Community

Home
Magazine della casa
Giardino eco-friendly 2024: come rinnovarlo in modo
Federica_Cornalba
Architetto e paesaggista
10/12/23-06:28 (modificato il 10/12/23-07:09)

Giardino eco-friendly 2024: come rinnovarlo in modo responsabile e sostenibile

Arrivati alle porte del 2024 possiamo dire con assoluta certezza che essere sostenibili non è più una tendenza, ma una vera e propria necessità. In qualsiasi campo, le scelte che facciamo in modo casuale o istintivo riescono a soddisfare i nostri bisogni nell’immediato, ma di sicuro non rispondono adeguatamente alle esigenze del Pianeta nel quale viviamo e del quale ci nutriamo. Per questo è fondamentale adottare uno stile di vita responsabile e sostenibile a 360°, anche quando - per esempio - vogliamo rinnovare il nostro giardino (cosa che personalmente amo fare piuttosto spesso!). I passi da seguire non sono molti, e scoprendoli insieme, ci accorgeremo anche che non comportano alcun sacrificio in fatto di estetica e funzionalità!
Ispirazioni per rinnovare il giardino in modo sostenibile e responsabile – Leroy Merlin

Hardscape : scegliere in modo responsabile i pavimenti e i materiali “duri” del giardino

Sapete vero cos’è l’hardscape di un giardino? Letteralmente è la sua parte “dura”, costituita cioè da materiali lapidei o cementizi che vanno a formare i cordoli, le pavimentazioni e in generale tutti gli elementi costruiti. Per analogia, visto che spesso è necessario realizzare un massetto di cemento su cui appoggiarle, considereremo parte dell’hardscape anche le pavimentazioni in legno o in WPC (Wood Plastic Composite). Perché questa precisazione? Perché nel giardino eco-friendly 2024 qualsiasi componente “dura” va attentamente analizzata prima di essere scelta! Criteri fondamentali sono la provenienza, la filiera produttiva e la durabilità dei materiali: nel caso in cui ci piacesse il legno, per esempio, le piastrelle a incastro di acacia sarebbero perfette. Sono realizzate con il 100% di materiale riciclato, provengono da una gestione forestale sostenibile e hanno un imballaggio ottimizzato per non impattare sull’ambiente. Stessa cosa vale per i listoni in WPC con sistema a clip che oltre a essere realizzati in materiale eco-sostenibile, sono anche indistruttibili e non richiedono alcuna manutenzione…esattamente come le super performanti piastrelle in grès effetto pietra, realizzate seguendo un processo produttivo rispettoso dei valori sociali e ambientali. Come vedete ce n’è per tutti i gusti e per tutte le esigenze!
Come scegliere i materiali “duri” per rinnovare il nostro giardino in modo sostenibile e responsabile – Leroy Merlin

Sfruttare il sole per risparmiare energia e creare spazi da godere tutto l’anno

Tutti sappiamo che per star bene in giardino, soprattutto d’estate, un po’ di ombra e di fresco sono assolutamente necessari, ma ciò cui dobbiamo prestare più attenzione, se vogliamo dare al nostro spazio outdoor un’impronta eco-friendly, è proprio il sole! La sua energia, che ci regala ogni giorno con grande generosità, è infatti una delle fonti rinnovabili più sfruttabili che ci siano, sia per scaldare l’acqua a uso domestico, sia per produrre energia elettrica (sapete vero qual è la differenza tra il sistema solare termico e quello fotovoltaico?) ed è proprio quest’ultima proprietà che può tornarci utile nel momento in cui abbiamo intenzione di rinnovare il nostro giardino! Scegliendo una pergola fotovoltaica, infatti, faremo un investimento iniziale importante, ma i benefici che otterremo saranno incalcolabili: installandola a ridosso della casa, produrrà - nell’immediato - l’ombra necessaria per trascorrere intere giornate al fresco e abbasserà anche di qualche grado la temperatura degli ambienti interni limitrofi. L’aspetto più interessante, però, è da valutare nel medio-lungo periodo, quando ci accorgeremo che i consumi dell’energia elettrica saranno piacevolmente molto più bassi…con vantaggi non solo per le nostre tasche, ma anche per l’intero Pianeta!
Idee per scegliere la pergola fotovoltaica più adatta alle nostre esigenze e a quelle del Pianeta - Leroy Merlin

Arredare il giardino con mobili belli e sostenibili

Altro passaggio fondamentale per trasformare il nostro giardino in un’oasi urbana dove sostenibilità e benessere si fondono è la scelta degli arredi. In questo caso, scommetto che molti saranno un po’ perplessi per la paura di dover rinunciare all’aspetto estetico e quindi al proprio gusto personale…ma io sono pronta a rassicurarli: fare scelte responsabili in fatto di arredi da giardino non è affatto un problema! Innanzitutto va detto che le stesse tendenze del design stanno andando a braccetto con il tema dell’eco-sostenibilità e quindi non c’è alcun rischio di essere fuori moda, ma poi l’offerta di prodotti a impatto ridotto è davvero talmente ampia da accontentare qualsiasi esigenza in fatto di stile e di budget. A giocare il ruolo dei leoni sono certamente gli arredi di legno, come le sedie da giardino pieghevoli in acacia, che sono progettati per durare nel tempo perché resistenti all’umidità e ai raggi UV (oltre ad avere la certificazione FSC), ma per chi preferisce uno stile più contemporaneo ci sono altre soluzioni ugualmente sostenibili, come il tavolo allungabile in alluminio bianco con piano in vetro, che presentano linee sobrie ed essenziali in grado di soddisfare qualsiasi esigenza in fatto di gusto e funzionalità.
Come scegliere gli arredi da giardino che fondono estetica, funzionalità e sostenibilità – Leroy Merlin

Complementi d’arredo per assecondare il proprio stile e rispettare l’ambiente

Oltre agli arredi, i complementi sono fondamentali per definire lo stile delle aree funzionali di un giardino, quindi nel momento della scelta va loro riservato un trattamento speciale. Certamente la prima “scrematura” va fatta in base al gusto personale, ma subito dopo - se vogliamo che il nostro giardino sia davvero eco-friendly - l’attenzione deve andare alla loro etichetta che ci dirà con quali materiali sono stati prodotti e in che modo possiamo pulirli. Scegliendo, per esempio, un tappeto da esterno in polipropilene, scopriremo che questo materiale - anche conosciuto come “lana sintetica” - è estremamente resistente, adatto per chi soffre di allergia verso le fibre naturali e facilissimo da tenere pulito (requisito importantissimo non solo per evitare faticose operazioni di manutenzione, ma che per ridurre gli sprechi di acqua, prodotti chimici ed energia). Inoltre, la sua etichetta Oeko-Tex 100 Recycled - Global Recycled Standard ne certifica il basso impatto sull’ambiente e il rispetto di determinati criteri ecologici, tra cui la fonte e la percentuale di materiale tessile riciclato. La stessa etichetta è presente anche sui super trendy futon da pavimento in tessuto idrorepellente che, oltre ad essere comodissimi e molto pratici, sono anche privi di sostanze nocive per nostra la salute e quella dell’ambiente.
Ispirazioni per rinnovare il giardino con complementi d’arredo a basso impatto ambientale - Leroy Merlin

Illuminare il giardino senza inutili sprechi energetici

Arriviamo infine alle luci che in un giardino sono elementi molto importanti, non solo per il ruolo che svolgono in termini funzionali e di sicurezza, ma anche per il prezioso contributo decorativo che danno all’intero spazio. Ovviamente il loro funzionamento presuppone un certo consumo di energia elettrica che, però, in un giardino eco-friendly andrà tenuto sotto controllo sfruttando tutte le tecnologie a disposizione, dalle luci LED che durano molto più a lungo, consumano meno e non contengono neppure mercurio tossico, ai sensori di movimento che ci consentono di evitare accensioni inutili. Buona norma è scegliere delle lampade coordinate cui assegnare i ruoli funzionali e affidarsi quindi a un’unica serie di lampioni, lampioncini e applique che rispondano però ai nostri eco-requisiti fondamentali. Analogo è l’approccio da seguire per scegliere le lampade decorative che potranno anche essere diverse, in base all’area che andranno a servire: in questo caso possiamo sfruttare delle fonti di energia alternative, magari con una ghirlanda luminosa ad alimentazione solare, oppure con delle divertenti lampade da tavolo che si caricano tramite porta USB. Fondamentale, comunque, è che stile e responsabilità vadano sempre di pari passo!
Come illuminare il giardino in modo sostenibile e responsabile – Leroy Merlin

Hai trovato utili i suggerimenti per rinnovare il tuo giardino in modo sostenibile e responsabile? Se vuoi approfondire l’argomento, puoi scoprire quali sono gli attrezzi migliori per fare giardinaggio eco-friendly e quante altre azioni puoi compiere per rispettare l’ambiente, mentre nel caso ti servano dei consigli personalizzati, scrivilo qui nei commenti: io sarò ben felice di aiutarti!

ONEK
Piastrelle ad incastro ONEK in legno acacia 30 x 30 cm Sp 25 mm, miele
NATERIAL
Listone da incastro in composito in legno e plastica (wpc) L 120.0 x H 15.0 cm, Sp 34.0 mm grigio
Leroy Merlin
Set tavolo e sedie Solaris NATERIAL in legno per 6 persone, marrone
NATERIAL
Tavolo da giardino allungabile Odyssea NATERIAL in alluminio con piano in vetro texturizzato bianco per 12 persone 256/320x100cm
INSPIRE
Tappeto interno ed esterno Emma polipropilene, beige, 120x170
INSPIRE
Cuscino da pavimento INSPIRE Luck rosso 40x40 cm
INSPIRE
Lampada da esterno senza fili Nomad Luno H 20 cm, luce bianco naturale, LED IP44
Continua ad esplorare la Community!