Community

Home / Magazine della casa

Magazine della casa

Vivi la tua passione per la casa e il giardino, scopri le ultime tendenze di stile e trova nuovi spunti per i tuoi progetti con gli articoli della nostra redazione.
Tutti gli articoli
I miei articoli
Creare un articolo
Tutto Bagno e arredo bagnoGiardino e TerrazzoDecorazione e IlluminazionePavimenti e rivestimentiVerniciCucinaOrdine e sistemazioneFalegnameria ed EdiliziaUtensileria e FerramentaFinestre, porte e scaleElettricità, automazioni e Smart HomeClimatizzatori, stufe e idraulicaNataleEventi e iniziative community
EnricaCuccarese
Community Lover ❤️
01/02/21-10:33

Arelle e pannelli frangivista in bambù ed altri materiali naturali ti vengono incontro nella realizzazione di giardino e balcone. Scopri i consigli della Community per creare la privacy che cerchi in modo sostenibile.

VFrangivista sostenibili per creare privacy in giardino e sul balcone - Ispirazioni Leroy MerlinVFrangivista sostenibili per creare privacy in giardino e sul balcone - Ispirazioni Leroy Merlin

Tutte le soluzioni per un po’ di privacy in giardino e in balcone

Mantenere la privacy in giardino è tra i progetti prioritari riguardanti gli spazi esterni. Infatti, arelle e cannicci, oltre a migliorare la privacy in giardino e in terrazza in modo sostenibile e naturale specialmente in estate, aumentano anche la sicurezza della tua abitazione. Inoltre, sono in grado di trasformare gli spazi esterni in vere e proprie oasi verdi dove trascorrere alcune ore di relax nella piena tranquillità del verde. Le soluzioni disponibili che puoi trovare nell’ampia gamma di prodotti Leroy Merlin sono moltissime e si adattano a qualsiasi stile e progetto. Prima di procedere con l’acquisto però, ti consiglio di consultare l’utilissima guida alla scelta di recinzioni e frangivista, per trovare ispirazione e cominciare a immaginare come sarà il tuo spazio verde.

Frangivista sostenibili per creare privacy in giardino e sul balcone - Ispirazioni Leroy MerlinFrangivista sostenibili per creare privacy in giardino e sul balcone - Ispirazioni Leroy Merlin

I tipi di recinzioni per un giardino sicuro

Progettare e realizzare delle oasi verdi in giardino richiede pazienza, cura e attenzione ai dettagli. I materiali, ad esempio, sono fondamentali per la scelta del recinto giusto. Questa è una questione prettamente di design, infatti, saper abbinare alla perfezione un recinto con l’ambiente esterno è tutt’altro che un gioco da ragazzi! Bisogna sceglierlo e posizionarlo in maniera armonica con l’ambiente circostante affinché lo completi. Per creare un ambiente con un design unico ti vengono incontro i recinti di legno che si possono inserire in quasi tutti i contesti, e le Arelle e i Cannicci in vari materiali, come bambù, felce e vimini, ideali per ambienti non troppo spaziosi perché non ingombranti.

Frangivista sostenibili per creare privacy in giardino e sul balcone - Ispirazioni Leroy MerlinFrangivista sostenibili per creare privacy in giardino e sul balcone - Ispirazioni Leroy Merlin

Arelle e cannicci

Se la tua abitazione dispone di un semplice balcone o un terrazzo, le arelle sono la soluzione che fa al caso tuo! Se ami l’effetto naturale e per essere il più sostenibile possibile scegli l’Arella bambù che garantisce il massimo della privacy senza ingombrare troppo, grazie alla sua leggerezza e semplicità. Infatti, non soffoca gli ambienti in quanto le cannette assicurano il passaggio sia dell’aria che della luce. L’alternativa migliore ai materiali naturali, che si deteriorano nel tempo è il Canniccio doppia vista pvc verde, che ha la stessa funzione, ma è più resistente agli agenti climatici esterni.

Frangivista sostenibili per creare privacy in giardino e sul balcone - Ispirazioni Leroy MerlinFrangivista sostenibili per creare privacy in giardino e sul balcone - Ispirazioni Leroy Merlin

Frangivista e griglie rampicanti

I Frangivista e le griglie rampicanti, oltre a rendere l’ambiente esterno più privato e a proteggere lo spazio da sguardi indiscreti, ti permettono di arricchire lo spazio con un po’ di vegetazione. Questi accessori sono semplici ed essenziali allo stesso tempo, come il frangivista Julian o eleganti come un traliccio fisso, ideale per il balcone da adornare con le piante rampicanti di tuo gradimento! Infatti, grazie alle diverse soluzioni decorative, offrono innumerevoli opportunità compositive dando libero sfogo alla tua creatività.

Hai trovato interessante l’articolo? Scopri Il pallet come alternativa sostenibile all'arredamento da giardino e contribuisci a ridurre l’impatto ambientale. Non esitare a scriverci, per qualsiasi dubbio o curiosità risponderemo alle tue domande e ti aiuteremo a costruire i tuoi sogni!

Antonella.M
Community Starter 👋
30/01/21-08:00

San valentino 2021 sostenibile: no ai fiori recisi, meglio piantare un fiore insieme! Scopri le idee originali della Community per un San Valentino Sostenibile: piuttosto che regalare un fiore reciso, scegli di piantarne uno insieme alla tua dolce metà.

Idee regalo per un San Valentino sostenibile: pianta un fiore insieme - ispirazione Leroy MerlinIdee regalo per un San Valentino sostenibile: pianta un fiore insieme - ispirazione Leroy Merlin

Un San Valentino sostenibile

A San Valentino, la festa degli innamorati, il regalo più acquistato e ricevuto sono senza dubbio i fiori. Per evitare di regalare il solito mazzo di rose rosse, o comunque un mazzo di fiori recisi, perché quest’anno non valuti l’alternativa di piantare dei fiori in casa insieme al tuo/alla tua partner? Scegli i fiori che più piacciono alla tua lei o al tuo lui, provvedi ad un bel vaso e piantate insieme dei fiori! Saranno sicuramente più duraturi e decoreranno il tuo ambiente domestico o i tuoi spazi esterni come balconi, giardini o terrazzi. Procurati vasi, guanti da giardinaggio, annaffiatoio, terriccio e tutto quello che può servirti per piantare con la tua dolce metà la pianta del vostro San Valentino!

Idee regalo per un San Valentino sostenibile: pianta un fiore insieme - ispirazione Leroy MerlinIdee regalo per un San Valentino sostenibile: pianta un fiore insieme - ispirazione Leroy Merlin

San Valentino sostenibile: piantare delle Orchidee

Il periodo di febbraio è il più adatto per decidere di piantare delle meravigliose orchidee. Halaenopsis e Dendrobium sono le specie più diffuse. Uno degli elementi fondamentali per questa pianta, è la luce. La maggior parte delle orchidee tropicali infatti vive in luoghi ben luminosi. L’ideale in casa è posizionare le orchidee piantate vicino ad una finestra, ma lontano da fonti di calore o da spifferi. Quindi si consiglia di tenere i vasi delle orchidee nelle zone più luminose della casa. Questa pianta che arriva dall’Oriente, simboleggia l’amore, quello duraturo, basato su una dedizione totale sia psichica che fisica. Le orchidee rosa vengono regalate in occasione del 14° anniversario di nozze, mentre l’orchidea tendente al giallo è perfetta per il 28° anno di matrimonio. Sul sito puoi trovare i vasi e il terriccio più adatti a questa splendida ed elegante pianta.

Orchidea - Leroy MerlinOrchidea - Leroy Merlin

San Valentino sostenibile: piantare una Gardenia

La gardenia simboleggia la sincerità di un sentimento. È una pianta che necessita di luce ma non ama i raggi del sole diretti. Le foglie della gardenia vanno vaporizzate con acqua demineralizzata. La gardenia si adatta gradualmente all’ambiente domestico e per questo ha bisogno di cure e pazienza, proprio come una storia d’amore!

Gardenia - shutterstock 1706162065 Di Maryana VolkovaGardenia - shutterstock 1706162065 Di Maryana Volkova

San Valentino sostenibile: piantare l’Anthurium

L’Anthurium ha la caratteristica di avere grandi foglie e fiori cuoriformi. Per questa ragione, gli antichi Greci credevano che fossero le frecce di Cupido. L’Anthurium è una delle piante più regalate a San Valentino anche per il suo colore rosso che rappresenta l’amore e la passione. Si tratta di una pianta originaria delle regioni tropicali dove il clima è umido e caldo. Per il suo benessere in casa quindi bisogna cercare di ricreare questo tipo di ambiente: è necessario ritagliare per lei un posto luminoso e bisogna bagnarla poco ma spesso, in modo da mantenere il terriccio umido ma non annacquato.

Anthurium - shutterstock 259888313 Di BestPhotoPlusAnthurium - shutterstock 259888313 Di BestPhotoPlus

San Valentino sostenibile: piantare una Camelia

La camelia simboleggia la devozione eterna tra gli innamorati. Le camelie hanno caratteristiche ben precise. Sono piante legnose, con ciclo perenne e portamento arbustivo cespuglioso. Iniziano a fiorire proprio nel mese degli innamorati, febbraio. Crescono bene in grandi vasi sia dentro che fuori casa. I suoi fiori, dal bianco al rosa al colore rosso, sono incantevoli.

Camelia - shutterstock 1669274536 Di Diyana DimitrovaCamelia - shutterstock 1669274536 Di Diyana Dimitrova

San Valentino sostenibile: piantare una Viola tricolore

La viola del pensiero o viola tricolore, è una pianta appartenente alla famiglia delle Violaceae, è conosciuta in modo particolare per il suo fiore delicato che simboleggia l’amore romantico e fatto di tenerezze. La viola tricolore è una pianta biennale: compie il ciclo biologico in due anni iniziando a crescere a fine estate, persistendo durante l'inverno e fiorendo durante la primavera successiva, poi muore. È possibile piantarla in vaso e tenerla dentro casa oppure fuori, in balcone.

Hai trovato interessante l’articolo? Per qualsiasi dubbio o curiosità scrivi alla Community, saremo felici di rispondere alle tue domande! Trova sul nostro sito tante idee per il tuo regalo di San Valentino perfetto, seleziona i semi da poter piantare nel mese di febbraio e tanti bulbi per un San Valentino sostenibile!

Leggi anche l’articolo L’orto urbano per rendere la spesa intelligente

EnricaCuccarese
Community Lover ❤️
29/01/21-08:22

Se sei alla ricerca di un miglioramento sostenibile per la tua abitazione, considera l’isolamento termoacustico. La bioedilizia, caratterizzata dalla creazione del giusto comfort termico, offre svariati vantaggi. Scopri con la Community i motivi per realizzare l’isolamento termoacustico, grazie alla giusta scelta dei materiali naturali isolanti.

Isolamento termoacustico - Shutterstock foto di Arturs BudkevicsIsolamento termoacustico - Shutterstock foto di Arturs Budkevics

Isolamento termoacustico ecologico per la tua casa sostenibile

Se il tuo progetto è quello di isolare termicamente e acusticamente la tua casa in maniera ecologica Migliora il comfort di casa con il giusto isolamento! La bioedilizia offre svariati tipi di isolanti naturali che oltre a non essere inquinanti, hanno una buona resa architettonica, alte prestazioni e sono riciclabili a fine vita. I materiali naturali utilizzati per l’Isolamento termoacustico della tua abitazione sono rappresentativi di un’edilizia consapevole. Infatti, sono realizzati con fibre riciclabili e biodegradabili e senza l’utilizzo di alcun prodotto chimico. I materiali naturali isolanti, come la fibra di legno, canapa e cellulosa sono accomunati dalla grande traspirabilità e dall’ottima lavorabilità e si adattano a tutte le esigenze. Scopri come Diminuire l’impatto ambientale usando materiali naturali per la tua casa.

Materiali isolanti naturali - Shutterstock foto di UrfinMateriali isolanti naturali - Shutterstock foto di Urfin

Pannelli isolanti in lana di roccia e lana di vetro

I pannelli isolanti in lana di roccia e lana di vetro sono sfruttati per eseguire l’isolamento termico e acustico a cappotto di interi palazzi e per le coperture del tetto. Questi sono sostenibili e facili da lavorare. Infatti, sono i migliori per evitare le dispersioni di calore durante il periodo invernale e mantenere una temperatura gradevole durante i mesi estivi. In più oltre ad avere ottime proprietà termiche, materiali come la lana di vetro, la lana di roccia sono traspirabili e resistenti all'umidità, in questo modo potrai evitare la formazione di condense e di fastidiose muffe, che alterano la salubrità dell’aria.

Materiali isolanti naturali - Shutterstock foto di Arturs BudkevicsMateriali isolanti naturali - Shutterstock foto di Arturs Budkevics

Pannelli isolanti in sughero

Tra i migliori e più utilizzati pannelli per l’isolamento termoacustico ci sono quelli in sughero, un materiale 100% ecologico, naturale atossico e anallergico. I pannelli isolanti in sughero sono prodotti dalla scorza della quercia da sughero, la quale è lavorata fino ad assumere le sembianze di pannelli riutilizzabili e riciclabili. Questi sono molto resistenti, infatti hanno un’alta resistenza sia agli agenti chimici che naturali. La traspirabilità fa del sughero una scelta intelligente in materia d’isolamento termico in quanto non permette la formazione di condensa e, di conseguenza, la presenza di muffe. Inoltre, questo materiale riduce la fuoriuscita di calore dalle abitazioni e garantisce un alto livello di isolamento acustico.

Materiali isolanti naturali - Shutterstock foto di VanoVasaioMateriali isolanti naturali - Shutterstock foto di VanoVasaio

Hai trovato interessante l’articolo? Se non sei ancora sicuro consulta la guida su Come scegliere i materiali isolanti. Non esitare a scriverci, per qualsiasi dubbio o curiosità risponderemo alle tue domande e ti suggeriremo il materiale naturale isolante adatto alle tue esigenze.

BlankUser
28/01/21-12:25 (modificato il 06/06/23-10:58)

Una testiera per letto in legno fai da te è un ottimo modo per personalizzare la propria camera. Utile soprattutto quando la stanza è stretta e lunga e non c'è spazio laterale per i comodini. Io ho aggiunto anche delle nicchie, che fungono da mensole o da libreria. Ovviamente potrai adattare il progetto alle tue esigenze, sia come misure sia come colori. Vuoi scoprire come fare? Di seguito trovi tutti i passaggi e il Pdf allegato con le misure. Se hai delle domande, scrivimi in fondo, nei commenti.

Testiera letto in legno con libreria - foto StefanoIlFalegname

Materiali

Utensili

Step 1. Prepara i fianchi e i listelli

Innanzitutto, sappi che la testiera letto in legno che ho costruito è divisa in quattro elementi, due per ogni misura. Ciascuno degli elementi è formato da due fianchi in multistrato pioppo da 25mm. Se non possiedi il banco sega, sappi che in tutti i Leroy Merlin, al reparto falegnameria, è disponibile il servizio di taglio legno su misura.
La prima cosa a cui pensare sono gli 8 fianchi e i listelli per unirli. Successivamente, su ciascuno di questi dovrai realizzare dei fori, utilizzando la dima per fori a tasca, per unirli. Con un avvitatore e delle viti, unisci poi fianchi e listelli.

Utilizza la dima per fori a tasca - foto StefanoIlFalegname

Step 2. Taglia a misura il perlinato e unisci alle strutture

Pronte le strutture grezze, ho tagliato a misura le tavole di perlinato. Mi raccomando, non tagliarle precisamente di misura, abbonda di circa 1 cm. Anche per queste, ti ricordo che è possibile farsele tagliare al reparto falegnameria. Una volta tagliate, ho fissato le perline alla struttura, utilizzando groppinatrice e chiodi (misura 40mm diametro 1,2mm). Perché lasciare sporgere le perline rispetto alla larghezza dell’elemento testiera? Per poterle poi in seguito rifilare con una fresatrice e fresa con cuscinetto. Questo è il metodo migliore per per assicurarsi che siano perfettamente pari.

Unisci le perline alla struttura della testiera - foto StefanoIlFalegname

Step 3. Realizza le cornici e fodera le nicchie

Le cornici con profilo ad "L" me le sono fatte io, ma se vuoi, conviene prenderle già pronte. Si trovano sia da verniciare, sia già verniciate, ed è un notevole risparmio di tempo. Le nicchie vanno foderate con multistrato pioppo 10mm, successivamente per occultare il bordo del pannello, si fissano le cornici sulla parte anteriore delle nicchie. Se si utilizza una colla da costruzione non servono chiodini o altro per fissare le cornici. Anche gli schienali delle nicchie sono in multistrato da 10mm. Questi li ho verniciati con una tinta celeste. Mentre le cornici, zoccolino e mensole le ho verniciate in blu. Le mensole sono in abete, pannello da 27mm triplo strato.

Fodera le nicchie e incolla le cornici - foto StefanoIlFalegname

Step 4. Realizza le mensole e i tagli per interruttori

Una volta foderate le nicchie, ho realizzato 4 mensoline utilizzando un pannello di abete da 27mm triplo strato. Con lo stesso tipo di pannello si possono fare anche le mensole che fanno da cappello a tutta la struttura. Io in questo caso ho usato larice massello. Per attaccare le mensole alla struttura, ti consiglio innanzitutto di trasportare la testiera nella camera in cui la inserirai e di unire tra di loro i 4 elementi: per farlo io ho utilizzato viti 4,5x40mm. Per fissare le mensole alla parete della testiera ho usato una fresatrice per giunzioni. Lo stesso risultato lo si ottiene con delle spine da 16mm. Non ho usato colla perché poi ho fissato le mensole con le viti dal lato interno. Dopo aver fissato le mensole, ho realizzato itagli per gli interruttori, che è l'unico intervento un po' impegnativo di questo progetto: scelta obbligata se la testiera, una volta addossata al muro, copre la posizione originale di queste. Per farlo usa un seghetto alternativo.

Fissa le mensole e realizza dei tagli per prese e interruttori

Step 5. Ultime rifiniture a scelta

Ci sono altri modi per personalizzare questo progetto. Io ad esempio, da un lato, anziché montare la presa sotto alle mensole, l’ho montata sul fianco. Questo può essere più bello esteticamente e più comodo, per non avere il filo a vista. A piacere però é anche possibile montare sulla struttura delle applique, oppure installare delle luci led all'interno delle nicchie.
Una volta fatto tutto, ricorda di unire lo zoccolino in basso e il progetto è terminato!

La testiera letto con libreria è pronta! - foto StefanoIlFalegname

Ti è piaciuto questo progetto per realizzare una testiera del letto pratica e originale? Per quanto riguarda tutte le misure, ti ricordo di controllare il file pdf del progetto, in allegato qui di seguito.
Con questo è tutto! Se hai delle domande, scrivimi nei commenti qui sotto. Ciao Artigiano!

Antonella.M
Community Starter 👋
28/01/21-08:00 (modificato)

Bere acqua del rubinetto filtrata è una buona abitudine per risparmiare sull'acqua minerale e limitare il consumo di plastica. Non sono i soli due buoni motivi per bere acqua del rubinetto. Vuoi scoprire anche gli altri? Ecco 8 buoni motivi per bere acqua del rubinetto; continua a leggere e scopri anche come migliorare l'acqua del rubinetto per un risparmio sia economico che ecologico!

Ispirazione Leroy MerlinIspirazione Leroy Merlin

Perché bere acqua del rubinetto?

Bere acqua del rubinetto porta benefici sulla salute, benefici ambientali ed economici.

L’acqua del rubinetto:

1. è controllata

2. è fresca

3. è sana

4. costa meno

5. riduce i rifiuti di plastica

6. non inquina

7. è a Km zero

8. è sempre disponibile.

Perché bere acqua del rubinetto ti permette di risparmiare in modo sostenibile - ispirazione Leroy MerlinPerché bere acqua del rubinetto ti permette di risparmiare in modo sostenibile - ispirazione Leroy Merlin

L'acqua del rubinetto è sana?

Se ti stai chiedendo se l’acqua del rubinetto è sana, la risposta è sì. Bere l’acqua del rubinetto è una buona abitudine che ti permette di risparmiare in modo sostenibile. L’acqua viene ciclicamente sottoposta a rigidi controlli e analisi per verificarne la qualità e quindi la sicurezza sulla salute. Per questo motivo viene sottoposta a trattamenti ulteriori di depurazione e filtraggi per garantire la sicurezza del consumatore. L’acqua potabile del rubinetto deve essere conforme a determinate caratteristiche e parametri chimici, fisici e microbiologici. L’analisi sull’acqua e la sua conformità a determinati parametri e caratteristiche ne garantisce la potabilità.

Ispirazione Leroy MerlinIspirazione Leroy Merlin

Bere l’acqua di casa: una scelta ecologica

Scegliere di non bere l’acqua minerale, vuol dire limitare l’inquinamento della plastica. Da considerare poi anche i costi maggiori per la produzione e lo smaltimento delle bottiglie e l’onere di doverle andare a comprare e trasportare fino a casa. Una ulteriore buona ragione per risparmiare sull’acqua minerale bevendo l’acqua del rubinetto. L'acqua del rubinetto è inoltre sempre disponibile, non c'è il rischio di rimanere senza o di dover pensare alle scorte. Fa risparmiare la fatica (e l'impatto ambientale!) del trasporto, che spesso avviene su gomma ed è quindi molto inquinante.

immagine Shutterstock 1275157246 Di r.classenimmagine Shutterstock 1275157246 Di r.classen

Come purificare l’acqua del rubinetto?

Mantenere un corretto grado di durezza dell’acqua con effetti benefici sulla salute è possibile attraverso dei dispositivi specifici. Si tratta dei depuratori d’acqua, i quali, mediante dei filtri, la purificano da tutte le sostanze nocive che possono essere in essa contenute. I depuratori d’acqua rendono l’acqua sana e quindi depurata dal cloro, dai pulviscoli, dalla ruggine delle tubazioni rendendola inodore, insapore e incolore. Il filtro dell’acqua potabile che viene applicato all’impianto domestico, consente di unire i benefici dell’acqua del rubinetto a quelli dell’acqua in bottiglia. Senza correre rischi per la salute, senza sostenere i costi delle bottiglie ed evitando di contribuire all’inquinamento del pianeta.

Sistema filtrazione acqua GROHE Blue Pure Minta in carboni attiviSistema filtrazione acqua GROHE Blue Pure Minta in carboni attivi

Ti ho convinto a bere acqua del rubinetto? Se hai trovato interessante l’articolo leggi anche Come scegliere i depuratori d’acqua e per qualsiasi dubbio o curiosità scrivi alla Community, saremo felici di rispondere alle tue domande! Cerchi altri buoni motivi?Leggi anche l’articolo Depuratore d’acqua: 5 motivi per installarlo.

Federica_Cornalba
Architetto e paesaggista
27/01/21-08:55 (modificato)

Con un mix di esotismo, tradizione ed emozione, Casa Azul - la dimora dell’artista messicana Frida Kahlo – continua a ispirare designer e architetti di tutto il mondo: i colori vistosi accostati con audacia, i rassicuranti arredi in legno, i vasi in cotto e le tante ceramiche appese ai muri sono tra gli elementi che rendono assolutamente unici sia l’abitazione che il giardino, dove sono state create molte opere ormai diventate autentici capolavori. La casa natale di Frida era infatti diventata il rifugio dalle tante difficoltà della sua vita e lì, ispirata dall'atmosfera unica degli ambienti domestici, ha espresso tutta se stessa attraverso ritratti intensi e coloratissimi. Perché non provare allora a fare come Frida e trasformare i nostri spazi all’aperto in luoghi rassicuranti dove trovare serenità e - magari - scoprire la vena creativa che c'è in noi? Se vi lascerete ispirare…potrete creare coloratissimi e incantevoli angoli di paradiso!

Idee per craere un giardino ispirato a Frida Kahlo – Leroy Merlin

Via libera ai colori accesi

Rosso, giallo, blu, verde, rosa…nel giardino in stile Frida non ci sono limiti alle scelte e agli accostamenti: la girandola di colori sgargianti delle super pratiche sedie pieghevoli e le tinte avvolgenti con cui potrete dipingere pareti e angoli dei vostri spazi en plein air renderanno l’atmosfera variopinta e sempre festosa. Se poi inviterete un sacco di amici per giornate all'insegna del divertimento, l'effetto Mexico sarà ancora più intenso: con un grande barbecue a carbonella e una pergola per riparasi dal sole, le grigliate estive si trasformeranno in festaggiamenti degni della più autentica tradizione messicana con tanto buon cibo, allegria e musica travolgenti. Posso darvi un suggerimento da architetto? Abbinate tra loro adue colori complementari - giallo e viola, per esempio - e l’effetto sarà ancora più caleidoscopico!

Colori esuberanti e accostamenti azzardati per il giardino in stile Frida –Leroy Merlin

Il tocco rassicurante della terracotta

Per equilibrare la vivacità dei colori e aggiungere il tocco della tradizione, possiamo introdurre dei vasi di terracotta in cui mettere a dimora le piante tropicali, grasse e succulente tipiche degli straordinari paesaggi centroamericani. Importante è differenziare forme e dimensioni così da ottenere esuberanti composizioni dove sarà la vegetazione a essere protagonista: le capienti fioriere rettangolari serviranno per le piante più rigogliose dall'aspetto selvaggio, mentre ciotole e vasi a campana accoglieranno l'affascinante vegetazione desertica che dà il tocco architettonico. Per creare l'ambientazione perfetta del nostro angolo verde, possiamo poi definire lo spazio con un parterre di lapillo vulcanico e scegliere se tinteggiare la parete di fondo con i colori di Casa Azul oppure in nuance con le sfumature della terracotta. L'idea in più? Aggiungiamo a qualcuno dei vasi una ghirlanda di lucine led alimentata a batteria...e ammiriamo la bellezza del nostro piccolo paesaggio messicano anche di sera!

Vasi in cotto, piante grasse e succulente per un giardino in stile messicano – Leroy Merlin

Il calore dei materiali naturali

Come a Casa Azul, gli arredi in legno non possono mancare nemmeno nei nostri spazi outdoor. Molti di quelli presenti nella dimora di Frida sono stati dipinti da lei con i suoi colori preferiti: lo possiamo fare anche noi, se vogliamo personalizzarli e siamo dei creativi! Se invece non abbiamo proprio voglia di osare con smalti e vernici, affidiamoci agli elementi decorativi: prendiamo per esempio una semplicissima poltroncina-sdraio in legno con telo rosso (tanto per cominciare con il colore!) e aggiungiamo accessori cromaticamente contrastanti. Come vi dicevo prima, scegliere il colore complementare aiuta ad aumentare la vivavità dell'insieme, quindi potremmo pensare a cuscini verdi in lino e cotone che sono tessuti freschi - adatti per la stagione estiva - e aggiungere un futon da pavimento giallo, come elemento d'eccezione. Con una lanterna solare a listelli effetto rattan completeremo il nostro bellissimo angolo relax che sarà in perfetto stile Messico e molto eco-friendly!

Angolo relax in stile Messico con arredi in legno e tessuti coloratissimi – Leroy Merlin

Spazio alla decorazione creativa

Le pareti sono spazi ideali se vogliamo dare via libera alla nostra fantasia: Frida lo faceva decorandole con ceramiche e sue creazioni! Perchè allora non azzardiamo anche noi portando in giardino gli oggetti che di solito utilizziamo all'interno di casa? Se non abbiamo una parete, la possiamo creare con un'arella a mezza canna di bambù, oppure con un pannello frangivento in legno che potremmo dipingere di blu, come i muri esterni di Casa Azul. Per le decorazioni, non c'è limite alla fantasia: pensiamo per esempio a uno specchio tondo con cornice in fibre naturali che ricorda il sole, oppure a cornici colorate in cui inserire - per dare un tocco originale e creativo - delle piastrelle smaltate come se fossero i soggetti di bellissimi quadri. La parete in stile Frida potrebbe anche essere l'idea in più per rallegrare le feste con gli amici, diventando il supporto per le foto scattate durante gli anni. In fondo, se qualche volta dovesse piovere, basterà un minuto per ritirare tutto...ma solo in attesa della successiva decorazione creativa!

Decorazioni originali per le pareti di giardini e terrazzi – Leroy Merlin

Cosa ne pensi del caleidoscopico stile Frida per il tuo giardino? Condividi le tue idee con noi qui nei commenti e se hai qualche domanda particolare, sarò ben felice di aiutarti.

EnricaCuccarese
Community Lover ❤️
27/01/21-08:00 (modificato il 03/08/23-16:20)

Oggi, in quasi tutte le abitazioni c’è uno spreco di acqua non indifferente. Ciò a conseguenze negative sull’ambiente e sulle tue bollette domestiche. Scopri con la Community come e perché risparmiare acqua in casa. Oggi, grazie ai rubinetti a basso consumo idrico è molto semplice! Inoltre risparmi in bolletta e riduci gli sprechi.

Miscelatore Grohe - Ispirazioni Leroy Merlin Miscelatore Grohe - Ispirazioni Leroy Merlin

Come e perché risparmiare acqua in casa

Se nella tua abitazione il risparmio idrico è inesistente, lo spreco energetico elevato e consumi sono alle stelle, scopri come e perché risparmiare acqua in casa. Questa è un’esigenza di primaria importanza, innanzitutto per la tutela ambientale, ma anche la riduzione dei costi in bolletta, per questo imparare a risparmiare acqua in modo corretto diventa fondamentale. Oggi puoi farlo in modo automatico installando gli innovativi rubinetti a risparmio idrico ed energetico.

Miscelatore Grohe - Ispirazioni Leroy Merlin Miscelatore Grohe - Ispirazioni Leroy Merlin

I rubinetti a risparmio idrico e energetico

I rubinetti a risparmio idrico sono i nuovi prodotti sostenibili per il bagno e la cucina. Questi sono dotati di innovative tecnologie che permettono di limitare i consumi dell’acqua e ti consentono di risparmiare. In particolare, il risparmio idrico è determinato dalla presenza di due dispositivi: le cartucce con il limitatore di portata dell’acqua in uscita e i regolatori di temperatura dell’acqua.

Miscelatore Grohe - Ispirazioni Leroy Merlin Miscelatore Grohe - Ispirazioni Leroy Merlin

Perché scegliere i miscelatori Grohe

Acquistare i miscelatori Grohe significa dotarsi di rubinetti smart caratterizzati da tecnologie ideate appositamente per ridurre il consumo di acqua potabile e di energia. Infatti, i miscelatori Grohe sono dotati di alcune caratteristiche che li rendono unici nel loro genere. Questi sono caratterizzati da una cartuccia a dischi ceramici da 35mm e un limitatore di temperatura a portata. Quest’ultimo è già incluso in alcuni miscelatori, mentre, in altri, si trasforma in un vero e proprio accessorio da attivare separatamente. Il Miscelatore GROHE Swift per esempio, è indicato per lavelli sottopensile e sottofinestra e permette di riempire una pentola da 4 litri in 30 secondi.

Miscelatore Grohe - Ispirazioni Leroy Merlin Miscelatore Grohe - Ispirazioni Leroy Merlin

Hai trovato interessante l’articolo? Scopri tutte le Idee e i prodotti per rendere il tuo bagno più sostenibile. Non esitare a scriverci! Risponderemo alle tue domande.

elisabetta.garoni
Architetto
25/01/21-10:47 (modificato)

Esiste un modo per rendere più luminoso un bagno piccolo? Qual è il trucco per farlo sembrare più ampio? Come illuminarlo in maniera corretta? Ecco la risposta: colori chiari, finiture lucide e illuminazione ben studiata. Facile no?

Toni chiari e trasparenza: la scelta migliore per piccoli spazi - Leroy Merlin

Luce naturale e un tocco di verde

Sfrutta al massimo la luce naturale per illuminare il piccolo bagno della mansarda, come questo in stile Boho. Le finestre a tetto hanno il vantaggio di lasciar filtrare più a lungo i raggi solari, grazie alla loro posizione zenitale. La luce inoltre avrà raramente bisogno di essere schermata da una tenda e inonderà in qualsiasi ora del giorno la stanza facendola sembrare più ampia. In questo progetto la piastrella bianca è abbinata al mosaico Fiore Bianco dal decoro semplice ma speciale!

Una grande finestra a tetto illumina e permette il ricambio d’aria - Leroy Merlin

Come scegliere i rivestimenti per un bagno poco luminoso

Per rendere più luminoso un bagno piccolo e buio c'è un solo segreto. Ne abbiamo già parlato: il bianco, tinta luminosa per eccellenza, dà l’illusione ottica di far sembrare più ampia una stanza. Via dunque a tutte le sfumature candide, dal ghiaccio all’avorio e se la finitura è lucida, la riflessione potenzierà e amplificherà la luce esistente. Sono sicura che sarà facile scegliere tra le proposte che spaziano dalla classica piastrella rettangolare diamantata agli effetti 3D. Tutte nei toni del bianco.

Rivestimenti bianchi, lucidi, 3D - Leroy Merlin

Come illuminare un bagno piccolo

Ed ora parliamo di luce, preziosa per farci iniziare bene la giornata! Nel caso di un bagno piccolo sono sufficienti due fonti luminose. La prima è data da una sospensione o una plafoniera al centro della stanza oppure da una applique che, con la loro luce diffusa illuminino in modo omogeneo e senza abbagliamenti l’intera stanza.

Ispirazione per la scelta della sospensione in bagno - Leroy Merlin

Come illuminare lo specchio del bagno

La seconda fonte luminosa, più tecnica, è quella in prossimità dello specchio che ci consente di truccarci o raderci senza errori. La lampada ideale è quella che illumina in maniera diretta il nostro viso da più parti e senza creare ombre. Sono perfette le barre con faretti orientabili.

Soluzioni per l’illuminazione diretta - Leroy Merlin

Faretti anche nella doccia

A proposito di faretti: hai mai pensato di montarne uno anche all’interno del box doccia? Tra i faretti incasso per il bagno devi selezionare un prodotto specifico che resista ai getti d’acqua e a situazioni di grande umidità. Questi speciali modelli si possono usare sia a parete che a soffitto per momenti di relax e benessere totale, anche a livello luminoso.

Illuminazione scenografica nella doccia - Leroy Merlin

Accessori in legno e tessile naturale per il bagno

Infine, un dettaglio da non sottovalutare nell’arredamento di un piccolo bagno sono gli accessori. Punta su legni chiari che scaldano l’ambiente senza appesantirlo e completa con tessile nei toni delle fibre naturali o in tinte pastello.

Ispirazione per tessile e accessori per bagni piccoli - Leroy Merlin

Hai anche tu un bagno piccolo? Hai trovato qualche idea e accorgimento per farlo sembrare più ampio e luminoso? Raccontaci come hai fatto nei commenti e sarai fonte di ispirazione per tutti noi della Community.