Community

/ Luce calda o fredda? Come scegliere quella giusta per casa
Carlotta Lulli
Redattrice
22/01/24-10:45 (modificato il 22/01/24-20:52)

Luce calda o fredda? Come scegliere quella giusta per casa tua

La scelta dell’illuminazione della casa non è così semplice come spesso ti sarà capitato di credere. In base a questa, gli ambienti si trasformano diventando più o meno accoglienti. Ecco perché è necessario prendere la giusta decisione perché conta ciò che ti piace, ma anche lo stile dell’ambiente. In base a questo puoi definire la tipologia delle luci e la loro intensità perché ogni stanza ha bisogno di un progetto pensato ad hoc. Quante volte ti sarà capitato di chiederti se optare per la luce calda o fredda; semplice, ognuna ha caratteri ben definiti legati a determinate stanze. Tutto dipende da cosa cerchi tu. Ricorda che la luce fredda, essendo stimolante, è ideale per attività che richiedono un’alta concentrazione, mentre la luce calda favorisce il relax, quindi è preferibile dedicarla a spazi come camera dal letto e soggiorno.
Se stai cercando soluzioni per l’illuminazione della tua casa, ecco qualche consiglio su come scegliere quella giusta tra la luce calda o fredda nellòe varie stanze:

  1. Cosa scegliere per la cucina
  2. Quale luce per il soggiorno?
  3. La luce perfetta per il bagno
  4. La soluzione per la camera da letto
  5. Luce calda per lo studio
  6. Se hai un corridoio

1. Cosa scegliere per la cucina

La temperatura della luce che l'occhio percepisce si misura in gradi Kelvin a cui corrispondo tonalità di colore diverse. La luce calda è compresa tra i 3000 e i 3500 gradi Kelvin, mentre quella fredda inizia dai 3600 e arriva ai 6500. In mezzo c’è la luce neutra che va dai 3500 ai 4000 gradi Kelvin.
La cucina è uno spazio che necessita di molta luce, soprattutto nel momento in cui ti appresti a preparare i pasti, ma anche di un’atmosfera rilassante. La soluzione per la scelta della luce calda o fredda è quella di abbinarle. Puoi utilizzare una luce fredda sopra il piano di lavoro e una luce calda, più avvolgente, sul tavolo , sull’isola o la penisola. Soluzione semplice, ma di grande effetto.

2. Quale luce per il soggiorno?

L’illuminazione del soggiorno è forse la più chiara di tutte le altre. Senza indugi richiede la luce calda. È qui che si condividono momenti rilassati con la famiglia e gli amici, si legge un libro sul divano o si guarda un film. Insomma, è qui che si cerca il giusto relax, magari dopo una giornata stancante. Sicuramente anche tu stai cercando delle luci che riescano a regalarti questa sensazione ed è per questo che dovrai optare per lampade con la luce calda perfette per il tuo riposo, ma anche per accogliere i tuoi ospiti.

3. La luce perfetta per il bagno

Per il bagno vale più o meno lo stesso principio della cucina. Anche qui, infatti, si ha bisogno di una quantità e intensità di luce diverse in base alle attività che si svolgono in questo ambiente. Essendo principalmente un luogo per la cura della persona, la luce fredda è indispensabile, ma anche quella calda ha la sua importanza. Sì, perché se è vero che nel bagno ci si dedica all’igiene e alla pulizia, è sempre qui che ti dedichi al relax.
Il consiglio è quello di optare per:

  • luce fredda per faretti e lampadine nella zona dedicata all’igiene quotidiana, quindi dove si trova lo specchio;
  • luce calda per l’illuminazione generale della stanza.

In questo modo potrai avere l'atmosfera ideale nel tuo bagno.

4. La soluzione per la camera da letto

La camera da letto deve favorire il sonno e il relax, su questo non c’è alcun dubbio. Quale luce migliore se non quella calda? L’ideale è evitare rigorosamente qualsiasi tipologia di luce fredda e optare, invece, per abat jour e lampadari capaci di luce calda, capaci di trasmettere quel senso di rilassamento necessario per il momento del sonno.

5. Luce calda per lo studio

Se hai una stanza adibita a studio avrai bisogno di capire quale luce adottare per avere la giusta intensità senza però creare problemi alla vista. Sì, perché si trascorrono molte ore a lavorare o studiare, per questo si necessita di un’illuminazione che sia al contempo leggera, ma efficace. La luce calda in questo caso è ciò che fa per te.
Puoi optare per una lampada da scrivania che dovrà avere la corretta intensità in base alle tue necessità.

6. Se hai un corridoio

Mai sottovalutare un corridoio. Se hai una casa con questo spazio, puoi metterlo in risalto con la giusta luce. È vero, spesso viene sottovalutato, ma ha la sua importanza perché è il primo spazio della tua casa a cui accedono gli ospiti, per questo deve essere accogliente e caldo. Anche qui puoi dare libero sfogo alla fantasia e scegliere per l’ingresso vero e proprio una luce calda, magari optando per qualche lampadario di design e per la restante parte del corriodio, che porta poi all’interno delle stanze, per un’illuminazione fredda che riesca a dare maggiore intensità per controllare dove si mettono i piedi. Dettaglio per niente superfluo, soprattutto in una casa che non è la nostra.

Hai trovato interessanti questi consigli sulla scelta della luce calda o fredda e pensi di metterli in pratica? Perché una volta realizzati non condividere la tua esperienza con gli altri utenti della Community? Puoi lasciare un commento per parlare del tuo progetto o, più semplicemente, per chiedere consigli agli altri membri!

LUXENS
Tester vernice super lavabile, LUXENS blu aqua 6 opaco, 0.075 L
LUCE AMBIENTE DESIGN
Lampadario Moderno Enoire oro in ferro, 6 luci, LUCE AMBIENTE DESIGN
EGLO
Lampadario Industriale Bramerton nero/ marrone in acciaio, L. 12 cm, 3 luci, EGLO
LUCE AMBIENTE DESIGN
Lampadario Moderno Bigbang marrone in ferro, D. 49 cm, LUCE AMBIENTE DESIGN
LUCE AMBIENTE DESIGN
Lampadario Moderno Pype LED bianco, in ferro, D. 2.5 cm, 470 LM, LUCE AMBIENTE DESIGN
Continua ad esplorare la Community!