Community

Home / Magazine della casa / Come dividere zona giorno e notte nel monolocale
elisabetta.garoni
Architetto
23/11/23-15:12 (modificato il 23/11/23-15:14)

Come dividere zona giorno e notte nel monolocale

Affitti sempre più alti e appartamenti sempre più piccoli: soprattutto chi vive nelle grandi città ha spesso dovuto fare i conti con spazi ristretti, anche solo per una fase della vita. Gli studenti lo sanno bene: vivere in un monolocale ha vantaggi e svantaggi ma con creatività e ingegno si possono avere tanti comfort e poche rinunce. E’ d’obbligo ricorrere a mobili trasformabili, cioè con una doppia funzione (divano trasformabile in letto, tavolini che diventano tavoli, pouf con contenitore…), e pensare in verticale per sfruttare al massimo l’altezza e le pareti. L’esigenza primaria rimane però quella di dividere la zona notte dalla zona giorno. Vediamo insieme alcune soluzioni interessanti.

Dividi due zone del tuo monolocale con un paravento - Leroy Merlin

Con un mobile bifacciale

Un monolocale è un miniappartamento composto da un’unica stanza che fa da cucina, soggiorno e camera da letto, con l’aggiunta di un bagno. Le metrature di un monolocale possono variare anche di molti mq e la soluzione ottimale non è detto che sia la stessa per ogni spazio. In genere per stabilire un confine tra zona giorno e zona notte è preferibile scegliere una soluzione che non crei una barriera alla luce, per esempio con mobile bifacciale o una libreria a giorno che hanno anche il vantaggio di essere utilizzabili sia da un lato che dall’altro. Puoi destinare alcuni cassetti, apribili dal lato del letto, alla biancheria e sfruttare ripiani e i contenitori dal lato soggiorno come libreria o dispensa. Con l’aggiunta di ruote per mobili in pochi secondi lo spazio tornerà ad essere unico, per occasioni conviviali come una festa o una cena con numerosi amici.

Un mobile bifacciale arreda e separa - Leroy Merlin

Con una parete traforata vedo non vedo

Una parete leggera fatta con un pannello di metallo microforato può risolvere il problema della separazione virtuale tra zona notte e soggiorno. Il più delle volte non è necessaria una netta separazione ma basta una separazione visiva, un’idea di demarcazione di due funzioni. Con un colore diverso delle pareti, la demarcazione è già intuita. Se preferisci una separazione più netta, costruisci una quinta che va dal pavimento e arriva fino al soffitto con pannelli di lamiera verniciata e forata montati su telai e fissati alla muratura. Puoi realizzarli anche con listelli di legno, con tessuti intelaiati, con grandi tele per pittori da dipingere e decorare secondo i tuoi gusti, con pannelli reticolati in legno normalmente destinati al giardino che puoi trasformare in pareti verdi con vasi e piante sospese o dipingere a piacere.

Crea il tuo angolo privato con una parete vedo non vedo - Leroy Merlin

Usa elementi destinati al giardino

Sempre in tema di elementi pensati per usi diversi ma che possono essere felicemente utilizzati per dividere due zone anche interne, ti segnalo il traliccio Mosaic in polipropilene disponibile in colore bianco o marrone. Adatto ad un arredamento moderno e informale, può rappresentare una soluzione interessante, funzionale e decorativa al tempo stesso.

Ispirazione per dividere il monolocale con un elemento destinato all'outdoor - Leroy Merlin

Con una parete vetrata

Una vetrata è sempre una buona soluzione in ambienti piccoli perchè non crea nessuna barriera alla luce naturale. Lo sguardo inoltre può spaziare e avere una percezione completa e più ampia dallo spazio. Per avere privacy puoi scegliere vetri smerigliati dall’effetto vedo non vedo. In ambienti di piccole dimensioni è sempre consigliabili scegliere tinte chiare per pareti e soffitti ma nulla toglie di utilizzare il colore per creare punti focali e interessanti e dare personalità alla casa.

Una parete vetrata separa e lascia passare la luce - Leroy Merlin

Con una tenda alta fino al soffitto

Una delle mie soluzioni preferite è dividere in due lo spazio con una tenda. La trovo una soluzione intelligente, flessibile, poco invadente, decorativa ed economica. Monta un binario o un cavo per tende a soffitto e scegli una tenda tra le mille versioni di stampe e colori possibili. Questa sarà la parte più difficile! Puoi scegliere una tenda con tessuto oscurante e pesante oppure una garza leggerissima e molto romantica. A seconda della misura dovrai appendere una, due o più tende che all’occorrenza e in pochi secondi potrai raccogliere sulla parete ed eliminare la separazione camera/soggiorno. Inoltre sarà semplicissimo rinnovare il tessuto e cambiare stile alla stanza.

Idea per separare la zona notte con una tenda - Leroy Merlin

Con un separè

Spesso dimenticati e sottovalutati, separè e paravento andrebbero invece visti come veri e propri risolutori e aiuti indispensabili in piccoli open space. Sono disponibili in tanti materiali per stili diversi: con schermi in carta di riso dal mood giapponese, con pannelli decorativi stampati, a doghe di legno, in metallo e tessuto o provvisti anche di comode ruote. I modelli a 6 pannelli sono adatti a stanze più ampie. Con pareti e pannelli divisori puoi risolvere agevolmente ogni esigenza per delimitare due aree del tuo mini appartamento.

L'idea più semplice: rivaluta il paravento - Leroy Merlin

Quale delle soluzioni preferisci per dividere zona giorno e zona notte nel tuo monolocale? Sei orientato su una soluzione fissa o su una separazione facilmente amovibile? Facci sapere la tua opinione e se hai altre soluzioni proponile alla Community e descrivile nei commenti qui sotto.

Leroy Merlin
Tenda oscurante Attila beige occhielli 140x280 cm
Leroy Merlin
Kit vetrata e vetro per interni nero H 105.0 x L 109.0 cm in acciaio 4 vetri
Continua ad esplorare la Community!