Community

/ Bagno senza piastrelle? Pro, contro e soluzioni
GiulioM
Esploratore 🔍
25/08/22-10:21 (modificato il 26/02/24-16:42)

Bagno senza piastrelle? Pro, contro e soluzioni

Stai ristrutturando il tuo bagno o lo stai progettando ex novo e non sai quali rivestimenti scegliere? Se l’idea di un bagno tradizionale rivestito con le classiche (e ormai superate) piastrelle non ti piace, puoi optare per una delle alternative disponibili in commercio. Si tratta di soluzioni innovative che, in termini di prestazioni funzionali ed estetiche, superano le piastrelle: permettono di creare ambienti eleganti e, allo stesso tempo, facilitano le operazioni di pulizia. Scopriamo insieme quali sono i pro e i contro di un bagno senza piastrelle e quali i rivestimenti alternativi tra cui puoi scegliere.

L'eleganza di un bagno senza piastrelle - Leroy Merlin

Perché un bagno senza piastrelle è un’ottima idea

Realizzare bagni senza piastrelle è una tendenza che, negli ultimi anni, sta spopolando. Questa inversione di rotta rispetto al passato è dovuta all’evoluzione delle tecniche produttive e all’immissione sul mercato di valide alternative che, in molti casi, assicurano vantaggi non indifferenti. Scegliere di creare un bagno senza piastrelle conviene per tante ragioni:

  • evitare demolizioni e interventi murari complessi: realizzare un bagno senza piastrelle è la soluzione ideale se vuoi evitare operazioni di ristrutturazione che richiedono tempi di lavoro lunghi, tendono a sporcare gli interni di casa e rischiano di provocare danni;
  • assicurare maggiore continuità e igienicità all’ambiente: rivestire le pareti del bagno con soluzioni alternative alle piastrelle ti permette di limitare la presenza di fughe e, quindi, di far percepire lo spazio come più ampio e renderlo più facile da pulire. Le fughe, infatti, favoriscono l’accumulo di sporcizia e le piastrelle devono essere pulite con molta frequenza;
  • rinnovare il bagno con più facilità: nei bagni con piastrelle, in caso di rottura, la sostituzione può rivelarsi piuttosto complessa. Ad esempio, è possibile che le piastrelle siano fuori produzione. Se opti per un rivestimento alternativo alle classiche piastrelle, invece, potrai rinnovare il tuo bagno con più facilità (e, spesso, senza la necessità di ricorrere a pezzi sostitutivi);
  • Da ultimo, creare un bagno senza piastrelle limita i problemi in fase di posa. Le piastrelle, infatti, nella maggior parte dei casi, devono essere tagliate prima di essere posate. A parte lo sporco che questa operazione provoca, se il taglio viene eseguito male, il risultato finale sarà impreciso e l’effetto visivo poco gradevole.

I contro di un bagno senza piastrelle

Per compiere una scelta consapevole e ponderata, è indispensabile conoscere non solo i vantaggi di cui è possibile beneficiare optando per un bagno senza piastrelle, ma anche i contro di una simile soluzione. Le controindicazioni, naturalmente, variano a seconda del rivestimento alternativo che scegli. Considerando i materiali più utilizzati negli ultimi anni per i rivestimenti del bagno, è possibile affermare che molti di essi, al contrario delle piastrelle, non garantiscono grandi possibilità di personalizzazione. Alle volte, inoltre, si tratta di soluzioni più costose o non propriamente adatte per una stanza umida come il bagno, come potrebbe essere il legno. In questo caso, se proprio non si vuole rinunciare a un parquet massello, è necessario scegliere l'essenza adatta, come teak o l'iroko.

Non tutti i rivestimenti sono adatti agli ambienti umidi - Leroy Merlin

Alternative alle piastrelle in bagno: la resina

Quando si parla di rivestimenti per il bagno, è normale pensare immediatamente alle classiche piastrelle. Tuttavia, negli ultimi anni, sono state introdotte numerose alternative, perfette per dare un tocco di ricercatezza in più all’ambiente e avvicinarsi a un’idea di bagno più moderna e innovativa.
Se sei alla ricerca di una soluzione versatile e, allo stesso tempo, resistente e igienica, la resina rappresenta la soluzione ideale. Si tratta di un materiale dalle grandi qualità tecniche: è resistente all’umidità, impermeabile e facile da pulire. Richiede interventi di manutenzione quasi nulli e può essere utilizzato anche all’interno della doccia!
La resina, inoltre, ha un grande valore estetico. Essa, infatti, permette di creare rivestimenti omogenei e senza fughe. I rivestimenti in resina sono facili da abbinare con altri materiali e sono disponibili in una molteplicità di colori. Se il tuo bagno è grande e gode di un’ottima esposizione, puoi azzardare utilizzando la resina grigia per rivestire le pareti, abbinandola ad un pavimento o ad un arredamento di tonalità scure. Se, invece, il tuo bagno è di ridotta metratura e poco luminoso, il grigio chiaro è un’ottima idea perché ti permette di far sembrare la stanza più ariosa e luminosa.

La resina è ideale per il bagno - Leroy Merlin

Pittura per bagno senza piastrelle

L’alternativa classica, nonché più comoda, alle piastrelle è la pittura. Le vernici, oggi, possono tranquillamente essere utilizzate per rivestire le pareti di ambienti umidi perché possiedono caratteristiche idonee per ricoprire superfici che necessitano di essere pulite e sanificate, come quelle del bagno. Si tratta, infatti, di pitture idrorepellenti e, allo stesso tempo, antimuffa, traspiranti e anticondensa. Hai la possibilità di scegliere tra una vasta gamma di colori: indipendentemente dalle nuance che sceglierai, le tue superfici saranno continue ed estremamente gradevoli alla vista.

Per il bagno esistono pitture apposite - Leroy Merlin

Carta da parati

Un’ottima idea per rivestire le pareti del bagno senza piastrelle è ricorrere alla carta da parati. C’è chi la ama e chi la odia: se a te l’idea non dispiace, tienila in considerazione in fase di progettazione. Si tratta di una soluzione molto attuale e dal grande potere decorativo. Se desideri donare un tocco di carattere e personalità in più al bagno, opta per una carta da parati a motivi, prestando attenzione allo stile scelto per l’arredamento. In alternativa, anche una carta da parati monocolore e più sobria è perfetta.

Chi dice che la carta da parati non è adatta al bagno? - Leroy Merlin

Grès porcellanato grande formato

È vero, quando si parla di grès porcellanato grande formato si fa riferimento sempre a delle piastrelle, se pur di dimensioni che eccedono gli standard. Tuttavia, è una soluzione che ti propongo perché, se sei alla ricerca di un’alternativa alle classiche piastrelle perché ciò che non sopporti è vedere una quantità infinita di fughe sulle pareti, le piastrelle in grès grande formato sono perfette! Optando per un rivestimento di questo genere, potrai ridurre al minimo le fughe e scegliere tra un’ampia selezione di finiture che imitano fedelmente numerosi materiali naturali, come il marmo e il legno.

Maggiore continuità con i grandi formati - Leroy Merlin

Come avrai notato, realizzare un bagno senza piastrelle non solo è possibile, ma permette anche di scegliere tra numerose alternative. Una delle proposte che ti ho fornito ti è stata di ispirazione? Anche il mio articolo su "Pavimenti senza fughe" può esserti utile. A lavori ultimati poi, condividi uno scatto con la Community. Se hai domande da fare o hai bisogno di qualche consiglio, lascia un commento, sarò felice di risponderti oppure scrivi a "Parla con l'esperto Interio0r designer"!

LUXENS
Pittura per interni lavabile, LUXENS grigio granit 5 opaco, 0.075 L
ARIANA
Piastrella da rivestimento interno rettificato Marmotech in gres porcellanato 120 x 60 cm, sp 6 mm traffico medio (pei 2/5)
Carta da parati Monstera verde scuro, 53 cm x 10.05 m
LUXENS
Pittura per interni super lavabile, LUXENS grigio khol 6 opaco, 2.5 L
Continua ad esplorare la Community!