Community

Home
Magazine della casa
Vischio, bacche di buon auspicio per il nuovo anno: sai come
AnnaZorloni
Garden Expert
12/05/23-08:12 (modificato il 12/07/23-07:00)

Vischio, bacche di buon auspicio per il nuovo anno: sai come si coltiva?

Non farti mancare un rametto di vischio da appendere all’ingresso di casa: questa pianta è considerata un vero porta fortuna e la sua presenza in casa, durante le festività, non passerà sicuramente inosservata. Il vischio e le sue bacche, belle come perle, sono di buon auspicio per il nuovo anno, un vero e proprio porta fortuna! Sai come coltivare il vischio? Potrai utilizzare le bacche del tuo rametto terminate le feste, per ottenere una pianta: leggi come fare!
Il vischio è di buon auspicio per il nuovo anno: leggi come si coltiva questa pianta – foto Leroy Merlin Il vischio è di buon auspicio per il nuovo anno: leggi come si coltiva questa pianta – foto Leroy Merlin

Conosci la pianta del vischio?

Il vischio, Viscum album, è una specie appartenente alla famiglia delle Santalaceae. Vive normalmente nei boschi, non in terra, ma a contatto con altre piante ad alto fusto, soprattutto le querce, ma anche su pioppi, robinie, biancospini, meli, peri, nespoli e conifere. Proprio per il suo modo di vivere, il vischio viene definita una pianta epifita ed emiparassita: termini che stanno ad indicare la sua capacità di vivere a spese delle piante sulle quali si aggrappa saldamente e dalle quali trae gli elementi nutritivi. Il vischio è un piccolo cespuglio disordinato, con foglioline ovali oblunghe, di consistenza coriacea, opposte. In seguito all’impollinazione dei suoi fiori, svolta dagli insetti pronubi, si sviluppano le bacche, tonde di colore bianco-crema traslucide; al loro interno, un liquido vischioso protegge i semi. Presta attenzione a non ingerire le bacche! Il loro contenuto, infatti, la viscumina, è altamente tossico per l’uomo (non per gli uccelli)!
Le bacche del vischio, bianche traslucide, sono belle come perle preziose – foto Pixabay Le bacche del vischio, bianche traslucide, sono belle come perle preziose – foto Pixabay

Sai perché il vischio porta fortuna?

Si dice che baciarsi sotto un rametto di vischio appeso, porti fortuna agli innamorati! Rende il legame amoroso più forte e saldo, eterno. Questa credenza deriva dagli antichi celti: questa popolazione, infatti, considerava il vischio un cespuglio sacro, al pari delle piante di quercia sulle quali vive e alle quali si lega tenacemente, creando un’unione salda. Da qui deriva l’usanza degli innamorati di baciarsi sotto un rametto di vischio, la notte di capodanno: in questo modo la loro unione viene resa più forte e inseparabile, proprio come quella tra il vischio e la quercia! Il giorno dell’Epifania, finite le feste, non dimenticarti di bruciare il rametto di vischio, altrimenti viene meno l’effetto porta fortuna! Gli antichi galli, come Asterix e Obelix per intenderci, conferivano al vischio poteri magici.
Un rametto di vischio appeso durante le festività, porterà fortuna al nuovo anno! – foto Leroy Merlin Un rametto di vischio appeso durante le festività, porterà fortuna al nuovo anno! – foto Leroy Merlin

Come ottenere una pianta di vischio?

Sai come fare a salvare il tuo rametto di vischio dopo le feste? Puoi utilizzarlo per ottenere una nuova pianta! Se hai, in giardino, una pianta di quercia o una pianta sulla quale poter far sviluppare il vischio, prova a procedere in questo modo. Se le bacche del tuo rametto di vischio sono ancora turgide, estraine i semi: indossa un paio di guanti per proteggerti le mani e spremi la bacca tra le dita, così da romperne l’epidermide e far uscire il seme mantenendolo avvolto nella sostanza vischiosa che lo avvolge. Metti il seme, ancora avvolto nel liquido vischioso, in una crepa o incisione fatta con un coltellino da innesto nella corteccia della pianta che hai individuato in giardino, possibilmente in posizione protetta dagli uccellini che se lo mangerebbero subito. Lascialo a riposo, dimenticati di lui… Lo sviluppo della pianta è molto lento! Il seme emetterà delle protuberanze (gli “austori”) con cui si attaccherà e penetrerà nella corteccia, quindi un primo germoglio e, nel giro di un paio di anni una nuova piantina.
I semi del vischio, messi nella corteccia, germogliano a dare vita a nuove piantine – foto Leroy Merlin I semi del vischio, messi nella corteccia, germogliano a dare vita a nuove piantine – foto Leroy Merlin

Il vischio è una pianta parassita!

Ti consiglio di scegliere una pianta forte e vigorosa sulla quale far sviluppare il vischio: il vischio è una specie parassita e non fa proprio bene alla pianta sulla quale cresce, perché è un parassita e vive sottraendo linfa vitale alla pianta, indebolendola a lungo andare. Un solo cespuglio, tuttavia, raramente porta la pianta ospite a soffrire.
In natura, il vischio vive aggrappato ai rami di alberi ad alto fusto – foto Pixabay In natura, il vischio vive aggrappato ai rami di alberi ad alto fusto – foto Pixabay

Scommetto che non conoscevi tutti i segreti del vischio! Ora che sai come fare, provaci anche tu a gennaio, terminate le feste. Poi, scrivimi qui sotto per raccontarmi com’è andato l’esperimento! A proposito; terminate le feste, dedica le giuste cure anche alla tua Stella di Natale se vuoi mantenerla bella!

GEOLIA
Guanto GEOLIA 8 , 2 pezzi
Leroy Merlin
Coltello da innesto lama 5 cm
Continua ad esplorare la Community!