Community

Home / Magazine della casa / Come illuminare un open space cucina soggiorno
Elisa_Pivetti
Home Stylist
10/30/20-10:36 (modificato il 05/01/24-20:51)

Come illuminare un open space cucina soggiorno

L’illuminazione è uno dei punti focali in un ambiente, è importante scegliere la luce giusta a seconda dell’ambiente e della sua destinazione d’uso. Sempre più case hanno un unico ambiente in cui convivono cucina e soggiorno, per questo è importante studiare le luci in modo da valorizzare queste zone diverse e rendere armonioso l’insieme. Vuoi scoprire il modo migliore per riuscirci? Ecco qualche consiglio da mettere in pratica per illuminare al meglio la tua zona living open space:

  1. Utilizza piantane nell’area living
  2. Scegli un lampadario per illuminare il tavolo
  3. Installa LED in prossimità dell’angolo cottura
  4. Studia il modo di posizionarle
  5. Pensa all’impatto ambientale
  6. Punta sul design in modo armonico

Cucina-soggiorno open space – Leroy Merlin

1. Utilizza piantane nell’area living

Il salotto coincide con attività di relax, conversazione con famigliari e amici sul divano, o divertimenti da tempo libero: per tutti questi motivi l’illuminazione per interni
dev’essere accogliente e coinvolgente. In un soggiorno open space, trovo perfette le lampade da terra, ancor meglio se con luce dimmerabile, per valorizzare il tuo ambiente. Se apprezzi lo stile industriale, i modelli semplici ma scultorei arrederanno dando quel tocco in più che stai cercando. Prendi per esempio in considerazione la Big Sofa arco nickel, elegante e versatile si abbina a tantissimi stili di design. Ricordati che è fondamentale che i corpi illuminanti dialoghino tra loro per creare armonia nella stanza, puoi quindi utilizzare un mix tra proposte da terra, da soffitto e appliques purché abbiano un leitmotiv coerente.
Idea lampada da terra - Leroy Merlin

2. Scegli un lampadario per illuminare il tavolo

La sala da pranzo in genere funge da “raccordo” tra l’area operativa vera e propria, la cucina, e i divani. Qui trovo particolarmente indicati lampadari e lampade a sospensione, come il modello Industriale Townshend, da installare sopra il tavolo oppure sopra l’isola. Il mio consiglio è sempre di mantenere un filo conduttore tra le luci: stesso stile, forma o colore, ad esempio, in modo che l’ambiente risulti armonico. Se fossi in te userei tipologie diverse in relazione alla funzione: lampada da terra e qualche applique per il salotto, lampadario per la zona pranzo, plafoniera e LED sottopensile per le aree di lavoro.
Ispirazione zona pranzo – Leroy Merlin

3. Installa LED in prossimità dell’angolo cottura

La cucina vera e propria, che sia in un open space o un ambiente separato, ha bisogno di un’illuminazione dedicata allo spazio di lavoro. Molte sono le opzioni a tua disposizione per illuminare nel modo corretto la zona operativa della tua cucina: puoi inserire faretti e strisce e tubi led, in questo modo potrai lavorare comodamente illuminando i punti in cui la luminosità generale non è sufficiente. Per questo consiglio i led Running light strip un prodotto versatile, che potresti utilizzare anche per illuminare la zonaTV. Molti di questi dispositivi funzionano a batteria, quindi puoi aggiungerli a tuo piacimento nei punti dove hai bisogno di più luce senza portare la corrente elettrica. Un tocco in più per valorizzare la stanza utilizzando la luce, potrebbe essere inserire una plafoniera da abbinare ai punti luce già presenti, in questo caso potresti dare un’occhiata a tutte le lampadine per individuare quelle a basso consumo energetico.
Illuminazione per la cucina – Leroy Merlin

4. Studia il modo di posizionarle

Considera le attività che si svolgeranno in ciascuna area: preparazione dei pasti, relax, e intrattenimento: ogni ambiente richiede tipi e intensità di luce differenti. Utilizzare un approccio a strati ti permetterà di combinare un mix tipologie di soluzioni, creando un ambiente versatile e accogliente. In modo particolare potrai scegliere tra:

  • Illuminazione ambientale. Ha lo scopo di creare un punto luce generale, ad esempio con plafoniere, faretti incassati nel soffitto o grandi lampadari per diffondere chiarore uniformemente;
  • Illuminazione di compito. Devi pensarla a seconda della funzione della sezione dell’open space: se sotto i pensili possono essere d’aiuto i LED Wi-Fi come le LEDstrip 2M 1600lm startkit multicolor per illuminare l’angolo cottura, mentre dove si legge ha più senso posizionare una luce soffusa e regolabile;
  • Illuminazione di accento. Serve a mettere in risalto elementi architettonici o pezzi d’arredo, aggiungendo profondità e interesse visivo. Ti suggerisco, in questo caso, faretti direzionabili o strisce LED per evidenziare quadri, mensole, o altri dettagli decorativi.

Plafoniera neoclassico Island - Leroy Merlin

5. Pensa all’impatto ambientale

Indipendentemente dallo stile scelto, considera l’utilizzo di opzioni sostenibili. Lampadine LED a basso consumo energetico, materiali riciclati o facilmente riciclabili, e prodotti che minimizzano l’impatto ambientale sono scelte responsabili che non sacrificano estetica o funzionalità… e in più ti aiutano anche a tenere sotto controllo le bollette! Non sai quali scegliere? Per ridurre i costi iniziali prendi in considerazione i set tra cui quello da 3 di lampadine a LED e per un ambiene open space puoi anche scegliere lampadine con luce variabile da caldo a freddo , in questo modo potrai adattare la luce generale alle tue esigenze.

Lampada da tavolo industriale Hornwood - Leroy Merlin

6. Punta sul design in modo armonico

Lo stile delle luci dovrebbe armonizzarsi con l’arredamento generale dell’open space: scegli in base allo stile della stanza, da design minimalisti e moderni a varianti più tradizionali o industriali, aggiungendo un tocco di personalità all’ambiente è possibile valorizzare al massimo persino soluzioni low cost. Se non sai quale stile scegliere dai un’occhiata ad una breve guida che condividiamo qui:

  • Minimalista. In uno spazio moderno, prediligi proposte dal design semplice e pulito, con materiali tra cui metallo, vetro o plastica. L’illuminazione LED, per la sua versatilità e efficienza, si adatta perfettamente a questo stile;
  • Tradizionale. Per un ambiente più classico, scegline con dettagli in ottone, legno o vetro soffiato. Un lampadario elegante o piantane con paralumi in tessuto possono aggiungere un tocco di calore e ricercatezza;
  • Urbano. L’open space industriale ti permette di giocare con materiali grezzi: ne sono un esempio metallo, vetro o cemento. Le varianti a sospensione in stile urban e i faretti su rotaie sono scelte ideali.
  • Bohémien. Se ami lo stile eclettico, puoi giocare con colori, texture e forme uniche. Lanterne colorate, luci con base decorativa e sospensioni in tessuto possono creare un’atmosfera accogliente e personale.

Lampadario Moderno Jugen - Leroy Merlin

Ora hai tutte le informazioni per valorizzare al massimo il tuo ambiente ma se vuoi approfondire di più l’argomento dai un’occhiata alla nostra guida per realizzare un Open Space moderno per la tua cucina soggiorno. Se vuoi mostrare il tuo risultato o hai dubbi condividili nei commenti, la community ti supporterà!

EGLO
Applique industriale Bailrigg nero EGLO
GLOBO
Ventilatore da soffitto LEONHARD, nero, Ø 50 cm, dimmerabile, GLOBO IP20
NEWGARDEN
Lampadario Boho CONTA MINI HANG TOPO LED, D. 15 cm, NEWGARDEN
INSPIRE
Applique LED moderno Sopran beige INSPIRE
Continua ad esplorare la Community!