Community

Home
Magazine della casa
5 vantaggi del pavimento in laminato
FrancescaA
Architetto
02/01/2020-09:31 (modificato)

5 vantaggi del pavimento in laminato

Pavimento in laminato: 5 motivi per sceglierlo

Anche tu sei un amante del pavimento in legno? E’ innegabile che il parquet conferisca agli ambienti un senso di calore e di accoglienza unico, ma non sempre è possibile sceglierlo per la propria casa, per motivi pratici o di costo. Può capitare anche di andare in una casa in affitto e desiderare il legno, ma come fare? Ecco che il pavimento in laminato ci viene in soccorso, con i suoi innumerevoli pregi, in tutti i casi in cui non sia possibile posare il legno.

Il pavimento in laminato è particolarmente adatto agli ambienti soggetti a un forte calpestio – foto Leroy Merlin Il pavimento in laminato è particolarmente adatto agli ambienti soggetti a un forte calpestio – foto Leroy Merlin

Sottile, ma molto resistente

Innanzitutto, per capirne i pregi, dobbiamo sapere esattamente di cosa stiamo parlando: il laminato è un pavimento formato da diversi strati, una base in fibra di legno ricostituita, una pellicola plastica che riproduce l’aspetto dell’essenza desiderata e un film protettivo, antigraffio e antistatico. Il risultato è un pavimento molto sottile, ma incredibilmente resistente, anche più del parquet. Il suo primo vantaggio, infatti, è proprio la resistenza al calpestio e all’usura, pur avendo uno spessore ridotto, che va da 5 a 12 mm. Scegli il tipo, quindi, in base all’utilizzo della stanza: nell’ingresso il passaggio è più frequente che in camera da letto!Lo strato protettivo del laminato lo rende antigraffio e antistatico, adatto anche alle zone più a rischio! – foto Leroy Merlin Lo strato protettivo del laminato lo rende antigraffio e antistatico, adatto anche alle zone più a rischio! – foto Leroy Merlin

Facile da posare, anche in bagno

Un altro indubbio vantaggio del laminato è la posa flottante: il pavimento viene semplicemente appoggiato su un materassino, senza colle e senza rovinare lo strato sottostante. Puoi quindi sovrapporlo al vecchio pavimento, senza rompere e sporcare, e toglierlo altrettanto facilmente quando cambi idea. La composizione è a incastro, perfetta per il fai da te, e puoi scegliere la classica posa a correre, in diagonale o anche a spina di pesce. Ci sono poi alcuni tipi di laminato appositamente indicati per gli ambienti umidi, che quindi non temono l’acqua. Via libera allora anche in cucina, in lavanderia o in bagno, senza troppi pensieri!

Scegli i laminati dove è espressamente indicato “adatto per il bagno” se vuoi posarlo in un ambiente umido – foto Leroy Merlin Scegli i laminati dove è espressamente indicato “adatto per il bagno” se vuoi posarlo in un ambiente umido – foto Leroy Merlin

Estetica e praticità

La maggior parte dei laminati riproduce, in modo del tutto realistico, l’aspetto dei parquet in legno. Ci sono davvero tutte le tonalità, dai colori più classici, come il Bomate, marrone scuro o il Doussie rossiccio, al bianco e grigio, molto di tendenza e adatti agli arredamenti più moderni; ma puoi trovare anche listelli nei toni dell’azzurro o multicolor, per un effetto davvero trendy, o pavimenti che imitano, invece del legno, il marmo, il cemento, la pietra. E se ancora tutti questi aspetti non ti bastano, aggiungiamo la facilità di manutenzione: non cambia colore alla luce e si pulisce in un attimo, senza bisogno di prodotti specifici o attenzioni particolari.

Alcuni modelli propongono tonalità di legno più trendy o addirittura altri materiali, come la pietra o il marmo – foto Leroy Merlin Alcuni modelli propongono tonalità di legno più trendy o addirittura altri materiali, come la pietra o il marmo – foto Leroy Merlin

Se vuoi altre specifiche, puoi trovarle nella guida “Come scegliere il pavimento laminato”. Ora che ne conosci tutti i segreti, scegli il tuo pavimento e dai un aspetto nuovo alla tua casa; e se decidi di posarlo da solo, facci sapere com’è andata!