Community

Home / Idee da realizzare / Come creare un terrarium fai da te con piante da interno
Lucia IF Creative Hub
Plant designer
05/03/24-10:09 (modificato il 05/14/24-14:23)

Come creare un terrarium fai da te con piante da interno

Nelle case di un amante della natura non può di certo mancare un terrarium, un piccolo giardino in miniatura che, grazie all’ambiente creato dalle piantine, dagli elementi minerali e dai microrganismi al suo interno, riesce a ricreare un ecosistema quasi completamente autonomo. Se vuoi portare un tocco di natura tra le mura domestiche, la creazione di un terrarium bello e sano è ciò che fa per te! Scopriamo insieme i passaggi da seguire e impreziosire la nostra casa con una creazione originale.
Preparare la base del terrarium

Tutto l’occorrente per realizzare un terrarium in casa

1. Preparare il tavolo da lavoro

Rivestire il piano di lavoro con un telo in plastica. Fate in modo di disporre sul piano di lavoro tutti i materiali utili.
Terrarium

2. Preparare la base

Posizionate all’interno del barattolo l’argilla espansa, creando uno strato alto 2cm.
Create lo strumento di lavoro che vi sarà utile in alcuni passaggi. Prendete il bastoncino di legno e posizionate ad un’estremità il cucchiaino bloccandolo con lo scotch, all’altra estremità posizionate il tappo di sughero. In questo modo otterrete uno strumento con cui scavare e compattare.
Aggiungete il terriccio sopra l’argilla, fino a creare uno strato uniforme di 3-5 cm, regolate la proporzione a seconda dell’altezza del vostro barattolo. Tenete sempre a mente l’altezza delle piante che volete posizionare al suo interno.
![Preparare la base del terrarium]

3. Aggiungere le piante

Ora, immaginando quale vorreste fosse il risultato finale del vostro terrario, scegliete dove posizionare il sughero. Scavate delicatamente nel terriccio per creare uno spazio in cui si posizioni stabilmente. Ricompattate il terriccio tutto attorno in modo che il sughero sia stabile.
Ora scavate la piccola buca dedicata a posizionare la pianta principale del vostro terrario: il ficus ginseng. Prendetevi tutto il tempo che serve per compiere questa operazione a regola d’arte in modo che la pianta posizionata nel terrario sia stabile, non traballi. Ricoprite le sue radici con attenzione e ricompattate il terriccio intorno con il tappo di sughero del vostro strumento di lavoro.

Prendete la vostra edera, estraete il panetto di terriccio dal suo vasetto, e scegliete un ciuffetto da inserire nel terrario. Dovrete separare la parte scelta facendo attenzione a non rovinare le radici, una volta conclusa questa operazione, create un buchino nel terriccio del terrario usando il cucchiaino di legno. Inserite l’edera nel terrario e ricoprite le sue radici con il terriccio, utilizzando sempre il vostro fondamentale strumento. Suggeriamo di posizionare l’edera vicina al sughero in modo che possiate sfruttare il sughero come appoggio per l’edera, in questo modo ricreerete il naturale effetto rampicante di questa pianta.
Prendete la fittonia, valutate quanta usarne e procedete come prima: separate i ciuffetti di fittonia sfaldando il panetto di terra in cui è piantata. Create all’interno del terrario lo spazio in cui inserirla nel terriccio e ricoprite le radici ricompattando il terriccio tutto intorno.

4. Completare il terrarium

Decorate il vostro terrario aggiungendo sulla superficie del terriccio la perlite o della sabbia bianca, questo contrasto tra il marrone del terriccio e il bianco di questi materiali, darà luce alla vostra composizione. Potreste usare anche ciottoli o ghiaia, eventualmente abbiate cura di sciacquarli prima di inserirli. Posizionate il muschio semplicemente poggiandolo al terriccio, suggeriamo di non esagerare con il muschio per evitare la formazione di muffa.
Versate acqua nel terriccio facendola scivolare lungo le pareti di vetro, in questo modo otterrete due risultati: il vetro del terrario sarà pulito e l’acqua si infiltrerà nel terriccio senza ledere le foglie delle vostre piantine. Bagnate fino a quando tutto il terriccio sarà diventato più scuro.
Lasciate il terrario privo del tappo per le prime 48 ore e poi tappate con l’apposito tappo. Posizionate in un luogo in cui ci sia luce, ma non batta il sole diretto.
Decorare il terrarium

Il Terrarium viene considerato un vero e proprio elemento d’arredo, originale e curioso, al pari di un acquario! E tu hai mai creato un Terrarium? Raccontaci come hai fatto e pubblica la tua creazione nella "Gallery dei vostri progetti"

Continua ad esplorare la Community!