Community

Home
Magazine della casa

Magazine della casa

Vivi la tua passione per la casa e il giardino, scopri le ultime tendenze di stile e trova nuovi spunti per i tuoi progetti con gli articoli della nostra redazione.
Tutti gli articoli
I miei articoli
Creare un articolo
Tutto Bagno e arredo bagnoGiardino e TerrazzoDecorazione e IlluminazionePavimenti e rivestimentiVerniciCucinaOrdine e sistemazioneFalegnameria ed EdiliziaUtensileria e FerramentaFinestre, porte e scaleElettricità, automazioni e Smart HomeClimatizzatori, stufe e idraulicaNataleEventi e iniziative community
EnricaCuccarese
Community Lover
17/09/21-07:00 (modificato)

Negli ultimi tempi, concetti come eco-sostenibilità o sviluppo sostenibile, sono entrati a far parte del vivere quotidiano come principi irrinunciabili per uno stile di vita orientato a contrastare un modello di sviluppo insostenibile dal punto di vista ambientale. Scopri tutti i vantaggi e i migliori consigli per progettare un giardino sostenibile con lo Xeriscaping. I principi di xeriscape oggi hanno un valore sempre maggiore alla luce degli effetti del cambiamento climatico. Questa è una tecnica di progettazione del verde che ti consente di costruire e gestire i giardini in maniera sostenibile con un occhio di riguardo al consumo dell’acqua e all’adattamento del giardino alle condizioni date dell’ambiente in cui viene creato.

Consigli per un giardino Xeriscaping - Leroy Merlin Consigli per un giardino Xeriscaping - Leroy Merlin

Come progettare un giardino con la tecnica del Xeriscaping

Se hai intenzione di progettare aree verdi per gli spazi esterni della tua abitazione utilizzando la tecnica dello Xeriscaping puoi trarre svariati vantaggi, a partire da un uso sostenibile delle risorse idriche. Lo Xeriscaping può essere applicato quasi ad ogni tipo di giardino e ti consente di creare un giardino sostenibile anche in condizioni difficili. Parti dalla preparazione del terreno sostituendo i tappeti erbosi con terra, rocce, pacciamatura, oltre che con specie di piante autoctone resistenti alla siccità in grado di trattenere l’umidità. Tra le migliori ci sono le succulente e i cactus che hanno caratteristiche in grado di aiutarti a risparmiare acqua. Tra le altre piante che puoi scegliere per progettare un giardino sostenibile con questa tecnica ci sono l’agave, il ginepro, il mirto, la lavanda, oltre a timo, salvia e origano.

Consigli per un giardino Xeriscaping - Leroy Merlin Consigli per un giardino Xeriscaping - Leroy Merlin

Come ridurre i consumi d’acqua

Lo Xeriscaping rende possibile utilizzare meno acqua potabile per il mantenimento e la cura di prati e giardini. Inoltre, offre vantaggi sia dal punto di vista ambientale che da quello finanziario. Infatti, puoi ridurre il consumo di acqua da un minimo del 50%, ad un massimo del 75%, rispetto ad un giardino costruito con tecniche tradizionali. Per raggiungere questi risultati di fondamentale importanza è l’installazione di sistemi di irrigazione efficaci ed efficienti, come l’Irrigazione interrata e la Microirrigazione che riescono a ridurre al minimo l’evaporazione a differenza di quanto accade normalmente con gli irrigatori tradizionali. Un’irrigazione più efficiente si ottiene anche creando bordure per aiuole e siepi che hanno esigenze idriche simili per ottimizzare l’impiego dell’acqua. Infatti, l’obiettivo dello Xeriscaping è quello di evitare irrigazioni eccessive, ridurre i ristagni e limitare l’erosione del suolo.

Consigli per un giardino Xeriscaping - Leroy Merlin Consigli per un giardino Xeriscaping - Leroy Merlin

Hai trovato interessante l’articolo? Per qualsiasi curiosità scrivi alla Community, saremo felici di rispondere alle tue domande! Se volessi approfondire i principi fondamentali di questa tecnica, consulta il post Xeriscaping: quando il giardino diventa sostenibile e realizza un giardino a prova di siccità!

EnricaCuccarese
Community Lover
16/09/21-09:50 (modificato)

Dopo aver visto come fare il cambio di stagione in modo sostenibile, scopri come usare un antitarme naturale per allontanare le tarme dai vestiti all'interno del tuo guardaroba. Ecco tutti i rimedi e le trappole insieme alla Community!


Antitarme naturale per abiti - shutterstock Tatiana Foxy

Come eliminare le tarme dai vestiti senza ucciderle

Le tarme, quei piccoli insetti che somigliano a farfalle, possono bucare i tuoi vestiti riposti in armadi e cassetti, rovinandoli. Queste prediligono i tessuti sporchi o umidi e si riproducono al buio in maniera molto veloce all'interno di armadi e cassetti. Tuttavia, puoi combatterle con efficaci rimedi naturali per tenerle lontane dai tuoi indumenti, evitando brutte sorprese. Per prevenirle è importante seguire semplici accorgimenti e mettere in atto questi consigli.


Antitarme naturale per abiti - shutterstock New Africa

1 Diffusore alla lavanda per allontanare le tarme

Ci sono profumi, o anche semplicemente odori, che danno un enorme fastidio alle tarme. Tra questi c’è la lavanda che grazie a questo effetto riesce a tenerle lontane. Per evitare che le tarme si avvicinino ai tuoi vestiti puoi scegliere il Diffusore alla lavanda di Leroy Merlin o optare per un olio essenziale. Puoi preparare il tuo anti tarme sciogliendo con l’acqua dei pezzi di vecchie saponette. Versa, poi, il liquido in piccoli stampi, a cui aggiungere anche l’olio essenziale di lavanda. Quando le formine si saranno indurite, riponile nell’armadio tra gli indumenti. Solo così e le tarme spariranno. Il risultato è garantito!


Antitarme naturale per abiti - shutterstock AlinaMD

2 Disabituante Sandokan

Per scongiurare la presenza delle tarme, al cambio di stagione, lava bene tutti gli armadi e i cassetti con una miscela composta da 250 ml di aceto in un litro di acqua. Una volta ripulito il tutto, posiziona nei vari ripiani e tra gli indumenti il Repellente monodose SANDOKAN, che è un’efficace trappola per tarme pronta all’uso. La sua fragranza è alla lavanda e non contiene ferormoni che spesso risultano attrattivi. Inoltre, dura nel tempo, puoi usarlo fini a tre mesi.


Antitarme naturale per abiti

Hai trovato interessante l’articolo? Per qualsiasi curiosità scrivi alla Community, saremo felici di rispondere alle tue domande.

EnricaCuccarese
Community Lover
15/09/21-14:34 (modificato)

Arredare la cameretta dei propri bambini è sempre molto bello, soprattutto se si sta aspettando il primo figlio. Dopo aver visto come rendere silenziosa la stanza dei bambini, ecco come scegliere i tessili per la camera dei bambini. Questo è un luogo molto importante. Ecco perché oltre ai mobili e allo stile bisogna prestare attenzione anche ai tessuti, dalle tende, ai tappeti, dai cuscini, fino alle lenzuola e alle coperte. Sono tantissimi gli elementi che possono essere decorati e rinnovati con tessuti naturali, 100% cotone, anche tinti con colori naturali. Infatti, tutto ciò che riguarda i bambini deve essere il più sano possibile. Quindi, è bene che le stoffe e i tessili siano realizzati con materiale naturale. Oltre al cotone anche il lino e la lana declinati nelle diverse consistenze sono perfetti. Scopri insieme alla Community quali sono i migliori tessili per arredare la cameretta dei bambini.

Tessili per camera dei bambini - Leroy Merlin Tessili per camera dei bambini - Leroy Merlin

Come scegliere i tessili per la camera dei bambini

Se desideri dare un tocco fantasioso alla camera dei bambini, qualunque sia l’atmosfera da creare, la cameretta dev’essere un luogo intimo e accogliente dove i tuoi bambini possono trascorrere momenti speciali. Ecco perché è importante saper scegliere le stoffe e i tessili che contribuiscono a rendere questa stanza un angolo speciale per ogni bambino. Da Leroy Merlin puoi sbizzarrirti anche grazie alla vasta gamma di tessuti al metro al taglio disponibili in vari colori e textures. L’importante, per non creare troppa confusione, è scegliere due o tre scale di colore. Ciò non appesantisce troppo l’ambiente e la stanza diventa un luogo di riposo e benessere. Scegliere il colore giusto permette di dare equilibrio ai momenti di riposo e gioco. Inoltre, mixare i colori tra loro permette di liberare la creatività e dare un aspetto diverso agli ambienti. Non concentrarti solo sul rosa o l’azzurro, il giallo, l’arancione o il verde sono perfetti per iniziare la ricerca della stoffa ideale per la cameretta dei bambini.

Tessili per camera dei bambini - Leroy MerlinTessili per camera dei bambini - Leroy Merlin

I materiali naturali per i tessili della camera dei bambini

Per quanto riguarda la scelta vera e propria dei tessuti destinati alla cameretta dei bimbi, le possibilità sono davvero infinite e dipendono anche dalla stagione. Tra questi, il migliore è il cotone, che grazie alla sua leggerezza e alla capacità di lasciare respirare la pelle, è perfetto sia per lenzuola e copriletto, soprattutto durante la stagione primaverile e autunnale, ma anche per i tendaggi. Infatti, le tende in questo materiale sono allegre e rendono la casa fresca e luminosa. Il lino è invece che è un materiale antiallergico è consigliabile nei periodi ad alto tasso di umidità, come l’estate calda e afosa. Infine, la lana, grazie alla sua capacità di riscaldare, è perfetta per i periodi più freddi e per tappeti colorati lavorati artigianalmente.

Tessili per camera dei bambini - Leroy Merlin Tessili per camera dei bambini - Leroy Merlin

Hai trovato interessante l’articolo? Per qualsiasi curiosità scrivi alla Community, saremo felici di rispondere alle tue domande! Se volessi approfondire ulteriormente, consulta il sito Leroy Merlin per trovare i prodotti giusti per organizzare al meglio una cameretta.

EnricaCuccarese
Community Lover
14/09/21-14:33 (modificato)

È arrivato il momento di sistemare gli armadi! Scopri tutti i consigli della Community per fare il cambio di stagione in modo sostenibile ordinando il tuo armadio e smaltendo in un'ottica eco-friendly vestiti e scarpe che non utilizzi più. Il cambio di stagione è un momento ideale per fare spazio a nuove idee e approcciarsi a una moda più green. L’unica regola vera da seguire è quella di comprare meno e meglio.

Cambio di stagione armadio sostenibile - Leroy Merlin Cambio di stagione armadio sostenibile - Leroy Merlin

Svuotare l’armadio e selezionare i capi da tenere

La prima cosa da fare per un cambio di stagione armadio fatto come si deve è quella di svuotarlo tutto. In questo modo ne puoi anche approfittare per dare una bella pulita e per far arieggiare ante e cassetti. Ed inoltre installare comodi accessori che ti aiutano a mantenere in ordine. In seguito puoi procedere con il secondo step. In questa fase è necessario decidere cosa tenere e cosa gettare via, aiutati con delle versatili scatole di legno per creare due "mucchi". È bene conservare tutto ciò che usi in modo ricorrente e che ti rappresenta. Tuttavia, anche i capi che utilizzi di meno, ma che magari sono preziosi, perché vintage è meglio conservarli. Invece, conviene disfarsi di tutti quei capi che non valgono molto e che sono leggermente usurati, come ad esempio le classiche t-shirt bianche che si accumulano in qualsiasi armadio. Alla fine di questo processo è bene scrivere una lista per capire se effettivamente manca qualcosa e non cedere al richiamo delle vetrine con la nuova collezione esposta!

Cambio di stagione armadio sostenibile - Leroy Merlin Cambio di stagione armadio sostenibile - Leroy Merlin

Dove e come smaltire i capi inutilizzati

Ancora oggi le fibre tessili difficilmente vengono rigenerate o riciclate, ma si smaltiscono nel secco. Ciò contribuisce a produrre un’enorme mole di rifiuti, proprio per questo un modo super ecologico per dare una seconda vita ad abiti e accessori è il mercato del second hand. Puoi pensare di organizzare uno swapping party tra amiche o di donare parte dei tuoi abiti alla parrocchia. Inoltre, esistono tantissimi negozi in Italia che si occupano di rimettere in vendita capi che non vengono più indossati se sono ancora in buone condizioni, anche on line su piattaforme virtuali. Considera che anche i gruppi sui social come Facebook permettono di scambiare o vendere capi usati. Avvicinati a questa realtà e non avrai più problemi sul capire come disfarti degli abiti che non indossi più.

Cambio di stagione armadio sostenibile - Leroy Merlin Cambio di stagione armadio sostenibile - Leroy Merlin

Riciclare e risparmiare

Per mettere in pratica una vera e propria filosofia green è importante imparare a risparmiare riciclando. Se negli armadi rinvieni dei capi ormai inutilizzabili considera che puoi riciclarli correttamente e in più ricavarci anche qualche soldino. Infatti, molte catene di negozi di abbigliamento permettono di depositare negli store sacchi di abiti vecchi e ricevere in cambio buoni sconto da utilizzare per gli acquisti successivi. Tra questi è da citare Decathlon che grazie a un accordo con il progetto Esosport addirittura ritira le scarpe sportive e i copertoni delle bici, per creare, per esempio, il pavimento anti-trauma nei giardini per i bambini.

Hai trovato interessante l’articolo? Per qualsiasi curiosità scrivi alla Community, saremo felici di rispondere alle tue domande! Se volessi approfondire ulteriormente, consulta il sito Leroy Merlin per trovare i prodotti giusti per organizzare al meglio una cameretta, per esempio con una telecamera nella stanza dei bambini.

EnricaCuccarese
Community Lover
11/09/21-07:00 (modificato)

I pavimenti in SPC hanno un'ottima resistenza all'acqua e all'umidità. Inoltre, ciò che li rende speciali è la loro Impermeabilità al 100%, resistenza e durevolezza nel tempo. Scopri insieme alla Community i vantaggi e gli svantaggi dei pavimenti in SPC e perché sono adatti ad essere installati nel tuo bagno di lusso.


Pavimenti SPC per il bagno - Community LM

Pavimenti in SPC per il tuo bagno

Il bagno è una delle stanze dell’abitazione che viene usata frequentemente da chi la abita. È un posto ideale sia per rilassarsi dopo una lunga giornata di lavoro, sia per divertirsi a schizzarsi con i propri figli nella vasca e rendere il momento del bagnetto più divertente! Inoltre, se ci si pensa attentamente, è anche la stanza che le donne usualmente utilizzano per controllarsi il trucco prima di uscire. È quindi un ambiente che necessita di essere dotato di ogni comfort per andare incontro alle esigenze di tutti quelli che lo utilizzano.


Pavimenti SPC per il bagno - Community LM

Le caratteristiche dei pavimenti in SPC per il bagno

I pavimenti in SPC sono in grado di rendere il bagno un ambiente confortevole, in quanto offrono svariati vantaggi. Questo particolare tipo di pavimento appartiene alla categoria dei pavimenti in PVC, e la sigla SPC sta per Stone Plastic Composite o Stone Polymer Compositive e si riferisce al pannello plastico-minerale. Questi si trovano sia flottanti, sia da incollare e anche con materassino integrato. Rappresentano una scelta efficace per il bagno in quanto sono comodi, rievocano un ambiente piacevole e resistono all’umidità. Infatti, solo così potrai dire addio alla paura delle muffe.


Pavimenti SPC per il bagno - Community LM

I vantaggi dei pavimenti in SPC

Tra i principali vantaggi dei pavimenti in SPC c’è la loro intrinseca impermeabilità. Infatti, il pavimento vinilico è molto resistente all’umidità, trasmette eleganza, calore e morbidezza. Non a caso è un piacere camminarci su a piedi nudi. Inoltre, si adatta ad ogni gusto ed esigenza, in quanto è in grado di riprodurre alla perfezione l’effetto legno, la pietra naturale, il rovere, e tanti altri materiali. Inoltre, è resistente a graffi ed è antimacchia in quanto può essere pulito velocemente senza aver paura di graffiarlo. Ciò lo rende un’opzione durevole nel tempo. Proprio per questo non dovrai più preoccuparti e potrai goderti in tranquillità il tuo tempo in bagno.


Pavimenti SPC per il bagno - Community LM

Gli svantaggi dei pavimenti in SPC

Tra i punti a sfavore di questo prodotto c’è il fatto che è in gran parte artificiale. La differenza al tocco si sente per alcune persone non è piacevole camminare su qualcosa di innaturale. In più, l’unica cosa che può patire è il graffio, quindi se abiti al piano terra con magari fuori il cortile con la ghiaia fai attenzione!

Hai trovato interessante l'articolo? Scopri perché i Pavimenti SPC sono la scelta giusta per una casa sostenibile. Entra a far parte della Community e scrivici per qualsiasi dubbio o curiosità. Ti suggeriremo tante altre idee per rinnovare il pavimento di casa.

ValeriaBonatti
Architetto
09/09/21-12:19 (modificato)

Adoro la mia cucina aperta sul soggiorno! Ambiente arioso, tanta luce, chiacchiero o sbircio la tv mentre cucino, ho tutto sotto controllo. Ma, diciamocelo, non essendo una maniaca dell’ordine, a volte vorrei che quando è in arrivo un ospite la cucina sparisse in un attimo, come per magia, insieme all’odore del soffritto di cipolla! Che fare allora? Una soluzione c’è, e senza rinunciare all’open space: organizza una cucina a scomparsa. Come? Ora te lo dico io. Continua a leggere e troverai qualche idea!

Una porta in stile industriale dà un vero tocco da open space – Leroy Merlin

Nascondere una cucina con le porte scorrevoli

Le porte scorrevoli sono un’ottima soluzione per separare due ambienti che vuoi lasciare comunicanti e chiudere solo all’occorrenza. Anche quando l’apertura è ampia, è sufficiente accostare due porte e il gioco è fatto. Non è neanche necessario spaccare il muro: il binario esterno è semplice e veloce da fissare ed è molto trendy! Inoltre la varietà di pannelli oggi a disposizione permette di far scomparire una cucina con delle vere e proprie quinte che arredano, come la porta Autumn qui sotto, abbinata ad una parete dall’effetto materico cemento. Semplice, ma scenografico e molto raffinato!

La cucina scompare con eleganza - Leroy Merlin

Viceversa, magari preferisci creare una separazione effetto vedo-non vedo, per ‘camuffare’ la cucina quando serve: delle ante in vetro satinato lasciano passare la luce e permettono di percepire il living come unitario e la cucina la si intuisce soltanto, senza vederne i dettagli (e il disordine!). Il vetro temperato è assolutamente sicuro e il grado di trasparenza o i motivi del disegno li decidi tu. La cucina è sempre lì, solo quel tanto ‘sfuocata’ da non attirare l’attenzione!

Ante in vetro satinato per un effetto “vedo non vedo” – Leroy Merlin

Coi pannelli fissi e mobili la cucina scompare

Un’altra soluzione per far scomparire la cucina, da utilizzare soprattutto quando avevi scelto l’open space e ora senti la mancanza di una chiusura, è quella di montare dei pannelli leggeri, anche semplicemente delle tende, su dei binari a soffitto. Il massimo della comodità lo ottieni se rendi la chiusura elettrica e vi associ un telecomando o un sistema domotico. Due parole e la cucina scompare! Preferisci una chiusura che arredi? Crea una struttura fissa, ma con degli elementi semi aperti, come dei listelli di legno, dei pannelli traforati o una libreria a giorno. Una sorta di separé molto elegante che favorisce il gioco di luce e di sguardi.

Inventa il tuo separé per nascondere la cucina – Colunas.revistaglamour e Leroy Merlin

Le cucine a scomparsa

Se stai progettando la tua casa e lo spazio non è molto, è più facile prevedere fin da subito una cucina a scomparsa. Una soluzione cioè in cui gli elementi della cucina, mobili, piano di lavoro, elettrodomestici e se vuoi perfino il tavolo, estraibile o a ribalta, sono tutti allineati su una parete e dopo l’utilizzo vengono letteralmente chiusi dietro delle ante, come se fosse un armadio. Esistono cucine a scomparsa già pronte, ma è molto semplice, e di sicuro più economico, scegliere la propria chiusura montando delle ante scorrevoli o a libro che si impacchettano ai lati e, una volta chiuse, sembrano un armadio che si integra perfettamente con il soggiorno. Sfido gli ospiti a trovare la cucina in casa tua!

Cucine che si nascondono dentro un armadio – Living corriere e Leroy Merlin

Ora che hai un po’ di spunti puoi trovare la tua soluzione per far scomparire la cucina nel modo giusto e al momento giusto. Dai un occhio anche all’articolo “6 soluzioni per arredare una cucina aperta sul living” e poi mandaci una foto del tuo progetto, soprattutto se sarà un fai-da-te!

ValeriaBonatti
Architetto
09/09/21-10:58 (modificato)

Che bello, altri amici hanno finalmente preso la loro prima casa e c’è già in vista una cena di inaugurazione. Questa volta arrivare col dolce non basta, ci vuole qualcosa di davvero speciale. Già, ma cosa? Cosa regalare a chi ha appena comprato casa? A meno che ci siano richieste esplicite è sempre un dramma trovare qualcosa che sia allo stesso tempo utile e originale, peggio dei regali di nozze! Beh, ho fatto un giro (virtuale) nel catalogo Leroy Merlin e ho trovato qualche idea: vuoi vederla?


Un regalo da vivere nella casa nuova, anche all’esterno – Leroy Merlin

Qualche premessa per non sbagliare il regalo per una casa nuova

Per non rischiare che il nostro regalo finisca in cantina, rispolverato dagli amici solo quando andiamo a trovarli, è fondamentale conoscere i gusti dei proprietari in fatto di stile, abitudini, colori preferiti, hobby: più sappiamo, più il nostro regalo sarà azzeccato e apprezzato. Cerca di capire quindi se la casa sta già prendendo un suo stile e che cosa manca. Per entrare nel mood di ogni tendenza, e trovare così il regalo intonato, dai un occhio alla nostra sezione Idee e ispirazione per la casa. Detto questo, la mia idea è di partire dai regali diciamo “classici” e da lì spaziare per andare oltre il solito regalo. Ecco quindi delle proposte che ti aiuteranno a trovare il regalo giusto per la nuova casa dei tuoi amici.


Prendi spunto dallo stile di casa per il regalo giusto – Leroy Merlin

Un regalo per la nuova casa già all’ingresso

Ricordiamoci che la casa inizia già ancora prima di entrarci. Uno zerbino, sobrio o divertente, è sempre un regalo utile, ma perché non pensare a qualcosa che renda l’ingresso davvero speciale? Un porta ombrelli o un grande vaso pesante con all’occorrenza la stessa funzione, magari abbinato a una maxi lanterna appoggiata a terra. Una volta entrati, pensiamo a cosa può servire e cerchiamone una versione elegante e particolare, ma che possa abbinarsi facilmente alla casa. Uno specchio da appendere, un contenitore svuota tasche da appoggio o da parete e perché no un attaccapanni di design?


Tanti oggetti per un regalo utile che accolga chi entra – Leroy Merlin

Per la casa nuova, dei fiori o una pianta. Oppure?

E’ un pensiero che fa sempre piacere un mazzo di fiori o anche una bella pianta da appartamento, dà un tocco di stile e allegria. Ovviamente potresti abbinarci un bel vaso da interno o anche pensare a delle fioriere per il balcone. La casa va vissuta anche all’esterno, scegli allora di regalare qualcosa per rendere confortevole il terrazzo. Qualche idea? Un set tavolino e sedie pieghevoli per prendere il caffè, una colorata amaca da appendere per leggersi un libro, una lampada ricaricabile da esterno o il tocco magico di una catena luminosa, bella da guardare da fuori, ma anche stando dentro!


Idee per un regalo da usare in esterno – Leroy Merlin

Regalare un libro per la casa? Ecco come

Un altro classico: il libro. Uno degli oggetti che preferisco, sia regalare che ricevere. Ma come trasformare l’idea in qualcosa di utile per la casa nuova? Se vuoi puntare sul sicuro (e poco ingombrante) direi che un fermalibri è l’ideale. Ma potresti anche spingerti oltre e osare con una libreria a colonna, facile da collocare e perfetta per un piccolo angolo lettura. Altre idee per completarlo? Una poltrona sacco o un’elegante lampada da terra che crei la luce giusta.


Anche un angolo lettura può essere un bel regalo – Leroy Merlin

Oggetti decorativi, ma non solo, per chi ha appena comprato casa

Per questo tipo di regali è meglio conoscere lo stile e i colori dominanti della casa. Ma si possono trovare anche delle idee che si adattano facilmente. Ad esempio: invece di un quadro per il soggiorno si può regalare un orologio da parete oppure una lavagna dalla forma particolare per la cucina, come la Esagono.


Piccoli pensieri divertenti, per la casa appena acquistata – Leroy Merlin

Domotica per la nuova casa smart

Dicevamo amici giovani e moderni? Allora un regalo perfetto e decisamente originale è qualcosa che renda la loro nuova casa una casa smart! Dalla stazione meteorologica che misura anche la qualità dell’aria all’assistente vocale fino al campanello wireless. Ma ciò che sicuramente porterà un’atmosfera speciale nel loro appartamento è il sistema Philips Hue di lampade e lampadine connesse e intelligenti. Come il tuo regalo!


Un regalo smart per gli amici che han comprato casa – Leroy Merlin

Spero davvero che le mie proposte ti siano state di spunto per trovare il regalo perfetto per gli amici che hanno appena comprato casa. E, a questo punto, buona cena!

Federica_Cornalba
Architetto e paesaggista
09/09/21-07:41 (modificato il 19/04/23-06:46)

Per dare il nostro piccolo ma importantissimo contributo alla tutela del magnifico pianeta in cui viviamo, possiamo limitare l’impatto ambientale delle nostre azioni quotidiane, facendo scelte consapevoli e adottando comportamenti responsabili. Pensiamo, per esempio, all’illuminazione dei nostri giardini: è davvero eco-friendly? Stiamo riducendo consumi e inquinamento luminoso? Scopriamo insieme qualche utilissimo eco-consiglio e facciamo quindi le scelte giuste: non è per niente difficile, dovete solo lasciarvi ispirare!
Idee per illuminare gli spazi aperti in modo eco-friendly – Leroy MerlinIdee per illuminare gli spazi aperti in modo eco-friendly – Leroy Merlin

Luci con sensore di movimento

Per illuminare vialetti e percorsi outdoor in modo sostenibile, i lampioncini con rilevatore di movimento sono la soluzione ideale: si accendono solo quando necessario e garantiscono gli stessi comfort e sicurezza delle luci tradizionali. I benefici non saranno solo per il nostro portafogli, ma anche per i tanti insetti fatalmente attratti dalle sorgenti luminose artificiali.
Soluzioni per illuminare vialetti e percorsi con elementi a sensore di movimento – Leroy MerlinSoluzioni per illuminare vialetti e percorsi con elementi a sensore di movimento – Leroy Merlin

Porte e finestre che si affacciano sul giardino sono altri punti importantissimi da illuminare, non solo in termini di funzionalità, ma anche – e soprattutto – di sicurezza. In questo caso, delle applique a sensore di movimento saranno un notevole aiuto per la nostra tranquillità, avvisandoci di qualunque movimento improvviso a ridosso della casa.
Suggerimenti per utilizzare le applique a sensore di movimento vicino a porte e finestre – Leroy MerlinSuggerimenti per utilizzare le applique a sensore di movimento vicino a porte e finestre – Leroy Merlin

Luci solari

Al top della classifica di sostenibilità ci sono le luci solari che accumulano energia durante il giorno per rilasciarla poi all'arrivo del buio. Naturalmente la quantità di luce prodotta dipende dall’esposizione, quindi è bene collocarle nei punti più soleggiati del giardino e pensare al loro utilizzo a integrazione di un sistema più stabile. Per esempio, potremmo creare bellissime scenografie usando lampioncini con puntale per le zone centrali del prato, magari non raggiunte dall’elettricità ma sempre illuminate dai raggi del sole!

Come illuminare il giardino con le con lampade solari – Leroy Merlin

Con le lanterne solari da portare insieme a noi in qualsiasi area del giardino, avremo luce a costo zero, solo dove e quando ci serve. Anche questo è un modo super smart per illuminare il giardino, risparmiare ed essere amici dell’ambiente…senza rinunciare al tocco glamour che farà del nostro giardino un’oasi bella e sostenibile.
Idee per scegliere la lanterna solare che fa per noi – Leroy Merlin
Idee per scegliere la lanterna solare che fa per noi – Leroy Merlin

Se poi vogliamo dare al nostro giardino un’aria sempre festosa senza sprecare energia, possiamo appendere ai rami degli alberi delle ghirlande a carica solare…così, non appena farà buio, avremo il nostro personale e bellissimo cielo stellato a portata di mano!

Appendere ghirlande solari ai rami degli alberi per creare un’atmosfera festosa – Leroy Merlin

Luci wireless

A carica USB o a batteria, le luci led senza fili sono un altro ottimo sistema per illuminare le nostre serate all’aria aperta in modo ecosostenibile. Considerati i bassi consumi della tecnologia led e la praticità di utilizzo data dall’assenza di fili, queste lampade sono il passe-partout per l’illuminazione delle aree conviviali dei nostri giardini: per esempio, a me piace un sacco la lampada da tavolo Lola, elegantissima e adatta a ogni stile!
Ispirazione per illuminare le zone conviviali del giardino senza sprecare energia - Leroy Merlin
Ispirazione per illuminare le zone conviviali del giardino senza sprecare energia - Leroy Merlin

Per le serate di festa, possiamo scegliere le lanterne a batteria con luci cangianti, bellissime sia appoggiate a terra che appese. Appoggiandole vicino alle sedute e sui tavoli o appendendole o appendendole dove preferiamo, riusciremo a creare un’atmosfera divertente e spensierata…con notevoli vantaggi per ambiente e portafoglio!

Idee per illuminare le serate di festa con le lanterne a luce cangiante – Leroy Merlin

Sono riuscita a ispirarti? Hai trovato l’idea eco-friendly per illuminare il tuo giardino? Scrivilo qui nei commenti e se hai qualche domanda o esigenza particolare, sarò ben felice di aiutarti.