Community

Home
Magazine della casa
Come curare la Stapelia gigantea, il “fiore carogna”
AnnaZorloni
Garden Expert
13/10/22-09:33 (modificato)

Come curare la Stapelia gigantea, il “fiore carogna”

Hai mai visto un fiore così grande aprirsi da una pianta minuta? La Stapelia gigantea, questo è il suo nome scientifico, è una pianta grassa che ogni estate stupisce per la sua fioritura: l’apertura dei suoi grossi fiori stellati non lascia certo indifferente! Non solo per il loro aspetto appariscente, ma anche per l’odore di marcio (proprio così!) che emanano! Sapevi che questa pianta viene anche detta "fiore carogna"? Come potrai immaginare non si tratta di un odore piacevole, ma serve alla pianta per attrarre gli insetti impollinatori che vi si posano pensando di trovare cibo. Probabilmente, data questa premessa, la voglia di coltivarne una pianta ti è scappata, ma se sei curiosa di vedere questo magnifico fiore e vuoi provare a coltivare una pianta di Stapelia gigantea, ecco come prendertene cura: segui i miei suggerimenti.
Leggi come coltivare e veder fiorire la tua Stapelia gigantea - foto Leroy Merlin
Leggi come coltivare e veder fiorire la tua Stapelia gigantea - foto Leroy Merlin

Conosci la Stapelia gigantea?

La Stapelia gigantea (o Stapelia nobilis), specie appartenente alla famiglia delle Apocynaceae, ha il tipico aspetto delle piante grasse: è una specie sempreverde con fusti allungati e cicciotti (spessi 3cm), eretti e riuniti in mazzetti più o meno ramificati alla base. Hanno sezione angolare e dentata e consistenza carnosa. Durante il periodo estivo, nella parte basale dei fusti compaiono singoli boccioli: la loro apertura dà origine ad un fiore a forma di stella, largo fino a 35cm, motivo per cui questa specie viene definita “gigantea”. I loro petali, lievemente pelosi e maleodoranti, sono di colore giallo ocra, attraversati da striature rosse. La loro durata è breve e rimangono aperti solo un giorno.
Fusti carnosi e fiori giganti puzzolenti, è il “fiore carogna” - foto Pixabay
Fusti carnosi e fiori giganti puzzolenti, è il “fiore carogna” - foto Pixabay

Sai perché la Stapelia viene detta “fiore carogna”?

L’odore di marcio che emanano i suoi fiori ha fatto guadagnare alla pianta il nome “fiore carogna”: è una tattica per attrarre gli insetti impollinatori, generalmente proprio la mosca carnaria che, spostandosi di fiore in fiore, ne trasporta il polline. Stapelia gigantea forma un cespo sempreverde alto e ampio circa 30cm con cui potrai riempire i vasi del tuo balcone o aiuole del giardino se vivi in un’area a clima mite anche in inverno.
La mosca carnaria, attratta dal loro odore, impollina i fiori di Stapelia - foto Leroy Merlin
La mosca carnaria, attratta dal loro odore, impollina i fiori di Stapelia - foto Leroy Merlin

Diverse specie di Stapelia

Il genere Stapelia comprende anche altre specie, tra cui la Stapelia grandiflora, che emette fiori di dimensioni più piccole (fino a 22cm di diametro) e colore rosso scuro e la Stapelia variegata (o Orbea variegata), con fiore ancora più piccolo (diametro di circa 8cm) e petali maculati di colore giallo e marrone.
Il genere Stapelia comprende anche la specie variegata - foto Pixabay
Il genere Stapelia comprende anche la specie variegata - foto Pixabay

Come si coltiva la Stapelia?

Tieni la Stapelia in un luogo soleggiato e protetto del tuo terrazzo o giardino, considerando che, come tutte le piante grasse, ha bisogno di luce e calore. Soffre le basse temperature: con valori inferiori ai 10°C dovrai proteggerla, spostando il vaso in una zona meno fredda. Se vuoi coltivare una Stapelia, ti consiglio di partire da una porzione di cespo: in primavera o estate, distacca un paio di fusticini dotati di radici da una pianta adulta (magari hai un conoscente che ne possiede una grossa pianta) e mettila in terra entro un vaso di terracotta dotato di fori basali. Utilizza un terriccio sciolto e ben drenante: crea una miscela di terra universale e sabbia grossolana, o pomice, oppure acquista terriccio specifico per piante grasse, già pronto. In breve tempo, la talea attecchirà e darà origine ad una nuova pianta.
Ottieni la tua pianta di Stapelia distaccando piccoli cespi da una pianta adulta - foto Leroy Merlin
Ottieni la tua pianta di Stapelia distaccando piccoli cespi da una pianta adulta - foto Leroy Merlin

Prenditi cura della tua Stapelia

La Stapelia non ha bisogno di essere bagnata molto, poiché ha già una buona riserva di acqua nei tessuti dei suoi fusti. Se esageri con le innaffiature, rischi di provocare lo sviluppo di marciumi! Quindi, tieni la terra sempre piuttosto asciutta, bagnandola più frequentemente ma moderatamente nelle giornate siccitose, raramente nelle giornate più fredde. L’acqua deve essere sufficiente a mantenere la pianta bella turgida. In primavera, ti consiglio di fornire un fertilizzante specifico per piante grasse (segui sempre le indicazioni in etichetta), ti aiuterà a nutrire al meglio la tua pianta e a ottenere fiori più grandi e belli!
Tieni una piantina di Stapelia nella tua collezione di piante grasse, anche quelle con forme strane e insolite: creerai un bellissimo angolo e allegre fioriture con poco sforzo e tanta soddisfazione! Condividi con noi la foto dei fiori della tua Stapelia!
Inserisci un “fiore carogna” nella tua collezione di piante grasse! - foto Leroy Merlin
Inserisci un “fiore carogna” nella tua collezione di piante grasse! - foto Leroy Merlin

GEOLIA
Terriccio GEOLIA per piante grasse 7 L
Continua ad esplorare la Community!