Community

Home
Magazine della casa
Compost: come si fa?
AnnaZorloni
Garden Expert
13/07/17-12:07 (modificato)

Compost: come si fa?

Se hai un giardino e magari un piccolo orto, il quantitativo di scarti verdi prodotti è elevato, al punto da non sapere bene come fare a smaltirli se non ammucchiarli in un angolo del giardino a marcire. La soluzione ideale, in questi casi, è quella di ricorrere al compostaggio, tecnica che permette non solo di smaltire nella maniera più corretta gli scarti vegetali dell’orto, del giardino e della cucina, ma anche di ottenere, dalla loro degradazione, un terriccio fertile e molto utile. Se vuoi sapere come fare il compost, leggi i miei consigli!
Il compostaggio non dovrebbe mai mancare in ogni casa dotata di un giardino, anche piccolo!
Il compostaggio non dovrebbe mai mancare in ogni casa dotata di un giardino, anche piccolo!

Sai cos'è il compost e come si fa?

Il compost è il prodotto che si forma naturalmente dalla decomposizione di materiale vegetale: foglie, scarti di frutta, verdura, ecc… vengono deteriorati e trasformati in un composto scuro e soffice. La presenza di microrganismi decompositori nel mucchio da compostare è essenziale perché avvenga questa trasformazione, la cui durata è generalmente di qualche mese. Per questo motivo è necessario, all’inizio, inserire uno “starter”, contenente i giusti microrganismi, o anche un "acceleratore" per il processo di decomposizione, così da avviare e velocizzare il processo di compostaggio. In seguito sarà sufficiente aggiungere anche solo una palata di compost già formato, che contiene naturalmente tali microrganismi. Procurati un apposito bidone in materiale plastico, ovvero una compostiera, in cui inserire il materiale vegetale da compostare. Potrai scegliere tra diversi tipi di compostiera, che troverai nel reparto giardinaggio. La compostiera è dotata di un'apertura superiore in cui inserire gli scarti vegetali e di una griglia basale da aprire per estrarre il terriccio compostato che si è formato. Il materiale con cui è costruita, plastica spessa e scura, consente di mantenere le giuste condizioni di temperatura, umidità e mancanza di luce al suo interno, necessarie affinchè avvenga velocemente la decomposizione! Nel tuo giardino, potrai anche utilizzare una comoda compostiera in metallo a griglia per la raccolta degli sfalci e delle foglie, anche se il processo di decomposizione, entro contenitori aperti, avverrà più lentamente. Puoi anche creare cassette per il compostaggio fai-da-te con assi di legno.
Puoi fare compost anche dentro cassoni fatti con assi di legno, o griglie – foto Pixabay
Puoi fare compost anche dentro cassoni fatti con assi di legno, o griglie – foto Pixabay

Cosa fare per un corretto compostaggio?

Le operazioni necessarie a svolgere il compostaggio nella maniera corretta sono poche. Ecco qualche consiglio utile:

  • Non lasciare asciugare il compost, ma bagnalo se necessario: l’umidità è necessaria affinchè avvenga la corretta decomposizione.
  • Anche l’ossigeno è necessario a far avvenire correttamente la formazione del compost: per questo è consigliabile, una o due volte all’anno, rivoltare il mucchio con una forca, così da ossigenarlo.
  • Se hai un bidone chiuso superiormente, tieni il coperchio sempre abbassato per evitare che animali o roditori vengano attratti dagli scarti di cucina!
  • Cerca di inserire sempre materiale di dimensioni ridotte o sminuzzato, in modo tale da facilitare e velocizzare il processo di decomposizione.
    Esegui il compostaggio nella maniera corretta e ricordati di rivoltare il cumulo periodicamente - foto Pixabay
    Esegui il compostaggio nella maniera corretta e ricordati di rivoltare il cumulo periodicamente - foto Pixabay

Cosa posso inserire nel bidone del compost?

Ecco i materiali che posso inserire nel bidone del compostaggio:

  • foglie
  • erba di sfalcio
  • residui di potatura
  • erbacce
  • terra esaurita
  • frutta marcia
  • bucce
  • scarti di verdura
  • fondi di caffè
  • carta in piccole dosi

... e cosa non devo inserire nel bidone del compost?

E' utile sapere anche quali materiali non devo inserire nel bidone del compost:

  • residui di origine animale: carne, ossa, pesci
  • prodotti caseari: formaggio
  • residui di piante malate o attaccate da insetti
  • carta stampata
  • sassi
  • vetro
  • plastica
  • ogni cosa che non sia di origine vegetale.
    Inserisci nella compostiera solo scarti di origine vegetale! - foto Pixabay
    Inserisci nella compostiera solo scarti di origine vegetale! - foto Pixabay

Quali sono i vantaggi del compost?

I vantaggi che si hanno nel fare compostaggio sono tanti! Ecco quali:

  • Fare compostaggio in giardino aiuta a riciclare rifiuti organici e a creare minor quantitativo di spazzatura.
  • Richiede pochissimo spazio: è sufficiente un angolino del giardino, lontano dalla vista, anche se sarebbe più opportuno metterlo in una posizione comoda per il suo utilizzo.
  • Il compost, contrariamente a quanto si pensi, non puzza se praticato nella maniera corretta, con i giusti materiali.
  • Ti permette di ottenere un materiale utile per il giardino: aggiunto al terriccio, il compost ne aumenta la fertilità e funziona da ammendante, migliorando, cioè, la struttura di suoli troppo compatti o troppo sciolti e aiutandone il drenaggio.
  • Il compost, inoltre, aumenta la presenza di organismi utili nel terreno, i vermi ad esempio.
    Quello che si ottiene, alla fine, è un ottimo terriccio da utilizzare in giardino e nell’orto – foto Pixabay
    Quello che si ottiene, alla fine, è un ottimo terriccio da utilizzare in giardino e nell’orto – foto Pixabay

In definitiva, il compostaggio è una pratica poco impegnativa e molto “ecologically friendly”; ecco perchè la consiglio a chiunque abbia un giardino o un orto! Hai qualche dubbio? Scrivimi nei commenti qui sotto.

Compost come si fa | Community LM
Continua ad esplorare la Community!