indietro a leroymerlin.it

Community

Benvenuto nella Community di Leroy Merlin

Dove è bello condividere la voglia di fare casa.
Cerca nella community
Feed
Naviga
GiulioM
Redazione
ha scritto un articolo su Magazine della casa
23/09-12:41

Cucina senza pensili: più luce e meno ingombro

Stai ristrutturando o progettando la cucina e sei alla ricerca di una soluzione che possa aiutarti a rendere l’ambiente luminoso e arioso? Preferire alle colonne, alle basi e agli armadietti sospesi delle cucine tradizionali, una soluzione senza pensili è l’ideale, soprattutto se hai poco spazio a disposizione. Vediamo in quali casi realizzare una cucina senza pensili è un’ottima idea, scopriamo quali sono le possibili soluzioni alle criticità che ruotano intorno a questa tendenza che sta spopolando nel mondo dell’interior design e passiamo in rassegna alcune idee da cui trarre ispirazione per mettere a punto un progetto in linea rispetto alle caratteristiche della stanza e al risultato finale che si desidera ottenere.

Cucina senza pensili: perché sì

Che la tua intenzione sia quella di realizzare un ambiente in stile moderno, contemporaneo o industriale oppure in stile country o shabby chic, la cucina senza pensili è una soluzione attuale che si adatta alla perfezione ad ogni tipo di progetto. Di norma associata ad uno stile moderno e ad ambienti in cui regna l’essenzialità, infatti, la cucina senza pensili è perfetta anche all’interno di spazi arredati in stile classico e tradizionale. Ad esempio, se lo stile che hai scelto per l’arredamento è vintage, una cucina senza pensili è la scelta più azzeccata perché ti consente di sostituire gli armadietti sospesi con mensole, credenze, carrellini o armadi che contribuiscono a donare più carattere alla stanza.
È una soluzione consigliata soprattutto in caso di spazi ridotti, open space e ambienti che presentano una serie di vincoli strutturali (come finestre o tetti spioventi). Più nello specifico, realizzare una cucina senza pensili conviene perché:

  • è più delicata rispetto ad una cucina tradizionale: contribuisce a rendere la stanza visivamente più ampia, luminosa e ariosa. Questo fattore ti permette di optare per una palette cromatica scura. Inoltre, l’assenza di pensili e di ombre sui fuochi e sul piano di lavoro assicura maggiori possibilità di scelta per quanto riguarda l’illuminazione;
  • è perfetta per le stanze di piccole dimensioni: optare per una cucina senza pensili significa alleggerire le pareti. Se la stanza che hai a disposizione è di dimensioni modeste, questa soluzione è l’ideale per non appesantirla, oltre che per avere tutto sempre a portata di mano, senza la necessità di raggiungere armadietti disposti troppo in alto;
  • è l’ideale in caso di vincoli strutturali: se nella stanza è presente un soffitto irregolare e spiovente oppure una finestra, una nicchia o una parete in cartongesso che rende difficile la progettazione di una cucina tradizionale e non hai la possibilità di optare per dei moduli su misura, la soluzione senza pensili è la scelta migliore.

Infine, realizzare una cucina senza pensili si rivela un’idea vincente perché permette di personalizzare in modo più deciso la parete che si trova alle sue spalle. Sei libero di dare sfogo alla fantasia e alla creatività. Un suggerimento? Piastrelle eccentriche o una carta da parati dai motivi particolari. Anche le innovative piastrelle in gres effetto carta da parati sono perfette. Il rivestimento, in assenza di pensili che lo nascondono, diventerà il protagonista della stanza e sarà in grado di attirare su di sé tutta l’attenzione!

Criticità e possibili soluzioni per una cucina senza pensili

Lo scetticismo che ruota attorno alla realizzazione di una cucina senza pensili si scontra con una vasta gamma di soluzioni che dimostrano come questa tendenza sia un’ottima idea in molte occasioni. La cucina senza pensili non ti convince perché hai paura di non avere spazio a sufficienza in cui riporre tutto l’occorrente per la preparazione e il consumo dei pasti? La soluzione è optare per basi e piani di lavoro più profondi e capienti. Ricordati, inoltre, che puoi sostituire i pensili con delle credenze e delle mensole portaoggetti. Perché, poi, non sfruttare il muro libero per creare una parete verde di piante aromatiche? L’effetto scenografico è assicurato e il tuo palato te ne sarà grato!
Non puoi rinunciare allo scolapiatti sopra il lavello e non hai la più pallida idea di dove posizionare la cappa? Puoi optare per uno scolapiatti da appoggio o per un tappetino in silicone da sistemare sopra il piano di lavoro e da utilizzare all’occorrenza. Per quanto riguarda la cappa, giungono in tuo soccorso soluzioni moderne e tecnologiche: puoi optare per una cappa da piano, per una cappa da incasso nel soffitto oppure per una cappa a vista da installare sulla parete.

Idee per una cucina senza pensili in base al layout

Oggi, tutte le cucine componibili possono essere realizzate senza pensili, indipendentemente dal layout di riferimento. Adottando qualche piccolo accorgimento, infatti, è possibile ottenere il risultato desiderato e creare una cucina non solo bella da vedere, ma anche funzionale. Ecco alcune idee da cui puoi trarre ispirazione per realizzare una cucina senza pensili lineare, con isola/penisola o angolare dotata di ogni comfort.

Cucina lineare senza pensili

La tua cucina è stretta e lunga oppure destinata ad ospitare anche la zona soggiorno e lo spazio a disposizione è modesto? Una cucina lineare senza pensili è l’ideale per sistemare tutti gli elementi su un’unica parete e non appesantire la stanza. Un’ottima idea è realizzare una cucina lineare senza pensili doppia, sviluppata su due pareti contrapposte. L’ideale per disporre di spazio a volontà e lasciare i fornelli e il piano di lavoro completamente sgombri e ordinati, senza moduli appesi.

Cucina con isola/penisola senza pensili

Il problema della capienza ti preoccupa e lo spazio da sfruttare non manca? Opta per una cucina con isola o penisola senza pensili. L’assenza dei pensili, infatti, può essere compensata dalla presenza dell’isola/penisola, che oltre ad ospitare il piano cottura può essere organizzata in cassetti o ripiani. Questo ti permetterà di avere a disposizione molto spazio extra in cui riporre tutto ciò che desideri tenere a portata di mano.

Cucina angolare senza pensili

Se il layout a cui stai pensando per la tua cucina è angolare, le soluzioni che puoi adottare in assenza dei pensili sono numerose. Un’ottima idea è optare per un’angolatura realizzata di sole basi: in questo modo, la cucina sarà bassa e sviluppata lungo due pareti. In alternativa, puoi installare i pensili solo su un lato della cucina angolare, lasciando l’altro lato completamente libero.

Ti ho convinto a realizzare una cucina senza pensili? Metti a punto il progetto, tenendo conto delle caratteristiche dello spazio che hai a disposizione, delle tue esigenze economiche e del risultato finale che desideri ottenere. Se hai domande da fare o soluzioni da proporre, lascia un commento: sarò felice di risponderti.

Vedi dettagli
ANDREA.ALESSI_14212223
ha pubblicato una foto su Gallery casa e giardino
30/09-11:11
Filtrato
Giardino e terrazzo
Vedi dettagli
stefano.petrolati_4048
ha pubblicato una foto su Gallery casa e giardino
30/09-07:56
Vedi dettagli
AnnaZorloni
Garden Expert
Redazione
ha scritto un articolo su Magazine della casa
29/09-18:33

Orto autunnale: quali verdure piantare per la stagione fredda?

Filtrato
Giardino e terrazzo

L’orto autunnale è indubbiamente meno ricco e lussureggiante rispetto a quello estivo, tuttavia la terra riesce ad essere generosa anche in questi mesi più freddi regalando raccolti soddisfacenti. Se le condizioni climatiche non sono particolarmente rigide, potrai seminare alcuni ortaggi all’aria aperta, anche a ottobre e a novembre. Alcune colture hanno bisogno di freddo per dare i loro prodotti, lo sapevi? E’ il caso di ortaggi quali i cavoli e i finocchi, che hai trapiantato a settembre e iniziano ad essere pronti proprio ora per la raccolta. Anche le prime zucche iniziano ad essere pronte per la raccolta: ne esistono tantissimi tipi… a proposito, non farti mancare una bella zucca decorativa per Halloween! Ora potrai seminare alcuni ortaggi che potrai raccogliere per tutto l’inverno. Non pensare di poterti dimenticare dell’orto in questo periodo, la terra offre frutti freschi e genuini in ogni stagione: scopri cosa puoi seminare nel tuo orto in autunno!
Anche in autunno il tuo orto potrà regalarti tante soddisfazioni: scegli le colture più adatte alla stagione! – foto Pixabay
Anche in autunno il tuo orto potrà regalarti tante soddisfazioni: scegli le colture più adatte alla stagione! – foto Pixabay

Prepara il tuo orto autunnale

Prima di mettere a dimora nuove piantine, o seminare, prepara il terreno: dopo aver accolto le colture estive, avrà sicuramente bisogno di essere ripulito, lavorato e fertilizzato. Elimina tutti i residui vegetali derivanti dalle piante estirpate, le malerbe, i sassi ed eventuali altri detriti grossolani; sminuzza i blocchi di terra solidificati. Esegui una lavorazione del terreno, più o meno profonda: nel caso il terreno sia molto compattato, utilizza una zappa o una motozappa, per smuoverlo ad almeno 20cm di profondità; nel caso di terreno morbido, invece, potrai utilizzare una semplice zappetta e agire più superficialmente. Rendi il terreno fertile, arricchiscilo incorporando del concime organico: ottimo il letame (in pellet o polvere), ma anche substrato ottenuto tramite compostaggio. In superficie potrai distribuire uno strato di terriccio nuovo: acquista terreno specifico per orto in sacchi. Infine, con un rastrello, livella bene la parcella: sarà più ordinata e pronta per accogliere le nuove piantine. Sistema anche i divisori tra le diverse parcelle se vuoi avere un orto perfettamente in ordine: potrai delimitare le parcelle utilizzando dei camminamenti in pietra o legno, o utilizzando semplici assi di legno, mattoni, mattonelle. Le parcelle devono essere create con dimensioni tali da facilitare l’accessibilità e la coltivazione delle piante che vi cresceranno: in media si creano parcelle larghe 1m e lunghe a piacere, preferibilmente rialzate. Così preparato, il terreno del tuo orto è pronto per la semina.
Prepara bene il terreno prima di seminare o trapiantare le nuove colture - foto Leroy Merlin
Prepara bene il terreno prima di seminare o trapiantare le nuove colture - foto Leroy Merlin

Quali ortaggi autunno-invernali puoi piantare ora?

Alcuni ortaggi tipicamente autunnali, come i cavoli, i finocchi e le zucche, sono già presenti nel tuo orto, e quasi pronti per la raccolta. Accanto a questi, puoi piantare altri ortaggi che saranno pronti da gustare tra l’autunno e l’inverno. Se non sai bene quali ortaggi seminare in questa stagione, ti consiglio di fare un giro presso in reparto giardinaggio: troverai sicuramente idee e spunti da seguire per organizzare il tuo orto autunno-invernale! Scegli le varietà più adatte alla zona climatica in cui ti trovi: i migliori raccolti infatti si ottengono sempre dalle colture locali, o autoctone, più adatte alle condizioni climatiche del posto!
Ecco qualche esempio di ortaggi resistenti al freddo che puoi seminare ora nel tuo orto, all’aperto:

Lattughe invernali e valerianella (o songino). Seminale a spaglio. Ti consiglio di mescolare un po’ di sabbia fine (circa metà semi e metà sabbia) ai semi, così otterrai una semina più omogenea e meno fitta. In seguito alla germinazione, infatti, che avviene dopo circa 15 giorni dalla semina, dovrai diradare le piantine, in modo da distanziarle e ottenere uno sviluppo migliore di ogni singolo cespo. Esegui semine ripetute, ogni 15 giorni ad esempio: in questo modo otterrai insalata pronta da raccogliere scalarmente!

Spinaci. Seminali a spaglio o in file distanti 25-30cm. Una volta distribuito il seme, ricoprilo con uno strato leggero di terriccio, e premilo leggermente (con una tavoletta ad esempio), così da far aderire bene i semi alla terra. Quindi innaffia, con delicatezza, utilizzando il diffusore a pioggia per non smuovere i semi da terra. Gli spinaci saranno pronti in inverno e potrai raccoglierli in più riprese, asportando le foglie esterne più sviluppate, man mano che crescono.

Piselli e fave. Interra 2-3 semi in singole buchette profonde 6cm, distanti tra loro 40cm, su file distanti 50cm. Per fare le buche, aiutati con un piantatoio manuale. I legumi saranno pronti da consumare a partire da inizio primavera fino a maggio (in media 120 giorni dopo la semina), in base anche al tipo di varietà scelta, più o meno precoce o tardiva.

Aglio e cipolle. Scegli varietà invernali da mettere a dimora ora. Procurati i bulbilli, che dovrai interrare per tutta la sua lunghezza lasciando all’esterno solo le foglie. Anche in questo caso, è comodissimo l’utilizzo di un piantatoio per fare le buchette. Mantieni distanziati i singoli bulbilli sulla fila di circa 25cm.
I bulbilli di cipolla possono essere messi a dimora in questa stagione – foto Pixabay
I bulbilli di cipolla possono essere messi a dimora in questa stagione – foto Pixabay

Semina gli ortaggi più delicati sotto tunnel

In questo periodo potrai seminare anche altri ortaggi a foglia, tra cui il lattughino, il radicchio da taglio, la scarola, la valeriana e la rucola, inoltre prezzemolo e ortaggi a radice come carote e ravanelli, pronti per la raccolta nel giro di poche settimane (sono colture a ciclo breve). Dovrai, però utilizzare una copertura, o tunnel, per proteggerli dal freddo, soprattutto nelle ore notturne. Puoi scegliere di acquistare tunnel già pronti, facili da sistemare nel tuo orto. Oppure puoi costruirteli da solo, con il materiale necessario e una buona manualità. Allo scopo, ti serviranno: - archetti di metallo flessibile ma solido sufficientemente da sostenere il tunnel; - teli in tessuto-non-tessuto (TNT), materiale che permette il passaggio della luce sufficiente e la traspirazione dell’umidità. Il telo deve essere ben fissato al suolo, e deve poter essere aperto ai lati così da permettere l’arieggiamento interno e l’eliminazione della condensa che si può facilmente formare, principale causa di sviluppo di marciumi.
Proteggi dal freddo gli ortaggi più delicati, come gli spinaci, con un telo apposito in tnt – foto Leroy Merlin
Proteggi dal freddo gli ortaggi più delicati, come gli spinaci, con un telo apposito in tnt – foto Leroy Merlin

Consigli per una semina di successo

Segui sempre le indicazioni fornite sulle bustine di sementi se vuoi ottenere una buona produzione. In particolare, troverai: profondità di semina, esposizione, periodo di semina e periodo di raccolta. Sono tutte indicazioni utili per la programmazione del tuo orto e indispensabili per ottenere una semina e un raccolto di successo.
Inoltre, un consiglio veramente utile: distribuisci un prodotto antiformiche in granuli insieme ai semi! Le formiche sono ghiotte dei semi e, se non li proteggi per tempo, questi insetti ne faranno incetta trasportandoli tutti nel loro nido!
Potrai costruire delle serrette fai-da-te per proteggere le insalate più delicate! – foto Pixabay
Potrai costruire delle serrette fai-da-te per proteggere le insalate più delicate! – foto Pixabay

Se hai dubbi per sistemare il tuo orto autunnale, chiedimi un consiglio qui sotto!

Vedi dettagli
nicola.ilvento_13502286
ha pubblicato una foto su Gallery casa e giardino
29/09-09:42
Vedi dettagli