Community

Home
Magazine della casa
Come realizzare un tavolino portariviste in legno
Rinoteca
23/06/21-10:54 (modificato)

Come realizzare un tavolino portariviste in legno

Come realizzare un tavolino portariviste

Arredare casa ci fa sentire appagati, ci fa divertire e contribuisce a tirare fuori tutta la creatività che abbiamo. Specialmente se per farlo scegliamo di utilizzare complementi d’arredo fai da te da realizzare completamente da zero mettendoci in gioco e sperimentando i nostri progetti fai da te preferiti. Oggi vi insegnerò a realizzare un tavolino portariviste in legno, perfetto da tenere in salotto accanto al divano o dove più vi piace. Continuate a leggere per scoprire come realizzarlo e personalizzarlo in pochi e semplici passaggi!
Come realizzare un tavolino portariviste in legnoCome realizzare un tavolino portariviste in legno

I materiali:

- Pannello di abete lamellare 200 x 30 cm

- Guida per la spinatura

- Spine in legno da 8 mm diametro

- Set composto da punta per il legno da 8, stop di profondità e spine di giunzione

- Trapano

- Colla vinilica

- Matita

- Martello di gomma

- Morsetti

- Carta abrasiva

- Impregnante cerato

- Pennello

1 Costruire la parte centrale del tavolino

Per costruire il nostro tavolino portariviste in legno dovrete, per prima cosa, tagliare la tavola di abete, ricavandone 6 pezzi delle seguenti misure:

- due piani 30x32,7, che saranno la base e la sommità del nostro tavolino;

- un piano 30x30, che sarà il ripiano centrale;

- due piani 35x30 e 14x30, che saranno le due facce laterali;

- un piano 30x57,1 che sarà la schiena del tavolino.

Una volta tagliati tutti i pezzi, iniziamo ad assemblarli! Per prima cosa partiamo dalla parte centrale del tavolino, ovvero il piano 30x30 e le due facce laterali. Per unire i pezzi dovrete utilizzare le spine in legno quindi ricordate che per essere il più precisi possibili nella foratura è indispensabile la guida per la spinatura. Non dimenticate anche di segnare con la matita il lato dove farete i buchi. Nella guida solitamente trovate 3 buchi di dimensioni diverse. Utilizzate quella da 8 e impostate la battuta posteriore in modo che il foro cada al centro del pannello, a prescindere da che lato appoggiate la guida. Partite con il pannello laterale più lungo: appoggiate la guida a filo con il bordo e forate facendo attenzione a non andare troppo a fondo. Dopodiché ripetete la stessa azione nell’altro lato e poi anche sul pannello laterale più corto.

Costruire la parte centrale del tavolinoCostruire la parte centrale del tavolino

2 Assemblare la parte centrale

Dopo aver forato le due facce laterali, passiamo ora a eseguire i fori, in corrispondenza, sul piano 30x30, il nostro ripiano centrale. I fori andranno ovviamente fatti su entrambe le facce, da un lato a destra e dall'altro a sinistra. Dovremo andare a creare una sorta di "S", come vedete nell'immagine. Quando avete fatto tutti i fori, inserite le spine per legno e unite le parti con la colla per legno. Infine, applicate i morsetti e aspettate che la colla asciughi.

Assemblare la parte centraleAssemblare la parte centrale

3 Unire la schiena del tavolino

Mentre la colla asciuga, potete iniziare a unire la “schiena” del tavolino e per farlo sarà necessario fare altri due fori per ogni lato. Per fare i fori al centro della tavola - che poi verrà unita alla parte centrale - utilizzate le spine di giunzione in acciaio, che, grazie alla loro punta, lasciano un piccolo segno dove va praticato il foro. Appoggiate lo schienale allineandolo ai due pezzi laterali e battete la tavola con il martello di gomma. In questo modo i marcatori segneranno la posizione in cui dovrete praticare i buchi con la dima per inserire le spine. Ora forate la schiena nei punti esatti segnati dai marcatori e inserite spine e colla e siete pronti per unire la schiena del tavolino alla sua parte centrale.

Unire la schiena del tavolinoUnire la schiena del tavolino

4 Unire base e sommità del tavolino

Una volta che tutto è asciutto, potete iniziare a spinare anche la base e la sommità del tavolino. Per la foratura seguite lo stesso procedimento utilizzato per i lati e la schiena. Una volta fatto, assemblate il tutto con spine e colla, fissate con i morsetti e aspettate che si asciughi. Ora è tutto assemblato! Ricordate di rifinire con la carta abrasiva i lati e gli spigoli per non farli scheggiare e eliminare eventuali imperfezioni.I lati del tavolinoI lati del tavolino

5 Le ultime rifiniture

L’ultimo tocco? L’impregnante trasparente per proteggere il tavolino. Potete lasciare il legno al naturale usando un impregnante trasparente, oppure lasciare spazio alla vostra creatività e giocare con impregnanti o vernici colorate per legno.le ultime rifiniturele ultime rifiniture

Ed ecco qui il risultato finale: un fantastico tavolino portariviste in legno che potete posizionare dove preferite: in salotto, in cucina oppure come comodino in camera da letto! In ogni caso saprà regalare un tocco personale all’arredamento della vostra casa! Che ne dite? Proverete anche voi? Se avete domande, potete scriverle qui sotto nei commenti! Ma adesso tocca a voi! Mettetevi al lavoro per realizzare il vostro tavolino portariviste in legno e condividete lo scatto del risultato finale nella sezione Fatto da voi! Se invece volete scoprire come Realizzare un portavaso in legno, trovate il mio articolo con tutti gli step. Anche questo è un progetto speciale su cui ho lavorato nell’aula corsi del negozio Leroy Merlin di Ancona. Fatemi sapere cosa ne pensate e se anche voi replicherete i due progetti.

Come realizzare un tavolino portariviste in legnoCome realizzare un tavolino portariviste in legno

Trapano a percussione a batteria DEXTER DX 20V-50 HDD 20 V, 2.5 Ah, 2 batterie
Trapano a percussione a batteria DEXTER DX 20V-50 HDD 20 V, 2.5 Ah, 2 batterie