Community

Home
Giardino e Terrazzo
Pubblica su Giardino e Terrazzo
Claudia M
Redazione
ha scritto un articolo su Magazine della casa
28/11-15:52

Come abbellire una ringhiera esterna: 7 idee

Il balcone, esattamente come tutti gli altri ambienti della casa, deve essere ben curato. Hai la fortuna di averne uno? Piccolo o grande che sia, non sottovalutare la ringhiera, un elemento che, con gli accorgimenti giusti, può trasformarsi nel vero protagonista del balcone e contribuire a rendere l’atmosfera più accogliente e confortevole. Non sai come abbellire una ringhiera esterna? Ecco 7 idee da cui trarre ispirazione per affrontare questa sfida creativa con successo.

Abbellire una ringhiera esterna - Leroy Merlin

Con un tocco di vernice non si sbaglia mai

Spesso, a causa dell’esposizione agli agenti atmosferici, le ringhiere del balcone presentano segni di usura, macchie di ruggine, disomogeneità del colore… non proprio un bel vedere! Se questo è il tuo caso, puoi risolvere il problema molto facilmente: intervieni con una mano di vernice per riportare in vita la tua ringhiera. Fai attenzione a scegliere uno smalto adatto all’esterno e, prima di metterti all’opera, passa una mano di antiruggine. Se vivi in un condominio, non dimenticarti di attenerti al regolamento vigente per quanto riguarda la scelta del colore. Anche se quest’ultimo non ti aggrada particolarmente, avrai comunque rinnovato l’aspetto della tua ringhiera e abbellito il balcone!

Gioca con i vasi da appendere

Il balcone, come tutti gli spazi all’aperto, è il luogo ideale in cui aggiungere un tocco di verde. Perché non abbellire la ringhiera con vasi da sospendere ricchi di piante e fiori? La soluzione perfetta per un balcone immediatamente più bello e suggestivo. Un consiglio? Non limitarti ai classici vasi in terracotta: punta su vasi in metallo di colori vivaci e intensi, sistemandoli uno accanto all’altro oppure distanziandoli. Tieni a mente che la maggior parte delle coltivazioni daranno il loro meglio durante il periodo estivo: scommettere sul colore è un’idea vincente per mantenere vivace l’atmosfera in ogni periodo dell’anno.

I vasi per rendere l’atmosfera vivace - Leroy Merlin

La siepe artificiale

Una delle idee più apprezzate da chi non sa come abbellire una ringhiera esterna prevede l’utilizzo di siepi artificiali. Si tratta di una valida alternativa alle piante: queste ultime, infatti, necessitano di attenzioni e cure amorevoli per crescere in salute e non è detto che tu abbia abbastanza tempo a disposizione per occupartene. Se, poi, hai anche un pollice verde un po’ arrugginito, le piante sono da evitare. Ma non disperare perché le siepi artificiali giungono in tuo soccorso. Queste, infatti, non devono essere annaffiate: è sufficiente pulirle di tanto in tanto per mantenere le foglie sempre brillanti.
Le tipologie di siepe artificiale tra cui puoi scegliere sono numerose. Le più diffuse sono quelle a rotolo, facili da stendere e da posizionare lungo la ringhiera. Esistono anche le siepi a pannello, da posizionare sulla ringhiera tramite appositi ganci. Oltre ad abbellire la ringhiera, la siepe artificiale assicura numerosi vantaggi in termini di praticità e comodità: contribuisce a tenere lontani gli insetti e, soprattutto, gli sguardi indiscreti dei vicini. Ha un effetto coprente e assicura un alto livello di privacy.

Siepe artificiale per ringhiera - Leroy Merlin

Tavolino da ringhiera, bello e funzionale

Il tuo balcone è piccolo ma non vuoi rinunciare ad abbellire la ringhiera? Se sei solito sfruttarlo per consumare un aperitivo all’aperto o per dedicarti alla lettura di un buon libro davanti ad una bibita, ricorri all’utilizzo di tavolini da ringhiera. Si tratta di tavoli di piccole dimensioni progettati appositamente per essere fissati alla parte alta delle ringhiere.
Se hai difficoltà a reperirne uno di dimensioni adeguate, fallo creare su misura. L’ideale per ottimizzare gli spazi e trasformare velocemente ed economicamente l’aspetto della ringhiera, rendendola più funzionale. I tavoli da ringhiera sono generalmente realizzati in plastica, in legno o in ferro battuto per adattarsi ad ogni stile di arredamento. Se opti per una soluzione basica, tieni a mente che puoi decorarla con l’aggiunta di piante e fiori.

Tavolino in ferro battuto per balcone - Leroy Merlin

Non sottovalutare l’illuminazione

Le luci aiutano a creare un’atmosfera magica e sono l’ideale per abbellire la ringhiera del balcone. Le soluzioni possibili sono pressoché infinite! Molto dipende dalle tue necessità e preferenze estetiche. Un’ottima idea è utilizzare i fili di luci LED: sono estremamente pratici, poco ingombranti e perfetti per rendere il tuo spazio esterno immediatamente più suggestivo.
Una valida alternativa ai fili di luci sono i lampioncini da ringhiera. Se opti per questa soluzione, però, fai attenzione e collocarli alla giusta distanza gli uni dagli altri, così da creare un’illuminazione ottimale. Per quanto riguarda il design delle lampade, attieniti allo stile scelto per l’arredamento del balcone. Vuoi saperne di più su come illuminare il tuo balcone? Dai un’occhiata alla guida “Illuminazione, luci e lampade per esterni e terrazzi”.

Come abbellire una ringhiera esterna con teli di copertura, arelle e cannicci

Se la tua ringhiera è tutt’altro che bella da vedere oppure espone te e i tuoi ospiti agli sguardi indiscreti dei vicini, puoi valutare l’installazione di una copertura. Oltre che per abbellire la ringhiera e garantire un maggiore livello di privacy, i teli di copertura si rivelano utili per proteggere il balcone dai raggi del sole e dal vento.
Generalmente, si tratta di teli realizzati con materiali sintetici, robusti, stabili e impermeabili. Sono estremamente resistenti agli agenti atmosferici e all’esposizione solare: sono progettati per non deformarsi o scolorirsi nel tempo. Per i più attenti alla resa estetica, i teli di copertura con trama in finto rattan sono l’ideale per fare da sfondo ad un salottino da esterno dello stesso materiale. Anche i teli a nastro assicurano un grande effetto perché si intrecciano alle sbarre della ringhiera.
Le arelle e i cannicci sono una valida alternativa per schermare il tuo balcone e aumentare il grado di privacy. Se opti per stuoie in vimini, salice o bambù, l’effetto è assicurato. Si adattano facilmente ad ogni tipo di contesto! Se la tua intenzione è donare un tocco tropicale al balcone per trasformarlo in un’oasi di benessere, arelle e cannicci rappresentano la soluzione ideale. Per un effetto coprente, opta per il doppio strato. Se vuoi approfondire l’argomento della privacy sul balcone, nell’articolo “Più privacy sul balcone? 4 idee per coprire la ringhiera” trovi alcune proposte da cui trarre spunto.

Ringhiera in legno per esterno fai da te

Abbellire la ringhiera con il legno è certamente una delle soluzioni più costose. Allo stesso tempo, però, è una delle più belle. Per creare una ringhiera in legno per esterno fai da te recupera dei pannelli della dimensione giusta e utilizzali per costruire il tuo steccato da balcone. Non dimenticarti di trattare il legno con appositi prodotti per far sì che la ringhiera resista agli agenti atmosferici. Termina il lavoro con un tocco di vernice!

Adesso che hai un bel po’ di idee su come abbellire una ringhiera esterna, mettiti all’opera. Come avrai capito, basta davvero poco per cambiare completamente l’aspetto del tuo balcone! Hai domande da fare o soluzioni alternative da proporre? Lascia un commento: sarò felice di risponderti.

Vedi dettagli
Claudia M
Redazione
ha scritto un articolo su Magazine della casa
28/11-15:47

Come coltivare i funghi: una guida semplice

Con l’arrivo dell’autunno arriva anche la stagione dei funghi. Raccoglierli nei boschi è un’esperienza appagante, da fare almeno una volta nella vita. Ancora più appagante è coltivarli in casa e averli a disposizione in tutti i periodi dell’anno. Qualche piccolo accorgimento è sufficiente per dedicarsi alla coltivazione diretta di funghi freschi e commestibili. Non sai da che parte iniziare? Scopriamo insieme quali sono le varietà da prediligere e quale tecnica adottare per coltivare i funghi in casa e ottenere un raccolto generoso.

Coltivare i funghi in casa - Corporate

La scelta della varietà

Il primo passo da compiere è scegliere la varietà da coltivare. Se non hai dimestichezza con la coltivazione, ti consiglio di iniziare dalle varietà più comuni e che si adattano più facilmente alla coltivazione domestica, come gli Champignon bianchi, gli Shiitake (funghi orientali) e i Pleurotus. Anche se la tecnica di coltivazione è la stessa, ciascuna di queste varietà richiede un substrato specifico. Utilizza del compost per gli Champignon (leggendo l’articolo “Compost: come si fa?“ puoi scoprire come farne uno nel modo corretto), della segatura di legno per gli Shiitake e della paglia per i Pleurotus. Una volta affinata la tecnica, puoi cimentarti nella coltivazione di molte altre varietà di funghi freschi.

La varietà dei funghi da coltivare in casa - Corporate

Quando coltivare i funghi?

Ti stai chiedendo qual è il momento migliore per coltivare i funghi? La risposta è: dipende. La varietà di funghi che scegli di coltivare gioca un ruolo determinante sulle tempistiche da rispettare, così come il fatto che la coltivazione avvenga in un ambiente chiuso, come una fungaia o una serra, oppure all’aperto. Da non sottovalutare, inoltre, quanto tempo avrai a disposizione da dedicare alla cura dei tuoi funghi. Se opti per la coltivazione da esterno, il periodo migliore è l’autunno. Pulisci bene il tuo orto, posiziona i funghi in una zona non troppo luminosa e, soprattutto, tieni in considerazione le temperature necessarie per la crescita delle varietà che avrai scelto di coltivare.

Come coltivare i funghi

Le tecniche per coltivare i funghi in casa sono numerose. In base a quella che scegli di seguire, dovrai servirti di strumenti, materiali e utensili diversi. Tra le tecniche più semplici e diffuse c’è la coltivazione in cassetta.

La coltivazione dei funghi in cassetta - Corporate

La coltivazione in cassetta step by step

Prima di spiegarti come funziona la coltivazione in cassetta, è bene che tu sappia qual è l’occorrente necessario per mettere a dimora i funghi. Innanzitutto, avrai bisogno di una cassetta. Di legno o di polistirolo non fa differenza, l’importante è che abbia un bordo abbastanza alto. Per far crescere i miceli, ovvero gli apparati vegetativi dei funghi, sono indispensabili un substrato idoneo, un telo di protezione, del micelio, delle foglie secche/della paglia e un terriccio di buona qualità.
Per quanto riguarda il substrato, ne puoi acquistare uno già pronto oppure crearne uno fai da te. Se opti per quest’ultima soluzione, l’ideale è creare una miscela di letame, foglie e terriccio. Quest’ultimo è importante che sia ben sterilizzato e che non sia troppo acido. Per sterilizzare il terriccio umido puoi sistemarlo all’interno di un contenitore e farlo cuocere a media potenza all’interno di un forno a microonde per pochi minuti.
Fatto ciò, puoi passare alla realizzazione vera e propria della fungaia. Rivesti l’interno della cassetta con un telo di plastica e sistemalo sul fondo. Ti consiglio di fissarlo con dei chiodi dove necessario e di lasciarlo lungo oltre i bordi della cassetta! Successivamente, riempi il contenitore (fino a circa 5 cm dal bordo) con il letame e il terriccio. Inumidisci tutto con l’aiuto di un nebulizzatore e lascia la neonata fungaia a riposare almeno per un paio di settimane.
Trascorso questo tempo, fai dei piccoli buchi nel substrato. Mi raccomando: non avere paura di andare giù fino a qualche centimetro di profondità. Questo passaggio è molto importante perché è proprio all’interno dei buchi che dovrai interrare i miceli. Quando interri i miceli, cerca di distanziarli di almeno 10 centimetri l’uno dall’altro. Fatto ciò, ricoprili con altro substrato e bagna tutto con dell’acqua.
Una volta effettuate tutte queste operazioni, la cassetta può considerarsi pronta. Posizionala in un ambiente dove la temperatura minima si aggira intorno ai 20°C! Un sottoscala, un garage o una cantina sono perfetti per fare crescere i tuoi funghi. Per ottenere un raccolto generoso, è indispensabile prendersi cura dei funghi. In che modo? Annaffia frequentemente il terreno, cercando di evitare la formazione di ristagni che potrebbero fare ammalare i miceli.
Se avrai seguito alla lettera tutti i passaggi che ti ho illustrato, nel giro di pochi giorni, all’incirca un paio di settimane, vedrai che inizierà a formarsi una piccola muffa di colore biancastro. Cosa significa? Che i tuoi funghi staranno cominciando a crescere!
A questo punto, il suggerimento è aggiungere all’interno della cassetta un po’ di terra. È importante che sia calcarea e sterile. Non dimenticarti di compattare il tutto e di bagnarlo nuovamente con dell’acqua, avendo cura di evitare ristagni. Afferra i lembi lunghi del telo di plastica che fuoriesce dai bordi della cassetta e piegali per coprire tutto. L’ultimo step è trasferire la cassetta in un ambiente più freddo. Dopo circa 20 giorni, vedrai comparire i tuoi primi funghi e li vedrai crescere molto velocemente.

La cura dei funghi per un raccolto prospero - Corporate

Come avrai notato, adottando gli accorgimenti giusti, coltivare i funghi in casa non è poi così difficile. Non sottovalutare questa possibilità perché è una valida alternativa alla raccolta nei boschi e all’acquisto nei supermercati. Adesso che hai una panoramica più completa sull’argomento, rimboccati le maniche e mettiti subito all’opera. Recupera tutti gli strumenti di cui ti ho parlato, individua la zona più adatta per la coltivazione e attendi il tempo necessario per vedere crescere il tuo raccolto. Se qualche passaggio non ti è chiaro o hai domande da fare, lascia un commento: sarò felice di risponderti!

Vedi dettagli
Claudia M
Redazione
ha scritto un articolo su Magazine della casa
28/11-15:02

Decorazioni di Natale come in America: 6 idee da copiare

Negli Stati Uniti, il Natale è la festività più attesa e sentita dell’anno. Tra tradizioni secolari e addobbi luminosi, il periodo natalizio è vissuto dagli americani con molta intensità. È difficile che nelle case oltreoceano ci sia spazio per la sobrietà: regnano l’abbondanza e l’ostentazione! Le feste si avvicinano e stai valutando l’idea di decorare casa in stile americano? Ecco 6 decorazioni di Natale americane che non possono mancare per far vivere ai tuoi ospiti il famoso american dream, senza sconfinare nel kitch.

Natale in stile americano - Corporate

6 decorazioni di Natale americane

Quando si parla di stile americano e decorazioni natalizie, esuberanza, appariscenza e sovrabbondanza diventano le parole d’ordine. Negli allestimenti oltreoceano, l’illuminazione fa da protagonista e contribuisce a mettere ancora più in risalto ogni elemento. Addobba ogni angolo della casa, sia all’interno che all’esterno, senza parsimonia: dalla porta d’ingresso al camino, dalle scale alle balaustre, dalla cucina al salone, dove il re della festa, l’albero di Natale, attira su di sé tutte le attenzioni.

Albero di Natale americano

L’albero di Natale americano è grande e maestoso. È alto almeno 290/300 cm, è molto folto e presenta delle fronde più abbondanti alla base. L’ideale sarebbe optare per un abete naturale perché gli aghi di pino profumati sono in grado di regalare emozioni uniche nel loro genere! Addobbare l’albero, per via della sua imponenza, può rivelarsi una vera e propria impresa. A questo riguardo, però, puoi letteralmente sbizzarrirti!
Oltre alle classiche palline di Natale in tinta unita oppure decorate, via libera ai festoni, alle stelle filanti e ai personaggi natalizi in stoffa. Non c’è limite alla fantasia: l’importante è ricoprire l’abete il più possibile e far sì che l'albero mostri sfarzo e ricchezza negli addobbi. Per quanto riguarda i colori, con la tradizionale combinazione rosso-bianco-oro non si sbaglia mai. È sufficiente armonizzarla con tocchi di verde.

L’albero di Natale americano - Corporate

Palline di Natale personalizzate

Una delle più diffuse e apprezzate decorazioni di Natale in America sono le palline personalizzate da appendere all’albero. È tendenza comune tra gli americani personalizzare le palline con le fotografie di famiglia o immagini di luoghi a loro cari. Se per te questo è troppo, puoi valutare l’idea di personalizzare le palline con i nomi dei componenti della famiglia che parteciperanno alla cena della Vigilia o al pranzo di Natale: il modo migliore per accoglierli! L’articolo “Decorazioni per Albero di Natale fai da te: 8 idee da copiare” può esserti d’ispirazione per creare splendidi addobbi handmade con cui abbellire il tuo abete.

Ghirlande natalizie per la porta d’ingresso

Addobbare l’ingresso di casa è importante per dare un’anticipazione dell’atmosfera natalizia che si respira all’interno. Soprattutto se vivi in una villetta o in un’unità abitativa indipendente, è un’ottima soluzione per farti notare! Perché non appendere alla porta una bellissima ghirlanda natalizia? È una delle decorazioni di Natale più diffuse in America. Puoi realizzarne una con le tue mani (il tutorial “Come creare una ghirlanda natalizia fai da te” può esserti d’aiuto) e sistemarla all’ingresso di casa. Naturalmente, sei libero di appenderle anche sopra le porte di ogni stanza e sul camino.

Il villaggio di Natale

Il villaggio di Natale incarna in tutto e per tutto lo spirito americano. Evoca l’atmosfera che si respira durante il periodo natalizio tra le strade americane, con i negozi che si affacciano sulle vie, illuminandole con vetrine e insegne colorate. Posiziona il villaggio dove più desideri e accertati che tra gli elementi che lo compongono ci sia anche il laboratorio in cui Santa Claus prepara i doni da consegnare ai bambini!

Gli addobbi per il camino

Nelle case addobbate per Natale in America, il camino viene sempre messo in risalto. Rappresenta la zona della casa in cui ci si raduna con la famiglia per accogliere Babbo Natale e scartare i regali. Puoi impreziosirlo con ogni tipo di decorazione: dalle luci colorate alla ghirlanda da posizionare al centro della parete, fino alle candele. Non possono mancare rametti di vischio e pigne innevate per rendere l’atmosfera ancora più suggestiva.

Gli addobbi di Natale per il camino - Leroy Merlin

Decorazioni di Natale in America per esterno: spazio all’illuminazione

L’esterno di casa è importante tanto quanto l’interno, soprattutto durante il periodo natalizio. Gli americani, a Natale, fanno a gara a chi esibisce la casa più illuminata! Creano delle vere e proprie scenografie, utilizzando catene multicolore e bianche che si arrampicano sulle inferriate, attorno alle finestre, sulle grondaie e sugli alberi. Raggiungono persino i tetti e i camini! Le tende luminose sono le più diffuse perché permettono di creare cascate di luci davvero suggestive che scendono dalle balaustre dei balconi oppure dai cornicioni.
Se hai disposizione uno spazio all’aperto, metti in risalto ogni angolo del giardino e ogni vialetto con delle installazioni luminose. Puoi scegliere tra un’ampia selezione di figure luminose, sia in 2D che in 2D: renne, orsi polari, pupazzi di neve, stelle comete e personaggi natalizi come Babbo Natale. Di grande tendenza sono i proiettori. Si tratta di sistemi di illuminazione automatica progettati per creare giochi luminosi colorati, tra stelle, frasi d'auguri, personaggi natalizi e fiocchi di neve.
Per ottenere un risultato finale stupefacente e spettacolare, è necessario adottare una serie di accorgimenti. Indipendentemente dal modello di proiettore che scegli di acquistare, la prima cosa da fare è individuare una parete buia, che sia ben lontana da lampioni e faretti. Fatto ciò, posiziona il proiettore alla giusta distanza e, soprattutto, perpendicolarmente alla parete. In questo modo, l’immagine proiettata risulterà nitida e non deformata. Accertati che tra la parete e il proiettore non ci siano ostacoli, come ad esempio alberi o cespugli troppo altri. Non dimenticarti di spegnere il proiettore durante il giorno. A questo riguardo, i proiettori dotati di timer rappresentano la soluzione ideale per evitare sprechi e surriscaldamenti pericolosi.

Le decorazioni di Natale in stile Americano per l’esterno - Leroy Merlin

Adesso che hai una panoramica più completa sulle decorazioni di Natale americane che non possono mancare per allestire casa come le esuberanti ville oltreoceano, rimboccati le maniche e inizia a progettare le tue composizioni. Sono certo che i tuoi ospiti rimarranno a bocca aperta! Se hai bisogno di un consiglio o hai idee da condividere con gli altri utenti della Community, lascia un commento.

Vedi dettagli
AnnaZorloni
Garden Expert
Redazione
ha scritto un articolo su Magazine della casa
28/11-08:06

6 piante insolite da regalare a Natale

Filtrato
Giardino e terrazzo

Una pianta è sempre un regalo gradito! Per Natale, dona una pianta insolita alle tue amiche, non la “solita” e comunque pur bella Poinsettia, la comune Stella di Natale; una pianta colorata o decorata, magari una tua creazione… un regalo che verrà sicuramente ancor più gradito. Se vuoi qualche consiglio, diverso dal solito, un pochino originale, dài un’occhiata qui sotto per scegliere una pianta da regalare a Natale.
 Oltre alla classica Poinsettia, o Stella di Natale, scopri piante inusuali da regalare alle tue amiche – foto Leroy Merlin
Oltre alla classica Poinsettia, o Stella di Natale, scopri piante inusuali da regalare alle tue amiche – foto Leroy Merlin

Una Sansevieria dalle punte colorate

Un’idea indubbiamente originale, la Sansevieria cylindrica 'Velvet' con le punte colorate… rigorosamente rosse! Non sono molto favorevole a questo tipo di trattamento che subisce la pianta: la copertura con questa patina colorata non le fa certo bene, impedendo alle sue foglie, in parte, di respirare correttamente. Però devo ammettere che l’effetto decorativo ottenuto è davvero simpatico, e, per decorare la casa in questo periodo può essere una buona scelta, anche da regalare… sono sicura che sarà un regalo molto gradito!
Coloratissima e divertente, regala una Sanseveria con le punte colorate! – foto Leroy Merlin
Coloratissima e divertente, regala una Sanseveria con le punte colorate! – foto Leroy Merlin

Un piccolo “giardino in bottiglia”

I “bottle garden”, o “terrarium”, vanno molto di moda in questo periodo e, sicuramente, ricevere una piccola pianta coltivata entro una bottiglia, o boccia di vetro, farà piacere. Potrai anche crearne uno con le tue mani: vedrai che non è difficile, leggi come fare in "terrarium, come crearlo". Scegli una colorata bromeliacea da coltivare entro una boccia di vetro, farà un figurone! Ad esempio, una Guzmania, con le sue sfavillanti brattee rosse: un’esplosione di colore molto decorativa e gradita.
Una colorata Guzmania in “bottle garden” sarà un regalo originale e gradito! – foto dell’autrice
Una colorata Guzmania in “bottle garden” sarà un regalo originale e gradito! – foto dell’autrice

Una Zamia vestita a festa

La Zamioculcas, o più semplicemente “Zamia”, è una delle piante verdi più facili da tenere in casa, anche per chi non è dotato di pollice verde: poco esigente ed estremamente resistente, vive anche in condizioni di scarsa luminosità. Le sue belle foglie lucide risalteranno ancora di più se addobbi questa pianta con scintillanti palline colorate. Il regalo sarà sicuramente graditissimo dalle amiche che non ci sanno molto fare con le piante…
Una Zamioculcas addobbata da festa sarà molto apprezzata – foto Leroy Merlin
Una Zamioculcas addobbata da festa sarà molto apprezzata – foto Leroy Merlin

Una piantina ricca di bacche colorate

La gaulteria (Gaultheria) è un piccolo cespuglio ricoperto di bacche rosse, che ne colorano la chioma per lungo tempo. Un tocco di colore che non passerà inosservato in casa, a ravvivare l’atmosfera in questo freddo inverno. Abbinala ad un vasetto natalizio simpatico.
Una graziosa Gaultheria con le sue bacche tonde e rosse rende la casa più festosa! – foto ispirazione Leroy Merlin
Una graziosa Gaultheria con le sue bacche tonde e rosse rende la casa più festosa! – foto ispirazione Leroy Merlin

Un kokedama fatto da te!

Un regalo alla moda e originale, che potrai creare da te se sei dotata di manualità: non è difficile, imparalo leggendo “Kokedama, sai cos’è e come si fa?”. Scegli la pianta che più ti piace, una piccola orchidea Phalaenopsis, ad esempio, come quella nell'immagine qui sotto, e creane un simpatico kokedama. Un regalo creato con le proprie mani, sarà sicuramente ancora più gradito!
Impara a fare un kokedama con la piantina che preferisci: sarà un bellissimo regalo! – foto Leroy Merlin
Impara a fare un kokedama con la piantina che preferisci: sarà un bellissimo regalo! – foto Leroy Merlin

Un marimo portafortuna!

Quale augurio migliore di un marimo? L’alga portafortuna potrebbe essere il regalo più azzeccato di questo Natale per augurare a chi vuoi bene un anno ricco di fortuna. Se non conosci i marimo, ti invito a leggere “Marimo, l'alga a palla che porta fortuna”.
Un piccolo portafortuna da regalare alle amiche: un marimo! – foto Leroy Merlin
Un piccolo portafortuna da regalare alle amiche: un marimo! – foto Leroy Merlin

Una pianta è sempre un regalo gradito, sono sicura che farai un bel figurone anche con queste più insolite! Condividi con noi una pianta insolita da regalare a Natale!

Vedi dettagli
Paolo_Grimolto
ha pubblicato una foto su Gallery casa e giardino
22/11-11:43
Vedi dettagli
leonilde.loporchio_3816
ha pubblicato su Forum prodotto
21/11-07:11

Buongiorno a tutti volevo sapere se posso tenere vicino alla finestra la stella di Natale oppure la devo necessariamente lasciare fuori sul balcone.

Vedi dettagli