Community

Home
Magazine della casa

Magazine della casa

Vivi la tua passione per la casa e il giardino, scopri le ultime tendenze di stile e trova nuovi spunti per i tuoi progetti con gli articoli della nostra redazione.
Tutti gli articoli
I miei articoli
Creare un articolo
Tutto Bagno e arredo bagnoGiardino e TerrazzoDecorazione e IlluminazionePavimenti e rivestimentiVerniciCucinaOrdine e sistemazioneFalegnameria ed EdiliziaUtensileria e FerramentaFinestre, porte e scaleElettricità, automazioni e Smart HomeClimatizzatori, stufe e idraulicaNataleEventi e iniziative community
AnnaZorloni
Garden Expert
10/03/21-20:46 (modificato)

Hai già pensato a cosa coltivare nell’orto quest’anno? I soliti pomodori, zucchine e cetrioli? Certo, questi ortaggi sono indispensabili e immancabili in cucina durante l’estate, ma perché non provare anche qualcosa di nuovo? In mezzo alle ‘solite’ specie da orto, coltivane qualcuna di originale, che potrai trovare semplicemente facendo un giro nel reparto giardinaggio, tra le numerose bustine di sementi appese agli espositori. Anche l’orto subisce le mode, lo sapevi? Quali sono le tendenze per quest’anno? Le verdure rosse! Hanno sicuramente un aspetto vivace e originale e, in più, sono benefiche! Contengono infatti gli antociani, pigmenti responsabili della loro colorazione rossa o viola; queste sostanze hanno anche una importante attività antiossidante e ci aiutano a rallentare il processo d’invecchiamento… un motivo in più per coltivarle e consumarle!
Crea un orto originale quest'anno, inserendo qualche sfumatura di rosso tra le tue verdure! - foto Pixabay
Crea un orto originale quest'anno, inserendo qualche sfumatura di rosso tra le tue verdure! - foto Pixabay

5 verdure rosse o viola per il tuo orto di tendenza:

1) Bietole dalle coste colorate: estremamente decorative, con i loro gambi e le loro nervature rosse, queste bietole sono così belle che è quasi un peccato raccoglierle! vivacemente colorate di rosso, le bietole non sono solo verdi! - foto Pixabayvivacemente colorate di rosso, le bietole non sono solo verdi! - foto Pixabay

2) Patate viola: si distinguono dalle solite patate gialle o bianche per la loro colorazione: la loro polpa e la loro buccia, infatti, sono proprio di questo colore, in diverse tonalità variabili dal rosa al viola scuro.

Hai mai provato le patate viola? Prova a fare un purè rosa... - foto PixabayHai mai provato le patate viola? Prova a fare un purè rosa... - foto Pixabay

3) Carote viola: sono molto più diffuse nei paesi anglosassoni dove vengono consumate insieme alle classiche carote arancioni per coloratissimi tegami di verdure arrosto! Accanto alle classiche carote arancioni, coltiva anche quelle viola! - foto PixabayAccanto alle classiche carote arancioni, coltiva anche quelle viola! - foto Pixabay

4) Cavolfiore viola: le varietà ‘Purple’ e ‘Violetto’ sono caratterizzate dalla tonalità viola della loro ‘testa’, che poi è una grossa infiorescenza che si sviluppa in mezzo al ciuffo di foglie. Potrai scegliere anche quelli gialli o quelli verdi se ti piacciono di più. Un peccato raccogliere questo splendido fiore rosa nell'orto - foto PixabayUn peccato raccogliere questo splendido fiore rosa nell'orto - foto Pixabay

5) Basilico rosso: ha un aroma più delicato rispetto al comune basilico verde genovese. Viene comunque apprezzato per il suo profumo e per il suo piacevole sapore, tanto da essere utilizzato per aromatizzare piatti e creare salse gradevolmente aromatizzate.

Prova a fare un pesto con il basilico viola, che sapore avrà? - foto PixabayProva a fare un pesto con il basilico viola, che sapore avrà? - foto Pixabay

Come coltivare l'orto?

Una volta procurate le bustine di sementi, prepara i tuoi semenzali: utilizza delle comode vaschette da semina e terriccio morbido apposito per le semine. Segui sempre le indicazioni riportate sulla bustina di semente: epoca di semina, profondità di semina e altre informazioni importanti da seguire per ottenere un ottimo risultato. Tieni i tuoi semenzali in una posizione protetta, calda e luminosa: di solito ci vogliono almeno un paio di settimane prima che i semi germinino. Una volta che avrai ottenuto le piantine, sufficientemente sviluppate, non dovrai fare altro che trasferirle nel tuo orto, che avrai preparato come descritto in “Preparare l’orto in 6 passaggi”, così sarà pronto ad accogliere le giovani piantine quando saranno sviluppate a sufficienza. Metti a dimora le piantine seguendo uno schema prestabilito. Prenditi cura delle tue piantine, d’ora in avanti, bagnandole regolarmente, concimandole e proteggendole da insetti, lumache e malattie.
In poche settimane potrai raccogliere i primi ‘frutti rossi’ del tuo orto di tendenza! Se hai bisogno di consigli scrivimi nei commenti!

Sabrina_Pannoli
Community Starter
10/03/21-14:26 (modificato)

Sulle riviste di arredamento hai spesso ammirato le foto di case dal sapore industriale, come open space di grandi metrature e loft con soppalco? Nessun altro tipo di immobile permette uno stile così unico e versatile come un loft. L’ambiente spazioso infatti può essere pensato e sfruttato in base alle proprie necessità abitative. Questa versatilità consente scelte molto personali ed è ideale per single, coppie e famiglie. Se questa tipologia di spazi ti rappresenta e vuoi ricrearne l'atmosfera a casa tua non puoi perderti lo stile Labo di Leroy Merlin: un loft urbano, con open space, grandi vetrate e soppalco. Per questo progetto si è scelto di abbinare elementi urban-industrial, materiali come cemento e metallo e pochi colori: bianco, nero e grigio.

Nessun altro tipo di immobile permette uno stile così unico e versatile come un loft. - foto Leroy Merlin Nessun altro tipo di immobile permette uno stile così unico e versatile come un loft. - foto Leroy Merlin

Un'ampia zona living in stile Labo

Come anticipato, i colori di questo loft stile industriale sono il grigio del pavimento Easy in gres effetto cemento, il bianco di porte e profili del soppalco, e il nero della gallery wall con tele black & white. Il **living in stile Labo **è caratterizzato dalla zona relax con un grande divano ad L e morbidi cuscini che riprendono i colori della palette; una scala in faggio e acciaio collega il pian terreno con il soppalco, dedicato alle zone studio/smart working e notte. La nota più particolare è rappresentata dalla parete in stile délabré creata con il rivestimento in pannelli decorativi effetto mattone che richiama i muri tipici dei loft americani. L'illuminazione dello spazio è affidata alla lampada da terra Covaleda, ai faretti Hollywood e alle sospensioni Salford, che creano un effetto industriale molto scenografico.

Il living in stile Labo è caratterizzato dalla zona relax con un grande divano ad L e morbidi cuscini che riprendono i colori della palette. - foto Leroy Merlin Il living in stile Labo è caratterizzato dalla zona relax con un grande divano ad L e morbidi cuscini che riprendono i colori della palette. - foto Leroy Merlin

Stile Labo per una cucina total white

Spostandoci sotto al soppalco di questo open space industrial, troviamo la cucina in stile Labo, che è caratterizzata da alcuni particolari elementi:

- assenza di pensili, sostituiti da mensole spaziose, per aumentare la sensazione di ariosità

- colore bianco, per donare luminosità e leggerezza, spezzato solo dal grigio della nicchia

- **isola centrale **con sgabelli, per cucinare comodamente e intanto interagire con gli ospiti o i bambini.

I piani utili per preparare e mettersi a sedere non mancano: questi spazi ampi e funzionali, così come le linee pulite e il colore bianco, rendono questa cucina un ambiente comodo ma moderno. La cappa di design con luce integrata è il tocco di stile: sembra una lampada a sospensione e rende sofisticato questo elettrodomestico.

Gli spazi ampi e funzionali, così come le linee pulite e il colore bianco, rendono questa cucina un ambiente comodo ma moderno. - foto Leroy Merlin Gli spazi ampi e funzionali, così come le linee pulite e il colore bianco, rendono questa cucina un ambiente comodo ma moderno. - foto Leroy Merlin

Il bagno Labo: minimal con un tocco green

Il bagno in stile Labo è caratterizzato da un design urbano, dove predominano il bianco e nero. Questo bagno minimalista è perfetto per un loft stile industrial perchè presenta numerosi dettagli neri - come i sanitari sospesi, i profili del mobile bagno e della doccia - ma smorza questo rigore con tanto bianco e piante sospese. Il mobile bagno è minimal ma estremamente funzionale grazie ai due comodi piani d'appoggio e al porta salviette integrato. Il metallo nero è ripreso dall'originale appendiabiti con rastrelliera.

Il mobile bagno è minimal ma estremamente funzionale grazie ai due comodi piani d'appoggio e al porta salviette integrato. - foto Leroy Merlin Il mobile bagno è minimal ma estremamente funzionale grazie ai due comodi piani d'appoggio e al porta salviette integrato. - foto Leroy Merlin

Per i rivestimenti adatti al loft industriale sono state scelte le cementine esagonali per il pavimento e le piastrelle Metro per le pareti; queste ultime ampliano ancora di più lo spazio grazie alla loro lucentezza e al taglio diamantato. La doccia invece è un comodo walk-in con piatto nero in formato XL, per il massimo comfort e sicurezza.

La doccia è un comodo walk-in con piatto nero in formato XL, per il massimo comfort e sicurezza. - foto Leroy Merlin La doccia è un comodo walk-in con piatto nero in formato XL, per il massimo comfort e sicurezza. - foto Leroy Merlin

Anche tu desideri arredare un loft open space come questo? Abbiamo scoperto insieme che non possono mancare gli elementi tipici dello stile Labo: cemento, elementi in metallo, dettagli industrial e una palette dai colori basic. Ti consiglio inoltre la lettura dell'articolo 5 scale per un perfetto loft cittadino dove puoi trovare l'ispirazione per la scala interna più adatta al tuo progetto. Non dimenticare di condividere con noi spunti, idee e foto del risultato finale!

Federico_Panarello
Architetto LM People
01/03/21-18:50 (modificato)

Anche a voi capitano quelle giornate di lavoro intenso durante le quali non pensate ad altro che arrivare a fine turno per concedervi un po' di relax? Quando siamo stressati il primo pensiero va sicuramente ai centri benessere e all'atmosfera calda e rilassante che li caratterizza. Quello che forse ancora non sapete è che possiamo riprodurre tutti i confort tipici delle spa in casa concedendoci un po’ di relax, ad esempio con la cromoterapia. Scopriamo come ricreare con pochi interventi in casa una vera e propria doccia emozionale in pieno stile centro benessere!

Bagno in stile spa da riprodurre in casa - Leroy Merlin

Origine e benefici della cromoterapia

La cromoterapia appartiene alla medicina alternativa e si pone come obiettivo quello di riportare nell’esatto equilibrio i chakra. I chakra, nella tradizione orientale, sono i sette centri energetici principali del nostro organismo, sui quali si basa tutta la salute del corpo e della mente di una persona. Il rilassamento è permesso grazie al cambiamento dello spettro mediatico dei colori, che unito allo scrosciare dell’acqua, genera dei risultati benefici incredibili. Il bagno di casa è diventato lo spazio protagonista dei momenti di relax, e per questo motivo è importante scegliere i prodotti giusti per regalarsi piacevoli momenti di cura del corpo e della psiche. Conosciamoli insieme!

Soffioni doccia con cromoterapia - Leroy Merlin

Il significato dei colori nella cromoterapia

La cromoterapia si basa sull'emissione di colori in grado di sviluppare sul corpo umano una reazione positiva. Infatti, per ogni colore viene abbinato un preciso significato. Ad esempio se il fascio di luce proiettato è rosso si avranno benefici sulla frequenza respiratoria e i muscoli si rilassano. Il giallo agisce sull’apparato digerente, depura il sangue e genera positività nell’individuo che viene illuminato. Mentre il verde, essendo il colore rilassante per eccellenza, agisce sui crampi all’intestino o allo stomaco, svolgendo anche una funzione disinfettante in grado di distrugge i batteri. Ma scopriamo insieme come realizzare uno spazio doccia con cromoterapia.

Spazio doccia in stile centro benessere - Leroy Merlin

Come realizzare la cromoterapia in doccia

Negli ultimi anni è stata data molta importanza al bagno come zona relax e di rigenerazione della salute fisica e mentale. Per questo motivo quando si progetta un bagno oppure in fase di rifacimento dello stesso, si tiene conto di questo tema. L'obiettivo finale diviene perciò quello di attrezzare le proprie cabine doccia o i bagni con vasca come delle vere e proprie luxury spa. La cromoterapia in doccia può essere realizzata attraverso una cabina dedicata, oppure semplicemente sostituendo il proprio soffione con uno a luci led. Le varie colorazioni dei soffioni doccia vi faranno letteralmente perdere la testa!

Esempio di colonna doccia per generare benessere - Leroy Merlin

Trai benefici dai soffioni doccia con i led a colori

Per inserire la cromoterapia in doccia, generalmente si utilizzano dei led che vengono integrati nel soffione, così da trasformare il getto d'acqua in una scia di luce e colore. Un'altra soluzione è quella di realizzare un controsoffitto all'interno del quale installare dei semplici faretti RGB, l'effetto è davvero sorprendente! Parliamo ovviamente di faretti con grado di protezione IP65 di sicurezza contro l'acqua e l'umidità. Esistono anche le colonne doccia multifunzione, che nonostante non possiedano luci led hanno però un piacevole getto idromassaggio. Infatti, la sottilissima acqua spruzzata sembra ricreare l'effetto della pioggia. Un esempio è la colonna doccia idromassaggio City Plus.

Spazio doccia multifunzione - Leroy Merlin

Le soluzioni che vi ho illustrato potranno regalarvi una vera e propria sensazione di pace e rilassamento. Anche voi desiderate realizzare in casa un bagno effetto spa? Per progettare un bagno in stile centro benessere però è importante capire come suddividere gli spazi. Vi consiglio allora di leggere l'articolo Separare lo spazio in bagno con i pannelli divisori.

ValeriaBonatti
Architetto
01/03/21-18:18 (modificato)

Che stress… Bisogno di rilassarsi? Ognuno ha il suo metodo, ma niente è infallibile come dedicarsi un po’ di coccole in un bagno fatto su misura per prendersi cura di sé, nel corpo e nell’anima. Ecco come realizzare in poche mosse un bagno in cui dimenticare lo stress della vita frenetica.


Rigenerarsi in un bagno effetto Spa – foto Leroy Merlin

Bagno antistress? Questione di stile!

Di sicuro la tua casa avrà uno stile che ti rappresenta, e che immagino avrai tenuto anche in bagno. Giustissimo. Ma io ti propongo una cosa diversa: perché non trasformare il tuo bagno in una zona relax con un vestito tutto suo, così da sentire di entrare in un luogo dall’atmosfera davvero speciale? Qualche suggerimento? Per un bagno effetto Hammam, usa rivestimenti dai toni neutri e scuri, grigio o nero effetto pietra, e rendi speciale l’angolo della doccia o della vasca con la piastrella Felce dai riflessi dorati e ramati e completa con rubinetteria coordinata, accessori in legno e una cascata di piante. Relax garantito!


I riflessi luminescenti di un bagno che sa di Hammam – foto Leroy Merlin

Bagno antistress energizzante

Sei invece un tipo da bagno energizzante? Allora ti consiglio qualcosa di colorato ma rilassante allo stesso tempo. Personalmente adoro le carte da parati effetto botanico, come la Fenicotteri e Felci, perché non c’è niente che trasmetta linfa vitale come immergersi nella natura, ma trattandosi di un ambiente umido ti suggerisco un freschissimo mosaico Jungle Flower: sarà perfetto con rivestimenti e arredi total white e accessori nei toni del verde e del rosa.


La freschezza energizzante di un bagno Jungle – foto Leroy Merlin

Trasformare il bagno in una Spa

Ora che abbiamo soddisfatto gli occhi, veniamo al vero protagonista del programma wellness: l’idromassaggio! Per le vasche ti rimando all’articolo “La vasca da bagno diventa il tuo piccolo rifugio antistress”, ma, nel caso tu preferisca la doccia o abbia un bagno di dimensioni ridotte, le cabine idromassaggio rappresentano un’alternativa dai mille risvolti. Rispetto alle vasche infatti, ti regalano getti d’acqua diversificati, cascate, cromoterapia, casse Bluetooth per la musica e persino la produzione di vapore per l’opzione bagno turco. Una vera esperienza da sogno, che coinvolge tutti i sensi e purifica corpo e spirito.


Cabina doccia idromassaggio per una completa esperienza wellness – foto Leroy Merlin

Creare la giusta atmosfera

Avendone la possibilità, a completare il tuo percorso benessere, potresti predisporre in bagno un angolo per yoga o meditazione e collocare una sauna: ne esistono di dimensioni ridotte, ma dal grande effetto benefico! Se invece vuoi limitarti a piccoli interventi, la giusta combinazione di luci soffuse, candele, l’aroma di olii essenziali e il sottofondo di musica classica, piuttosto che il suono di un ruscello o il canto degli uccellini, è più che sufficiente a ricreare quell’atmosfera che ti farà dimenticare la tua frenetica giornata! Una dritta per gli amanti della tecnologia, ma non solo. Scopri la comodità di comandare luci, colori e suoni nella tua smart home con l’aiuto dell’assistente vocale Google mini.


Il benefico effetto della sauna in casa tua – foto Leroy Merlin

Ti segnalo anche l’articolo “Trasformare il bagno in un' oasi di benessere” per qualche suggerimento in più. Poi però devi farci assolutamente vedere il tuo nuovo bagno-wellness contro lo stress!

Federica_Cornalba
Architetto e paesaggista
01/03/21-15:55 (modificato)

Se siete stati a Marrakech non potete non esservi innamorati delle spettacolari terrazze che si affacciano sulla medina, vere oasi di pace immerse in atmosfere ovattate. La ricerca dell’intimità è infatti la caratteristica principale degli spazi all’aria aperta di tradizione islamica: sono angoli segreti, nascosti agli occhi degli estranei e super confortevoli per chi ha la fortuna di poterli vivere. Perché allora non guardare ai riad marocchini per creare il nostro personale angolo di paradiso qui in città? Lasciatevi ispirare: realizzeremo insieme terrazzi da sogno!
Ispirazione Marrakech per spazi outdoor all’insegna della privacy e dell’intimità – Leroy MerlinIspirazione Marrakech per spazi outdoor all’insegna della privacy e dell’intimità – Leroy Merlin

Lo spazio per la colazione mediterranea

Per realizzare uno spazio-colazione in stile marocchino, i passaggi da seguire sono davvero pochi: sicuramente non devono mancare il color terracotta con cui possiamo dipingere, per esempio, una parete (ideale è utilizzare una pittura a finitura ruvida) e delle piastrelle decorate con motivi geometrici da posare sia a pavimento che sul muro, se vogliamo ampliare la percezione dello spazio. Basta quindi aggiungere un tavolino metallico color antracite e tanti cuscini a righe o in tinta unita da appoggiare anche a terra…e con spremuta, ricotta con miele e yogurt, la giornata inizierà con il piede giusto!
Color terracotta e piastrelle a motivi geometrici caratterizzano la perfetta area colazione in stile Marrakech – Leroy MerlinColor terracotta e piastrelle a motivi geometrici caratterizzano la perfetta area colazione in stile Marrakech – Leroy Merlin

L'angolo per le coccole e il relax

I ritmi delle calde giornate mediterranee, si sa, sono definiti anche dall’irrinunciabile momento per ricaricare le energie. Nella terrazza in stile Marocco, la perfetta area relax dovrà essere, prima di tutto, super riservata: delimitandola con canne di bambù, otterremo il necessario effetto privacy in modo facile e veloce. Appendiamo poi una candida amaca e disponiamo – anche sovrapposti - dei tappeti con forme diverse: perfetta è la combinazione tappeto rettangolare in lana sintetica color miele e scendiletto circolare in juta. Qualche cuscino da pavimento completerà l’angolo delle nostre pause rigeneranti!
Creare con pochi elementi un angolo relax a tutta privacy – housebeautiful.com e Leroy MerlinCreare con pochi elementi un angolo relax a tutta privacy – housebeautiful e Leroy Merlin

L'area per trascorrere pomeriggi rilassanti in compagnia

Nella cultura marocchina l’ospitalità è una dote importantissima e per far sì che la tradizionale cerimonia del tè alla menta sia impeccabile, bisogna creare l’ambiente giusto: per questo, un accogliente salotto in pregiato ferro battuto è certamente la soluzione ideale. Se poi aggiungiamo tanti vasi con abbondante vegetazione e dei grigliati a parete per la crescita di rigogliose rampicanti, l’angolo conversazione si trasformerà in un’oasi dal fascino esotico che conquisterà tutti gli ospiti in un solo istante.
Angolo conversazione ispirato alle terrazze marocchine – riadandalouse.com e Leroy MerlinAngolo conversazione ispirato alle terrazze marocchine – riadandalouse e Leroy Merlin

Scenografie luminose per cene indimenticabili

Dopo un pomeriggio all’insegna della tranquillità, la giornata non può che concludersi con una cena suggestiva! Attorno all'ampio tavolo allungabile che riprende le forme e i materiali del salottino, gli alberetti ospitati nei grandi vasi in terracotta e illuminati dai proiettori a luce led integrata andranno a definire l’atmosfera incantata delle cene berbere. Per completare la scenografia luminosa, aggiungiamo qualche applique dalle forme elaborate: l’ambiente sarà ancora più affascinante.
Luci d’atmosfera per accompagnare cene suggestive ispirate al mood dei riad marocchini  – riadandalouse.com e Leroy MerlinLuci d’atmosfera per accompagnare cene suggestive ispirate al mood dei riad marocchini – riadandalouse e Leroy Merlin

L'acqua: elemento immancabile

Nei giardini islamici l’acqua è un elemento immancabile: rappresenta la fonte della vita in opposizione all’aridità del deserto che ne è invece la negazione. Introdurla anche nel nostro terrazzo di ispirazione marocchina è quindi indispensabile se vogliamo dare il vero tocco della tradizione. Basta un lavatoio in cemento posizionato vicino al muro: oltre a essere la citazione del Paradiso Terrestre, ci aiuterà anche ad avere la vegetazione rigogliosa che tanto desideriamo!
Il punto acqua in terrazza è funzionale e richiama la tradizione del giardino islamico – Leroy MerlinIl punto acqua in terrazza è funzionale e richiama la tradizione del giardino islamico – Leroy Merlin

Cosa ne pensi del terrazzo ispirato ai riad di Marrakech? Hai voglia di crearne uno tutto tuo e di condividere le tue idee con noi qui nei commenti? Se hai qualche domanda particolare, sarò ben felice di aiutarti.

ValeriaBonatti
Architetto
01/03/21-09:18 (modificato)

Quest’anno più che mai avremmo proprio bisogno di un rilassante week-end in una Spa. Lo pensi anche tu e anche tu lo vedi come un miraggio lontano? Niente affatto! Con qualche piccolo intervento vedrai come trasformare la tua vasca da bagno in un’oasi di benessere dove riempirti di coccole e dimenticare lo stress dalla giornata!

Cosa c’è di più rilassante che immergersi in un’atmosfera così? – Leroy Merlin Cosa c’è di più rilassante che immergersi in un’atmosfera così? – Leroy Merlin

Vasca rifugio antistress

Prima di tutto, per sentire che ci immergiamo in una bolla total relax, dobbiamo rendere speciale l’angolo della vasca e “isolarlo” dal resto del bagno. Ci sono tanti modi. Può essere ad esempio un rivestimento particolare, come un lucente mosaico effetto Spa, ma anche una carta da parati dai toni rilassanti di fenicotteri rosa e felci. Se invece hai il pollice verde, circonda la tua vasca di piante; se in più crei una chiusura in vetro, utile per poter usare la vasca anche come doccia, ti sentirai in un magico giardino d’inverno. Per un effetto sauna, ti consiglio di costruire tutto intorno alla tua vasca una pedana e un rivestimento in legno: senza pensieri, ci sono listoni in composito fatti apposta per gli ambienti umidi. Sei un’inguaribile romantica? Allora circonda la vasca con una tenda leggera in voile, ti sentirai protetta e leggera, come su una nuvola!

Fai della tua vasca un’oasi di pace – foto Leroy Merlin.fr Fai della tua vasca un’oasi di pace – foto Leroy Merlin.fr

Ma quale vasca?

Eccoci alla decisione cruciale: perché ogni vasca si adatta perfettamente sia al tipo di bagno che al tipo di persona! Certo, se lo spazio non è molto la scelta della vasca può essere obbligata, come dimensione, forma e posizionamento. Ma si possono trovare interessanti soluzioni alternative con le vasche angolari o asimmetriche. E che dire della vasca freestanding? Indiscusso oggetto di design, che sia retrò o dalle linee puriste, rende protagonista del bagno la vasca e chi ci si immerge! Infine, la vera sostituta della spa: la vasca idromassaggio. Per conoscerla più a fondo ti rimando alla guida “Come scegliere una vasca idromassaggio”, anche se in realtà il modo migliore è… provarla!

La vasca freestanding, protagonista del bagno – foto Leroy Merlin La vasca freestanding, protagonista del bagno – foto Leroy Merlin

Ambiente total relax

A questo punto però è importante dire una cosa: ancora più delle bollicine e dei getti massaggianti, ciò che trasforma una vasca in un vero rifugio antistress è l’atmosfera. Una luce calda e soffusa è l’ideale per rilassarsi: aggiungi quindi se puoi più punti luce, meglio se dimmerabili. La vasca idromassaggio offre l’optional della luce interna, che crea un effetto davvero unico, ma la magia delle candele è inimitabile. Vuoi una dritta? Per non correre pericoli, soprattutto se ci sono bambini, quelle a batteria sono perfette e incredibilmente realistiche, così il relax sarà per tutta la famiglia!

Come ricreare un perfetto angolo wellness – foto Artdecors Come ricreare un perfetto angolo wellness – foto Artdecors

Gli accessori bagno che fanno la differenza

Come in ogni altra cosa, la differenza la fanno i particolari. Ecco allora, in ordine sparso, piccoli suggerimenti per amplificare il tuo tempo relax. Innanzitutto non può mancare un poggiatesta: chiudi gli occhi e lasciati trasportare dal profumo di olii essenziali e dalla musica. Sì perché, con il sistema domotico Google Mini, potrai scegliere le tue melodie preferite, oltre che cambiare colore alla lampada portatile HUE Go, uno scrigno di luce da posizionare dove vuoi per una cromoterapia da sogno. Infine fai in modo di avere tutto a portata di mano. Spugna, sali da bagno, shampoo e, perché no, un libro su un pratico vassoio da vasca; magari uno specchio allungabile, l’accappatoio appeso vicino e un morbidissimo tappetino per quando esci!

Tutto ciò che serve per rilassarsi, nei minimi dettagli – foto Idealhome Tutto ciò che serve per rilassarsi, nei minimi dettagli – foto Idealhome

Se il tuo bagno è piccolino, ma ora non vuoi più rinunciare alla vasca, niente paura, dai un occhio al progetto “Un piccolo bagno con vasca dallo stile esotico“: è perfetto per ricreare il tuo angolo wellness. Buon bagno!

Federico_Panarello
Architetto LM People
26/02/21-16:23

Dobbiamo ammetterlo, siamo dei consumatori seriali. Ci piace acquistare oggetti per la casa e prodotti per il bagno dei quali non possiamo fare a meno. Il problema però è sempre lo stesso, soprattutto per gli ambienti da bagno di piccole dimensioni. Dove poter conservare tutti questi oggetti? Nessuna paura, sto per svelarvi 5 portaoggetti bagno che salveranno i vostri spazi. Buona lettura!

Cesto salva spazio per gli asciugamani - Leroy MerlinCesto salva spazio per gli asciugamani - Leroy Merlin

Sistema ed organizza i piccoli oggetti con le custodie

Non so voi, ma non tutti possono vantare di un bagno ampio, per questo motivo è importante sfruttare lo spazio che abbiamo a disposizione per conservare gli oggetti senza creare disordine. I grandi alleati che possono venirci in aiuto sono le cassettiere bagno, soprattutto quelle del mobile lavabo. La maggior parte delle volte però i cassetti non hanno divisori, e gli oggetti riposti si mescolano non agevolandone l’uso. La soluzione che vi propongo è la Custodia Tex Organizer Compactor, ideale per sistemare ed organizzare i piccoli oggetti di uso quotidiano. Cosa ne pensate?

Organizer porta oggetti - Leroy MerlinOrganizer porta oggetti - Leroy Merlin

Riponi il phon e le piastre nelle ceste in plastica

Ci sono prodotti che abbiamo la necessità di tenere sempre a portata di mano, ma che occupano molto spazio, come ad esempio il phon e le piastre per capelli. Se non abbiamo comodi contenitori all’interno dei quali sistemarli il rischio è che rimangano in giro per giorni. Il mio consiglio è quello di puntare sulle ceste bagno con coperchio. Ne esistono di diverse misure e di diverse finiture colore. Avete già adocchiato la cesta Filo S in colore rosa oppure la cesta Filo XL colore avorio? Disponibili anche in marrone e grigio si adattano con facilità a diversi stili e nuance di colore. Da non sottovalutare che possono anche essere dotate di coperchio, come il coperchio Filo M/L.

Esempio di organizer cesto Filo colore rosa - Leroy MerlinEsempio di organizer cesto Filo colore rosa - Leroy Merlin

Appendi alla parete gli organizer in stoffa

Una soluzione che non tutti sanno è quella di sfruttare le pareti del bagno. Quando il mobile bagno è di piccole dimensioni si deve puntare sugli organizer bagno da appendere. Ne è un esempio la cesta Soria verde, dal design ricercato e poco ingombrante permette di posare al suo interno pennelli per il trucco e pettini per capelli. Questa cesta ha una caratteristica, quella di essere in stoffa, quindi comodissima per lavaggi frequenti e facilmente adattabile a tutte le forme, dalle creme per la pelle al tubetto di dentifricio. Provate a posizionarle sulla parete e sbizzarritevi creando una bella composizione!

Organizer in stoffa da appendere alla parete - Leroy MerlinOrganizer in stoffa da appendere alla parete - Leroy Merlin

Ami lo stile green? Punta sui contenitori in legno

Se invece siete alla ricerca di un contenitore bagno in stile shabby ed in tema green, il contenitore in legno grezzo naturale fa al caso vostro. Trend assoluto da qualche anno è ormai un oggetto sempre più presente nei bagni delle persone. Complici le numerose forme disponibili si può usare all'interno di cassetti e colonne ma anche lasciare in bella vista. Da riporre nei cassetti la scelta vincente è il separatore cassetto modulare Bamboo, disponibile in diverse taglie. Oppure da esporre, grazie alla sua linea di design, il set 3 cestini in bambù con interno in tessuto e struttura rigida. Difficile non innamorarsene!

Esempio di organizer in legno - Leroy MerlinEsempio di organizer in legno - Leroy Merlin

Sfrutta la verticalità con la credenza da bagno

Come accennavo già prima per risolvere i problemi di spazio e disporre i prodotti in modo da avere tutto in ordine possiamo sfruttare la verticalità. Avete mai pensato di optare per una credenza da bagno Sensea? Comoda e su più livelli permette di sistemare gli oggetti e soprattutto averli sempre a portata di mano. Ne esistono di molto belle e di tendenza, come ad esempio la credenza da bagno Sensea nera opaco, oppure in acciaio inox, adatte soprattutto per organizzare la piccola biancheria da bagno e per gestire lo spazio in modo più smart possibile.

Organizer in plastica porta oggetti - Leroy MerlinOrganizer in plastica porta oggetti - Leroy Merlin

Siete amanti del bagno e cercate altre ispirazioni per renderlo vivibile ed esteticamente bello? Allora vi consiglio di leggere l'articolo 7 consigli per il bagno perfetto. Adesso sono curioso di vedere i vostri progetti salva spazio, descrivetemeli nei commenti e condividiamoli con la community!

ValeriaBonatti
Architetto
26/02/21-16:00 (modificato)

Chi dice che in un bagno piccolo non ci sta niente? Non c’è nulla di più falso! In realtà il segreto sta tutto nell’organizzare lo spazio. Come? Con qualche piccolo accorgimento sulla scelta dei mobili e dei colori e ceste e contenitori per sistemare tutto ciò che serve, ma proprio tutto! Vedrai come sarà facile rendere il tuo piccolo bagno un ambiente pratico e funzionale, senza perdere di vista lo stile.

Cesti e contenitori in vimini si adattano ad ogni stile – foto Leroy Merlin.fr

Bagni piccoli, grandi ceste

Intanto sfatiamo subito un falso mito: ceste e cestini in vimini non sono appannaggio delle case di campagna; al contrario si inseriscono perfettamente in qualsiasi mood, regalando una sensazione di accoglienza con il valore del materiale naturale e dell’hand made. Valorizza un angolo con un cestone e usalo per tenere raccolti e a portata di mano asciugamani, riviste, i giochi da vasca dei bambini o delle piante per un tocco green. Per la biancheria da lavare invece meglio un bel cesto portabiancheria con coperchio; perfetti quelli in legno e in plastica che imitano l’intreccio del vimini, che puoi scegliere del colore che più si abbina al tuo bagno.

Il superfluo scompare in ceste e contenitori – foto Leroy Merlin

Tutto raccolto

Ciò che ruba spazio, di fatto e visivamente, soprattutto in un ambiente piccolo, è avere mille oggettini in giro che ingombrano le superfici, creano disordine e rendono impossibili le pulizie. Quindi? Sfrutta le mensole e le nicchie per appoggiarvi cestini o contenitori dove riporre tutto in ordine (e nasconderlo alla vista!). Hai pochi piani d’appoggio? Appendi delle mensole Kub da riempire con gli appositi cestini, oppure ricava tu una piccola parete: che servirà da divisorio per nascondere i sanitari e allo stesso tempo allinearvi tante mensole su cui abbinare ceste in carta intrecciata e contenitori in plastica trasparente Spaceo. I colori? Sceglili tu!

Con mensole e contenitori è tutto a portata di mano – foto Leroy Merlin

Ordine fuori e dentro

Per dare un maggior effetto di ordine, un buon sistema è scegliere gli accessori da appoggio abbinati, così da dare continuità visiva nel tuo bagno. Il set Bubble bianco si abbina perfettamente ad uno stile giovane e moderno; con il Poly rosa dai un tocco di colore, mentre il Sand beige si addice ad un bagno classico dai colori riposanti. Abbina anche un cestino dove riporre delle saponette profumate, un pot pourri o le salviette per gli ospiti, darà un tocco di eleganza. E che succede dentro i mobili? Cestini, contenitori e divisori vengono in aiuto anche per organizzare dentro sportelli e cassetti: è un trucco per abituarsi a eliminare il superfluo e vivere sempre in armonia il nostro piccolo bagno.

Divisori e contenitori anche per l’interno dei mobili – foto Leroy Merlin e Designmag

Inventa tu!

Cesti e contenitori non sono solo da appoggio. Ci sono tante altre soluzioni e ancora altre si possono inventare. Qualche esempio? Puoi creare una sorta di mobiletto impilando le tre ceste in legno grezzo con ruote o completando con i cestini squadrati Bell una credenza da bagno. Ma non dimenticare le pareti! Invece delle mensole, puoi appendere direttamente a dei ganci piccoli contenitori o morbide ceste in corda, o quelli che si attaccano con le ventose. Qualcosa di ancora più originale? Se il classico cestino in vimini lo appendi in verticale diventa un pratico scaffale! A me piace combinarli di dimensioni e colori diversi, come fossero quadri!

Posiziona con creatività i contenitori per il tuo bagno – foto Leroy Merlin

Scommetto che ora avrai già in mente come organizzare il tuo piccolo bagno. Se vuoi qualche dritta in più per scegliere cesti e contenitori ti invito a leggereCome scegliere gli accessori bagno da appoggio.

Ristruttura il bagno con lo sconto in fattura di Leroy Merlin!

Hai in previsione una ristrutturazione del bagno? Grazie al Bonus Ristrutturazione e allo sconto in fattura di Leroy Merlin, paghi solo il 50% della spesa. Vuoi saperne di più? Scopri maggiori informazioni alla pagina dedicata.