filomuro selnova Geberit e il bidet filomuro selnova compact della stessa azienda.
Il risultato è un bagno ristrutturato con creatività e stile.

5. Bagno con mosaico fibre ottiche

L’idea della nostra utente @giovanna.marinelli_1809 era quella di ricreare l’ambiente della spa direttamente nel bagno di casa sua. Il risultato è quello di un bagno che può essere definito un po' zen.
La vasca da bagno delimitata da un mosaico delle stesse tinte delle piastrelle rende l’ambiente perfettamente in stile. Sul soffitto sono state posizionate 300 fibre ottiche che di sera rendono la stanza accogliente e zen.
Per gli accessori la nostra utente ha scelto il set bianco in ceramica che si lega in modo naturale al resto dell’arredamento.

6. Bagno colorato con gres porcellanato effetto legno

Il colore è il protagonista nel nuovo bagno di @alessia.albini, che ha scelto una parete completamente verde salvia, nuance elegante e mai invadente, utilizzando la piastrella Trend Mint
Nel suo bagno colorato desiderava avere maggiore spazio e luminosità. Ci è riuscita utilizzando materiali di ispirazione naturale ed elementi che si legano perfettamente allo stile scelto.
Il mobile Loto con due cassetti si abbina naturalmente al pavimento in gres porcellanato effetto legno che riescono a ricreare un ambiente rilassante grazie anche al colore scelto dalla nostra utente.
A completare l’arredamento, la porta battente Honey in larice chiaro.

7. Bagno con carta da parati e lavabo in pietra

Per il suo bagno degli ospiti la nostra utente @chiara.gnata ha scelto una carta da parati tropicale che conferisce alla piccola stanza un'atmosfera vivace. Interessante anche l’idea di posizionare un lavabo in pietra sopra la mensola dipinta color legno che uniti permettono all’ambiente di essere confortevole oltre che funzionale. Anche nella stanza da bagno, infatti, è indispensabile non sottovalutare l’aspetto design.
A completare il progetto la nostra utente ha scelto uno scaldasalviette bianco ideale per riscaldare uno spazio di piccole dimensioni.

8. Bagno funzionale con complementi ricercati

Per il suo bagno @TonyStakk ha scelto complementi di arredo ricercato in cui il grigio e il marrone chiaro sono protagonisti indiscussi.
L’effetto pulito e raffinato dei pavimenti e dei rivestimenti è stato realizzato utilizzando la piastrella Blush Matt White che abbinata a elementi nero opaco, come il rubinetto per bidet Jacuzzi rende la stanza davvero raffinata e di design.
Un effetto suggestivo anche per i rivestimenti della parete dei sanitari e della doccia per i quali è stata scelta la piastrella per rivestimenti in terracotta Balde Chevron beige che grazie alla sua somiglianza con in legno garantisce un’atmosfera accogliente e calda.

Hai trovato la soluzione ideale per ristrutturare il tuo bagno? Scrivila nei commenti e raccontaci la tua esperienza, potrebbe essere utile agli altri utenti della Community!

Barbara _PI
Esploratore
11/17/23-14:02 (modificato il 12/01/23-09:29)

Efficienza energetica e sostenibilità sono termini molto attuali che indicano quanto sia importante approfondire le soluzioni per migliorare le nostre case che spesso sono vecchie e non performanti. Dal cappotto termico al fotovoltaico, ecco tutti gli interventi possibili per migliorare la classe energetica della casa secondo quanto previsto dalla nuova direttiva europea Case Green.
Sono molteplici gli ambiti in cui puoi operare per rendere la tua casa più efficiente: isolamento termico, protezione solare, riduzione dei consumi, energia rinnovabile e controllo dei consumi. Vediamo insieme qualche possibile soluzione.
Migliorare l’efficienza energetica della nostra casa – Leroy Merlin

Isolamento termico

Spesso i materiali con cui sono costruite le nostre case, specialmente se hanno ormai qualche anno, non creano l’isolamento termico sufficiente per consentire di raggiungere un risparmio energetico rilevante e un comfort abitativo che vorremmo. L’isolamento termico verso l’esterno è un valido intervento per aumentare l’efficienza energetica dell’involucro della casa: la realizzazione di un cappotto esterno, ovvero un isolamento delle pareti verso l’esterno, è un intervento importante i cui risultati sono immediatamente rilevabili poiché riduce notevolmente il fabbisogno energetico dell’edificio e anche i costi in bolletta! Quando si interviene sull’involucro dell’edificio, è importante verificare che anche i serramenti esterni siano performanti: la sostituzione dei serramenti ti consente di eliminare dispersioni dannose. Con questi interventi potrai dare anche un nuovo aspetto alla tua casa che sembrerà più moderna e attuale!
Sostituzione serramenti – Leroy Merlin

Protezione solare

Migliorare la classe energetica delle nostre case è possibile attraverso molteplici interventi. Oltre all’isolamento termico, è opportuno intervenire anche sui sistemi di ombreggiamento. Le schermature solari, come la Tenda da sole Naterial o la Pergola Spell, aiutano a proteggere le finestre dai raggi solari, riducendo i costi per il raffrescamento estivo. Non dimenticare che anche persiane e tapparelle sono dei sistemi di oscuramento che ti consentono di gestire al meglio la protezione della casa dal calore. Un utilizzo accorto di questi sistemi renderà piacevole gli spazi della tua casa e potrai anche ridurre l’accensione di sistemi di raffrescamento minimizzando i consumi!
Tenda solare come schermatura solare – Leroy Merlin

Riduzione dei consumi

Scegliere impianti performanti e innovativi consente di ridurre i consumi anche in maniera importante. Tramite l’installazione di una pompa di calore, ad esempio, potrai ridurre i consumi di energia elettrica e le emissioni di anidride carbonica rispetto agli impianti di riscaldamento tradizionali. È il momento di rinnovare l’impianto di riscaldamento della tua casa poiché esistono anche agevolazioni fiscali molto interessanti. Ecco un altro aspetto da non sottovalutare: migliorare la classe energetica della tua casa ti consentirà di aumentarne il valore e la renderà senz’altro più appetibile in caso di compravendita. Le persone sono giustamente sempre più attente a questi aspetti che riguardano il singolo ma anche la collettività.
Rinnovare l’impianto – Leroy Merlin

Energia rinnovabile

Utilizzare energia da fonti rinnovabili significa utilizzare energia da fonti che rispettano le risorse che provengono dal mondo naturale; l’energia così prodotta si definisce pulita e l’impatto ambientale è minimo rispetto alle fonti non rinnovabili come i combustibili fossili, ad esempio. Come avrai notato in tutti gli ambiti è in corso un’evoluzione dei sistemi per rendere sostenibili tutti i processi. La più conosciuta energia rinnovabile è quella proveniente dal sole che può essere usata per riscaldare o raffreddare le nostre case o gli spazi di lavoro. Mediante l’installazione di un impianto fotovoltaico a casa tua potrai autoprodurre energia elettrica ed utilizzarla nella vita quotidiana; installando un adeguato sistema di accumulo potrai anche immagazzinare l’energia ed utilizzarla durante le ore notturne.
Impianto fotovoltaico – Leroy Merlin

Controllo dei consumi

Ecco un ultimo consiglio se stai pensando di rinnovare la tua casa e renderla green: per una gestione e un controllo migliori dei consumi, è opportuna l’installazione di sistemi che rendano la tua casa una smart home. Esistono vari tipi di dispositivi che consentono di raggiungere diversi livelli di controllo, ma con alcuni semplici accorgimenti sull’impianto di possono ottenere buoni risultati. Qualche esempio: il Termostato Avidsen Homeflow è un termostato senza fili che può essere abbinato anche ad altri accessori come sensori di presenza, rilevatori di apertura delle finestre e valvole termostatiche; Il Termostato intelligente e connesso Bosch è indicato per la chiusura e apertura delle valvole termostatiche dei termosifoni con gestione da remoto; la presa programmabile Enki consente di controllare ovunque via smartphone lampade ed elettrodomestici.
Termostato intelligente – Leroy Merlin

Abbiamo visto alcuni dei possibili interventi per rendere la tua casa green e migliorarne la classe energetica. Come abbiamo visto i benefici sono molteplici ed ormai è diventato davvero importante intervenire, ognuno può fare la propria parte! Leggi anche 4 consigli per rendere la casa più efficiente e ridurre i consumi e fammi sapere cosa ne pensi.

Riccardo Velis
Architetto
11/16/23-12:14 (modificato il 11/17/23-10:51)

Isolare il pavimento dal freddo è una mossa strategica per aumentare il comfort abitativo e ridurre i consumi energetici, specialmente durante i mesi più freddi. Un pavimento ben isolato mantiene l'ambiente domestico più caldo e accogliente l'escursione termica e contribuisce a ridurre i costi di riscaldamento. Ecco alcuni accorgimenti su come isolare efficacemente il pavimento dal freddo.


Isolare il pavimento dal freddo permette di camminare a piedi nudi in casa - Canva

Installazione di pannelli in sughero

L'uso di pannelli in sughero per l'isolamento del pavimento rappresenta una soluzione efficace e sostenibile per contrastare il problema dei pavimenti freddi, specialmente in ambienti domestici. Il sughero, materiale naturale ed ecologico, si distingue per le sue eccellenti proprietà isolanti, sia termiche che acustiche.

Questo materiale è composto da milioni di celle microscopiche riempite d'aria, che ne fanno un isolante termico naturale di grande efficienza. Grazie a questa struttura, il sughero è in grado di trattenere il calore, impedendo che si disperda attraverso il pavimento. Inoltre, il sughero è resistente all'umidità e alla formazione di muffe, rendendolo ideale per ambienti soggetti a variazioni di umidità.

I pannelli in sughero possono essere installati direttamente sotto la pavimentazione esistente o durante la posa di un nuovo pavimento. Sono disponibili in diversi spessori, permettendo di scegliere il grado di isolamento desiderato in base alle specifiche esigenze. L'installazione è relativamente semplice e può essere eseguita sia in contesti di ristrutturazione che in nuove costruzioni. È importante assicurarsi che la superficie su cui verranno posati i pannelli sia pulita, asciutta e livellata.


Installazione di uno strato di sughero sul pavimento - Canva

Isolamento con il polistirene espanso (EPS)

L'utilizzo del polistirene espanso (EPS) nell'isolamento dei pavimenti è una soluzione efficace e ampiamente utilizzata per combattere il problema dei pavimenti freddi, specialmente nelle ristrutturazioni e nelle nuove costruzioni. Il polistirene espanso, noto per la sua leggerezza e le ottime proprietà isolanti, è un materiale sintetico costituito da perle di polistirene gonfiate e successivamente fuse insieme.

Il polistirene espanso si distingue per la sua elevata resistenza termica, che lo rende particolarmente efficace nell'isolamento dei pavimenti. Grazie alla sua struttura cellulare chiusa, l'EPS intrappola l'aria, riducendo significativamente il passaggio del freddo dal sottofondo al pavimento. Questo aiuta a mantenere una temperatura più stabile e confortevole all'interno degli ambienti, riducendo il bisogno di riscaldamento supplementare.

L'installazione di pannelli in polistirene espanso sotto i pavimenti è un processo relativamente semplice. I pannelli di EPS possono essere posati direttamente sul sottofondo o su uno strato di guaina impermeabilizzante, a seconda delle esigenze specifiche dell'edificio. La posa deve essere eseguita con cura per evitare ponti termici e garantire un'isolazione uniforme. Inoltre, i pannelli di EPS sono facilmente tagliabili, permettendo un adattamento preciso a qualsiasi spazio o forma.


Posa del pavimento con polistirene espanso - Canva

Isolamento con Aeropan

L'isolamento del pavimento con Aeropan, un materiale innovativo nel campo dell'edilizia, è una soluzione sempre più apprezzata per la sua efficacia nel prevenire la dispersione del calore e combattere il problema dei pavimenti freddi. Aeropan, composto da granuli di polistirene espanso (EPS) incapsulati in cemento, combina le proprietà isolanti dell'EPS con la resistenza e la stabilità del cemento.

Questo materiale offre un'eccellente isolamento termico grazie alla sua struttura porosa, che intrappola l'aria e riduce il passaggio di calore. La componente in cemento garantisce una buona resistenza meccanica, rendendo Aeropan adatto anche per pavimenti soggetti a carichi consistenti. Inoltre, la sua composizione lo rende resistente all'umidità e alla formazione di muffe, migliorando la salubrità degli ambienti interni.

L'isolamento di un pavimento con Aeropan prevede la posa di pannelli o lastre preformate. Questi elementi possono essere applicati direttamente sul sottofondo esistente, seguiti da uno strato di massetto e, infine, dalla pavimentazione finale. La facilità di installazione rende Aeropan una scelta pratica sia in fase di ristrutturazione che in nuove costruzioni.


Installazione di un pannello isolante per il pavimento - Canva

Il riscaldamento a pavimento

L'installazione del riscaldamento a pavimento è una soluzione sempre più ricercata per liberarsi del problema dei pavimenti freddi, unendo comfort e efficienza energetica. Questo sistema, noto anche come riscaldamento radiante, funziona tramite la distribuzione uniforme del calore su tutta la superficie del pavimento, creando un ambiente caldo e accogliente dall'alto verso il basso.

L'installazione del riscaldamento a pavimento richiede una pianificazione accurata e un intervento specializzato. In genere, si posano tubi o cavi elettrici sotto il pavimento, attraverso i quali circola acqua calda (nel caso di sistemi idraulici) o passa corrente elettrica (nei sistemi elettrici). Questi tubi o cavi vengono poi ricoperti con un massetto di cemento o un altro materiale conduttivo, sopra il quale viene posata la pavimentazione finale.

Uno dei maggiori vantaggi del riscaldamento a pavimento è la sua efficienza energetica. Il calore viene distribuito uniformemente in tutta la stanza, eliminando le zone fredde e riducendo la necessità di riscaldare eccessivamente l'ambiente. Inoltre, la temperatura può essere controllata in modo più preciso e localizzato rispetto ai sistemi di riscaldamento tradizionali, con conseguenti risparmi sui costi di riscaldamento.

Il riscaldamento a pavimento migliora significativamente il comfort abitativo. Eliminando i pavimenti freddi, rende piacevole camminare scalzi in casa anche nei mesi più freddi. Inoltre, riduce la circolazione di polvere e allergeni, essendo privo di elementi come radiatori che possono accumulare polvere.

È importante considerare alcuni aspetti prima dell'installazione, come l'isolamento del pavimento esistente per garantire che il calore non si disperda verso il basso. Inoltre, la scelta della pavimentazione finale è cruciale.


Posa del riscaldamento a pavimento in un appartamento - Canva

Alcuni suggerimenti da usare tutti i giorni

L'utilizzo di tappeti è un metodo semplice ed efficace per contrastare il problema dei pavimenti freddi, apportando immediatamente un senso di calore e comfort agli ambienti domestici. I tappeti, grazie al loro spessore e alla loro tessitura, agiscono come strati isolanti, trattenendo il calore e riducendo la trasmissione del freddo dal pavimento alla superficie.

Oltre all'aspetto funzionale, i tappeti aggiungono un elemento di comfort visivo ed estetico agli ambienti. Scelti con cura, possono trasformare un'area fredda e impersonale in uno spazio accogliente e confortevole, invitando a trascorrere del tempo rilassandosi su di essi. Inoltre, camminare su un tappeto morbido e caldo è decisamente più piacevole, soprattutto a piedi nudi.

I tappeti sono disponibili in una vasta gamma di stili, colori e dimensioni, rendendoli versatili per qualsiasi tipo di decoro interno. Possono essere utilizzati per delineare spazi all'interno di stanze più grandi, aggiungere un punto focale di colore o texture, o semplicemente per dare un tocco di calore e raffinatezza all'arredamento.

Un altro vantaggio dei tappeti è la loro facilità di implementazione. A differenza di interventi più invasivi come l'installazione di un riscaldamento a pavimento o l'isolamento strutturale, l'aggiunta di tappeti in nuove stanze della casa non richiede lavori edili e può essere facilmente realizzata in qualsiasi momento.


Aggiungere un tappeto permette di rendere il pavimento meno freddo - Canva

Con l'arrivo dell'inverno non ti resta che scegliere quale soluzione attuare per poter godere di un ambiente domestico caldo e confortevole. Quale sceglierai? Raccontami la tua esperienza: sarò felice di confrontarmi con te