Community

/ Magazine della casa

Magazine della casa

Vivi la tua passione per la casa e il giardino, scopri le ultime tendenze di stile e trova nuovi spunti per i tuoi progetti con gli articoli della nostra redazione.

Tutti gli articoli
I miei articoli
Creare un articolo
Tutto Bagno e arredo bagnoGiardino e TerrazzoDecorazione e IlluminazionePavimenti e rivestimentiVerniciCucinaOrdine e sistemazioneFalegnameria ed EdiliziaUtensileria e FerramentaFinestre, porte e scaleElettricità, automazioni e Smart HomeClimatizzatori, stufe e idraulicaNataleEventi e iniziative community
BlankUser
Novizio
26/08/21-09:32 (modificato)

Atmosfere rilassanti ed avvolgenti, attenzione all’uso della luce, spazi funzionali ma di sapore: ecco alcune delle caratteristiche che non possono mancare nella tua casa di campagna. Scopriamo insieme alcune idee e ispirazioni per arredare una casa di campagna.

La luce e i colori in una casa di campagna

Le tonalità perfette per la casa di campagna sono quelle chiare e neutre, capaci di regalare all’ambiente quella sensazione di armonia che ci permette di trascorrere il nostro tempo in pace e tranquillità. La luce, sia naturale che artificiale, gioca un ruolo importantissimo: ampie vetrate con infissi di colore chiaro saranno le compagne delle tue letture durante il giorno… Verso sera, l’illuminazione artificiale verrà in tuo nostro aiuto: scegliamo corpi illuminanti che ben si inseriscano nel contesto, come il lampadario Milky della INSPIRE, in metallo color crema, semplice e ricercato al tempo stesso.

Lampadario Milky INSPIRE – Leroy Merlin

La cucina in una casa di campagna

Anche in cucina i colori chiari e i materiali naturali, come il legno, sono perfetti! Scegli una cucina bianca moderna con dettagli rustici o country, come le ante sagomate o a vetro, e un piano cucina in rovere a cui abbinare un bel tavolo in legno su cui organizzare i tuoi pranzi… Guarda il tavolo allungabile Soho in legno con piano in ceramica marrone: con i suoi dettagli e le sue tinte si inserisce perfettamente in un contesto country!

Tavolo allungabile Soho – Leroy Merlin

La camera da letto della casa di campagna

Un tocco di romanticismo non può mancare in una camera da letto di una casa di campagna: toni del beige, ecrù, bianco, panna sono sempre le tonalità predominanti dell’ambiente. I tessuti di tende, coperte e tappeti sono grezzi e naturali… I complementi di arredo sono ricercati ma semplici e delicati. Per questo stile trovo molto bello il Mobile Multiuso in stile shabby color grigio chiaro, in legno, su cui riporre una bella lampada o un vaso con fiori di campo, perfetto a lato di un letto semplice oppure a baldacchino su cui lasciare fluttuare un tessuto morbido e leggero.

Mobile multiuso stile Shabby – Leroy Merlin

Lo spazio outdoor della casa di campagna

In una casa di campagna spesso è presente un bello spazio all’aperto, un giardino o un porticato. La casa non è solo dentro le mura, ma si vive molto anche negli spazi aperti. Se il tuo giardino non è molto grande, puoi creare degli angoli deliziosi e chic utilizzando una panchina dalle linee romantiche in ferro oppure un salotto con poltrone da esterno e un piccolo tavolino in legno. Se hai a disposizione un grande giardino, si potrebbero creare idealmente delle diverse zone: una zona pranzo con un comodo tavolo per le cene tra amici, un’area dedicata alla conversazione con un salottino da esterno e uno spazio relax con sdraio e cuscini dallo stile floreale come il cuscino multicolore Flomi della INSPIRE.

Arredare lo spazio esterno – Leroy Merlin

Abbiamo visto qualche idea per arredare una casa di campagna seguendo uno stile floreale per la tua casa ma se ami i lavori manuali potresti anche creare degli arredi originali con il fai da te, come rinnovare un vecchio tavolo in legno in stile White Country. Pubblica la foto del risultato delle tue creazioni: il tuo lavoro sarà di spunto per tutti noi!

Federico_Panarello
Architetto
LM People
25/08/21-09:13 (modificato)

Durante gli ultimi due anni, a causa dell'emergenza Covid-19, abbiamo cambiato le nostre abitudini e ripensato agli spazi della nostra abitazione. Infatti, dopo aver trascorso numerosi mesi in casa, ci siamo resi conto che l'arredamento precedentemente adottato non si conciliava con le nuove abitudini, soprattutto quelle lavorative. Molti di noi hanno iniziato a fare smart working e si sono ritrovati a dover lavorare in spazi angusti ed improvvisati, spesso chiassosi e non idonei allo svolgimento di molte ore lavorative. Da qui l'esigenza di creare un luogo adatto con una scrivania perfetta per lo smart working. Di seguito ti descrivo alcune soluzioni molto interessanti assolutamente da copiare!

Pensile che diventa una scrivania salva spazio - Leroy MerlinPensile che diventa una scrivania salva spazio - Leroy Merlin

La scrivania diventa una pratica libreria

La postazione di lavoro deve essere ben studiata e organizzata per accogliere tutto il necessario a farti lavorare in totale comodità. Dimentica il tavolo da pranzo, perché generalmente è più alto di una scrivania e il rapporto di altezza tra il piano di lavoro e la seduta non è studiato per garantire una permanenza comoda per molte ore. Per creare una scrivania non servono molti elementi e con pochi pezzi si riesce ad ottenere una soluzione pratica e di design. Come ad esempio la scrivania Snap in finitura bianco, nero e noce. M****oderna e funzionale è la soluzione perfetta per rendere il lavoro più confortevole. Infatti, si adatta per il supporto di tutti i pc e stampanti e grazie al suo design è ideale per la casa. Da notare anche la gamba della scrivania che diventa un comodo supporto per libri e oggetti, in modo da avere sempre tutto a portata di mano.

Scrivania con gamba a scaffale porta oggetti - Leroy MerlinScrivania con gamba a scaffale porta oggetti - Leroy Merlin

La scrivania a scomparsa, arreda e fa design

Sei amante del design minimale e ti piace avere sempre la casa in ordine? Allora la scrivania Magic box fa al caso tuo. Si presenta come un pensile attaccato alla parete e all'occorrenza si apre verso il basso trasformandosi in una funzionale scrivania. Se sei ordinato e super organizzato questa è la scrivania giusta per te! Basta un click e la scrivania scompare nella parete, mica male non è vero? Ti consiglio di fare attenzione anche alle sedute che hai in casa, troppo rigide perché studiate per essere esteticamente gradevoli piuttosto che funzionali. Scegli quelle con altezza regolabile e con schienale reclinabile per stare comodo e mantenere sempre una postura adeguata. Se ti piacciono le scrivanie a scomparsa non puoi non innamorarti anche della scrivania Omega, una volta chiusa diventa un pensile esteticamente molto bello.

Scrivania Magic box che diventa mobiletto d'arredo - Leroy MerlinScrivania Magic box che diventa mobiletto d'arredo - Leroy Merlin

Ami lo stile industriale? Ecco la tua scrivania

Dal sapore più geometrico e dalla forma che rimanda ad un tecnigrafo è la scrivania Terra in finitura bianco e noce. Si adatta molto bene a qualsiasi tipo di spazio anche se io la vedrei bene in un ambiente più animalier oppure industriale. Il piano di lavoro bianco, abbinato alle gambe in noce, rende questo prodotto molto raffinato e non impegnativo. Scrivania molto comoda per chi è abituato a lavorare con un laptop, non occupa molto spazio e si può facilmente spostare. Per una corretta postura ricorda anche di posizionare lo schermo del pc ad una distanza di almeno 50 centimetri e regolalo in altezza in modo che la superficie superiore risulti leggermente al di sotto dell'asse visivo.

Scrivania dalle forme eleganti e geometriche - Leroy MerlinScrivania dalle forme eleganti e geometriche - Leroy Merlin

La scrivania pieghevole che non passa mai di moda

Se ami la semplicità e hai la necessità di spostare spesso la postazione di lavoro, allora ti consiglio la scrivania pieghevole in melaminico con gambe in metallo. Comoda, funzionale e pratica ha un piano di lavoro molto ampio e profondo, adatto per chi lavora con numerose carte sul tavolo. Ricorda ancora che l'illuminazione è importante. L'ideale sarebbe una fonte di luce diffusa diretta, possibilmente naturale. Oppure opta per una luce artificiale a soffitto o meglio ancora scegli un'illuminazione mirata per la superficie di lavoro, come ad esempio la lampada da scrivania Moderno Gao argento oppure la lampada da scrivania Industriale Ennis bianco.

Scrivania pieghevole comoda e funzionale - Leroy MerlinScrivania pieghevole comoda e funzionale - Leroy Merlin

Ti ho descritto e consigliato alcuni modelli di scrivanie per arredare la tua postazione lavorativa durante lo smart working. Fammi sapere per quale modello e soluzione hai optato. Se hai un corridoio lungo e non sai come arredarlo allora leggi anche l'articolo Come organizzare l'angolo studio in corridoio e trai ispirazione dai consigli di Elisabetta.

Federica_Cornalba
Architetto e paesaggista
25/08/21-07:27 (modificato)

Con una lunga storia alle spalle, le piastrelle decorative sono tornate oggi alla ribalta e vengono scelte da architetti e designer soprattutto per abbellire gli spazi interni. In effetti, grazie ai tanti pattern, colori e formati disponibili queste piastrelle sono molto versatili e si adattano perfettamente a tutti gli stili, dal vintage al contemporaneo. Perché allora non utilizzarle anche nei nostri spazi en plein air? Lasciatevi ispirare e troverete sicuramente l’idea che fa per voi!

Idee per usare le piastrelle decorative in giardino – Leroy Merlin Idee per usare le piastrelle decorative in giardino – Leroy Merlin

Il pavimento total look

Scegliendo piastrelle con motivi floreali stilizzati in delicate tonalità pastello, potremo pavimentare l’intera terrazza senza rischiare di appesantirne l’aspetto. Questo tipo di superficie è perfetto in combinazione con arredi sobri e lineari, ma possiamo anche osare inserendo un colore a contrasto (solo uno, mi raccomando!).

Soluzioni per pavimentare il terrazzo con le piastrelle decorative – Leroy Merlin Soluzioni per pavimentare il terrazzo con le piastrelle decorative – Leroy Merlin

In alternativa al total look, con le piastrelle decorative possiamo creare degli inserti all’interno di una pavimentazione omogenea, realizzata con lastre di grès da scegliere tra le tantissime finiture disponibili. Cerchiamo, però, di studiare bene l’accostamento di pattern e colori per non cadere nel tranello dell’esagerazione.

Suggerimenti per realizzare inserti in piastrelle decorative – Leroy Merlin Suggerimenti per realizzare inserti in piastrelle decorative – Leroy Merlin

L’elegante lastrico décor

Se preferiamo le decorazioni elaborate e i colori sgargianti, possiamo utilizzare delle piastrelle di grande formato con disegno arabesque, posate con schema classico o originale, per formare una superficie effetto tappeto: in questo modo andremo a isolare visivamente una porzione del giardino o del terrazzo dove, per esempio, creare un’elegantissima zona conversazione.

Come realizzare una superficie effetto tappeto con le piastrelle decorative – Leroy Merlin Come realizzare una superficie effetto tappeto con le piastrelle decorative – Leroy Merlin

Il backsplash bello e funzionale

Resistenti e igieniche, le cementine sono state utilizzate fin da inizio ‘900 nei locali di servizio come bagni e cucine. Con un occhio al passato, quindi potremmo impiegarle anche noi nella zona barbecue del giardino, creando un paraschizzi (tecnicamente backsplash) bello e funzionale. In questo modo l’area sarà ben definita e richiamerà le atmosfere al tempo stesso rustiche e ricercate delle cucine d’altri tempi.

Ispirazione per creare il paraschizzi della zona barbecue in giardino - Leroy Merlin Ispirazione per creare il paraschizzi della zona barbecue in giardino - Leroy Merlin

La parete scenografica

A volte, le pareti laterali dei terrazzi coperti vengono un po’ trascurate quando invece la loro valorizzazione potrebbe radicalmente cambiare l’aspetto del nostro spazio all’aria aperta. Possiamo, per esempio, trasformarle in piccole scenografie semplicemente rivestendole con piastrelle decorative a motivi geometrici in nuance con la pavimentazione, ottenendo così un’atmosfera gradevole, equilibrata e molto accogliente.

Idee per valorizzare le pareti laterali del terrazzo coperto con le piastrelle decorative – Leroy Merlin Idee per valorizzare le pareti laterali del terrazzo coperto con le piastrelle decorative – Leroy Merlin

L’originale doccia da giardino

Per un inedito angolo doccia in giardino, possiamo realizzare un setto murario e rivestirlo con delle piastrelle decorative effetto cemento e motivo floreale sovrapposto. Riprenderemo poi i colori del rivestimento nel piatto doccia che potrà essere una semplice pedana in legno di pino, una vasca in grès antiscivolo, oppure un originalissimo pavimento effetto pietra a spacco. In ogni caso, avremo una doccia esterna super trendy!

Idee per creare l’angolo doccia in giardino con le piastrelle decorative – Leroy Merlin Idee per creare l’angolo doccia in giardino con le piastrelle decorative – Leroy Merlin

Sono riuscita a ispirarti? Hai trovato qualche spunto creativo per utilizzare le piastrelle decorative nel tuo giardino? Scrivilo qui nei commenti e se hai qualche domanda o esigenza particolare, sarò ben felice di aiutarti.

ValeriaBonatti
Architetto
24/08/21-10:45 (modificato)

Vietato lamentarsi delle nicchie! Se temi che ti complichino la vita, adesso che devi arredare la casa o se fino ad ora le hai viste solo come inutili spazi vuoti, sappi che invece sono una risorsa incredibile, tanto che nelle case moderne, dove tutto è pulito, razionale e lineare, spesso gli architetti si trovano a crearle appositamente! Vediamo insieme come sfruttare al meglio una nicchia nel muro, tenendo conto che, ovviamente, l’uso dipenderà dalla sua dimensione, dalla collocazione e dalla stanza in cui si trova (ma niente paura, il modo per sfruttarle si trova sempre!).


Una nicchia arredata in soggiorno crea profondità come una quinta scenica – foto Leroy Merlin

Ingresso attrezzato con le nicchie

L’ingresso oggi è spesso trascurato e si tende a dare più spazio e attenzione al living; rappresenta invece l’ambiente che serve da filtro tra il nostro nido domestico e il mondo là fuori, quello in cui diamo un ultimo sguardo allo specchio prima di uscire o ci togliamo scarpe e cappotto quando rientriamo. Giacche, cappelli, chiavi, il guinzaglio del cane, la posta, la borsa… Dove sistemare tutto questo? Inutile dirlo, se all’ingresso hai una nicchia metà del lavoro è fatto! Se è a tutta altezza sistema nella parte bassa una scarpiera o un mobile contenitore poco profondo e in alto dei ganci dove appendere ciò che ti serve per uscire; se non hai voglia di fare abbinamenti puoi utilizzare un appendiabiti doppio o un mobile ingresso. Una nicchia all’ingresso però può anche semplicemente accogliere come punto focale estetico: che ci siano o meno dei ripiani, mettila in risalto con una carta da parati, un colore particolare o uno specchio a tutta altezza. Effetto wow! Il tuo ingresso in realtà è un lungo corridoio? Dai un’occhiata a questo articolo “4 idee per sfruttare al meglio una nicchia nel corridoio ”, ci troverai i suggerimenti che cerchi!


Nicchia guardaroba per l’ingresso – foto Lavorincasa e Leroy Merlin

Arredare una nicchia in soggiorno

Le nicchie in un ambiente più ampio come il soggiorno costituiscono un vero punto di forza perché movimentano e danno profondità allo spazio; arredate con delle mensole su cui sistemare libri o oggetti, permettono allo stesso tempo di arricchirlo con un tocco di classe. Quando la rientranza parte da terra, come il vano lasciato da una porta, bastano davvero dei semplici ripiani bianchi e un pouf per trasformarla in un piccolo angolo studio elegantemente integrato in questo soggiorno Tropical Glam. E cosa c’è di meglio di una nicchia per attrezzare in soggiorno uno spazio relax per leggere, ascoltare musica, magari guardando il panorama comodamente accoccolati su morbidi cuscini sistemati proprio nella nicchia della finestra?


Angolo lavoro in nicchia per il soggiorno Tropical Glam – foto Leroy Merlin

Camera con nicchia

I modi per sfruttare e arredare una nicchia in camera da letto sono legati alle funzioni che accompagnano il nostro fine e inizio giornata. Un vano guardaroba in più, una scarpiera nascosta, una libreria con i nostri autori preferiti, un comodino elegante e discreto. Attenzione però a non rendere banale e disordinato uno spazio così prezioso: arricchiscilo sempre con un rivestimento particolare, magari uno specchio, e luci che lo valorizzano anche di sera e potrà diventare il tuo elegante angolo toilette o un organizzato rifugio per leggere e lavorare.


Spazi preziosi da sfruttare, anche in camera – foto Vitasumarte e Elmeuble

Nicchie funzionali (ma non solo) in bagno e cucina

Bagno e cucina sono le stanze dove più facilmente si trovano delle nicchie: il passaggio di tubazioni e canne fumarie spesso creano delle rientranze che potrai arredare in base alla tua esigenza di spazio e ricavare così un angolo per la dispensa, la lavatrice, per il tablet, le spezie, una pianta o anche solo un quadro. Scatole, cestini e contenitori aiutano a tenere tutto in ordine sulle mensole e allo stesso tempo tutto a portata di mano; e anche se le nicchie sono piccole, non immagini quanto possano essere utili. Ma non solo, lo stesso si può dire per la loro valenza estetica: basta davvero poco per trasformare un semplice vuoto nel muro in uno spazio speciale, carico di oggetti, colori, ricordi che donano da soli emozioni, carattere e stile alla stanza intera.


Una nicchia ben curata porta sempre stile, anche in bagno – foto Gaiamiacola e Leroy Merlin

Spero che i miei suggerimenti ti siano stati di ispirazione per dare una nuova veste alla tua nicchia. Utile, ma bella dovrà essere il tuo motto. Poi ci mandi una foto?

ValeriaBonatti
Architetto
24/08/21-10:43 (modificato il 30/10/23-09:01)

Scommetto che capita anche a te: al ritorno dalle vacanze, dopo essere stata per un po’ lontana da casa, ne noto di più pregi e difetti e ogni volta faccio grandi progetti di cambiamenti. Ma spesso i sogni si infrangono di fronte alla previsione di spese e disagi. Come fare allora per iniziare l’autunno con ottimismo ed energia? Sfruttando i prodotti e i materiali (e i consigli) che permettono di realizzare, un po’ per volta, ciò che si ha in mente con il massimo risultato e il minimo dispendio, sia fisico che economico. Cominciamo oggi allora a vedere come rinnovare i pavimenti interni senza sostituirli.

Cambiare il pavimento trasforma una stanza – foto Leroy Merlin

Per non sostituire un pavimento ricoprilo!

Anche per chi si trova a entrare in una casa appena acquistata o presa in affitto può essere molto importante cambiare l’aspetto di un pavimento senza essere costretti alla demolizione di quello originario. La soluzione ideale allora è semplicemente ricoprire la pavimentazione esistente con uno strato abbastanza sottile da non compromettere la funzionalità di porte e finestre, così da non doversi mettere a tagliare pannelli e stipiti. A questo punto la scelta deve tener conto di un solo fattore, e cioè la necessità o meno di salvaguardare il pavimento originario per un eventuale recupero in futuro, perché per il resto i materiali e le finiture a disposizione sono davvero tanti e tutti di ottima qualità, dal grès a basso spessore ai pavimenti vinilici: non resta che scegliere lo stile più adatto! Ma vediamo insieme le caratteristiche specifiche di ciascun materiale, così trovare quello perfetto per te sarà un gioco da ragazzi.

Il grès a basso spessore è ideale per ricoprire un pavimento – foto Leroy Merlin

Ricoprire un vecchio pavimento senza rovinarlo, ma come?

La posa più adatta per rinnovare un pavimento senza danneggiare quello sottostante è senza dubbio quella flottante a incastro, o clic. Così semplice che puoi realizzarla anche tu, con i consigli dei nostri esperti e i tutorial che ti spiegano passo dopo passo come fare. Ma quali sono i pavimenti più adatti? Scartato il laminato, ma solo per questioni di spessore (perché sia resistente all’usura deve partire da un minimo di 6-8 mm), due sono i pavimenti che ti consiglio, entrambi vinilici. Parlo del PVC e della sua evoluzione SPC, che differisce dal primo per la presenza di un’alta percentuale di polveri minerali mischiata ai polimeri. La resa estetica è ineguagliabile e ti offrono tutti i vantaggi di cui hai bisogno in solo 2-4 mm. Preferisci l’effetto legno del Luzerna o i raffinati e moderni lastroni Pietra Nova? Le finiture sono così tante che avrai solo l’imbarazzo della scelta, sono adatti ad ogni stanza perché non temono l’umidità di cucina e bagno e sono perfetti anche per le camere da letto in quanto non rilasciano VOC. Scommetto che non vedi l’ora di far sparire quel vecchio pavimento in un clic!

L’estetica ineguagliabile di un pavimento SPC per rinnovare una stanza – foto Leroy Merlin

Cambia aspetto al pavimento solo con la resina

Diverso è il discorso se della pavimentazione esistente l’unica cosa che ti interessa è non vederla mai più. In questo caso puoi ricorrere ad un materiale molto affascinante e versatile, che rasenta la creazione artistica: la resina. Adatta a qualsiasi ambiente e qualsiasi stile, con soli 3 mm di spessore, la resina ti permette di trasformare un pavimento piastrellato in una superficie omogenea del colore e dall’effetto materico che più preferisci: lucido, opaco, marezzato, spatolato. Puoi perfino scegliere quella trasparente e inserire ciò che ti piace, realizzando una pavimentazione creativa e personalizzata, con sassi, conchiglie, foglie, stoffe, fotografie. E senza paura che si rovini: è sufficiente seguire le istruzioni di posa e avrai un pavimento altamente resistente, igienico, facile da pulire e soprattutto unico!

Trasformare completamente l’aspetto di un ambiente con la resina – foto Leroy Merlin

Oppure coloralo!

Se invece ti piace l’idea di mantenere il disegno delle piastrelle o delle doghe di legno del parquet puoi ricorrere ad un semplice smalto specifico per pavimenti, che trovi in tantissime tonalità e che è davvero facile da stendere. Per il legno invece esistono appositi smalti, detti vetrificatori, che possono semplicemente rinnovare il parquet o trasformarlo completamente, dandogli un nuovo colore, fino ad un aspetto metallico. A te la scelta!

Metti mano a rulli e pennelli per cambiare il tuo pavimento – foto Leroy Merlin e Decorexpro

Credo che a questo punto non avrai più dubbi e timori sull’affrontare la trasformazione della tua casa, a partire dai pavimenti, dal momento che si può fare senza grossi lavori e spese eccessive. Dai un occhio anche all’articolo “Scegliere piastrelle e pavimenti facilissimi da posare” e poi facci sapere com’è andata!

Sabrina_Pannoli
Esploratore 🔍
24/08/21-06:51 (modificato)

L'illuminazione riveste ruoli importantissimi, in particolare quello funzionale e quello estetico. Un punto luce di design, che si tratti di applique da muro, lampadario o lampada da tavolo, è un elemento che focalizza l'attenzione e valorizza qualsiasi ambiente.

Hai mai pensato di realizzare una lampada fai da te? Potrebbe essere un'idea originale per illuminare la casa e anche un ottimo modo per riciclare oggetti che hai già in casa . E vuoi mettere la soddisfazione di creare con le tue mani? Voglio quindi mostrarti 3 progetti che partono da materiali semplici ma con un effetto finale sorprendente: investi un pizzico di manualità e potrai creare una lampada con materiali di recupero per la tua casa!

Una lampada fai da te è un ottimo modo per riutilizzare materiali di recupero. - Foto Leroy Merlin Una lampada fai da te è un ottimo modo per riutilizzare materiali di recupero. - Foto Leroy Merlin

La lampada di design con le grucce

Tra i mille materiali a disposizione dentro casa per realizzare una lampada avresti mai pensato a delle semplici grucce? E invece non solo è possibile, ma è anche di grande effetto! Per questo progetto potrai utilizzare sia grucce appendiabiti in legno che in metallo, dipende quale materiale ti piace di più. Considera che con le grucce in metallo (quelle della lavanderia per intenderci) il lampadario avrà un effetto "a cascata" molto particolare. Dopo il montaggio potrai lasciare le grucce naturale, perfette per un ambiente rustico o industriale, oppure colorarle con una vernice spray. In alternativa, potrai rivestirle con dei fili di lana, cotone o rafia: via libera alla fantasia!

Le grucce lasciate al naturale sono perfette per un ambiente rustico o industriale. - Foto Leroy Merlin Le grucce lasciate al naturale sono perfette per un ambiente rustico o industriale. - Foto Leroy Merlin

Applique industrial da un raccordo idraulico

In questo progetto scoprirai come un comune raccordo in PVC si può trasformare in un'applique in stile industrial! Sarà veramente semplice realizzarla e installarla. Questa applique è perfetta sia nella zona living sia in camera da letto, e in particolare sopra la testata del letto al posto delle più classiche lampade abat-jour. Oppure puoi usarla per mettere in evidenza un particolare arredo di design o posizionare una serie di applique nella zona pranzo a supporto dell'illuminazione principale.

Questa applique è ideale sia nella zona living sia in camera da letto. - Foto Leroy Merlin Questa applique è ideale sia nella zona living sia in camera da letto. - Foto Leroy Merlin

Lampada a sospensione in cartone

Per realizzare questo lampadario dovrai ritagliare e modellare delle strisce di cartone. In questo modo creerai una struttura che potrai dipingere o decorare a tuo piacimento. Ecco alcune idee originali: alternare fantasie diverse tra una striscia e l'altra; dipingere tutto il lampadario di nero e, una volta asciutto, disegnare motivi con un pennarello bianco; decorare con una vernice glitter; praticare dei piccoli fori sull'ultima striscia in basso e appenderci dei piccoli cristalli. Potrai anche creare più paralumi con diverse forme e dimensioni per assemblare una sospensione multipla! Per queste soluzioni originali occorre un budget ridottissimo ma sono certa che lasceranno i tuoi ospiti a bocca aperta. Che aspetti a metterti all'opera?

Una lampada in cartone di recupero è leggera, economica ed ecologica. - Foto Leroy Merlin Una lampada in cartone di recupero è leggera, economica ed ecologica. - Foto Leroy Merlin

Prima di cimentarti in uno di questi progetti devi considerare alcuni aspetti pratici: in quale stanza vuoi collocare la lampada, quale funzione dovrà svolgere, quanta luce desideri e il tipo di predisposizione elettrica esistente. Una volta chiariti questi presupposti, potrai scegliere la tipologia che più ti piace e creare la tua lampada fai da te. Ma non ti dimenticare di condividere il tuo fantastico progetto nella sezione Fatto da voi!

Federica_Cornalba
Architetto e paesaggista
20/08/21-08:13 (modificato il 17/06/24-11:02)

Se abbiamo un giardino in pendenza e pensiamo che sia difficile - se non impossibile - sfruttarlo al meglio, stiamo commettendo un errore: in realtà le variazioni di quota offrono una grande occasione per creare oasi verdi davvero originali. Se ben organizzato, lo spazio non risulterà solo dinamico e vivace, ma sembrerà anche molto più grande di quanto non sia realmente. Scopriamo quindi insieme quali sono i trucchi per organizzare al meglio un giardino in pendenza e per trasformarlo in un accogliente e super accessoriato spazio en plein air.
Idee per sfruttare al meglio un giardino in pendenza – Leroy Merlin

Impostare i piani per le aree funzionali

Per sfruttare al meglio il nostro giardino in pendenza, prima di tutto dobbiamo impostare i piani dove posizionare le aree funzionali che poggeranno quindi su “terrazze” create ad hoc (i cosiddetti deck) in base al dislivello esistente. Per realizzarle, paragoniamole a una scala e consideriamo ogni terrazza come un gradino: seguendo gli utilissimi consigli per la realizzazione di un muretto in giardino, creiamo quindi i contenimenti verticali (che in una scala possono essere paragonati alle alzate) con mattoni forati o blocchi di calcestruzzo cellulare. A questo punto riempiamo le porzioni a monte di ogni muretto con terra di riporto e realizziamo il massetto di cemento sopra il quale andrà poi posata la pavimentazione. Qualche suggerimento per fare un lavoro a regola d’arte:

  • aggiungiamo alla terra di riporto dei ciottoli di fiume a pezzatura grossa in modo da aumentare la capacità drenante del suolo;
  • mettiamo una rete elettrosaldata per rinforzare la gettata di cemento;
  • calcoliamo bene gli spessori affinché la pavimentazione finale si trovi esattamente alla quota desiderata.

Ispirazioni per realizzare i deck dove organizzare le aree funzionali del giardino in pendenza - Leroy Merlin

Scegliere la pavimentazione più adatta per le aree funzionali

La scelta della pavimentazione più adatta per le aree funzionali del nostro giardino in pendenza va fatta sì in base allo stile che preferiamo, ma dobbiamo anche prestare molta attenzione al mantenimento delle superfici che non dovrà, in seguito, comportare troppa fatica. Se il dislivello che abbiamo “addomesticato” con i nostri terrazzamenti è consistente, sono particolarmente indicate le pavimentazioni da esterno in grès che richiedono interventi minimi, sia nella gestione ordinaria che in quella straordinaria: il grès oltretutto è talmente versatile da accontentare qualsiasi esigenza estetica grazie alle finiture effetto marmo, cotto, pietra, legno e cemento. Se invece la pendenza che abbiamo superato con i terrazzamenti è modesta, possiamo pensare a un pavimento in legno posato su travetti: questi ci consentiranno con facilità di compensare le eventuali imperfezioni del sottofondo e di ottenere così un deck perfettamente complanare. Il pavimento potrà quindi essere in doghe di legno naturale oppure in resistentissimi listoni di composito. Una volta definita la tipologia di pavimento, per aiutarci a fare la scelta più adatta alle nostre esigenze estetiche e individuare quindi il prodotto perfetto per noi…non ci resterà che scoprire quali sono le ultime tendenze per i pavimenti di giardini, terrazzi e balconi: che ne dite, per esempio, dei bellissimi ed eco-friendly listoni a incastro in pino scandinavo?
Come scegliere la pavimentazione adatta per i deck di un giardino in pendenza - Leroy Merlin

Collegare i terrazzi del giardino in pendenza e creare i percorsi

Una volta creati i piani dove poi allestiremo l’area pranzo, il salottino o il solarium, dobbiamo pensare a come collegarli tra di loro e a come raccordare le zone che lasceremo in pendenza. Per quanto riguarda i collegamenti tra i deck funzionali, se la differenza di quota è elevata, la soluzione migliore è creare delle scale con gradini più o meno ampi da rivestire assecondando la tipologia delle pavimentazioni che coprono i terrazzamenti, oppure optando per una finitura a contrasto: in questo caso, io sceglierei delle lastre in grès effetto cemento color crema, se la superficie dei deck è in legno naturale, oppure dei piastrelloni effetto terracotta smaltata se invece le terrazze hanno una pavimentazione monocromatica. Creare delle scale potrebbe non essere necessario qualora la differenza di quota tra i deck sia minima: un’attenta progettazione, in questo caso, ci consentirà di risolvere i dislivelli con “muretti smart” da trasformare in originali sedute, piani d’appoggio o contenitori per piccole piantine. L’idea geniale? Sfruttiamo la versatilità dei gabbioni in maglia metallica e assecondiamo in modo super rapido tutte le esigenze del nostro giardino in pendenza! Dopo aver organizzato come si deve le terrazze funzionali, non ci resterà dunque che pensare alle zone da lasciare in pendenza: impostiamone l’inclinazione cercando di renderla il più dolce possibile, compattiamo per bene il terreno e inerbiamolo seminando la miscela per prato più adatta alle condizioni climatiche e all’esposizione del nostro giardino. Un suggerimento utile, specialmente in presenza di forte inclinazione, è creare dei percorsi con passi giapponesi antiscivolo per ridurre i rischi di caduta in caso di pioggia o umidità elevata.

Idee per collegare i terrazzamenti di un giardino in pendenza - Leroy Merlin

Allestire e arredare i terrazzi del giardino in pendenza

Come abbiamo visto, risolvere il dislivello di un giardino in pendenza creando terrazzamenti ben definiti è la soluzione ideale per poterlo sfruttare nel migliore dei modi. Come possiamo quindi allestire e arredare i nostri deck? In linea generale è bene assegnare a ogni terrazzo una specifica funzione, facendo però in modo che l’insieme risulti organico e fluido sia dal punto di vista estetico sia da quello pratico: collocare l’area pranzo alla quota dell’abitazione è senz’altro un’idea intelligente poiché il collegamento diretto tra cucina di casa, tavolo da giardino e barbecue renderà molto più agevoli tutte le operazioni per preparare e servire le pietanze. Anche il salottino da esterno andrà collocato in prossimità della casa al fine di creare continuità - non solo funzionale, ma anche percettiva - tra ambienti indoor e outdoor. Infine, nella zona del nostro giardino in pendenza più lontana dall’abitazione possiamo impostare le aree che hanno una connotazione en plein air più marcata, come il solarium o la piscina. A questo proposito, vanno preferiti - per questioni di praticità - arredi leggeri e facili da spostare, come un lettino prendisole in alluminio con ruote, e spa fuoriterra che coniugano comfort e facilità di manutenzione. In ogni caso, qualunque sia la caratterizzazione che vogliamo dare al nostro giardino in pendenza, ricordiamo che ci sono dei dislivelli da superare e che la comodità va messa al primo posto: costringerci a faticare significa ridurre drasticamente i benefici che derivano dall’avere uno spazio ouotdoor!

Ispirazioni per arredare al meglio i terrazzamenti di un giardino in pendenza - Leroy Merlin

Come fare la manutenzione di un giardino in pendenza con la giusta attrezzatura o creando un originale orto terrazzato

Come per la manutenzione di tutti gli altri spazi outdoor, anche per i giardini in pendenza la maggior parte del lavoro riguarda il prato. È per questo che consiglio sempre di scegliere la miscela di sementi più adatta alle esigenze climatiche e all’esposizione del giardino: perché riduce di tantissimo le pur indispensabili cure periodiche del manto erboso che, per essere fatte come si deve, necessitano di un decespugliatore a batteria o di un tagliaerba a scoppio da scegliere in base alle nostre abitudini e alla pendenza del terreno. Importante è comunque optare per attrezzature senza filo ed evitare così spiacevoli rallentamenti nelle operazioni di taglio e pulizia. Per ridurle ulteriormente e renderle ancora più agevoli, possiamo anche ispirarci ai terrazzamenti agricoli dei paesaggi mediterranei e orientali realizzando delle aiuole pianeggianti da riempire poi con la vegetazione che più ci piace. Io, per esempio, delimiterei le aiuole con bordure e cordoli da giardino e le riempirei di semi da orto per avere verdure fresche e genuine sempre a portata di mano: oltre ai benefici per la salute, otterrei anche il duplice vantaggio di consolidare il terreno in pendenza e di non dover rasare l’erba in continuazione. Dimenticavo che, con l’orto, anche l’aspetto estetico del nostro giardino a terrazze guadagnerebbe tanti punti e poi sarebbe più sostenibile…insomma: creare piccoli terrazzamenti vegetali è in assoluto il sistema migliore per ridurre la manutenzione e accrescere la bellezza di un giardino in pendenza!
Fare l’orto terrazzato è un’ottima idea per ridurre la manutenzione del giardino in pendenza - Leroy Merlin

E tu? Se hai trovato l’idea giusta per sfruttare al meglio il tuo giardino in pendenza e hai bisogno di qualche consiglio in più per realizzarla o vuoi mostrarci la soluzione che hai già trovato, iscriviti alla Community! Potrai ricevere suggerimenti personalizzati, condividere con tutti quel che hai realizzato e scambiare tante idee: ti basterà scrivere qui sotto nei commenti o pubblicare nella Gallery dei progetti le foto dei tuoi capolavori! Ti aspettiamo!

EnricaCuccarese
Redattrice
18/08/21-11:22 (modificato)

Come funziona un filtro a sabbia per la piscina ? Questo è utile per godere appieno della freschezza di un bagno in piscina, in questo modo l’acqua è sempre limpida e pulita. Scoprine tutti i vantaggi e filtra l'acqua della tua piscina in modo più ecologico.

Filtro a sabbia per piscina - Ralf GeitheFiltro a sabbia per piscina - Ralf Geithe

Filtro a sabbia per una piscina ecologica

Affinché l’acqua rimanga costantemente pulita è necessario utilizzare un impianto di filtrazione in grado di raccogliere lo sporco e scaricarlo fuori dalla vasca. Il Filtro a sabbia per piscina BESTWAY, per esempio, è in grado di depurare l’acqua in maniera facile e veloce. In commercio esistono diversi tipi di filtri, ognuno più o meno funzionale a seconda della tipologia di piscina che si possiede. Il filtro a sabbia è un prodotto ecocompatibile, perché utilizza la sabbia per pulire l'acqua. È un modo per poter pulire meglio la vasca e smaltire insetti o foglie che finiscono per galleggiare sulla superficie dell’acqua. Inoltre, presenta alcuni notevoli vantaggi sia in termini di efficienza che di prezzo.

Filtro a sabbia per piscina BESTWAY - Leroy MerlinFiltro a sabbia per piscina BESTWAY - Leroy Merlin

Le caratteristiche del filtro a sabbia

Il filtro a sabbia è tra i filtri più conosciuti ed utilizzati. Questo prodotto è composto da un contenitore in plastica o in fibra di vetro all’interno del quale è collocata la sabbia silicea, la sostanza che ha il compito di eseguire il filtraggio. Tuttavia, in alternativa alla sabbia si può anche usare la zeolite, un materiale di origine vulcanica o la sabbia di vetro che garantisce una durata maggiore. Questo strumento è utile sia per le piscine fuori terra, sia per quelle interrate e presenta numerosi vantaggi. Prima di ogni cosa è bene sapere che una piscina fuori terra, ad esempio, avrà un piccolo impianto. Mentre, una vasca di grandi dimensioni, avrà bisogno di un sistema di rigenerazione capace di gestire il volume d’acqua che deve depurare.

Filtro a sabbia per piscina BESTWAY - Evgeniya Sheydt Filtro a sabbia per piscina BESTWAY - Evgeniya Sheydt

I vantaggi d’utilizzo del filtro a sabbia

Il filtro a sabbia è una soluzione funzionale, a lunga durata e con un ottimo rapporto qualità prezzo. Il filtro a sabbia è un prodotto già pre-assemblato e basta collegarlo alla piscina. Il sistema è caratterizzato da un contenitore cilindrico nel quale si inserisce il tipo di sabbia scelta. In poche parole, l’acqua viene immessa nel cilindro dalla forza motrice della pompa e viene depurata al passaggio nel cilindro. In questo modo il materiale organico rimane “intrappolato” dentro il filtro a sabbia mentre l’acqua fuoriesce limpida. Questo meccanismo permette di ottenere un’ottima depurazione dell’acqua, inoltre, si contraddistingue da un’estrema facilità di manutenzione. Tramite la valvola a 6 vie si possono scegliere diverse opzioni come il controlavaggio, il risciacquo o lo svuotamento. Per di più, se la manutenzione viene eseguita regolarmente, la sabbia del filtro può durare anche 5 o 6 anni.

Filtro a sabbia per piscina BESTWAY - Leroy Merlin Filtro a sabbia per piscina BESTWAY - Leroy Merlin

Hai trovato l’articolo interessante? Ora non devi far altro che scoprire Come progettare una piscina da esterno in modo sostenibile. Per qualsiasi dubbio o curiosità, scrivi alla Community, ti risponderemo e ti aiuteremo nella progettazione della tua piscina, anche grazie a 4 consigli per una piscina più sostenibile.