Community

/ Magazine della casa

Magazine della casa

Vivi la tua passione per la casa e il giardino, scopri le ultime tendenze di stile e trova nuovi spunti per i tuoi progetti con gli articoli della nostra redazione.

Tutti gli articoli
I miei articoli
Creare un articolo
Tutto Bagno e arredo bagnoGiardino e TerrazzoDecorazione e IlluminazionePavimenti e rivestimentiVerniciCucinaOrdine e sistemazioneFalegnameria ed EdiliziaUtensileria e FerramentaFinestre, porte e scaleElettricità, automazioni e Smart HomeClimatizzatori, stufe e idraulicaNataleEventi e iniziative community
simona.pastore
Novizio
25/11/22-15:46 (modificato)

Se state pensando di riorganizzare gli spazi più caotici del vostro ambiente domestico, dalla cucina ai trucchi sparsi in bagno, ma non sapete come fare continuate a leggere questo articolo: imparerete a progettare e decorare una cassettina di legno porta tutto in stile siciliano. Io mi sono lasciata ispirare ai coloratissimi mosaici in pietra naturale che ricordano le maioliche siciliane, dal rosso al verde al giallo, una vera esplosione di colori! Finalmente potrete mettere ordine nei vostri spazi, senza rinunciare alla creatività grazie a un oggetto unico e personalizzato seguendo il vostro gusto personale.

Cassetta decorata - immagine dell'autrice

I materiali

Step 1: Preparare il piano di lavoro e il gel semi adesivo

Prima di iniziare a disporre tutti i materiali necessari, ricordate di coprire il piano da lavoro con un telo di plastica. Poi, staccate le piastrelline dalla base e prendete le misure sulla box di legno in base al disegno di progettazione; una volta definito il design che volete ottenere, preparate il gel semi adesivo in una vaschetta, seguendo le istruzioni tecniche del prodotto, fin quando non ottenete una consistenza ideale, né troppo liquida, né troppo viscosa.

Preparazione gel semi adesivo - immagine dell'autrice

Step 2: Applicare le piastrelle sulla cassetta di legno

Una volta pronto il gel semi adesivo, stendetelo sul retro di ogni piastrella servendovi dell’apposita spatolina. Dopodiché applicate ogni singolo pezzo sulla box di legno e, una volta completato il mosaico, fissate ulteriormente con una passata extra di gel tra le fughe. Infine, rimuovete l’eccesso con una pezza umida.

Fissaggio piastrelle - immagine dell'autrice

Step 3: Lasciare asciugare la colla e progettare la decorazione

Adesso che avete applicato tutte le piastrelle e completato il mosaico, lasciare in posa per circa 1 ora. Nel frattempo, preparate gli smalti ad acqua dei colori che preferite per completare la decorazione. Io ho scelto di pitturare la mia box, ma potete anche optare per usare uno stencil oppure per disegnare a mano libera, secondo il vostro gusto personale. Non dimenticate di mescolare bene i colori prima di stenderli e di non sovrapporre le tinte fin quando non sono totalmente asciutte.

Preparazione Decorazione - immagine dell'autrice

Step 4: Decorare la cassetta di legno

Adesso è tutto pronto per iniziare a decorare la vostra cassetta! Seguite il vostro gusto personale lasciandovi ispirare dal territorio e utilizzando i colori tipici della tradizione siciliana (rosso, verde, giallo, azzurro) che prendono vita grazie a smalti ad acqua dal finish brillante. Non dimenticate la parte interna della cassetta: per esempio, potete decorare ulteriormente il coperchio per donare un effetto ancora più “wow” alla vostra cassetta, anche nel caso in cui decideste di lasciarla aperta, magari per riporre bottiglie, prodotti makeup, frutta o vivande. Ed ecco qui, la vostra cassetta in stile siciliano è pronta!

Decorazione della cassetta di legno - immagini dell'autrice

Adesso non vi resta che provare a realizzare la vostra personalissima cassetta in stile siciliano da utilizzare come soluzione per la casa o come elemento d’arredo per impreziosire le vostre stanze e dare un tocco di carattere e originalità in più! E se avete qualche domanda, potete scriverla qui sotto nei commenti.

ValentinaGrispo
Novizio
22/11/22-17:21 (modificato)

La Sicilia con i suoi colori, le sue atmosfere e i suoi profumi non ha conquistato e ispirato solo il mondo della moda, ma anche quello dell’interior design. Chi conosce la Sicilia, ma anche chi la scopre per la prima volta, se ne innamora e non vorrebbe più andar via. Buon cibo, clima ideale, mare azzurro e accoglienza calorosa, la buona notizia è che ricreare le suggestioni dell’isola del Mediterraneo a qualunque latitudine, è possibile, ma non basta individuare gli elementi chiave dello stile siciliano e inserirli negli ambienti di casa. Affinchè lo stile ricreato sia autentico, è fondamentale definire la palette dei colori da utilizzare, che sono quelli della campagna che si mescolano a quelli meravigliosi del mare.

Salotto in stile siciliano - immagine di Living Corriere

Quali colori prediligere?

Ocra e color sabbia: sono le tonalità ideali per ricreare un ambiente caldo e accogliente, perfetti da utilizzare in soggiorno e, in generale, nella zona living della casa. Color marsala: adatto sia alla zona notte che al soggiorno, è un colore molto sofisticato che è stato eletto nel 2015 colore dell’anno dall’istituto Pantone. Azzurro, blu e turchese i colori del mare sono belli sia sulle pareti , che in bagno e in camera da letto, rigorosamente a contrasto con il candido bianco, regalano agli ambienti una luminosità naturale e un mood vacanziero. Giallo: è un colore da usare con il contagocce per le decorazioni e i tessili, da usare come punto luce ad esempio per i cuscini, un bel centrotavola in ceramica riempito di succosi limoni. Bianco tutt’altro che un non colore, è fondamentale per ricercare il contrasto con le tonalità più accese e per enfatizzare la luce.

Mobiletto giallo - immagine di lavorincasa.it

Quali Materiali usare?

I materiali sono quelli della tradizione, ma l’obiettivo è sempre ricreare un effetto rustico ma anche ricercato e raffinato. Sì alle maioliche decorate in cucina che possono essere anche in pvc, sì al piano in marmo o gres come base da lavoro che rimanda alle cucine di campagna, sì alla pietra naturale chiara come quella di Ragusa o Modica per i rivestimenti, sì anche al legno e al ferro battuto, grandi classici dello stile siciliano, ma a patto che creino commistione con elementi moderni come lampade di design, quadri o elementi decorativi contemporanei che smorzino l’effetto casa della nonna.

Maioliche tipiche siciliane - immagine di Teypat

Dettagli ed elementi decorativi da scegliere

Teste di moro: non possono mancare in una casa arredata in stile siciliano i tradizionali vasi antropomorfi ispirati alla famosa leggenda. A seconda dell’arredamento si possono scegliere in versione classica decorate dagli artigiani di Caltagirone o in versione più moderna e pop. Da inserire per lo più nella zona living come portavasi o anche come semplici elementi decorativi. Ceste in vimini e paglia: da usare come porta piante, porta riviste, per riporre i plaid, è un elemento naturale che regala all’ambiente calore. Ceramiche: che siano vasi, centrotavola o piatti che decorano le pareti, sono portavoce dei colori della Sicilia e sono un must irrinunciabile. Cuscini servono a creare movimento e dare un tocco di colore ad un divano monocolore. In velluto sono più raffinati e rimandano ai tessuti sontuosi dei salotti delle case nobiliari. Tende su tutti i tessuti pregiati per i tendaggi, è il lino quello da prediligere, meglio se dal colore neutro, perfetto per donare luminosità alla stanza. Tappeti sono un elemento molto importante e possono rappresentare un tocco di colore, come nel caso dei tappeti vinilici che riprendono la stampa delle cementine sicule oppure al contrario essere in toni neutri e materiali naturali come iuta, canapa. Specchi nascono come elementi funzionali per guardarsi ma possono servire anche a diffondere luce negli ambienti. Se ne volete uno importante da posizionare in un punto focale della casa, sceglietelo con cornice barocca.

Vasi antropomorfici tipici con arance - immagine istock

Gli errori da non fare

Lo stile siciliano è fatto di colore ed è espressione dello spirito gioioso e vivace che contraddistingue gli isolani. Quello che però vi raccomandiamo è di non cadere nell’eccesso. L’obiettivo nell’arredamento siciliano rimane la creazione di ambienti che siano al contempo decorati, ma comunque sobri ed eleganti, non fate l’errore di accumulare in casa tutto ciò che richiama colori, forme e odori dell’isola mediterranea. Scegliete con cura gli elementi decorativi in modo che siano in armonia e che dialoghino tra loro, lasciando che sia comunque la luce naturale l’elemento predominante.

Vasi antropomorfici tipici con piante - immagine di Fabulous Fairytales

Ora che hai capito come arredare casa in stile siciliano voglio darti un’ultima dritta: se hai in casa mobili datati che sono troppo agée per i tuoi gusti, puoi ridipingerli e dargli nuova vita. Attenendoti alla palette che ti abbiamo indicato, un vecchio comodino in legno ereditato dalla nonna, cambia faccia se ritinteggiato in una bella tinta color marsala, un cupo armadio in legno può diventare un comodo e brioso porta-asciugamani in bagno se ridipinto di azzurro cielo. Ti bastano vernici e pennelli e un po’ di manualità. Hai domande? Scrivile nei commenti!

Carmela Palumbo
Novizio
22/11/22-17:05 (modificato)

Sai che la scelta dei colori nell’arredamento ti permette di trasformare la tua casa in un’oasi di benessere? I colori in casa – così come la luce, le texture, i suoni, gli odori – sono i migliori amici di una Casa Felice, cioè in grado di rigenerarti giornalmente nel corpo e nella mente grazie alle loro caratteristiche intrinseche. Stagione dopo stagione la natura ci regala immagini e sfumature di infinita bellezza. Conoscere il mondo dei colori e trarre ispirazione da quelli osservati in natura, significa dotarci di strumenti che consentono di scegliere con serenità le nuance ideali per ogni ambiente della nostra casa. Ecco i miei 4 consigli da Interior Experience Designer.

Salotto ispirato alla natura - immagine Leroy Merlin

Colori e benessere a casa, da dove iniziare?

La scelta dei colori per la casa è tutt’altro che “accessoria”. Come le emozioni, i pensieri e gli stati d’animo, anche i colori sono vibrazioni e – come scientificamente dimostrato – influiscono sul benessere psicofisico ed emozionale. Per comprendere questo legame, pensa e osserva la differenza tra le tinte fredde e le tinte calde. Il rosso e le tonalità a esso vicine – i colori caldi che, non a caso, predominano nelle prime ore del mattino – hanno sul nostro organismo una funzione attivante, come una “sveglia naturale”. Al contrario, le tinte che tendono al blu – colori freddi tipici della sera e notte - hanno un effetto tranquillizzante. Ecco perché è fondamentale tenere in considerazione innanzitutto questa distinzione quando scegli i colori di arredi e pareti! Con i miei clienti parto sempre dall’osservazione della sensazione di benessere che procura loro un elemento naturale: scatto una foto e ne estraggo i colori per ricreare un’atmosfera e delle sensazioni similari.

Sala da pranzo con colori freddi - immagine Leroy Merlin

Abbinare i colori in casa: l’armonia

Avrai sentito parlare di accordi cromatici, ma come si abbinano i colori nell’arredamento per “accordi armonici”? Aiutati e divertiti utilizzando il cerchio di Itten (puoi trovarlo online) per scoprire abbinamenti di colori analoghi o complementari - di vivace impatto visivo - o ancora complementari adiacenti - per contrasti più delicati. Tre consigli che la ruota di Itten non ti darà: 1) prendi spunto dalla natura e portane i colori in casa. In oltre 20 anni di esperienza ho appreso che il modo in cui la natura abbina i colori ha sempre un carattere armonico; 2) gli opposti sì valorizzano: una parete neutra (bianco o grigio) prende vita con un dipinto ricco di colori o con accessori colorati nelle vicinanze (e viceversa); 3) sai che una scelta cromatica può aiutarti a creare delle illusioni ottiche che rendono la percezione di volumi sproporzionati di uno spazio, confortevoli ed armonici?

Studio con volumi armonici - immagine Leroy Merlin

Portare i colori della natura in casa

Il benessere di ogni essere umano richiede armonia con la natura e i suoi cicli. Per questo il mio metodo di progettare Case Felici si basa sul Ciclo Circadiano. L’alba ci fornisce una luce dai colori caldi come l’arancione, che dona energia per affrontare la giornata. Il tramonto, invece, ci dona colori rilassanti in vista del riposo, come l’indaco. Quindi, in termini generali, i colori caldi andranno nella zona giorno, quelli freddi nella zona notte: ma la distinzione non è così netta perché la stessa stanza può essere sede di esperienze diverse. Allora per scegliere i colori degli interni di casa è importante è necessaria una certa flessibilità. Un consiglio sempre valido? Punta su colori neutri per le basi dei tuoi spazi: una tonalità neutra (tortora ad esempio) ti permette di giocare con i dettagli e al contempo di mantenere l’armonia con elementi e colori della natura.

Salotto ispirato alla natura - immagine Leroy Merlin

Arredare casa con colori e ritmi delle stagioni?

Sì, ma non sarà di certo necessario un restyling di interni a ogni cambio stagione! Ogni stagione, grazie alla luce e ai colori, porta con sé i suoi simboli, la sua energia, i suoi stati d’animo, che possiamo ritrovare in ognuno di noi e ricreare nei nostri spazi. Creare armonia tra i colori in casa e quelli che ciclicamente la natura offre, aiuta a sentirci parte di un tutto più grande e anche a vivere al meglio ogni stagione, generando benessere. La buona notizia è che, se hai già seguito i suggerimenti precedenti, ti basteranno piccoli e semplici dettagli per farlo. Cuscini, piantine, tappeti, tende, quadretti: ascolta le sensazioni che i colori di ogni stagione ti fanno provare e libera la fantasia!

Salotto con colori stagionali - immagine Leroy Merlin

Le stagioni

In Primavera puoi giocare con una straordinaria e vivace tavolozza di colori che suscitano sensazioni di allegria, ottimismo, rinascita: il giallo, il rosso, l’arancione, il dorato e l’azzurro, fino al blu, il viola e il lilla oppure le sfumature del rosa. In estate le tinte delicatamente vivaci primaverili hanno bisogno di farsi più accese ed energiche. Ad esempio d’estate usare dettagli di colore rosso acceso per la cucina crea armonia richiamando il rosso della frutta estiva (come l’anguria e le ciliegie). E poi ci sono i colori caldi, avvolgenti e delicati dell’autunno. Con i colori giusti puoi ricreare in casa l’atmosfera di un bosco: cuscini o altri dettagli di colore arancio e ocra con macchie di rosso e violetto, il verde pallido delle foglie o quello intenso dei castagni nelle nostre tende, e così via. Infine l’inverno, con i suoi colori freddi: i nostri sensi sono un po’ ovattati e questo ci porta a ritirarci al nostro interno e all’interno delle nostre case, alle quali chiediamo di coccolarci e darci calore. In questo caso ci vengono in aiuto i colori pastello, le tonalità più pacate, naturali, terrose, i colori caldi e i tessuti avvolgenti come il velluto.

Tavola da pranzo con colori invernali - immagine Leroy Merlin

Ricordate: “Abitare è un’esperienza e sta a noi renderla un’esperienza FELICE”. Se desideri scoprire di più su cos’è e come si realizza una Casa Felice, dai un’occhiata al mio libro "Il Restyling efficace per la tua Casa Felice”. Quale di questi suggerimenti avete più curiosità di provare? Qual è la vostra esperienza con la scelta dei colori per arredare casa? Avete già provato alcuni dei benefici di portare i colori della natura in casa? Vi leggo e rispondo alle vostre curiosità nei commenti.

Mammapuntoacapo
Novizio
21/11/22-18:06 (modificato)

Dicembre è vicino, un mese pieno di magia in cui inizia il conto alla rovescia per il giorno più atteso dell’anno, il Natale. Le strade si riempiono di luci, le vetrine dei negozi si addobbano a festa, nell’aria risuonano le canzoni natalizie più amate di sempre. E nelle nostre case? L’incanto del Natale non può di certo mancare, soprattutto se ci sono dei bambini! Quindi perché non realizzare insieme a loro un calendario dell’avvento fai da te per contare insieme ai nostri piccoli i giorni che ci separano alla notte più favolosa dell’anno? 24 caselline da riempire con dolciumi o piccoli regalini e che darà tutto un’altro sapore all’attesa del Natale in famiglia. Ma come si costruisce un calendario dell’avvento? Qua vi spiego passo passo come crearlo.

Calendario fai da te - immagine dell'autrice

I materiali

Costruire la struttura

Come prima cosa bisogna partire dalla struttura e quindi dai listelli di legno. Il primo dei due, da 9x30x1000mm, va tagliato in due parti: la prima da 60 cm e l’altra da 40 cm. Il secondo listello deve invece essere diviso in tre pezzi delle seguenti misure: 20, 30, 50 cm. Una volta che avrete i listelli delle giuste misure dovrete assemblarli.
Usate il listello più lungo e largo come tronco del vostro albero e attaccate con la colla millechiodi i rami partendo da 15 cm e mettendo il listello da 60 cm, poi lasciate altri 15 cm e mettete quello da 40 e cosi via fino ad arrivare a quello da 20 cm. Adesso che avete la struttura non vi resta che dipingerla con la tempera acrilica e la struttura del vostro albero è pronta.

Costruzione telaio - immagine dell'autrice

Realizzare le bustine

Ora è il momento di realizzare le caselline. Ritagliate la carta da pacco 25x8 cm e piegate in modo da formare una parte di 10 cm e una di 15 cm. Poi, piegate i lati di 1 cm per parte e incollateli tra loro in modo da formare una bustina. Una volta ripiegate le estremità in alto della chiusura a triangolo, incollatele e la vostra bustina sarà pronta. Ripetete per 24 volte in modo da avere 24 bustine.

Piega delle bustine - immagine dell'autrice

Decorare l’albero

Adesso che avete le bustine potete, è arrivato il momento più divertente di tutti: decorare l’albero! Ovviamente a guidare è solo la vostra creatività, potete farlo come più vi piace: disegnare renne, ritagliare alberelli di natale con la carta adesiva colorata, utilizzare pennelli e vernici ma anche dei semplici pennarelli. Insomma lasciate spazio alla fantasia e ricordate di scrivere i numeri da 1 a 24 sulle bustine.

Decorazione bustine - immagine dell'autrice

Il tocco in più: la stella

Sulla punta della vostra struttura in legno potete attaccare una bella stella di natale ritagliandola dalla carta adesiva vellutata rossa.

Disegno stella - immagine dell'autrice

E ora non vi resta che appendere le bustine (riempite con piccoli regalini) sui rami dell’albero con le mollettine bianche e il vostro calendario dell’avvento è pronto. Ti è piaciuto questo progetto? Se hai dei dubbi, Scrivimeli nei commenti. E se hai realizzato anche tu un calendario dell'avvento fai-da-te condividilo nella nostra Gallery casa e giardino.

Risultato finale - immagine dell'autrice

Ornella Di Mauro
Novizio
21/11/22-17:38 (modificato)

Se amate l’atmosfera magica del Natale e avete dei bambini sicuramente starete pensando a come realizzare un calendario dell’avvento fai da te che li accompagni nell’attesa della grande festa: ogni giorno, infatti, i bambini apriranno un sacchettino e troveranno una piccola sorpresa. Oggi vi spiego passo passo come realizzarne uno in stile “Classic Christmas” a partire da un pannello di abete grezzo.

Calendario fai da te - immagine dell'autrice

I Materiali

Passare l’impregnante sul legno

Per prima cosa, passate una mano di impregnante per scurire il legno e, mentre il pannello di legno si asciuga, realizzate i sacchetti da 21x18 cm con la carta da parati. Vi basterà srotolate il rotolo e con l’aiuto della riga e della matita e segnare i punti dove tagliarla.

Applicazione impregnante - immagine dell'autrice

Realizzare i sacchetti

Dalla parte più lunga segnate 18 e 36 cm sia sopra che sotto in modo da unire i due punti con la riga ed effettuare con il taglierino un taglio preciso. Mi raccomando di farlo su una base rigida. Proseguite così fino ad ottenere 12 rettangoli da 18x52 cm che dovrete tagliare ulteriormente. Segnate i punti (sempre sopra e sotto) a 21 e 42 cm. Tagliate e otterrete così due rettangoli 18x21. Proseguite fino ad ottenere i 24 sacchetti del calendario. Una volta ottenuti i 24 rettangoli, posizionateli uno ad uno sotto la riga per la lunghezza di 21 cm. Piegate la parte sinistra a 6 cm e la parte destra a 15,5 cm. Il sacchetto deve essere largo 9,5 cm. Mettete il biadesivo su tutta la lunghezza della parte sinistra che sta sotto la destra e chiudete il sacchetto. Piegate la base di 4 cm, apritela e piegate all’interno gli angoli creando una sorta di rombo. Mettete una punta di colla a caldo nelle parti laterali. Ripiegate l’aletta inferiore oltre la metà e mettete una punta di colla a caldo e abbassate l’aletta superiore formando così la base del sacchetto. Infine, piegate di 3 cm la parte rimasta aperta.

Realizzazione sacchetti - immagine dell'autrice

Posizionare le mollette

Adesso prendete le misure per posizionare le mollette: mettete la riga orizzontalmente al pannello e il flessometro verticalmente. Dall’alto lasciate uno spazio di 3 cm e segnate in orizzontale con la matita i punti a 7, 19, 31 e 43 cm. Ripetete lo stesso procedimento abbassando la riga alle misure verticali di 19, 36, 52, 68 e 84 e segnando rispettivamente con la matita sempre gli stessi punti in orizzontale. Poi, attaccate le mollette con la colla a caldo nei punti segnati. La base del calendario adesso è pronta.

Fissaggio mollette - immagine dell'autrice

Decorare i sacchetti

Passate adesso alla decorazione dei sacchetti. Staccate i rametti di abete dal ramo centrale e tagliateli in due o in tre a seconda della grandezza del ramo. Attaccateli uno ad uno alla molletta con la colla a caldo lasciando la parte superiore della molletta libera e posizionandoli a testa in giù così da simulare dei piccoli abeti. Infine, con il pennarello rosso scrivete i numeri sui sacchetti e, una volta pronti, appendeteli in ordine numerico per comporre il calendario.

Decorazione sacchetti - immagine dell'autrice

Il tocco in più

Arricchite il pannello con la ghirlanda fissandola a sinistra, dall’alto verso il basso, con dei punti di colla a caldo. Intrecciate quindi la catena luminosa con la ghirlanda, partendo dal basso e lasciando libero il vano batteria. Proseguite così su tutto il pannello fissandola dove serve con il biadesivo. Sistemate le luci, fissate con la colla a caldo nella parte posteriore del pannello la scatoletta con le batterie. Potete aggiungere tutti gli elementi che preferite, come palline rosse e pigne verdi. Agganciate tra di loro le decorazioni con il filo di nylon, aggiungete un fiocco verde o rosso e attaccate al sacchetto con la colla a caldo. Ricordate di bilanciare le decorazioni, alternando i colori e lasciando gli spazi giusti. Et voilà!

Decorazione Calendario - immagine dell'autrice

Il calendario è pronto per essere riempito di dolci pensieri. Basterà appoggiarlo su un muro, per terra ad altezza bambino o appenderlo come un quadro.Ti è piaciuto questo progetto? Se hai dei dubbi fammelo sapere nei commenti. E se hai realizzato anche tu un calendario dell'avvento fai-da-te non dimenticare di condividerlo nella nostra Gallery casa e giardino.

Risultato finale- immagine dell'autrice

ValeriaBonatti
Architetto
21/11/22-10:31 (modificato)

Case coi soffitti alti, che passione! Che sia un loft, un sottotetto o una casa d’epoca, sono sempre ambienti dal fascino indiscusso, ariosi e in genere molto luminosi. Almeno di giorno e in presenza di ampie finestrature. Ma di sera? Come illuminare in modo adeguato una casa coi soffitti alti, così da renderla gradevole, accogliente e funzionale anche quando viene buio? Ecco per te alcune proposte di lampadari perfetti per stanze dal soffitto alto.

Come scegliere e combinare le lampade quando i soffitti sono alti – Leroy Merlin

Lampade a sospensione anche coi soffitti alti

A meno che abiti in un loft dalla copertura altissima, la lampada a sospensione è un tipo di illuminazione insostituibile, sia per la sua presenza importante, sia per la qualità di luce diffusa che dona all’ambiente. Nel caso di soffitti alti, la lampada dovrà ovviamente pendere un po’ di più, per illuminare alla giusta distanza od eventualmente essere un po’ più potente, come il modello Neoclassico Shokia, che raggiunge i 10680 lumen. Ma una valida alternativa potrebbe essere quella di accostare due o tre esemplari, uguali o di modelli diversi, o ricorrere ad uno composto da più punti luce, come la lampada Hornwood. Lo stile? Asseconda i tuoi gusti o, se vuoi una mano a individuare quello più adatto, guarda la nostra Guida “Come scegliere il miglior lampadario per casa”. Potrai scegliere tra lampade in stile Industrial, se abiti in un loft o in un appartamento dall’arredamento moderno o cercare tra il Classico e il Glamour per un arredamento più ricercato e raffinato. L’importante, oggi come oggi, è che tu tenga un occhio puntato anche sui consumi, così da illuminare la tua casa dai soffitti alti a cuor leggero! Come? Ovviamente con le lampadine o i lampadari a LED.

Lampadari a sospensione per soffitti alti, nello stile che vuoi – Leroy Merlin

Luce e fresco per gli ambienti spaziosi

Quando gli spazi sono ampi può essere davvero molto gradevole unire alla luce un ventilatore che faccia girare l’aria nelle giornate afose, ma che migliori il comfort termico anche in inverno. Diciamo che i soffitti alti si prestano ancora di più a scegliere modelli che non solo rendano l’ambiente confortevole, ma che siano anche di grande impatto estetico. Un esempio? Il ventilatore a soffitto Gaulax, con la sua linea elegante ed armoniosa, arreda da solo la stanza portando allo stesso tempo una nota moderna e dinamica. E che ne dici del modello Fungo con le pale in legno? E’ perfetto per un living in stile Havana Boho ed è dotato, oltre che di Led integrato, di telecomando e connessione WiFi.

Bellezza e funzionalità insieme, con i ventilatori a luce integrata – Leroy Merlin

Faretti su binari, all’altezza che vuoi

I faretti solitamente si usano a incasso nei controsoffitti o per illuminare un percorso o un punto specifico, avendo una luce direzionale. Un altro discorso però sono i faretti su cavo o binario, molto più versatili e soprattutto ideali per illuminare ambienti dai soffitti alti. La possibilità di essere montati su tiranti permette innanzitutto di posizionare i corpi illuminanti all’altezza desiderata, indipendentemente da quella del soffitto. Non solo, sono indipendenti anche dalla forma e dall’inclinazione del soffitto, perfetti quindi per i sottotetti o le stanze con travi a vista. Un altro vantaggio è di poter direzionare ciascun faretto secondo le esigenze funzionali e persino di accostarne modelli diversi. A seconda del faretto che scegli e dell’altezza a cui lo posizioni puoi avere una luce più diffusa o più mirata, con cui creare anche giochi di luce dal grande effetto scenico.

I faretti su binari o tiranti sono un’ottima soluzione quando i soffitti sono alti – Leroy Merlin

Quando i soffitti sono alti, illumina in basso

Un giusto progetto di illuminazione prevede sempre la combinazione di diversi punti luce, che rispondono alle diverse esigenze: luce centrale diffusa che illumini in modo omogeneo tutta la stanza, a cui accostare lampade da terra, da tavolo o applique che portino luce dove serve, ma al contempo creino un ambiente intimo e accogliente. Se si parla di soffitti alti, questo vale ancora di più, perché una luce che illumina un ambiente spazioso rischia di disperdersi o di dover essere troppo forte per essere sufficiente anche su tavoli, cucina, zona lettura. Sì allora a lampade da terra, perfette quelle con punto luce decentrato, e qualsiasi soluzione da appoggio o da attaccare alle pareti. Così il soffitto alto non sarà più un problema!

Lampade da terra decentrate, ideali per i soffitti alti – Leroy Merlin

Lampade coordinate in grande stile

A me personalmente piace molto mischiare oggetti di provenienza diversa e lo stesso vale per le lampade. Trovo che questo renda più vario e dinamico lo spazio domestico. E’ vero però che ci vuole molta attenzione, perché il passo tra eterogeneità e disordine è davvero breve. Per non incorrere in questo rischio, e comunque per dare agli ambienti un tocco di armonica eleganza, le lampade coordinate costituiscono un’ottima soluzione. Soprattutto quando i soffitti sono alti e le pareti quindi molto ampie, come ho già spiegato nel mio articolo “Consigli e idee per arredare una casa con i soffitti alti”, può esserci la tendenza a riempire troppo e con troppi elementi diversi, mentre sono sufficienti pochi mobili o decorazioni di grandi dimensioni. Allo stesso modo, anche per quanto riguarda l’illuminazione, avere un filo conduttore che lega tutte le lampade fa sì che uno spazio anche molto grande venga percepito più legato e uniforme. A te la scelta!

Le lampade coordinate donano uniformità ai grandi ambienti – Leroy Merlin

Spero con i miei tre articoli sulle case coi soffitti alti di aver fugato ogni tuo timore, sia per quanto riguarda vantaggi e svantaggi, sia su come sfruttarli e arredarli nel migliore dei modi. Ora anche trovare il lampadario giusto, quando il soffitto è alto, non dovrebbe più essere un problema, ma se hai dubbi scrivici pure in Community!

Ornella Sprizzi
Novizio
18/11/22-12:21 (modificato)

Le piastrelle sono un materiale creativo davvero versatile, ci sono tanti progetti che si possono realizzare con quelle avanzate da una recente ristrutturazione. La più semplice è quella di riciclarle come sottopiatti, sotto pentola o sottobicchieri. Basta applicare dei feltrini sul retro per non graffiare le superfici e il gioco è fatto. In questo articolo, vi propongo una vera e propria trasformazione. Ecco tre idee di facile e veloce realizzazione per creare con le piastrelle tre oggetti di grande impatto e di sicura utilità.

3 modi creativi per utilizzare le piastrelle - immagine dell'autrice

1. II vassoio da caffè

Il vassoio da credenza o da portata può aggiungere un vero tocco di stile nella vostra casa. È perfetto per esporre un servizio da tè o per servire caffè e dolcetti ai vostri ospiti. Date libero sfogo alla creatività e rendete il vostro pezzo davvero unico e personale, usando le stesse piastrelle che avete utilizzato per pavimenti o rivestimenti: si abbinerà perfettamente al resto dei vostri interni.

Materiali necessari:
-due piastrelle 20x20 cm
-un pannello di legno 40x40 cm
-Due piccole maniglie dello stile che preferite
-Millechiodi

Materiali necessari - immagine dell'autrice

Fissate le maniglie ai lati del piano in legno, avendo cura di sistemarle esattamente al centro. Con la colla adesiva, fissate le due piastrelle sulla superficie in legno, formando una scacchiera. Lasciate asciugare almeno 24 ore.

Vassoio da caffè - immagine dell'autrice

2. Il Memo appendino

Ci avevate mai pensato? È un appendino per i canovacci e al tempo stesso una mini bacheca per i vostri promemoria. Può essere abbinato al pavimento o al rivestimento della cucina, oppure dare nuova vita ad una vecchia cementina di recupero.

Materiali necessari:
-Una piastrella 20x20
-Pannello in legno naturale 20x25 cm
-Millechiodi
-Due pomelli o due ganci
-Chalk paint e pennello

Prendete un pannello di legno tagliato a misura. Potete lasciarlo al naturale o dipingerlo con un colore che riprende i dettagli della piastrella. Per questo progetto, abbiamo utilizzato una colorazione Fleur Paint.
Assicuratevi che la piastrella sia pulita e asciutta e fissatela al pannello con la colla millechiodi. Fissate nello stesso modo anche i due pomelli. Sarà sufficiente per reggere gli strofinacci. Se pensate di utilizzare dei ganci per le tazze, è preferibile praticare due fori con il trapano e fissarli al pannello con le viti.

Stesura della colla sulla piastrella - immagine dell'autrice

Completate il progetto usando un nastro biadesivo per fissare sulla piastrella un piccolo blocco note, che potrete sostituire ogni volta che finisce. Tenete sempre una penna o una matita appoggiata sopra il vostro memo appendino per scrivere la lista della spesa o gli appuntamenti da non dimenticare!

Memo appendino - immagine dell'autrice

3. Il vaso decor

Se siete alla ricerca di fioriere e vasi per le piante originali e colorati, per decorare la casa o i vostri spazi all’aperto, potete crearli in pochi minuti con quattro piastrelle, andranno bene anche di colori o fantasie diverse. Il risultato è bellissimo e di grande effetto!

Materiali necessari:

  • 4 piastrelle 20x20 cm
  • una base in legno di 19x20 cm e dello spessore di circa 2 cm
  • Millechiodi
    Iniziate fissando la prima piastrella alla base, applicando la colla lungo il perimetro del piano in legno per iniziare a formare un cubo. Proseguite con la seconda piastrella, formando un angolo di 90 gradi e applicando la colla sia alla base che lungo i bordi delle piastrelle adiacenti. Continuate incollando tutti e quattro i lati per completare il cubo.

    Incollare le piastrelle formando un cubo - immagine dell'autrice

Non spostate il vaso e utilizzate del nastro carta per assicurare il lati durante il tempo necessario alla completa asciugatura.

Vaso Decor - immagine dell'autrice

Ora non vi resta che scegliere il vostro preferito e mettervi all’opera! Se avete domande potete scriverle qui sotto nei commenti. Buon divertimento!

Sara Aiello
Novizio
18/11/22-12:17 (modificato)

Natale è il periodo più magico dell’anno, una strana e piacevole euforia riecheggia a partire da novembre e persiste fino a tutto dicembre. L’attesa del Natale, gli addobbi, i film e… le favole natalizie. Ed è proprio pensando alle favole di Natale che è nata l’idea di ideare e realizzare una bacheca lasciandomi ispirare dai racconti più iconici della tradizione, quelli che ci fanno sognare e che ogni anno riescono a farci immergere in un mondo incantato senza tempo. Una bacheca perfetta da decorare insieme ai bambini, per scatenare la fantasia e la creatività! Qualsiasi decoro, addobbo o elemento che amate, può essere inserito all’interno della vostra bacheca, non ci sono regole! Di seguito, vi racconto tutti i passaggi che ho seguito per realizzare la mia, ispirata al racconto de “Lo Schiaccianoci” e le cui decorazioni predominanti fanno parte della collezione Classic Christmas di Leroy Merlin, caratterizzata dai toni dell’oro, del rosso, del verde e da tessuti tartan. Potete divertirvi ad associare una storia ad ogni stile del Natale Leroy Merlin e creare tante diverse bacheche: per esempio, Frozen o Polar Express per lo stile Snow Christmas o la storia di Santa Claus allo stile Scandi Christmas.

Moodboard - immagine dell'autrice

Starter kit - l’occorrente base

1. Realizzare la base

Isolate la cornice con il nastro di carta, successivamente stendete la pittura lavabile sulla cornice, con l’aiuto di un pennellino e lasciate asciugare. Questo primo passaggio vi aiuterà a dare personalità alla base del pannello, coprendo così il sughero.

Preparazione della Cornice - immagine dell'autrice

2. Personalizzare la base con i tessuti

Per rendere ancora più particolare la vostra bacheca, ricoprite la base con un tessuto natalizio. Io ho scelto questo colore oro che, in rete, facilita la presa delle puntine che serviranno per inserire i vari oggetti. Ma anche in questo caso la scelta sta a voi! Non solo tessuti, ma potete optare per anche per carte da parati, disegni o immagini natalizie.

Fodera della bacheca - immagine dell'autrice

3. Incorniciare la base

Adesso è il momento di incorniciate la base. Io ho utilizzato un nastro dai decori natalizi, bianco e oro, perfetto per lo stile Classic. Sbizzarritevi e create la cornice che più vi piace scegliendo le fantasie e i colori che meglio rappresentano il vostro stile. Le possibilità sono davvero infinite, per esempio potete utilizzare ghirlande o elementi naturali da inserire lungo tutto il perimetro del pannello per un effetto ricco e un tocco di verde!

Decorazione della cornice - immagine dell'autrice

4. Scegliere le decorazioni

E ora arriva il momento più divertente: inserire le decorazioni! Nel mio caso non potevano di certo mancare lo schiaccianoci, protagonista della storia e la ballerina, i due elementi principali della mia bacheca. Inseriti gli elementi più caratteristici della vostra favola, aggiungete altri addobbi ed elementi, come tessuti o carte da parati, lasciandovi guidare e ispirare dalla favola che avete scelto. Io, per esempio, ho inserito: la fata confetto e i regni fatati - che i protagonisti della storia visitano e che vengono rappresentati dai candy cane, dai fiocchi di neve, dalle pigne, dalle bacche e dalle farfalle. Potete anche aggiungere un tocco in più ritagliando delle immagini o foto natalizie che rappresentano il tema della vostra favola del cuore, proprio come ho fatto io.

Decorazione della bacheca - immagine dell'autrice

5. Il risultato finale

Ed ecco il risultato! Mi fa volare con la fantasia e non vedo l’ora di appenderla in camera dei bambini o utilizzarla come decorazione natalizia per la casa, magari all’ingresso per accogliere amici e familiari durante le feste. Amo questi colori tipici del Natale, “Lo schiaccianoci” del resto, è la favola di Natale per eccellenza! Trovate qui tutte le decorazioni che ho utilizzato e molte altre.

Risultato finale - immagine dell'autrice

E ora tocca a voi! Iniziate la vostra bacheca e poi continuate ad arricchirla durante le feste, aggiungendo sempre nuovi decori, magari uno al giorno fino a quello di Natale, oppure inserendo foto di famiglia per avere sempre con voi i vostri migliori ricordi. L’importante è liberare la creatività. Divertitevi a scegliere la vostra storia e il vostro stile e che la festa abbia inizio! e se avete qualche domanda, scrivetela nei commenti. Auguri!