Community

Home / Magazine della casa

Magazine della casa

Vivi la tua passione per la casa e il giardino, scopri le ultime tendenze di stile e trova nuovi spunti per i tuoi progetti con gli articoli della nostra redazione.
Tutti gli articoli
I miei articoli
Creare un articolo
Tutto Bagno e arredo bagnoGiardino e TerrazzoDecorazione e IlluminazionePavimenti e rivestimentiVerniciCucinaOrdine e sistemazioneFalegnameria ed EdiliziaUtensileria e FerramentaFinestre, porte e scaleElettricità, automazioni e Smart HomeClimatizzatori, stufe e idraulicaNataleEventi e iniziative community
Federico_Panarello
Architetto
LM People
26/02/21-16:23

Dobbiamo ammetterlo, siamo dei consumatori seriali. Ci piace acquistare oggetti per la casa e prodotti per il bagno dei quali non possiamo fare a meno. Il problema però è sempre lo stesso, soprattutto per gli ambienti da bagno di piccole dimensioni. Dove poter conservare tutti questi oggetti? Nessuna paura, sto per svelarvi 5 portaoggetti bagno che salveranno i vostri spazi. Buona lettura!

Cesto salva spazio per gli asciugamani - Leroy MerlinCesto salva spazio per gli asciugamani - Leroy Merlin

Sistema ed organizza i piccoli oggetti con le custodie

Non so voi, ma non tutti possono vantare di un bagno ampio, per questo motivo è importante sfruttare lo spazio che abbiamo a disposizione per conservare gli oggetti senza creare disordine. I grandi alleati che possono venirci in aiuto sono le cassettiere bagno, soprattutto quelle del mobile lavabo. La maggior parte delle volte però i cassetti non hanno divisori, e gli oggetti riposti si mescolano non agevolandone l’uso. La soluzione che vi propongo è la Custodia Tex Organizer Compactor, ideale per sistemare ed organizzare i piccoli oggetti di uso quotidiano. Cosa ne pensate?

Organizer porta oggetti - Leroy MerlinOrganizer porta oggetti - Leroy Merlin

Riponi il phon e le piastre nelle ceste in plastica

Ci sono prodotti che abbiamo la necessità di tenere sempre a portata di mano, ma che occupano molto spazio, come ad esempio il phon e le piastre per capelli. Se non abbiamo comodi contenitori all’interno dei quali sistemarli il rischio è che rimangano in giro per giorni. Il mio consiglio è quello di puntare sulle ceste bagno con coperchio. Ne esistono di diverse misure e di diverse finiture colore. Avete già adocchiato la cesta Filo S in colore rosa oppure la cesta Filo XL colore avorio? Disponibili anche in marrone e grigio si adattano con facilità a diversi stili e nuance di colore. Da non sottovalutare che possono anche essere dotate di coperchio, come il coperchio Filo M/L.

Esempio di organizer cesto Filo colore rosa - Leroy MerlinEsempio di organizer cesto Filo colore rosa - Leroy Merlin

Appendi alla parete gli organizer in stoffa

Una soluzione che non tutti sanno è quella di sfruttare le pareti del bagno. Quando il mobile bagno è di piccole dimensioni si deve puntare sugli organizer bagno da appendere. Ne è un esempio la cesta Soria verde, dal design ricercato e poco ingombrante permette di posare al suo interno pennelli per il trucco e pettini per capelli. Questa cesta ha una caratteristica, quella di essere in stoffa, quindi comodissima per lavaggi frequenti e facilmente adattabile a tutte le forme, dalle creme per la pelle al tubetto di dentifricio. Provate a posizionarle sulla parete e sbizzarritevi creando una bella composizione!

Organizer in stoffa da appendere alla parete - Leroy MerlinOrganizer in stoffa da appendere alla parete - Leroy Merlin

Ami lo stile green? Punta sui contenitori in legno

Se invece siete alla ricerca di un contenitore bagno in stile shabby ed in tema green, il contenitore in legno grezzo naturale fa al caso vostro. Trend assoluto da qualche anno è ormai un oggetto sempre più presente nei bagni delle persone. Complici le numerose forme disponibili si può usare all'interno di cassetti e colonne ma anche lasciare in bella vista. Da riporre nei cassetti la scelta vincente è il separatore cassetto modulare Bamboo, disponibile in diverse taglie. Oppure da esporre, grazie alla sua linea di design, il set 3 cestini in bambù con interno in tessuto e struttura rigida. Difficile non innamorarsene!

Esempio di organizer in legno - Leroy MerlinEsempio di organizer in legno - Leroy Merlin

Sfrutta la verticalità con la credenza da bagno

Come accennavo già prima per risolvere i problemi di spazio e disporre i prodotti in modo da avere tutto in ordine possiamo sfruttare la verticalità. Avete mai pensato di optare per una credenza da bagno Sensea? Comoda e su più livelli permette di sistemare gli oggetti e soprattutto averli sempre a portata di mano. Ne esistono di molto belle e di tendenza, come ad esempio la credenza da bagno Sensea nera opaco, oppure in acciaio inox, adatte soprattutto per organizzare la piccola biancheria da bagno e per gestire lo spazio in modo più smart possibile.

Organizer in plastica porta oggetti - Leroy MerlinOrganizer in plastica porta oggetti - Leroy Merlin

Siete amanti del bagno e cercate altre ispirazioni per renderlo vivibile ed esteticamente bello? Allora vi consiglio di leggere l'articolo 7 consigli per il bagno perfetto. Adesso sono curioso di vedere i vostri progetti salva spazio, descrivetemeli nei commenti e condividiamoli con la community!

ValeriaBonatti
Architetto
26/02/21-16:00 (modificato)

Chi dice che in un bagno piccolo non ci sta niente? Non c’è nulla di più falso! In realtà il segreto sta tutto nell’organizzare lo spazio. Come? Con qualche piccolo accorgimento sulla scelta dei mobili e dei colori e ceste e contenitori per sistemare tutto ciò che serve, ma proprio tutto! Vedrai come sarà facile rendere il tuo piccolo bagno un ambiente pratico e funzionale, senza perdere di vista lo stile.

Cesti e contenitori in vimini si adattano ad ogni stile – foto Leroy Merlin.fr

Bagni piccoli, grandi ceste

Intanto sfatiamo subito un falso mito: ceste e cestini in vimini non sono appannaggio delle case di campagna; al contrario si inseriscono perfettamente in qualsiasi mood, regalando una sensazione di accoglienza con il valore del materiale naturale e dell’hand made. Valorizza un angolo con un cestone e usalo per tenere raccolti e a portata di mano asciugamani, riviste, i giochi da vasca dei bambini o delle piante per un tocco green. Per la biancheria da lavare invece meglio un bel cesto portabiancheria con coperchio; perfetti quelli in legno e in plastica che imitano l’intreccio del vimini, che puoi scegliere del colore che più si abbina al tuo bagno.

Il superfluo scompare in ceste e contenitori – foto Leroy Merlin

Tutto raccolto

Ciò che ruba spazio, di fatto e visivamente, soprattutto in un ambiente piccolo, è avere mille oggettini in giro che ingombrano le superfici, creano disordine e rendono impossibili le pulizie. Quindi? Sfrutta le mensole e le nicchie per appoggiarvi cestini o contenitori dove riporre tutto in ordine (e nasconderlo alla vista!). Hai pochi piani d’appoggio? Appendi delle mensole Kub da riempire con gli appositi cestini, oppure ricava tu una piccola parete: che servirà da divisorio per nascondere i sanitari e allo stesso tempo allinearvi tante mensole su cui abbinare ceste in carta intrecciata e contenitori in plastica trasparente Spaceo. I colori? Sceglili tu!

Con mensole e contenitori è tutto a portata di mano – foto Leroy Merlin

Ordine fuori e dentro

Per dare un maggior effetto di ordine, un buon sistema è scegliere gli accessori da appoggio abbinati, così da dare continuità visiva nel tuo bagno. Il set Bubble bianco si abbina perfettamente ad uno stile giovane e moderno; con il Poly rosa dai un tocco di colore, mentre il Sand beige si addice ad un bagno classico dai colori riposanti. Abbina anche un cestino dove riporre delle saponette profumate, un pot pourri o le salviette per gli ospiti, darà un tocco di eleganza. E che succede dentro i mobili? Cestini, contenitori e divisori vengono in aiuto anche per organizzare dentro sportelli e cassetti: è un trucco per abituarsi a eliminare il superfluo e vivere sempre in armonia il nostro piccolo bagno.

Divisori e contenitori anche per l’interno dei mobili – foto Leroy Merlin e Designmag

Inventa tu!

Cesti e contenitori non sono solo da appoggio. Ci sono tante altre soluzioni e ancora altre si possono inventare. Qualche esempio? Puoi creare una sorta di mobiletto impilando le tre ceste in legno grezzo con ruote o completando con i cestini squadrati Bell una credenza da bagno. Ma non dimenticare le pareti! Invece delle mensole, puoi appendere direttamente a dei ganci piccoli contenitori o morbide ceste in corda, o quelli che si attaccano con le ventose. Qualcosa di ancora più originale? Se il classico cestino in vimini lo appendi in verticale diventa un pratico scaffale! A me piace combinarli di dimensioni e colori diversi, come fossero quadri!

Posiziona con creatività i contenitori per il tuo bagno – foto Leroy Merlin

Scommetto che ora avrai già in mente come organizzare il tuo piccolo bagno. Se vuoi qualche dritta in più per scegliere cesti e contenitori ti invito a leggereCome scegliere gli accessori bagno da appoggio.

Ristruttura il bagno con lo sconto in fattura di Leroy Merlin!

Hai in previsione una ristrutturazione del bagno? Grazie al Bonus Ristrutturazione e allo sconto in fattura di Leroy Merlin, paghi solo il 50% della spesa. Vuoi saperne di più? Scopri maggiori informazioni alla pagina dedicata.

BlankUser
Novizio 👋
26/02/21-14:56

Cosa sono i Floating Garden? Strutture che ti permettono di arredare la casa con le piante in modo scenografico ed originale! Ami il verde e la natura e sei in cerca di un modo nuovo di interpretare la vegetazione in casa? Ecco qualche idea a cui ispirarsi.

Floating garden – Leroy MerlinFloating garden – Leroy Merlin

Arredare casa con le piante sospese

Ormai le piante sono parte integrante dell’arredo della nostra casa, contribuiscono a rendere l’ambiente caldo e accogliente ed aiutano a sentire più vicina la natura anche quando siamo nel caos della città. Spesso le vediamo a terra oppure su qualche mobile… Ecco un’idea originale a cui forse non avevi pensato: appendere le piante a soffitto! Io la trovo un’idea interessante per vari motivi: il soffitto acquista importanza in maniera non scontata, offrendo un nuovo motivo per volgere lo sguardo in alto. Anche se abbiamo una piccola casa, non dobbiamo rinunciare ad avere tante piante perché con le piante appese a soffitto possiamo lasciare libero lo spazio “a portata di mano”… Puoi realizzare il tuo floating garden sia con piante vere ricadenti da interno che con piante artificiali, come l’edera artificiale. Così potrai creare una cascata verde di grande impatto estetico!Piante sospese – Leroy MerlinPiante sospese – Leroy Merlin

Un lampadario inedito

La tua cascata vegetale domestica può diventare ancora più protagonista della tua quotidianità con facili accorgimenti; ad esempio, puoi inserire tra le foglie pendenti del tuo floating garden l’illuminazione che più ti piace: io ti consiglio le lampadine a bulbo con il cavo tessile, dal sapore industriale, semplici e perfette per creare riflessi particolari ed intriganti tra le foglie delle piante: immagina quali giochi di ombre nasceranno su soffitto e pareti! Lo stile industrial green nasce dall’unione di materiali di ispirazione industriale, come il metallo, la resina o il cemento, con richiami alla natura che rendono l’ambiente suggestivo e scenografico! Se ti piace questo stile, completa l’illuminazione della stanza con una bella lampada da terra in metallo dal sapore vintage e vedrai che successo!

Illuminazione in stile industrial green – Leroy MerlinIlluminazione in stile industrial green – Leroy Merlin

Verde alle pareti!

Dopo aver allestito il tuo fantastico floating garden, non ti resta che completare l’ambientazione utilizzando il verde anche sulle pareti e non solo… Come? Un’idea originale e di grande impatto è rivestire una o più pareti con la carta da parati che richiama la vegetazione, come la carta da parati Greenery Jungla verde, oppure utilizzare un tinteggio color verde bosco, molto avvolgente e rassicurante… Importante è anche la scelta della tenda giusta, che in questo caso potrebbe richiamare i colori delle foglie, completando così il richiamo alla vegetazione sulle pareti… Mi piace molto lo stile industrial green perché coniuga due tendenze che adoro: l’accostamento dei materiali di ispirazione industriale, anche grezzi, ai richiami alla natura rende il risultato finale di carattere e delicato allo stesso tempo!

Vegetazione sulle pareti – Leroy MerlinVegetazione sulle pareti – Leroy Merlin

Abbiamo visto come un floating garden può far cambiare volto alla tua casa in maniera inedita ed originale! Se ami il fai da te, non perdere i consigli su come realizzare un reticolato sospeso per un floating garden! Non dimenticare di pubblicare le foto del risultato; scrivimi nei commenti se hai bisogno di qualche consiglio in più!

elisabetta.garoni
Architetto
26/02/21-13:26 (modificato)

Credo proprio che la stanza dove dare più libero sfogo alle nostre idee creative sia quella dei bambini. Naturalmente se sono in arrivo o ancora bebè dobbiamo pensare a tutto noi genitori ma quando cominciano a crescere è bello e giusto coinvolgerli nella decorazione della loro cameretta, assecondando i loro gusti. Ecco qualche idea faidate per arredare la cameretta dei bambini.

Un mobile scrivania fai-da-te per la cameretta dei bambini - Leroy MerlinUn mobile scrivania fai-da-te per la cameretta dei bambini - Leroy Merlin

Il lettino dei sogni fai da te

Idea super carina è il letto fai da te a forma di casetta. Oltre ad essere un posticino ideale per giocare è anche molto sicuro perché, con il materasso rasoterra, non ha bisogno di sponde e il rischio di farsi male rotolando sul pavimento è ridotto ai minimi termini. Per sapere tutto, ma proprio tutto su come costruirlo, segui il tutorial di Stefano il falegname e i consigli di mammamatta che lo ha decorato.

Idea per il lettino faidate in legno a forma di casetta - Leroy MerlinIdea per il lettino faidate in legno a forma di casetta - Leroy Merlin

Un angolo per nascondersi

Chi di noi non l’ha avuta o almeno l’ha invidiata al compagno di giochi? E’ la tenda teepee, ideale per un angolo della cameretta da dedicare al gioco e alle prime letture. Segui i consigli di Valentina su come costruire una tenda teepee faidate in pochi e semplici passaggi. Fai scegliere al tuo bambino il tessuto: tinte tenui e motivi romantici o disegni dai colori sgargianti proprio come piace a loro. Insieme potete costruire ghirlande colorate da appendere alla tenda o alle pareti. Stelle, bandierine, foglie, dinosauri o astronavi…seguite la vostra fantasia e non sbaglierete.

La tenda teepee è amata da tutti i bambini - Leroy MerlinLa tenda teepee è amata da tutti i bambini - Leroy Merlin

Un cielo a nuvolette

Una composizione con moduli del sistema a cubi è perfetta per contenere libri e giocattoli. Se non hai idee per intrattenere i tuoi bambini nei pomeriggi di pioggia, prova a coinvolgerli nella creazione di decorazioni da appendere al soffitto della cameretta, sopra il loro letto. Tutto quello che ti occorre sono cartoncini colorati, forbici, colla, spago e… un po’ di pazienza. Piegate ogni foglio e ritagliate la sagoma, incollatela l’una con l’altra nella parte centrale insieme al cordoncino e voilà: già pronte per essere appese. I soggetti sono infiniti: dalle nuvole alle mongolfiere, dalle girandole alle farfalle. Cosa sceglieranno i tuoi piccoli?

Soluzione mobile contenitore a cubi sovrapposti e decorazioni a soffitto - Leroy MerlinSoluzione mobile contenitore a cubi sovrapposti e decorazioni a soffitto - Leroy Merlin

A ognuno il suo spazio

Se i tuoi bambini sono due ma la stanza è una sola, un’idea d'arredo divertente è dividere nettamente gli spazi. Basta giocare con differenti abbinamenti di tessuti, colori e complementi per differenziare le due zone seguendo la personalità dei loro piccoli abitanti. Scopri il progetto di una cameretta per due in stile baby e trova i prodotti scelti per arredarla.

Ispirazione per arredare una cameretta per due - Leroy MerlinIspirazione per arredare una cameretta per due - Leroy Merlin

Trasforma un mobiletto in dinosauro

Un mobile come tanti? Personalizzalo! La cameretta di questo bambino appassionato di mostri preistorici è stata trasformata con semplici tocchi ben assestati. Sulla parete una mano ferma ha disegnato la silhouette stilizzata di un dinosauro. Il tema del triangolo prosegue sul pilastro dove sono state costruite mensole portaoggetti in legno che ricordano la cresta di uno stegosauro. Il mobile contenitore è stato ridipinto e arricchito di affilatissimi denti ritagliati nel feltro arancione. Divertente!

Idea per arredare un angolo a tema - Leroy MerlinIdea per arredare un angolo a tema - Leroy Merlin

I tuoi bambini hanno raccolto il tuo invito? Ti aiuteranno ad arredare e decorare la cameretta con idee fai da te? Facci sapere i loro desideri e i loro gusti e asseconda le loro idee con una supervisione creativa. Poi torna qui e raccontaci com’è andata.

BlankUser
Novizio 👋
26/02/21-11:54 (modificato)

Uno stile urban-chic effetto giungla nella tua casa? Scegli lo stile Jungalow, un mix tra diversi stili molto originale dove non mancano continui richiami a tendenze diverse: bohemien, tropicale, etnico e vintage… Ecco quali sono gli elementi che ti permetteranno di crearlo!

Stile Jungalow – Leroy MerlinStile Jungalow – Leroy Merlin

Crea la tua giungla domestica

Per un perfetto stile Jungalow, uno degli elementi che non può mancare all’interno di casa tua è sicuramente la vegetazione! Preferibilmente dalle foglie grandi e rigogliose, le piante sono l’elemento che richiama la giungla e sono perfette per creare l’atmosfera chic che caratterizza questo stile! Via libera quindi alle piante che devono essere numerose e occupare buona parte della tua casa: a terra, sopra mobili o mensole e addirittura appese! Anche la scelta del vaso è importante. Puoi accostare vasi di diverse forme e dimensioni, alcuni colorati e alcuni dalle tonalità neutre; in questo stile è molto importante creare un mix piacevole di materiali e sensazioni diverse.

Vasi per la tua giungla domestica – Leroy MerlinVasi per la tua giungla domestica – Leroy Merlin

Pareti Jungalow: colore sì oppure no?

Le pareti hanno ovviamente una grande importanza anche in questo stile: come trattarle? Lo stile Jungalow si caratterizza anche per la moltitudine di elementi di arredo, come vasi, quadri, mensole, ricordi di viaggio e molto altro… Per le pareti quindi, se vuoi esaltare la presenza di questa moltitudine di oggetti, puoi scegliere un colore chiaro dai toni neutri e il contrasto sarà azzeccato. Se però non vuoi rinunciare al colore anche sui muri, questo stile ti permette di osare anche qui: tinta unita nelle tonalità del verde oppure con la carta da parati Jungalow a tema vegetale, come la carta da parati Greenery Jungla verde, ad esempio, potrai portare la vegetazione anche sui muri e l’effetto sarà avvolgente e di grande impatto!

Carta da parati a tema vegetale – Leroy MerlinCarta da parati a tema vegetale – Leroy Merlin

Arredo e materiali per una casa Jungalow

Ecco qualche consiglio per la scelta degli elementi di arredo per una casa in stile Jungalow: la contaminazione è la caratteristica predominante, quindi possiamo attingere da diversi stili per realizzare la nostra visione di casa in questo stile… Puoi dare spazio alla tua creatività nella scelta, fai solo attenzione a non esagerare: nonostante l’arredo di questo stile sia ricco e vario, cerca di evitare che l’effetto finale sia troppo confuso e disordinato. Per una casa in stile Jungalow sono perfetti gli oggetti particolari in materiali naturali come il legno, il bamboo, rattan oppure rami intrecciati di vimini; anche nei tessuti, prediligi il cotone, anche grezzo, o il lino e utilizza tanti cuscini di colori differenti. Ispirati anche allo stile industrial green, che rivisita i richiami industriali accostandoli ad elementi in chiave green, e attingi anche da questo stile nella scelta dell’arredo vintage, ad esempio…

Arredo e materiali in stile Jungalow – Leroy MerlinArredo e materiali in stile Jungalow – Leroy Merlin

Cosa ne pensi? Se ti è interessato l’articolo, non perdere i consigli sulle piante per una casa in stile Jungalow… Fammi sapere come hai deciso di portare lo stile Jungalow a casa tua e pubblica le foto del risultato!

elisabetta.garoni
Architetto
26/02/21-08:44 (modificato il 19/09/23-09:00)

Alzi la mano chi di voi non desidera un armadio in più. Un guardaroba capiente dove riporre gli abiti per il cambio di stagione, ma anche per stoccare, al riparo dalla polvere, piumoni, attrezzature sportive, la biancheria pulita, i giocattoli dei bambini…tutto in un ordine impeccabile. Hai mai pensato di costruire un armadio a muro in cartongesso? E’ più facile di quanto pensi. Ecco alcune idee da copiare in casa tua:

  1. Armadio in cartongesso per un ingresso su misura
  2. In mansarda per sfruttare lo spazio
  3. Home office a parete
  4. Disegnato al centimetro con tenda deco
  5. Cabina armadio con ante a specchio per raddoppiare lo spazio
  6. Mini armadio con anta a battente
  7. Non solo guardaroba
  8. Un contenitore tra bagno e camera da letto


Scegli le ante scorrevoli adatte allo stile della tua casa -Leroy Merlin

1. Armadio in cartongesso per un ingresso su misura

Per ottimizzare gli spazi nell’ingresso, puoi costruire un vano su misura con pannelli di cartongesso e chiuderlo con il kit Adelaide laccato bianco. Le ante scorrono su un binario esterno in alluminio, non ingombrano il passaggio e puoi sfruttare tutta l’altezza della stanza. Inoltre, una volta rifinito il vano, il montaggio è facile. Rendi originale il tuo progetto con un colore vivace o una carta da parati da applicare alle pareti interne e attrezzale con mensole e ganci appendiabiti.

Soluzione per l’ingresso con armadio su misura - Leroy Merlin

2. In mansarda per sfruttare al meglio lo spazio

Un’ottima soluzione per sfruttare le parti più basse della mansarda è proprio quello di ricavare vani contenitori. Il cartongesso è il modo più economico per creare la struttura, costruendo setti divisori con gli appositi profili metallici e montanti in alluminio da completare con lastre su cui fissare le barre appendiabiti e i ripiani. Il cartongesso è un materiale versatile e resistente che basterà stuccare con cura in corrispondenza delle giunture e delle teste delle viti prima di procedere con la tinteggiatura.

Cartongesso e ante scorrevoli per sfruttare la mansarda - Leroy Merlin

3. Home office a parete

Hai proprio bisogno di un mini ufficio in casa? Ecco una soluzione che ti permette di attrezzare una parete in camera da letto, nel living o persino nel corridoio e trasformarla in home office. Dividi lo spazio in due aree: una per contenere documenti e archivio e l’altra che diventerà la vera e propria postazione di lavoro. Costruisci l’armadio in cartongesso su misura delle ante scorrevoli, lo standard è 120 x 270 di altezza. Considera una profondità di 60 cm ma, se hai problemi di spazio, ne basteranno anche 40, e completa l’interno con tante mensole. Nella nicchia che si viene a creare a fianco dell’armadio inserisci un piano scrivania: ecco una zona appartata dove concentrarsi sarà più facile.

Soluzione per organizzare la postazione di smart working - Leroy Merlin

4. Disegnato al centimetro e con tenda deco

Viva la libertà di disegnare il tuo nuovo armadio proprio come lo hai sempre desiderato! Con tanti cassetti? Oppure con mille ripiani dove tutto è a vista? Vorresti tutto a portata di mano senza bisogno di appendiabiti saliscendi e dedicare le mensole più alte a quello che usi raramente? Con il cartongesso puoi avere quello che desideri, con pochi vincoli. A me piace molto l’idea di chiudere l’armadio con una tenda in tessuto che protegge dalla polvere e crea movimento e leggerezza. Un’alternativa super economica alle classiche ante.

Ispirazione per costruire l’armadio in cartongesso proprio come vuoi tu – vivadecora

5. Cabina armadio con ante a specchio per raddoppiare lo spazio

Una nicchia in camera da letto è una occasione da sfruttare. Se la profondità è ridotta monta una serie di mensole da dedicare a maglioni, magliette e tutto quello che hai l’abitudine di ripiegare e per le cose più piccole affidati a scatole e contenitori in plastica trasparente ed elementi divisori per mantenere l'ordine. Se la profondità è intorno ai 55/60 cm puoi attrezzare l’interno come un vero e proprio guardaroba. Scegli le ante scorrevoli Hollywood dalla finitura a specchio per rendere visivamente più ampio lo spazio

Con ante a specchio la stanza sembrerà più grande – Leroy Merlin

6. Mini armadio con anta a battente

Il cartongesso è utile anche per nascondere impianti, per inglobare pilastri o colonne scomode e poco piacevoli da vedere. Nell’angolo della camera da letto, anche se lo spazio è risicato, puoi riquadrare la parete e ricavare un mini guardaroba da chiudere con un’anta a battente per armadio, se la stanza è grande puoi addirittura realizzare il sogno di una cabina armadio tutta per te. Le versatilità del cartongesso ti permette di costruire qualsiasi forma (anche curva) e di integrare l’illuminazione: un faretto a incasso interno è il massimo della comodità.

Idea per un mini armadio attrezzato – Leroy Merlin

7. Non solo guardaroba

Hai la possibilità di dividere un grande spazio? Rendi più funzionale l’ambiente con un setto divisorio, per esempio tra soggiorno e cucina e realizza un apposito vano in cartongesso dedicato alla lavanderia. In questo modo, lungo la parete di fondo, possono trovare alloggio gli impianti di carico e scarico della lavatrice e i cavi elettrici. Una volta attrezzato l’interno con ripiani e cassettiere, puoi decidere di chiudere il tutto con ante scorrevoli o lasciare tutti i vani a giorno. L’ordine però dovrà essere assoluto…

Ispirazione per creare la lavanderia con il cartongesso - decorhomeideas e decorhomeideas

8. Un contenitore tra bagno a camera da letto

Ecco un’ultima idea da copiare se ti piace il concetto di avere il bagno direttamente all’interno della camera da letto. L’armadio è ricavato nel divisorio in cartongesso che separa e fa da fianco allo spazio doccia. Per i locali umidi devi scegliere appositi pannelli (il cartongesso idrofugo di colore verde) studiati per respingere l’umidità. Ante a battente in legno grezzo, recuperate da un vecchio armadio, o costruite con le tue mani con assi riciclati donano un tocco di charme.

Ispirazione per dividere bagno e camera con un divisorio contenitore in cartongesso - elmueble

Tocca a te! Ti cimenterai con il cartongesso per costruire il tuo armadio su misura? Quali sono le tue esigenze e come pensi di procedere? Se vuoi saperne di più sfoglia la nostra guida su come scegliere materiali e attrezzi per il cartongesso. Poi torna qui e raccontaci o mostraci il tuo lavoro finito: siamo curiosi…

elisabetta.garoni
Architetto
25/02/21-11:56 (modificato)

La parola Loft indica una abitazione ricavata da un unico ambiente, anche se non ha le dimensioni di uno spazio industriale dismesso. In certi casi l’altezza del locale è doppia (o quasi) e permette di ricavare un soppalco o un secondo livello da raggiungere con una scala. Quale scala scegliere senza appesantire lo spazio? Ecco 5 soluzioni leggere con scale a giorno autoportanti per il tuo loft in stile industriale.

La scala a chiocciola ottimizza gli ingombri - Leroy Merlin

Meglio scala rettilinea o a chiocciola?

Per scegliere il modello di scala più adatto al tuo soppalco occorre stabilire innanzitutto la posizione. Se l'ambiente è piccolo, orientati su una scala a chiocciola da posizionare in un angolo. I modelli a sviluppo rettilineo si prestano invece ad essere addossati ad una parete e, a seconda dello spazio a disposizione in pianta, verranno calibrate alzata e pedata dei gradini della scala: un maggior spazio a disposizione la renderà meno ripida e decisamente più comoda.

Ispirazione per una scala in legno e ferro nero - Leroy Merlin

Una scala per il loft in stile labo

Per questo open space arredato in stile labo è stata scelta la scala Loft Fontanot con gradino in legno di faggio scuro e struttura in acciaio nero. L'ambiente è costruito intorno ai toni neutri del bianco del nero e dei grigi con elementi in legno che scaldano l’atmosfera. La scala a giorno a sviluppo rettilineo è perfetta da addossare a una parete e da valorizzare con uno sfondo decorativo effetto mattone. Puoi scegliere la larghezza della scala in base al tuo spazio, da un minimo di 65 a un massimo di 90 cm di larghezza.

Scala in ferro: protagonista discreta - Leroy Merlin

Scala in metallo total black

In locali non particolarmente ampi meglio optare per un modello a chiocciola dal minimo ingombro e dai ridotti tempi di installazione. Una scala a chiocciola può essere a pianta tonda oppure quadra e i gradini si snodano intorno ad un asse centrale. Tra le scale in ferro per interni adatte a un arredamento in stile industriale trova un posto di riguardo la scala Steel, contemporanea e versatile: è possibile scegliere tra 3 diametri (120,140 e 160 cm), senso di rotazione, tipo di balaustra e varie finiture.

Tutta nera, in perfetto stile industrial - Leroy Merlin

Una scala per esterno, bella in un interno

Chi ci vieta di usare una scala, nata per essere usata all’esterno, anche dentro casa? La struttura in acciaio zincato e verniciata a polvere rende la scala Lucia particolarmente resistente sia agli agenti atmosferici che all’usura. I gradini sono forati: hanno la funzione di far scivolare la pioggia ma diventano un elemento decorativo particolarmente adatto all’industrial style del tuo living.

Ispirazione industrial per la scala da esterno da usare all’interno - Leroy Merlin

Tecnica, discreta, elegante e funzionale

Ecco un modello a mio parere molto interessante perché i singoli gradini, montati l’uno all’altro, formano una struttura monotrave, da completare con una ringhiera costituita da montanti verticali e tondini in acciaio inox. Si chiama Mas Fontanot ed è un modello molto curato nei singoli dettagli e negli elementi di assemblaggio e, se il nero non ti convince, puoi scegliere tra molto altre combinazioni di finiture. Il risultato è una scala leggera, dallo stile tecnico ed elegante insieme.

Una scala a vista deve essere bella e comoda - Leroy Merlin

Hai trovato la scala giusta per il tuo loft in stile industriale? Opterai per un modello diritto o per una scala a chiocciola? Mandaci una foto di quella che è entrata a far parte della tua casa e della tua vita!

Federica_Cornalba
Architetto e paesaggista
22/02/21-11:42 (modificato)

Conoscete l’Ikigai? È il metodo giapponese che insegna a trovare il motivo per cui alzarsi tutte le mattine e quindi lo stimolo per ottenere una vita felice. Io un pochino l’ho studiato e penso che applicarlo agli ambienti della nostra casa sia il primo passo per iniziare a star bene con noi stessi – innanzitutto – e poi con quel che ci circonda. Se avete voglia di lasciarvi ispirare, trasformeremo insieme i nostri spazi outdoor in straordinari e bellissimi angoli di felicità.

Ispirazione Ikigai per spazi outdoor all’insegna della felicità – Leroy Merlin e pinterest

Salottino a tutto relax

Forme semplici ma curate nei minimi dettagli sono la chiave per impostare l’area relax di ispirazione giapponese. Il legno è il materiale ideale per stabilire la rigenerante connessione con la natura e lo possiamo utilizzare anche per la pavimentazione: in questo caso, io sceglierei dei listoni in pino zigrinato che si accompagnano splendidamente alla struttura stondata in legno del coffee set composto da divanetto, poltrone e tavolino…tanto sobrio quanto comodo e accogliente!

Linee semplici e materiali naturali per definire la perfetta area relax di ispirazione Ikigai –Leroy Merlin

Colazione en plein air per iniziare bene la giornata

Se dobbiamo trovare il motivo per alzarci tutte le mattine, perché non cominciare dalla colazione? Per me è il momento più bello della giornata, specialmente quando so di poter bere il mio caffè seduta in terrazza. Non servono preparativi elaborati e nemmeno grandi spazi: bastano un tavolo pieghevole in doghe di legno con un paio di sedie e una parete dipinta di blu pavone…sì: il colore è fondamentale per dare il giusto inizio a una giornata felice!

Creare l’angolo colazione con pochi elementi e colori giusti – Leroy Merlin

Uno scrigno fiorito per momenti di assoluta di tranquillità

A proposito di colore: ricordate il Classic Blue proposto da Pantone per definire le tendenze cromatiche del 2020? Spero di sì, perché le sue calmanti e rinfrescanti sfumature sono la palette ideale per creare il giardino – o il terrazzo – di ispirazione Ikigai. Diventerà facile, quindi, scegliere le sfumature che preferiamo e caratterizzare il nostro angolo di paradiso (anche su un minuscolo balcone): il mio suggerimento è dipingere con uno smalto ad acqua delle fioriere in legno con grigliato e riempirle di fiori profumatissimi per avere privacy e benessere assicurati!

Angolo relax immerso nel verde e nelle sfumature di blu che preferiamo – Leroy Merlin

Luci e decorazioni per esaltare il mood Ikigai

Vero che semplicità è la parola d’ordine per assecondare lo stile Ikigai, ma non dobbiamo certo rinunciare alle comodità! Se vogliamo godere dell’atmosfera zen anche di sera, gli elementi illuminanti sono fondamentali: oltre alle ghirlande luminose che mettono di buon’umore, possiamo inserire delle lampade da terra a intensità regolabile che assecondano i nostri stati d’animo (passano persino dalla luce fredda a quella calda!) e delle comodissime lanterne a led da portare ovunque ci serva!

Luci che assecondano il nostro stato d’animo per il terrazzo in stile Ikigai – housebeautiful e Leroy Merlin

Qualche elemento decorativo scelto ad hoc completerà il nostro spazio outdoor in stile Ikigai: vasi in ceramica smaltata che richiamano la tradizione raku, un tappeto blu che ricorda la superficie del mare, dei futon da pavimento e tanti cuscini in lino blu chiaro renderanno l’atmosfera ancora più rigenerante e confortevole.

Completare lo spazio outdoor ispirato al Giappone con decorazioni ed elementi tessili – Leroy Merlin

Cosa ne pensi dello spazio outdoor ispirato all’Ikigai? Hai voglia di crearne uno tutto tuo e di condividere le tue idee con noi qui nei commenti? Se hai qualche domanda particolare, sarò ben felice di aiutarti.