Community

Home
Magazine della casa
Bagno cieco: 12 soluzioni per arredarlo e viverlo al meglio
elisabetta.garoni
Architetto
26/10/18-10:25 (modificato)

Bagno cieco: 12 soluzioni per arredarlo e viverlo al meglio

Stai ristrutturando o progettando il bagno e sei costretto ad accontentarti di un ambiente privo di finestre? A primo acchitto, la stanza potrebbe sembrarti buia, inospitale o addirittura sgradevole. Questo perché, in assenza di aperture verso l’esterno, luce naturale e ricambio d’aria vengono a mancare. Simili condizioni, inoltre, favoriscono la formazione di muffa, cattivi odori e condensa. Non ti preoccupare, però, perché ci sono tanti accorgimenti che puoi adottare per rendere l’ambiente fresco, luminoso e arioso. Ecco 12 soluzioni per bagno cieco da cui puoi trarre ispirazione per creare una stanza confortevole e di tendenza:

  1. Scegli i colori giusti
  2. Attenzione ai materiali
  3. Bagno cieco e vetrocemento
  4. Più luce e spazio con gli specchi
  5. Spazio ai vetri trasparenti
  6. Bagno in camera e pareti in vetro: perché no?
  7. Prediligi rivestimenti a tutta altezza
  8. Progetta un sistema di illuminazione a regola d’arte
  9. Soluzioni salvaspazio e sanitari poco ingombranti
  10. Pochi accessori, ma buoni
  11. Non dimenticarti delle piante
  12. Le fragranze per eliminare i cattivi odori

1. Scegli i colori giusti

Determinante per un bagno cieco arioso anche in assenza di finestre è la scelta dei colori. L’imperativo di massima è optare per quelli chiari! Tonalità poco accese, infatti, permettono di riflettere la luce e di far percepire l’ambiente come più ampio e luminoso. Scegli colori tenui come il bianco, il cipria e l’avorio, sia per i rivestimenti che per gli arredi. Tinte scure, come il nero o il blu, sono penalizzanti perché tendono ad appesantire la stanza e a restituire una sensazione di chisura. Non eccedere: per evitare di creare un ambiente troppo freddo (più che fresco), smorza i colori chiari combinandoli con elementi e materiali più caldi.
Se proprio non puoi fare a meno di esibire la tua passione per il total black e donare al tuo bagno un carattere particolare, puoi osare con una palette cromatica nei toni del grigio o del nero. Lo stesso discorso vale se il tuo desiderio è conferire personalità al bagno utilizzando colori accesi e vivaci. Il consiglio, però, è limitare queste scelte alla decorazione di pareti di accento o aree limitate, così da valorizzarle. In ogni caso, se il bagno ha un’ottima illuminazione artificiale, puoi permetterti tutti i tipi di colori, senza limiti e costrizioni.

2. Attenzione ai materiali

Per quanto riguarda la scelta dei materiali di mobili e accessori, tieni a mente che l’obiettivo è far propagare il più possibile la luce artificiale all’interno della stanza. Il consiglio è optare per materiali dalla superficie lucida, come il marmo e la ceramica smaltata. Adottando questa accortezza, renderai il tuo bagno più luminoso anche nel caso in cui decidessi di optare per una palette di colori scuri e decisi. Occhio anche alle finiture dei mobili e ai dettagli della rubinetteria: i metalli cromati sono perfetti per aggiungere un tocco di luce!

3. Bagno cieco e vetrocemento

Tra le soluzioni per un bagno cieco di tendenza c’è il vetrocemento. Si tratta di un materiale da costruzione che puoi utilizzare per realizzare pareti divisorie all’interno della stanza, senza ostacolare il passaggio della luce artificiale. È la soluzione ideale per te se hai la necessità di separare gli spazi all’interno del bagno e non vuoi sacrificare l’illuminazione. In alternativa, puoi sostituire porzioni di pareti portanti con il vetromattone, così da favorire l’ingresso della luce naturale proveniente dagli altri ambienti della casa. In questo caso, ovviamente, l’investimento richiesto è più alto! Se il vetromattone non è la soluzione che fa per te, nell’articolo “Come illuminare un bagno cieco: non solo vetrocemento” trovi tante idee alternative.

4. Più luce e spazio con gli specchi

Arredare un bagno cieco con gli specchi è un trucco che funziona sempre, indipendentemente dalla grandezza dello spazio. Gli specchi rappresentano la soluzione ideale per creare l’illusione di una stanza più grande ed evitare che il bagno, a causa della mancanza di finestre, risulti opprimente e restituisca un senso di chiusura e ristrettezza. Gli specchi, infatti, riflettono la luce e moltiplicano la luminosità. Puoi sceglierne uno di grandi dimensioni e sistemarlo nella parete sopra il lavabo. Ti consiglio di optare per un modello senza profilo, così che l’effetto ottico che si crea raddoppi lo spazio. Se l’idea della parete a specchio non ti alletta, puoi posizionare specchi più piccoli in vari punti della stanza per far risplendere il tuo bagno. Modelli con luci integrate sono perfetti per rendere l’ambiente ancora più luminoso e fargli cambiare completamente aspetto.

5. Spazio ai vetri trasparenti

Come illuminare un bagno cieco per renderlo più accogliente? Punta sui vetri trasparenti! Se hai optato per una doccia, l’installazione di tendine o di un box opaco è altamente sconsigliata perché finirebbe per rendere la stanza ancora più angusta di quanto non lo sia già. Piuttosto, preferisci pareti in vetro o box doccia trasparenti con profili molto sottili. Per un bagno cieco subito più arioso e luminoso, valuta l’acquisto di mobili dotati di ante in vetro che riflettono la luce, oltre che l’installazione di una porta in vetro (satinato, per mantenere la privacy), perfetta per rendere l’ambiente più luminoso grazie alla luce naturale proveniente dalle altre stanze.

6. Bagno in camera e pareti in vetro: perché no?

Se il bagno cieco è in camera da letto o comunque non troppo in vista, valuta la possibilità di creare delle pareti trasparenti, anche solo in parte. Un’ottima soluzione è realizzare pareti in muratura di media altezza, completandole con delle vetrate. In questo modo, la luce naturale proveniente d’altra stanza renderà il bagno immediatamente più luminoso!

7. Prediligi rivestimenti a tutta altezza

Nei bagni ciechi, la condensa e la formazione di muffa sono problemi ricorrenti. Per evitare questi spiacevoli e sgradevoli inconvenienti, il consiglio è rivestire le pareti della stanza a tutta altezza (o quasi). Piastrelle e rivestimenti in resina sono perfetti per proteggere i muri ed evitare la comparsa delle tanto temute macchie scure.

8. Progetta un sistema di illuminazione a regola d’arte

La luce naturale, in un bagno cieco, è assente. Per questo motivo, è fondamentale progettare con attenzione il sistema di illuminazione artificiale. Il primo passo è scegliere la luce principale (preferibilmente fredda). Successivamente, il consiglio è posizionare diversi punti luce all’interno della stanza. Un’ottima idea è lo specchio illuminato sopra il lavabo, così come i mobili dotati di luci integrate. I faretti in corrispondenza della zona doccia permettono di creare atmosfera!

Nel tuo progetto di illuminazione può trovare spazio anche un bellissimo (finto) lucernario. Per crearlo puoi acquistare un pannello LED di forma rettangolare o quadrata e installarlo direttamente al soffitto. Basterà questo per far percepire l’ambiente in modo completamente diverso! Se, all’interno della stanza, sono presenti dei controsoffitti, valuta l’idea di creare delle “cascate di luci” installando dei faretti il cui fascio luminoso sia rivolto verso il soffitto.

9. Soluzioni salvaspazio e sanitari poco ingombranti

Indipendentemente dalle dimensioni del bagno, essendo cieco e privo di finestre, il consiglio è arredarlo con soluzioni salvaspazio e poco ingombranti. Percorrendo questa strada, puoi rendere lo spazio più ordinato e farlo sembrare più ampio e arioso. Opta per scaffalature, mensole, cestini e contenitori. Inserire troppi mobili in un bagno cieco non è una buona idea. Piuttosto, prediligi un arredamento essenziale e minimal. Nella guida “Come scegliere i mobili per il bagno” trovi tanti consigli utili per fare la scelta giusta. Per quanto riguarda i sanitari, quelli sospesi di colore bianco sono l’ideale. Oltre ad essere molto eleganti, sono anche poco ingombranti.

10. Pochi accessori, ma buoni

Una delle migliori soluzioni per un bagno cieco accogliente è arredare la stanza con pochi accessori. La parola d’ordine è semplicità! Evita di eccedere con gli ornamenti e con la quantità di elementi perché il bagno potrebbe risultare più chiuso, disordinato e piccolo. Meglio optare per pochi complementi, essenziali e belli da vedere, da sistemare anche a vista. Qualche esempio? Un bel cestino per i profumi oppure uno o più quadretti da appendere alle pareti.

11. Non dimenticarti delle piante

La mancanza di finestre in bagno non rende possibile il contatto con l’esterno e con la natura. È per questo motivo che si consiglia di inserire nella stanza qualche piantina. È vero che negli ambienti privi di luce le piante hanno problemi a starci. Tuttavia, ce ne sono tantissime che riescono a sopravvivere anche con poca luce, come le begonie, la menta e l’edera in vaso. Sistemale sulle mensole per creare decorazioni affascinanti! Per un effetto ancora più suggestivo, opta per le piante rampicanti.

12. Le fragranze per eliminare i cattivi odori

Uno dei problemi principali dei bagni ciechi è che, in assenza di finestre, potrebbero crearsi cattivi odori. Se il tuo bagno non è dotato di un sistema di aerazione forzata, il ricambio dell’aria all’interno dell’ambiente non avviene e, di conseguenza, si formano muffe e cattivi odori. In questo caso, il consiglio è sistemare all’interno della stanza un diffusore di essenze profumate. Quest’ultimo, diffondendo le tue fragranze preferite, contribuirà a far percepire il bagno come più fresco e pulito. In alternativa, puoi utilizzare deodoranti spray per ambienti oppure candele profumate. Molte di queste soluzioni sono belle da vedere e, quindi, perfette da utilizzare come veri e propri complementi per arredare e abbellire il bagno.

Capita spesso che, in fase di progettazione o ristrutturazione di un appartamento, uno dei bagni della casa venga ricavato su un lato dell’abitazione privo di finestre. Se questo è il tuo caso, metti in pratica i suggerimenti che ti ho fornito per arredare la stanza senza rinunciare all’estetica e alla funzionalità e renderla accogliente, luminosa e confortevole. Il risultato sarà un ambiente salubre, arioso, bello e di tendenza! Se qualcosa non ti è chiaro o hai bisogno di un consiglio, lascia un commento: sarò felice di aiutarti.

Bagno cieco: 12 soluzioni per arredarlo e viverlo al meglio
Continua ad esplorare la Community!