Community

Home
Magazine della casa

Magazine della casa

Vivi la tua passione per la casa e il giardino, scopri le ultime tendenze di stile e trova nuovi spunti per i tuoi progetti con gli articoli della nostra redazione.
Tutti gli articoli
I miei articoli
Creare un articolo
Tutto Bagno e arredo bagnoGiardino e TerrazzoDecorazione e IlluminazionePavimenti e rivestimentiVerniciCucinaOrdine e sistemazioneFalegnameria ed EdiliziaUtensileria e FerramentaFinestre, porte e scaleElettricità, automazioni e Smart HomeClimatizzatori, stufe e idraulicaNataleEventi e iniziative community
EnricaCuccarese
Community Lover
12/09/22-21:54 (modificato)

Tra i colori più gettonati per arredare casa quest’anno c’è anche verde oliva. In particolare, questa inedita nuance sempre più apprezzata, come tutta la famiglia dei verdi, tra cui il verde salvia e il verde petrolio in tutte le sue sfumature, rappresenta una vera e propria novità del momento.
Arredare con il verde oliva - Leroy Merlin

Il verde oliva per arredare casa

Il verde oliva è la colorazione che caratterizzerà l’interior design per tutto il 2023. Una tonalità diventata un vero e proprio trend d’arredo grazie alle sensazioni che è in grado di evocare. Rende gli ambienti in cui è utilizzata non solo eleganti e estremamente prestigiosi, ma anche confortevoli e in grado di infondere un senso di serenità e relax con precisi richiami alla natura. In più, sa essere allo stesso tempo una tinta neutra facile da abbinare e un colore intenso in grado di vivacizzare l’ambiente.
Arredare con il verde oliva - Leroy Merlin

Le caratteristiche distintive del verde oliva

Questa tipologia di verde chiaro tendente al giallo e al grigio, come si intuisce dal nome, ricorda il colore delle olive in fase di maturazione. Per intenderci il verde oliva è una tonalità tra giallo e verde scuro particolarmente vicina al verde militare. Questa è soft e piacevole alla vista, ideale per evocare la sensazione di relax. Inoltre, grazie alla sua versatilità si abbina in modo perfetto a diversi ambienti e stili d’arredo donandogli un aspetto profondo in cui sentirsi al sicuro e sempre a proprio agio. Infatti, è indiscreta e in grado di alleviare ansie e tensione. Caratteristiche che l’hanno resa una colorazione sempre più apprezzata nell’arredo degli spazi interni, specie dopo il lungo periodo passato in lockdown.
Comoda seduta verde oliva - Leroy Merlin

Utilizzare il verde oliva nell’arredo della propria abitazione

Il verde oliva, oltre ad essere estremamente apprezzato per tinteggiare una o più pareti di una stessa stanza, è una colorazione perfetta anche per mobili, complementi d’arredo, oggetti, accessori, tessuti e rivestimenti. Come detto, è versatile e se usata con parsimonia e solo per qualche dettaglio, come cuscini, tappeti, sedute, o parti di mobili, senza sovraccaricare gli ambienti, è in grado di rinnovare con gusto qualsiasi stanza della propria abitazione rendendola armoniosa, accogliente e piena di personalità.

In un open space, in cucina e in soggiorno, ma anche in bagno, il verde oliva valorizza, dona carattere e illumina gli ambienti facendo sentire a proprio agio non solo chi vive la casa, ma anche gli ospiti in visita. In particolare, nelle sfumature più chiare ha la capacità di rallegrare ogni ambiente e ogni stile, specie se abbinato al bianco. Mentre, in quelle più scure, se abbinato al nero, crea un effetto a contrasto più serio e formale ideale per ambienti dallo stile moderno e minimal.
Tappeto naturale verde oliva - Leroy Merlin

Sperimentare con il verde oliva in soggiorno e in cucina

Il verde oliva è perfetto per essere utilizzato sia in un soggiorno classico, sia in un soggiorno moderno. Infatti, si abbina molto bene a materiali naturali, a diverse essenze del legno, ma anche a ferro battuto e pietra. Chi non ha intenzione di acquistare nuovi mobili e complementi d’arredo può pensare di inserire tende, lampade, vasi, tappeti e sedute in verde oliva. Oppure chi adora il fai-da-te può dilettarsi nel dipingere gli infissi delle finestre, le cornici delle porte e le porte stesse in questa tonalità.

Invece, per una cucina di tendenza è possibile utilizzare il verde oliva abbinandolo a diversi materiali. Per un tocco rustico non possono mancare il rame e l’ottone per la rubinetteria e il ferro battuto che potrebbe, per esempio, caratterizzare i piedi del tavolo da pranzo. Mentre per un look più all’avanguardia il verde oliva si abbina alla perfezione a superfici e elettrodomestici in acciaio.
Sedute verde oliva con piedi in legno naturale - Leroy Merlin

Il verde oliva per una camera da letto di tendenza

Il verde oliva è una colorazione perfetta per la camera da letto, in quanto infonde relax e concilia il sonno. Perfetto per tinteggiare le pareti, ma anche adatto al rivestimento di una testata imbottita, di una comoda poltroncina, di un utile poggiapiedi, o di una panca dallo stile retrò grazie al rivestimento a coste e le gambe in acciaio verniciato a polvere epossidica.

Inoltre, chi dispone, per esempio, di un bagno privato in camera da letto, per armonizzare l’ambiente e creare un’atmosfera estremamente rilassante può inserire questa colorazione nelle sue nuances più tenui, come colore per lo sciacquone. Il risultato è un bagno luminoso, intimo e raccolto. Perfetto da impreziosire con materiali naturali come ceste in vimini, un tappetino in bambù, piante e fiori.
Camera da letto verde oliva - Leroy Merlin

Le idee a cui ispirarsi per arredare la tua abitazione con il verde oliva, colore di tendenza 2023, sono tante! Se hai ancora qualche dubbio sulla colorazione da utilizzare nella tua abitazione non esitare a lasciare un commento. Risponderemo alle tue domande proponendoti valide alternative, come per esempio tante Idee per arredare casa con il verde salvia.

ValeriaBonatti
Architetto
12/09/22-14:03 (modificato)

Se vuoi rinnovare il tuo bagno e dargli un tocco più originale e accogliente, lo stile Boho è l’ideale, perché combina al suo interno elementi di tendenze diverse. E’ in genere uno stile morbido e colorato, con note creative date da influenze etiche e vintage, che accosta il calore dei materiali e delle tonalità della natura a particolari estremamente raffinati. Potendo essere quindi uno stile con accezioni diverse, credo che il modo migliore per darti consigli per realizzare un bagno Boho chic sia di presentarti alcuni esempi.

Il bagno Boho Chic unisce elementi naturali ed eleganza nei dettagli – Leroy Merlin

Un bagno giovane Boho Young

Il progetto Boho Young vede trasformarsi un bagno di medie dimensioni in un’esplosione di colore, senza però cadere nell’eccesso. I toni sono quelli dinamici e allegri del verde e del giallo, ma declinati nelle tonalità più tenui del giallo paglierino e del grigio verde. E’ questo che lo rende uno stile raffinato, insieme agli inserti e al pavimento dalle trame floreali delle piastrelle, che compendia i due colori conferendo continuità cromatica, ma vivacità visiva. Un’eleganza semplice e giovane, che non perde il contatto con la natura propria del carattere Boho nei mobili in legno e negli elementi in bambù, dal tappeto al cesto porta biancheria, agli accessori bagno.

Toni giovani e trame raffinate per il bagno Boho Young – Leroy Merlin

Stile Etnic Boho per il bagno

Questo bagno in stile Etnic Boho deve la sua raffinatezza ai rivestimenti in ceramica effetto legno e al particolare disegno delle piastrelle Balade Chevron che impreziosisce le pareti di una leggera trama etnica. Questa elegante “boiserie” si arricchisce nel contrasto con la pittura della parte alta delle pareti di un deciso blu fjord, vagamente tendente al petrolio. Un accostamento che riporta le sensazioni di una spiaggia che finisce là dove comincia il mare. La matericità di questo ricordo, rafforzata come sempre dalla presenza del legno chiaro dei mobili, è resa più leggera e raffinata dalle note chic di vasi in vetro brunito o dal luccichio orientale del portasapone Marrakesh. Ma siccome lo stile sta anche nei dettagli, ecco che si ritrovano richiami di blu nei cestini o nei faretti che, insieme al tessile, completano quel gioco dei rimandi che crea armonia al tuo bagno Boho.

Colori marini per il bagno in stile Etnic Boho – Leroy Merlin

La vivacità del bagno in stile Boho Safari

Entrando in questo bagno in stile Boho Safari ci si sente subito avvolti dal calore dei rivestimenti. Sono diverse tonalità di un solare arancione che richiama la terra rossa del deserto e che contrasta piacevolmente con ciuffi di verde e kokedama che scendono dal soffitto e incorniciano l’ambiente. La connotazione etnica di questo bagno, che risulta molto materica per gli elementi di arredo in legno e bambù, assume una sfumatura più chic e bohemiène con lo specchio appeso Mango e le piastrelle Vintage terracotta. Il disegno floreale, ma geometrico di questo rivestimento, infatti, ravviva con grande stile un bagno che è caldo e accogliente e, allo stesso tempo, raffinatissimo.

Sole ed eleganza per il bagno Boho Safari – Leroy Merlin

Minimalismo nordico nel bagno Scandi Boho

Anche nel bagno scandi boho ci sono le stesse caratteristiche con un mood un po’ diverso. Dei colori accesi restano solo pallide sfumature, mentre dominano il bianco e il nero. L’ambiente si fa leggero e minimalista, i rivestimenti sono bianchi o appena rosati, così da riprendere la tonalità del legno chiaro (tipico della Scandinavia) presente nel mobile lavabo, nei ripiani, nei cesti e nel lampadario. Si respira un’aria quasi rarefatta e la semplicità dello stile ci immerge in una quiete totale. Ciò che dà il tocco di raffinatezza in questo bagno Boho chic sono i dettagli neri, che si ritrovano nei miscelatori e nello scaldasalviette, e nello stencil che domina il muro sopra la vasca e impreziosisce lo spazio con la sua trama preziosa. Come sempre, i dettagli che fanno la differenza.

Eleganza nordica per un bagno Boho Chic – Leroy Merlin

Al di là dei progetti che ti ho presentato, spero che risultino abbastanza chiari i criteri per realizzare un bagno Boho Chic. Se hai dubbi, scrivici, altrimenti facci poi vedere come è venuto il tuo bagno!

MaraLocatelli
Community Expert
09/09/22-08:47 (modificato)

La cucina in corridoio potrebbe sembrare l’ultima spiaggia quando si deve fare fronte a una mancanza di spazio. Per chi ama le vacanze in barca, come me, la cucina di passaggio invece profuma di estate, di vivacità e libertà.
La realtà sta come sempre a metà: tra il mio romanticismo di viaggiatrice e la paura di andare fuori dagli schemi, c’è la modernità di una cucina in linea, la migliore soluzione per chi vuole ristrutturare un’abitazione di pochi metri quadrati dalla pianta forse un po’ anacronistica. Vediamo qualche consiglio per la tua casa.

Idee per arredare la cucina nel corridoio stretto- Ispirazione Leroy Merlin

La cucina di passaggio è trendy e moderna

Se dovessimo stilare una classifica tra le disposizioni di cucine più sottovalutate, direi che la cucina in linea è sempre stata la prima delle soluzioni incomprese. Oggi, invece, che interior designer e architetti la propongono per arredare abitazioni moderne, che ottimizzano lo spazio con un occhio all’estetica e all’altro alla funzionalità, la cucina di passaggio è una scelta di tendenza. Posizionata in un disimpegno, la cucina in corridoio si adatta allo spazio ristretto sfruttando tutta la lunghezza e l’altezza a disposizione.
A norma di legge, i corridoi delle abitazioni devono avere una larghezza di minimo 1 metro. Anche se, in linea di massima, sono sempre stati costruiti larghi almeno 120 cm, per agevolare il passaggio di persone che si incontrano nei due sensi. Questo significa che è possibile anche arredare una cucina nel corridoio stretto, a patto di utilizzare un solo lato con mobili della profondità di 50 cm o 60 cm cm. Prima di scegliere la disposizione di una moderna cucina componibile, devi sempre valutare attentamente lo spazio di manovra disponibile per aprire gli sportelli. Ovviamente in due non ci si muove, ma questa è la prerogativa della cucina di passaggio: il passaggio è riservato solo a chi cucina.
Se in fondo al corridoio c’è spazio o se c’è una finestra, aggiungi un ripiano e due sgabelli alti per un piccolo angolo colazione.

In una cucina di passaggio, puoi aggiungere un banco con due sgabelli- Idea Leroy Merlin

Come arredare una cucina in un corridoio stretto

Utilizzare l’altezza per rivestire la parete da pavimento a soffitto con colonne, basi e pensili è importante per chi deve massimizzare lo spazio a disposizione. Per scongiurare il rischio di un effetto soffocante dell’arredo, è sufficiente concentrarsi sulle tonalità chiare. Il classico bianco di una piccola cucina in kit è una garanzia per dare luminosità a una piccola cucina di passaggio. Ma se piace l’idea del colore, perché non scegliere il grigio.
Quando è tenue, delicato e luminoso come nella sfumatura perla, il grigio è il colore che meglio di ogni altro regala un’atmosfera elegante e moderna senza tempo. E poi ti consiglio anche di dare leggerezza alla composizione della cucina in corridoio con qualche anta di vetro ai pensili. Ricorda: se vuoi muoverti con maggiore comodità, quando studi la composizione e l’attrezzatura della cucina, includi gli scaffali estraibili che ti permettono di raggiungere lo spazio sul fondo senza fatica.

Ante di vetro e tinte chiare: così la cucina in corridoio è chic -Idea Leroy Merlin

Niente pensili nella cucina di passaggio

Non è male l’idea di arredare una cucina affacciata sul passaggio di un corridoio o di un disimpegno rinunciando alla presenza dei pensili. L’impatto visivo è sicuramente più pulito, elegante e moderno. Si possono aggiungere delle mensole, al posto dei pensili, per andare a incorniciare la cappa che in una cucina in corridoio non può mancare. Anzi se hai deciso per questa disposizione, ti consiglio di investire in una buona cappa potente, che aspiri bene odori, fumi e umidità. Per dare personalità alla tua piccola cucina ti basta qualche soluzione decorativa di impatto, come un inserto decorativo floreale a contrasto. In questa elegantissima cucina dominata dai colori neutri e caldi del legno, lo schienale rivestito con le piastrelle stile carta da parati , regala un contrasto d’effetto che valorizza la composizione minimale.

I dettagli danno personalità alla cucina in corridoio- Idea Leroy Merlin

Se vuoi altri suggerimenti, prova a leggere i nostri consigli per arredare una piccola cucina angolare, potresti trovare qualche spunto interessante per massimizzare lo spazio utilizzabile nella tua cucina di passaggio. Scrivici per avere consigli personalizzati.

MaraLocatelli
Community Expert
07/09/22-17:26 (modificato)

Organizzare una parete attrezzata per la camera da letto è un’ottima idea per avere una stanza sempre in ordine. Mensole a parete, armadi a muro, nicchie sono gli elementi che ti permettono di avere una camera da letto pratica, che risponde alle tue esigenze di spazio. L’importante è creare una disposizione armoniosa, capace di ottimizzare lo spazio e e di rispecchiare lo stile di arredo che piace a te. Trovare il modo integrare nella camera tutti gli elementi contenitivi di cui hai bisogno senza però appesantire lo spazio può sembrare difficile. Invece le soluzioni ci sono. Vediamo insieme come allestire una parete attrezzata con armadio annesso.

Anche in cameretta c'è posto per una colorata parete attrezzata con armadio- Idea Leroy Merlin

Una parete attrezzata per la camera moderna e chic

La camera da letto è una delle stanze dove lo spazio sembra sempre non bastare mai. Questo vale per la cameretta dei figli così come per quella degli adulti. Abiti, cambi di stagione, libri, oggetti personali… E poi a volte bisogna trovare anche lo spazio per la biancheria. Qualcosa può finire archiviato nell’utilissimo spazio dei letti contenitore, ma per il resto la soluzione migliore è creare una composizione armoniosa che tenga lontano il rischio di disordine senza fare sembrare la camera un incastro di mobili a caso. Una bella idea è ricavare da una sezione della camera un camerino dove riporre vestiti e biancheria.Grazie al retro della parete attrezzata la camera con il letto risulta separata dalla zona armadio. Per un progetto su misura di una parete attrezzata per la camera da letto, monta una parete di cartongesso, rivestila con la carta da parati dalla decorazione botanica bianca e verde e poi organizza lo spazio contenitivo personalizzato con gli elementi del sistema project.

La parete attrezzata per la camera da letto con spogliatoio-Idea Leroy Merlin

Una parete attrezzata per la camera letto piccola

La parete attrezzata con armadioè una soluzione d’arredo adatta a tutti gli stili, perfetta per risolvere problemi di spazio. Elementi come nicchie, mensole a cubo,
cassettoni e alcove combinati a regola d’arte possono diventare un tutt’uno funzionale che dà colore, personalità e stile alla stanza. Perché non trasformare anche il muro dietro il letto in una parete attrezzata con armadio incluso? Basta aggiungere due barre appendiabiti, e qualche ripiano in basso e in alto per avere un piccolo armadio a parete. Il trucco di stile sta nel rivestire il fondo con una carta da parati colorata, magari da riprendere anche per tapezzare il soffitto. E se i mobili ricavati non sono ancora sufficienti, si può fare di più. La parete attrezzata per la camera da letto tradizionale può per esempio racchiudere il letto. Basta comporre un sistema di mobili, pensili e vani a giorno da fissare al muro tutto intorno al letto così da creare un’alcova accogliente. Intima e funzionale.

Mini parete attrezzata per camera da letto piccola - Idea Leroy Merlin

La parete attrezzata con armadio entra in cameretta

La parete attrezzata nella camera da letto di un adolescente è la soluzione perfetta per combinare funzionalità, spazio contenitivo e comfort. Basta adottare uno stile moderno come quello industriale per legare insieme la zona scrivania, l’armadio, e una zona multifunzionale, comoda e pratica. La combinazione di bianco, grigio, nero e legno chiaro decora la stanza che diventa un rifugio dovedormire, studiare, rilassarsi e invitare gli amici. La parete attrezzata con armadio realizzato con gli elementi della linea Spaceo può sfruttare tutta l’altezza. L’idea carina è verniciare le ante con la pittura effetto lavagna così da poter scrivere appunti, numeri di telefono testi di canzoni, formule matematiche. Accanto si può arricchiare la parete attrezzata della camera con scrivania e mensole in rovere. Infine, si può completare la struttura con un ulteriore spazio di archiviazione: gli elementi Spaceo Kub disposti sul pavimento come un panca sono utili contenitori.

La parete attrezzata con armadio per la camera di un adolescente- Idea Leroy Merlin

Trovo utile e scenografica l'idea di allestire una parete attrezzata in camera da letto dove riporre i libri preferiti, i documenti e gli oggetti personali. L’idea si può realizzare facilmente con un pizzico di creatività. Condividi con noi il tuo progetto. E se ti piace lo stile minimal, dai un’occhiata a questi atri suggerimenti per arredare la camera da letto moderna.

EnricaCuccarese
Community Lover
07/09/22-10:41 (modificato)

Arredare la stanza per lo yoga è un desiderio sempre più diffuso tra ogni genere di persona. Infatti, questa disciplina soddisfa svariate esigenze. Prima di ogni cosa è utile a rilassare e rigenerare corpo e mente. E se praticata per un lungo periodo di tempo ha diversi effetti benefici anche sulla salute. Praticare yoga a casa è il must have del 2023, infatti, oltre all’attività fisica, rappresenta un vero e proprio percorso olistico che mira al miglioramento del proprio benessere psicofisico.
La stanza per lo yoga - gli arredi ideali - Leroy Merlin

Tendenza 2023: praticare lo yoga a casa

Lo yoga, più che essere una tendenza del momento, è una pratica consolidata ormai già da tempo. Infatti, nonostante in Occidente si sia diffusa nel XX secolo, è praticata in India da oltre 200 anni per i suoi effetti benefici quali:

  • il rilassamento,
  • il recupero di energie,
  • la depurazione,
  • il miglioramento della concentrazione e delle prestazioni.

Pertanto, indubbiamente lo Yoga è uno stile di vita essenziale nella quotidianità di chi desidera raggiungere nel minor tempo possibile e senza fatica i propri obiettivi. Ecco perché sempre più persone vogliono allestire e arredare nella propria abitazione la stanza per lo yoga.
La stanza per lo yoga - tappetino yoga mat - Leroy Merlin

Allestire e arredare la stanza per lo yoga a casa è possibile?

Una vacanza olistica rappresenta il momento ideale per staccare la spina dalle diverse attività quotidiane, lavorative e domestiche. In poche settimane è possibile lavorare su diverse tecniche di respirazione, su una corretta alimentazione e vivere a pieno secondo gli insegnamenti di questa antica filosofia. Tuttavia, tutto ciò è possibile anche a casa!

In questo caso, prima di ogni cosa è bene assicurarsi che la stanza prescelta sia provvista di ampie finestre, per avere abbastanza luce naturale durante la pratica meditativa. Questa è una tra le principali caratteristiche di uno spazio rilassante. In ogni caso, altri importanti elementi sono imprescindibili nell’arredo di una stanza dedicata allo yoga, quali: un design essenziale, una palette colori dalle nuances pastello, piante indoor esotiche e incensi in grado di purificare l’aria e favorire una buona connessione tra l’ambiente circostante, il corpo e la mente.
La stanza per lo yoga - tappetino yoga mat - Leroy Merlin

Gli elementi essenziali per l’arredo della stanza per lo yoga

Per non commettere banali errori nell’arredo della stanza per lo yoga, basta seguire alcuni semplici accorgimenti e lasciarsi ispirare da chi già lo fa! Gli spunti da riproporre nella propria abitazione sono tra i più disparati, e spesso si trovano con facilità sul web. L’importante è che il risultato finale non sia un ambiente sovraccaricato da mobili e complementi d’arredo.

Perché, la stanza per lo yoga deve essere armonica e leggera, in cui ogni elemento non disturba la meditazione, anzi è funzionale per raggiungerla. Quindi, non possono mancare innanzitutto il famoso tappetino yoga mat, e lo zafu, il cuscino meditativo, meglio se realizzati con materiali naturali o ecosostenibili, come il tappetino yoga mat in bambù. Invece, per meditare e divertirsi allo stesso tempo è bene procurarsi anche la Fitnessball Yoga & Pilates. Questa è una palla da ginnastica che porta molti benefici anche durante la gravidanza.
La stanza per lo yoga - fitnessball Leroy Merlin

Piante e decorazioni che evocano la natura

Infine, è bene completare gli ambienti con decorazioni che evocano la natura. Ciò è possibile anche mediante l’utilizzo di piante, perfette per migliorare la connessione con l’ambiente circostante in cui si pratica questa attività. Quelle da prediligere sono le piante in grado di purificare l'aria dagli agenti inquinanti come la sansevieria e la palma di bambù. Ovviamente è sempre bene sceglierle secondo i propri gusti e le proprie esigenze estetiche. Inoltre, questo obiettivo e raggiungibile anche grazie ad elementi orientali come la statua di Buddha o una funzionale campana tibetana, utile non solo per la sua funzione estetica, ma anche appunto per la pratica meditativa.
La stanza per lo yoga - gli arredi ideali - Leroy Merlin

Le idee a cui ispirarsi per arredare la stanza per lo yoga sono tante! Non ti resta che trovare la soluzione che più si addice alle tue esigenze! Leggi l’approfondimento Pavimento laminato, la superficie adatta alla tua palestra. E se hai qualche domanda da fare o vuoi suggerire qualche altra valida idea, non esitare a lasciare un commento.

MaraLocatelli
Community Expert
06/09/22-16:06 (modificato)

Hai una bella casetta in montagna? Non fa differenza se ci passi più tempo in estate, per lunghe passeggiate nei boschi alla ricerca di frutti di rovo e funghi, o se la sfrutti tanto in inverno per gli sport invernali. In entrambi i casi, a fine giornata sogni di rientrare in un ambiente intimo e rilassante. Arredare gli spazi della casa con tappeti adatti allo chalet di montagna aumenta il comfort e aiuta a definire la personalità di un ambiente accogliente e curato. Ma come scegliere i giusti tappeti per esaltare le qualità di una casa di montagna? Scopriamolo insieme.

Come scegliere il migliore tappeto da chalet in montagna

Caratteristiche di un buon tappeto da casa in montagna

Di solito gli interni delle case in montagna, soprattutto se sono baite, hanno caratteristiche davvero molto differenti dalle case di città o dalle abitazioni al mare. La loro atmosfera calda e accogliente è assicurata da una scelta di materiali accurata, solitamente orientata verso il naturale o comunque a una sua fedele riproduzione, con i moderni rivestimenti effetto legno e pietra.
Questa attenzione per i materiali si accompagna a una scelta di colori e di fantasie che contribuiscono a esaltare il mood confortevole della baita o dei moderni appartamentini sulla neve.
La pietra a vista che riveste le pareti , e il legno utilizzato per travi, rivestimenti e pavimenti sono una costante delle tipiche baite, degli chalet e spesso anche dei moderni appartamenti delle località sciistiche. Per esaltare la bellezza dei materiali e l’atmosfera intima e calda all’interno di ogni casa, bisogna prestare attenzione agli arredi e ancora di più a trame e colori di tessuti che insieme ai tappeti da chalet di montagna rafforzano queste sensazioni.
Il segreto è prediligere materiali e tonalità che evocano l’atmosfera montana, con i colori che richiamano la natura e sensazioni tattili avvolgenti. Se la baita ha una finestra panoramica, puoi arredare la stanza con un tappeto dai colori chiari in eco pelliccia , che aiuta a diffondere la luce naturale. In alternativa, puoi puntare su un design dai colori caldi e saturi, che sia in grado di diventare il vero fiore all'occhiello dell'arredamento.

I tappeti per la casa in montagna devono sottolineare il calore e lo charme di una baita- Idea Leroy Merlin

Dove mettere il tappeto nello chalet in montagna

Rispetto alle case di città, nell'arredamento la scelta dei tappeti per la casa in montagna si concentra principalmente sul soggiorno e sulla camera da letto. Queste sono le due stanze dove si avverte maggiormente il bisogno di sottolineare l’atmosfera avvolgente, riposante e calda di una baita.
Il fatto di non dover coordinare i tappeti di tante stanze, rende più facile fare una scelta mirata del tappeto da chalet di montagna per arredare con un tocco personalizzato ogni ambiente. Arredare la zona giorno o la camera da letto con un elegante tappeto in lana, significa entrare in uno spazio accogliente e godere delle proprietà isolanti di questo materiale. Soprattutto in alta montagna, la lana è perfetta per avere temperature più calde in inverno e più fresche in estate. Grazie alla versatilità della lana puoi trovare tappeti di tutte le forme e dimensioni, anche con disegni elaborati.

Soggiorno e camera dello chalet in montagna: il tappeto sempre - Idea Leroy Merlin

Stile arredo e decorazioni dei tappeti per la baita in montagna

I disegni sono l'elemento importante su cui concentrarsi quando si scegliere il tappeto per lo chalet in montagna. Ci sono decorazioni che ricordano i tappeti orientali e tappeti dal design minimalista
che si adattano perfettamente allo stile nordico presente in molti appartamenti moderni di montagna.
Il tipo di fantasia dipende infatti soprattutto dallo stile adottato per arredare la casa in montagna. In uno chalet che punta su un arredamento classico contemporaneo ci sta bene sia un tappeto di stile orientale sia un modello dal design contemporaneo, che ti permette di abbinare tradizione e modernità. Anche i tappeti con motivi geometrici tono su tono e in tinta unita sono perfetti come tappeti da chalet di montagna, soprattutto in camera da letto: sono soluzioni piuttosto neutre e versatili che ti permettono di orientare la scelta puntando soprattutto sull'amonia di colori.

La decorazione del tappeto dipende dall'arredo dello chalet- Idea Leroy Merlin

Spero di averti aiutato a capire come scegliere i tappeti adatti alla casa in montagna. Se ti servono altri consigli per la tua seconda casa, prova a leggere anche i suggerimenti per arredare la casa delle vacanze, con idee utili per rendere confortevole il tuo rifugio, ovunque si trovi.

MaraLocatelli
Community Expert
06/09/22-11:05 (modificato)

Il letto sotto la finestra il più delle volte è una scelta obbligata dallo spazio ristretto della camera. A nessuno piace l’idea di oscurare il panorama o anche solo di ostacolare la luce che proviene dall’esterno. Eppure, anche se mettere il letto sotto la finestra sembra infrangere tutte le regole dell’arredamento, c’è chi lo fa appositamente. Perchè ci sono finestre e letti che si prestano perfettamente a questa soluzione d’arredo, coniugando il bisogno di ottimizzare lo spazio con il desiderio di avere sempre tanta luce naturale nella stanza. Un piccolo soppalco contenitore sotto il letto, per esempio, è un'ottima idea da copiare.
Anche se, di solito consiglio di togliere la testata dal letto sotto la finestra, ci sono casi in cui la disposizione funziona. Vediamo qualche idea da copiare se stai pensando di arredare la camera, e rendere questa scelta di solito obbligata e un po’ penalizzante in una disposizione originale di grande stile.

Puoi rinunciare alla testata del letto sotto la finestra

Mettere la testata del letto sotto la finestra non è un problema se non si oscura la visuale. L’importante è avere lo spazio per aprire e chiudere i vetri, così come lo spazio per fare scorrere le tende leggere. Se nella tua camera ci sono finestre grandi e importanti, fai quindi attenzione all'altezza del tuo letto e della testiera. In alcuni casi, potrebbe essere necessario scegliere un letto sommier, ovvero un letto senza alcuna testiera che potrebbe sovrapporsi al telaio della finestra. In questo caso basta abbinare al letto dei comodini bassi che siano comodi da raggiungere quando si sta sdraiati. Non temere, questa opzione è validissima sia nel caso di camere dallo stile classico e chic sia in stanze dal mood moderno e industriale.

Grandi finestre e stile industriale: così la testata del letto sotto la finestra è perfetta

Mettere la testata del letto sotto la finestra decentrata

Di solito quando si tenta di risolvere un problema, ne salta all’occhio subito un altro. Come per esempio, quando la tua stanza matrimoniale piccola ti obbliga a posizionare la testata del letto sotto la finestra, che però non si trova al centro della parete.
Non te la prendere, la perfezione annoia, le imperfezioni invece sono lo spunto per dare il meglio.
In questo caso la soluzione giusta è esaltare l’asimmetria della posizione del letto. Trovo elegantissima la scelta di contrapporre alle tende bianche e leggere, che sottolineano la presenza della finestra, con i quadri incorniciati dall’altro lato. Basta riprendere la disposizione asimmetrica con diverse luci coordinate, la lampada da terra abbinata alla lampada da tavolo per mostrare l'asimmetria. Il letto non è centrato sulla finestra, ma il mix di lampade, tende e cornici rende la disposizione super chic.

Come mettere il letto matrimoniale sotto la finestra decentrata-Apartmenttherapy

Meglio il letto sotto la finestre invece del letto a castelli

In una cameretta dove lo spazio non sembra essere abbastanza, posizionare il letto sotto la finestra offre il vantaggio di lasciare libere le altre pareti che devono accogliere armadio, cassettiera e altri elementi di arredo.
Perché non sfruttare meglio anche la parete della finestra? Nella camera dei ragazzi, per esempio, invece di mettere la testata del letto sotto la finestra puoi sfruttare la lunghezza della parete e colmare l’altezza da pavimento a finestra, sistemando un letto con con uno o più letti scorrevoli al di sotto. Copia questa idea con tre letti da realizzare su misura, anche col fai da te, e avrai in cameretta più spazio libero per il gioco e per gli armadi di tutti i figli. Senza bisogno di oscurare la parete con un imponente letto a castelli.

Idea salvaspazio per il letto sotto la finestra in cameretta - Colchonesdelta

Letto sotto la finestra? Così hai un posto in più nella nursery

A proposito di cameretta, quando arriva un nuovo fratellino o sorellina, al primogenito non sempre piace cedere il proprio spazio. Che ne pensi dell’idea di mettere il letto sotto la finestra con tanto di cassetti contenitori sottostanti? Delle tende nuove coordinate con i cuscini, e diventerà una fantastica tana per il re o la regina della cameretta. Una bella soluzione da copiare anche se hai un bambino solo ma ti serve il** posto in più per la nonna in visita.

Soluzione per aggiungere un letto sotto la finestra- decouvrirlendroitdudecor

Come mettere il letto sotto la finestra con stile

Quando togli la testata dal letto sotto la finestra, puoi aggiungere armadi o scaffalature che incorniciano la finestra oppure che rivestono gli altri lati. Puoi fare gli armadi su entrambi i lati, ricavando un sacco di spazio aggiuntivo.
Se gli armadi non sono ciò di cui hai bisogno, puoi aggiungere un'intera parete di scaffali per libri intorno al letto e alla finestra. Il bello degli scaffali laterali è che funzionano anche come comodini per il letto. A me questa soluzione piace soprattutto per la camera dei ragazzi già grandicelli o per la stanza degli ospiti.
Invece di mettere il letto sotto la finestra è come metterlo dentro la finestra: meraviglioso. Non trovi?

Idea per mettere il letto sotto la finestra nella camera degli ospiti-Curatedinterior

Se togli la testiera il letto sotto la finestra, puoi ruotare a piacimento e crea molti meno problemi quando devi trovare un posto per gli ospiti nella camera dei bambini o nella stanza hobby. Guarda i nostri consigli per arredare una camera degli ospiti accogliente.

elisabetta.garoni
Architetto
06/09/22-10:21 (modificato)

Appassionato/a di videogames? Tuo figlio adolescente ha promesso voti stellari a scuola pur di avere una sala giochi tutta per sé? Ecco alcuni consigli per arredare una stanza da gaming. Non essendo esperta dell’argomento, ho raccolto tante informazioni che mi sembrano molto utili per scegliere i prodotti più adatti. Scopriamoli insieme.

Ispirazione per arredare una stanza da gaming – Leroy Merlin

Scegli la stanza

Il vero giocatore deve concentrarsi sul monitor e non deve subire distrazioni e interferenze esterne: per questo motivo l’ideale sarebbe poter dedicare un’intera stanza al gaming. La stanza del gioco non dovrebbe avere finestre per evitare che la luce si rifletta sul monitor ma, se non hai una soffitta o un locale in più disponibile, assicurati di sistemare la postazione nella zona più buia e lontana da fonti luminosa e di dotare le finestre di tende oscuranti. Dipingi le pareti di un colore scuro come il grigio antracite, il blu notte o il verde smeraldo ed evita colori chiari e tinte pastello.

Ispirazione per la scelta dei materiali in un living luminoso - Leroy Merlin

Scegli la scrivania

Puoi scegliere un modello con piano regolabile in altezza, in modo che possa adattarsi alla statura di ogni giocatore oppure optare per una scrivania con doppio piano. Il piano deve essere abbastanza ampio da ospitare comodamente tastiera, tappetini, joystick e tutte le attrezzature correlate. Esistono modelli dotati di ganci laterali per appendere e riporre le cuffie o speciali supporti per bicchieri e tazze. Controlla che nelle vicinanze ci siano sufficienti prese elettriche e un’ottima connessione alla rete.

Ispirazione per la scelta dei materiali in un living luminoso - Leroy Merlin

Scegli la sedia

Quali caratteristiche deve avere una buona sedia da gaming? Innanzitutto deve essere ergonomica, cioè studiata per mantenere la postura corretta e non indurre a lunghe sedute in posizioni deleterie per la colonna vertebrale. Lo schienale deve alto e sagomato, il cuscino lombare e cervicale deve essere regolabile per adattarsi ad ogni giocatore, la seduta e i braccioli anch’essi regolabili in altezza e infine deve essere fatta di materiali traspiranti e facilmente lavabili. Il gioco può durare a lungo e la comodità non è un fatto trascurabile!

Ispirazione per la scelta dei materiali in un living luminoso - Leroy Merlin

Scegli gli arredi complementari

Siamo a buon punto con l’arredamento della camera gaming più invidiabile. Per finire dobbiamo pensare agli arredi complementari. Una libreria è indispensabile per conservare le collezioni e i giochi preferiti e per esporre gadget o miniature e lampade con variatore di intensità luminosa e colorata per creare l’atmosfera giusta e favorire la concentrazione. La tua stanza da gaming è pronta, non ti resta che accendere il computer. Buon divertimento!

Ispirazione per la scelta dei materiali in un living luminoso - Leroy Merlin

Hai trovato consigli utili per arredare la stanza da gaming? Se hai altri suggerimenti scrivili nei commenti o chiedi aiuto alla Community.