Community

Home / Magazine della casa

Magazine della casa

Vivi la tua passione per la casa e il giardino, scopri le ultime tendenze di stile e trova nuovi spunti per i tuoi progetti con gli articoli della nostra redazione.
Tutti gli articoli
I miei articoli
Creare un articolo
Tutto Bagno e arredo bagnoGiardino e TerrazzoDecorazione e IlluminazionePavimenti e rivestimentiVerniciCucinaOrdine e sistemazioneFalegnameria ed EdiliziaUtensileria e FerramentaFinestre, porte e scaleElettricità, automazioni e Smart HomeClimatizzatori, stufe e idraulicaNataleEventi e iniziative community
ValeriaBonatti
Architetto
15/01/24-16:26 (modificato il 16/01/24-10:57)

Con l’anno nuovo è arrivata anche la voglia di cambiare qualcosa in casa? Partiamo allora dalla cucina ed esploriamo i suggerimenti più trendy del 2024. Questo nuovo anno ci riconferma alcune tendenze che hanno fatto capolino già in quello passato, ma porta anche nuove idee, nuovi modi di utilizzare lo spazio, nuovi colori, materiali e tecnologie. Un passo per volta, ecco cosa puoi cambiare in cucina per una ventata di novità e per sentirti sempre al passo con la moda.

Quella del 2024 è una cucina perfettamente integrata col living – Leroy Merlin

Cucina e soggiorno dello stesso sapore

Chi vuole chiudersi in cucina alzi la mano! Nessuno immagino. Oggi la cucina è aperta sul soggiorno, le attività si mescolano, si prepara da mangiare sperimentando nuove ricette e intanto si chiacchiera, si tengono d’occhio i bimbi, si beve un bicchiere in compagnia o si segue una video-call. E cosa porta questo cambio di abitudini nel modo di arredare la zona giorno? I mobili si mischiano e assolvono a più funzioni assieme. Il bancone della cucina, quasi sempre a isola, diventa anche consolle per lavorare o tavolo per la colazione stile bar. I piani, a volte motorizzati, si sovrappongono, si alzano e abbassano, scorrono per svelare gli elettrodomestici solo quando servono. I pensili lasciano spazio a librerie o a eleganti vetrine illuminate che troviamo anche in soggiorno, l’isola trasforma il lato verso il living in un mobile che accoglie libri, oggetti o suppellettili. La cappa scompare nel soffitto. L’ambiente si uniforma e quasi non si distinguono più i due spazi che diventano entrambi eleganti e funzionali allo stesso modo.

Tra cucina e soggiorno gli elementi si fondono – Leroy Merlin

I colori della cucina 2024

I colori che non passano mai di moda, adatti soprattutto agli open space, sono quelli neutri, negli intramontabili bianco e nero, ma ancora di più in tonalità calde e avvolgenti, come le sfumature del marrone, e in quelle moderne dei toni di grigio. Sono colori che, in cucina, fanno da ‘base’ ai materiali di piani lavoro e rivestimenti che diventano sempre più i protagonisti di questi ambienti. Le venature del marmo, la lucentezza del metallo, il calore del legno sono messi in grande risalto nella cucina del 2024, che non assolve più solo ad esigenze funzionali, ma acquista una sua volontà di eleganza, dialogando direttamente con la zona giorno della casa. Niente colore quindi? Tutt’altro, al colore non si rinuncia mai. Questo nuovo anno, ad esempio è l’anno del verde, nella sue sfumatura più neutra del verde salvia, fino a quella più profonda del verde petrolio. Ma è anche l’anno del Peach Fuzz, colore Pantone 2024, perfetto per la delicatezza della cucina, e di tutte le sue varianti cromatiche calde e terrose, che esaltano al massimo i materiali, che ora vediamo insieme.

Cucina 2024 a tutto colore, con le sfumature del verde – Leroy Merlin

I materiali più in voga in cucina

La cucina di quest’anno abbandona il minimalismo purista per esprimere la sua eleganza con materiali più ricchi ed espressivi. Il marmo, con le sue venature e sfumature inimitabili e che rendono ogni piano e ogni dettaglio un pezzo unico, irrompe nella cucina per darle un aspetto tutto nuovo. Allo stesso modo i rivestimenti con finitura in metallo portano bagliori e riflessi che danno alla cucina una luce diversa e un aspetto curato e moderno, ma mai freddo. Anche il legno, materiale che non può mancare in cucina, si arricchisce di nuove forme e nuove vesti, come ad esempio il cannucciato o i listelli per avere sempre quel qualcosa in più. Ovviamente, accanto a marmo, metallo e legno, che sono materiali piuttosto costosi, rimangono tutti i piani e rivestimenti in materiali, come il laminato HPL (cioè ad alta pressione) o il corian, che ne riproducono gli effetti cromatici ed estetici, aggiungendo grande praticità e resistenza. Via libera quindi alla libertà espressiva!

Materiali unici, vistosi, eleganti – Leroy Merlin

Cucina dinamica e tecnologica

Questa cucina 2024 è sempre più vissuta liberamente, ma, come abbiamo visto, tende a mantenere per contro una sua compostezza ed eleganza. Questo perché, essendo spesso aperta sul soggiorno, non può permettersi di mostrare il disordine del cucinare, né di riempire la casa dei suoi odori. Ecco allora isole opportunamente studiate per filtrare la vista al soggiorno, piani che si spostano per coprire i fuochi o il lavello e trasformarsi in un attimo in scrivanie per lavorare o tavolo per prendere un aperitivo. A vista rimangono solo elementi di arredo che rubano l’eleganza al soggiorno, come le vetrine illuminate o l’angolo bar, e dal soffitto pendono solo lampadari importanti che non solo illuminano perfettamente il bancone, ma catturano lo sguardo e dialogano con gli altri punti luce. La cappa si è ritirata a soffitto o all’interno del mobile, pronta a fare capolino e a entrare in funzione solo quando serve o ad assumere anch’essa vesti molto eleganti. E in cucina? Il massimo dell’aiuto tecnologico, tra assistenti ed elettrodomestici dall’estetica rétro, ma all’avanguardia, per seguire e realizzare tutte le ricette che vorrai.

L’arredo a vista si integra con lo stile e l’eleganza del soggiorno – Leroy Merlin

Quindi quali stili per la cucina 2024?

Come si traducono queste tendenze negli stili per la cucina di quest’anno? Viste le premesse ci si aspetterebbe un certo rigore, soprattutto cromatico. In realtà la parola d’ordine è personalizzazione, per cui i colori e i materiali sono utilizzati in modo libero, mischiando anche gli stili, sempre per ottenere un effetto ordinato ed elegante, ma molto caldo e accogliente. Bando alle cucine asettiche e da rivista, sì all’accuratezza del dettaglio, accanto alla praticità. Quali stili dunque? Dall’Industrial con i suoi toni neutri, al Nature con legno e verdi anche accesi o profondi; dal classico bianco al nero, arricchito dai disegni del marmo e modernizzato dagli elementi metallici e tecnologici. Non manca poi il colore portato come protagonista in cucine Pop, dove elettrodomestici dalle forme anni ’50 rubano la scena. La disposizione della cucina infine, con un bancone che fa da filtro verso il soggiorno, si presta particolarmente allo stile Coffee, dove non manca uno spazio messo in evidenza per una piccola pausa, leggera ed evocativa. Ma alla fine di tutto, ricorda: nella tua cucina deve esserci sempre il tuo tocco personale!

Stile Coffee, nella cucina di quest’anno – Leroy Merlin

Anche senza rifare completamente la stanza, da queste indicazioni puoi attingere suggerimenti utili per portare una ventata di nuovo e di tendenza nella tua cucina e godertela appieno per tutto l’anno. Vuoi altre idee sui colori 2024? Leggi l’articolo di Carlotta su tendenze e abbinamenti di quest’anno.

Federica_Cornalba
Architetto e paesaggista
14/01/24-08:21 (modificato il 14/01/24-10:02)

Capita molte volte che di fronte a un giardino di piccole dimensioni ci si lasci scoraggiare, pensando sia impossibile trasformarlo nello spazio outdoor super-attrezzato che tanto desideriamo. In effetti, al primo impatto, una superficie esigua può sembrare un ostacolo, ma se non ci fermiamo alle apparenze, scopriremo ben presto che - in realtà - si tratta di un’occasione imperdibile per trovare soluzioni originali, belle e soprattutto molto funzionali: le limitazioni che si incontrano quando si progetta sono infatti quanto di più stimolante ci possa essere per aguzzare l’ingegno e liberare la creatività. Scopriamo quindi insieme quali sono i trucchi fondamentali per moltiplicare la superficie del nostro piccolo giardino e prepariamoci a trasformarlo nello spazio bellissimo e full-optional che desideriamo da sempre.
Ispirazioni moltiplicare lo spazio in un giardino piccolo - Leroy Merlin

Realizzare spazi di servizio supplementari

Per avere tante comodità, in casa come in giardino, dobbiamo considerare anche il rovescio della medaglia, ovvero fare più fatica per tenere in ordine i tanti utensili o complementi che ci consentono di ottenere il massimo livello di comfort. Se però in casa abbiamo armadi o addirittura locali dedicati, in giardino - specialmente quando è piccolo - dobbiamo trovare delle soluzioni alternative che uniscano l’utile al dilettevole, ottimizzando così lo spazio a disposizione. Possiamo quindi realizzare un deck rialzato (utilissima è la guida alla posa di un pavimento in legno per esterno su travetti) e sfruttare la differenza di quota per creare un comodo ripostiglio dove ritirare, per esempio, i futon da pavimento tra un party e l’altro oppure - idea super funzionale - collocare la stazione di carica del robot tagliaerba. Non dimentichiamo poi che possiamo utilizzare anche la superficie del nostro deck dove io creerei un bellissimo solarium con un paio di sedie a sdraio pieghevoli da ritirare, all’occorrenza, nel geniale ripostiglio sottostante. In ogni caso, qualunque sia la nostra esigenza, in un giardino piccolo avere a disposizione uno spazio di servizio supplementare è sempre utilissimo e realizzarlo in modo creativo non fa che aggiungere originalità all’intera area outdoor.
Idee per realizzare un ripostiglio nascosto sotto il deck in legno - Leroy Merlin

Organizzare le zone funzionali su più livelli

Altra soluzione geniale per moltiplicare lo spazio di un giardino piccolo è organizzare le sue aree funzionali su più livelli. In questo modo, oltre a definire visivamente l’assetto compositivo della nostra area verde, riusciremo a creare delle partizioni verticali da sfruttare poi per tutti quegli elementi che necessitano di uno schienale. Pensiamo, per esempio, alla possibilità di realizzare una vera e propria cucina da esterno in muratura con barbecue fisso, piano cottura a gas e lavello integrato appoggiandola al setto murario che delimita l’area pranzo, collocata al livello superiore: comodità a parte, le due zone funzionali avranno così una caratterizzazione estetica del tutto inedita e di grande impatto percettivo. Sfruttando la differenza di quota, avremo anche la possibilità di creare lo spazio per il comodo salottino da giardino e ricavare una meno convenzionale area relax trasformando i gradini - necessari per il collegamento verticale tra i due livelli - in comode sedute da completare con soffici cuscini decorativi scelti in base allo stile che più ci piace. Se ci sembra un progetto troppo ambizioso, fermiamoci solo un attimo a valutare pro e contro: ci accorgeremo subito che i vantaggi estetici e funzionali superano di gran lunga gli sforzi da fare per raddoppiare lo spazio del nostro piccolo giardino!
Come organizzare le aree funzionali su più livelli in un giardino piccolo - Leroy Merlin

Inventare nuove occasioni visive

Quando ci troviamo di fronte a uno spazio piccolo, una delle astuzie progettuali più efficaci per ampliarne la percezione è inventare nuove occasioni visive: creando dei punti di attrazione, lo sguardo è infatti portato a percepire l’ambiente da prospettive diverse che ne moltiplicano così l’effettiva consistenza spaziale. In un piccolo giardino possiamo iniziare sfruttando il perimetro come supporto cui appendere originali orti pensili, da realizzare con fioriere verticali in feltro e riempire di profumatissime aromatiche o scenografiche piante ricadenti. Una volta impostati i punti di attrazione perimetrali, possiamo occuparci delle aree funzionali dove il principio dello sviluppo su quote diverse è sempre un ottimo punto di partenza. Per rendere la visione ancora più dinamica, aggiungiamo qualche elemento verticale: in questo caso, una pergola in legno con frangivista laterali ci consentirà di ottenere l’effetto desiderato con alcuni ulteriori vantaggi. Dal punto di vista funzionale avremo una zona ombreggiata dove creare l’area relax o la zona pranzo, mentre da quello percettivo i pannelli grigliati offriranno interessanti giochi di luce e un divertente effetto "vedo-non vedo" che rende più intrigante la scoperta dello spazio. Non dimentichiamo poi gli utilissimi e inaspettati vani di servizio supplementari che sorprenderanno lo sguardo aprendosi all'improvviso!
Ispirazioni per moltiplicare lo spazio di un giardino piccolo inventando nuove occasioni visive - Leroy Merlin

Creare prospettive fluide se il giardino è lungo e stretto

Altro suggerimento per ampliare la percezione in un giardino piccolo (specialmente se è lungo e stretto) è creare, attraverso la successione armoniosa delle diverse aree funzionali, una prospettiva fluida che accompagni lo sguardo fino alla porzione terminale dello spazio dove ci sarà l’elemento più scenografico del nostro giardino. Pensiamo, per esempio, a un deck di legno con piscina idromassaggio incassata, area solarium incorniciata da lussureggianti piante e faretti da pavimento che creano atmosfera quando fa buio: se questa è la quinta scenografica, per raggiungerla facciamo in modo di attraversare prima l’area pranzo e poi l’accogliente salottino da giardino in tonalità neutra disposto in continuità visiva sia con il tavolo, sia con la zona in cui abbiamo creato il nostro angolo di puro benessere. Basterebbe questo per ampliare la percezione dello spazio, ma se vogliamo fare un lavoro a regola d’arte, scegliamo colori e materiali con attenzione, seguendo i principi di alternanza e continuità. Un’idea? Richiamiamo il deck con un tavolo da pranzo in legno che, per essere adeguatamente valorizzato, sarà da appoggiare su una pavimentazione a contrasto in piastrelle nere di grès porcellanato effetto marmo. Io poi utilizzerei lo stesso pavimento anche per l’area relax cui affiderei il compito di “ponte cromatico” scegliendo cuscini decorativi sulle tonalità del nero e del grigio abbinati ad altri guanciali con i colori caldi del legno. In questo modo, il piccolo spazio del giardino lungo e stretto apparirà non solo molto più ampio, ma anche di grande charme.
Idee per ampliare lo spazio in un piccolo giardino lungo e stretto - Leroy Merlin

Hai trovato la soluzione giusta per moltiplicare lo spazio del tuo piccolo giardino? Scrivilo qui nei commenti e condividi le tue idee con noi! Se poi hai bisogno di qualche consiglio personalizzato, sono a disposizione per darti una mano e soddisfare ogni tua esigenza!

Barbara _PI
Esploratore 🔍
12/01/24-11:14 (modificato il 12/01/24-11:17)

L'efficienza energetica è una priorità assoluta per tutti i settori e, come sappiamo, è necessario attuare le misure che consentano di migliorare la situazione attuale. Sono quindi stati definiti dei requisiti minimi che gli Stati dell’Unione Europea devono raggiungere per consentire il compimento del percorso di transizione ecologica. Scopri come la Direttiva Europea sulla Classe Energetica Immobili sta cambiando il futuro delle abitazioni e vediamo insieme come possiamo fare la nostra parte. Tutti noi possiamo essere protagonisti del cambiamento che l’ambiente ci chiede. Leggi la guida completa.
Casa efficiente – Leroy Merlin

Obiettivi della Direttiva Europea

Premesso che i singoli Stati possono prevedere misure più rigorose e che in gennaio 2024 il testo originario potrebbe subire qualche variazione, tra gli obiettivi della Direttiva vi è una riduzione collettiva delle emissioni da parte di tutti gli Stati Membri. Per fare questo la Direttiva fornisce un quadro comune di misure per promuovere l’efficientamento energetico al fine di conseguire gli obbiettivi. L'obiettivo di risparmio energetico annuale per il consumo di energia finale aumenterà gradualmente dal 2024 al 2035 fino ad arrivare ad avere il settore edilizio climaticamente neutro entro il 2050.
Ecco, in breve, cosa prevede la Direttiva UE relativa alle case green:
-Tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere a zero emissioni a partire dal 2030
-Gli edifici residenziali e pubblici dovranno ridurre del 16% il loro consumo energetico medio entro il 2030
-Entro il 2035 la riduzione per gli immobili residenziali dovrà raggiungere il 22%, mentre quelli pubblici dovrà raggiungere il 26% entro il 2033
-progressivo abbandono delle caldaie a gas
È importante sottolineare che si tratta di misure comuni perché il problema dell’efficienza energetica è un problema globale e tutti gli Stati dovranno essere protagonisti di queste innovazioni.
L’importanza dell’efficientamento energetico – Leroy Merlin

Situazione in Italia

Abbiamo visto la situazione europea, ma per l’Italia cosa significa? Ricordiamo che attualmente in Italia le classi energetiche degli immobili sono 10, indicate con lettere dell’alfabeto A4, A3, A2, A1, B, C, D, E, F, G. Le classi rappresentano l’intervallo di consumo energetico: la classe energetica A4 è la più performante, la classe energetica G è la meno efficiente.
È importante sapere che l’Italia ha un patrimonio edilizio composto da edifici datati e abitazioni che attualmente in buona parte rientrano in classe energetica E,F,G la cui efficienza energetica è scarsa; è quindi necessaria la previsione di numerosi interventi di riqualificazione energetica per raggiungere gli obiettivi richiesti.
La Direttiva prevede inoltre alcune esclusioni che non saranno obbligati ad effettuare interventi che sono: luoghi di culto, seconde case utilizzate per meno di quattro mesi all’anno, edifici autonomi con superficie inferiore a 50 mq, edifici tutelati e monumenti, edifici temporanei.
Tieni inoltre presente che probabilmente i fabbricati meno performanti perderanno sempre più valore se non adeguatamente ristrutturati. L’edilizia sostenibile è lo strumento da utilizzare per affrontare questi cambiamenti: le nostre scelte responsabili aiuteranno a creare un mondo sostenibile e a non far perdere di valore i nostri immobili.
Classificazione energetica – Leroy Merlin

Come intervenire sugli edifici esistenti?

Aumentare l’efficienza energetica e la sostenibilità della tua casa è un’azione da cui tutti possiamo trarre vantaggio: vantaggi della comunità e dell’ambiente ma anche vantaggi del privato in termini di risparmio, comfort, benessere e rivalutazione del valore della propria casa. Non sottovalutare questi aspetti quando ti attingi ad effettuare lavori sulla tua casa.
Sono molteplici gli ambiti in cui puoi operare per rendere la tua casa più efficiente, vediamone alcuni:
-isolamento termico
-sostituzione serramenti
-protezione solare utilizzando, ad esempio, le tende da sole
-riduzione dei consumi
-fotovoltaico e energie rinnovabile;
-controllo dei consumi
Non pensare che tutti gli interventi siano troppo impegnativi economicamente; ognuno può fare la sua parte con i mezzi che ha. Se vuoi approfondire l’argomento, puoi valutare il progetto casa efficiente e fare una simulazione rapida per migliorare l’efficientamento di casa tua!
Migliorare l’efficienza energetica della casa – Leroy Merlin

Come vedi, è il momento di pensare, ognuno con le proprie possibilità, agli interventi da realizzare per migliorare le nostre casa. Ecco i 7 buoni propositi per rendere la casa più Green nel 2024; ora è il momento di agire! Fammi sapere come hai deciso di intervenire a casa tua e se hai bisogno di qualche consiglio in più!

elisabetta.garoni
Architetto
09/01/24-16:34 (modificato il 09/01/24-16:38)

Con l’inizio dell’anno il Governo decide quali agevolazioni fiscali verranno confermate e quali messe messe in campo a sostegno dei consumatori. Parliamo qui del Bonus Caldaia che rientra nelle iniziative che promuovono e incentivano l’efficienza energetica e l’utilizzo di tecnologie sostenibili nelle nostre case. Se la tua caldaia è ormai antiquata, non perdere l’occasione per sostituirla e approfitta delle detrazioni fiscali che questo Bonus offre. Dire addio alla vecchia e datata caldaia conviene anche nel 2024. Approfittane: nel 2025 le caldaie autonome non saranno più coperte da incentivi. Vediamo insieme come funziona.

Addio a modelli obsoleti: approfitta del Bonus Caldaia - Leroy Merlin

Cos’è il Bonus Caldaia?

Il “bonus caldaia” può essere richiesto solo se associato a Bonus Ristrutturazione, Ecobonus o Superbonus, strumenti che saranno attivi anche nel 2024 con delle variazioni rispetto agli anni precedenti. Le aliquote agevolate sono del 50% per la l’installazione di una nuova caldaia a condensazione di classe energetica A o superiore, comprese le spese di manodopera per smontaggio e montaggio della macchina. L’agevolazione sale al 65% nel caso in cui, oltre alla sostituzione della caldaia, vengono installati anche sistemi di termoregolazione evoluti ed efficienti. L’agevolazione consiste in una detrazione dall’IRPEF ripartita in 10 quote annuali.

Le caldaie a condensazione rispettano l’ambiente e ti fanno risparmiare - Leroy Merlin

Vivo in una casa in affitto: ho diritto al Bonus?

Il bonus caldaia è destinato sia ai proprietari dell’immobile, sia agli inquilini in affitto, senza limitazioni in base all’ISEE di chi richiede il bonus. L’unico vincolo risiede nel fatto che deve trattarsi di una sostituzione, cioè l’intervento deve essere fatto su un immobile esistente (non una nuova costruzione) in cui l’impianto di riscaldamento è già presente, anche se non funzionante. Perché una caldaia a condensazione è la scelta giusta? Perché, oltre a farti risparmiare circa il 30% sul consumo di gas, ha un minore impatto sull’ambiente.

Con il Bonus caldaia detrai fino al 65% sui costi - Leroy Merlin

Quali requisiti deve avere la caldaia e come fare i pagamenti?

Come già accennato, l’obiettivo è la sostituzione di macchine obsolete e poco performanti con macchine più efficienti e a basso impatto sull’ambiente. I modelli che rispondono a questi requisiti sono le caldaie e condensazione di classe energetica A o superiore. Come funziona una caldaia a condensazione? In poche parole, i fumi di scarico che un modello tradizionale rilascia nell’aria vengono recuperati e riutilizzati dalla caldaia condensazione per produrre calore per il riscaldamento domestico. Inoltre, rientra nelle agevolazioni anche la sostituzione parziale o integrale di impianti di climatizzazione invernale con impianti muniti di generatori d’aria calda a condensazione e l’acquisto di termovalvole. Tutti i pagamenti devono essere tracciabili (sono esclusi i pagamenti in contanti), ed è necessaria la conservazione della fattura.

Con scelte responsabili anche la tua casa sarà più sostenibile - Leroy Merlin

Il 2024 è l’anno della svolta per dare un contributo alla salvaguardia del nostro pianeta. Ognuno di noi può fare molto, partendo dalle piccole cose. Leggi anche l’articolo di Valeria che ci suggerisce 7 buoni propositi per rendere la casa più green nel 2024 e vivi la tua casa in modo più sostenibile.

Federica_Cornalba
Architetto e paesaggista
03/01/24-20:37 (modificato il 04/01/24-07:15)

Peach Fuzz 13-1023, la scelta cromatica di Pantone Color Institute per il 2024, è un colore - a metà strada tra il rosa e l’arancio - che trasmette un messaggio di condivisione, senso di comunità e collaborazione. A differenza dell’audace Viva Magenta, selezionato lo scorso anno, Peach Fuzz è una tonalità calda e avvolgente che porta a prendersi cura di sé, calmarsi e trovare la pace interiore con un forte impatto sul benessere di ciascuno. Se questa è l’interpretazione ufficiale, io trovo anche molto evidente la sua connessione con la Natura non solo perché ci sono molti fiori e frutti che ne riprendono il cromatismo, ma anche perché è arioso e rilassante…proprio come gli spazi all’aria aperta. Ecco perché penso che quest’anno inserire il colore Pantone 2024 anche nei nostri giardini e terrazzi sia un’occasione imperdibile. Scopriamo insieme quali elementi scegliere e come abbinarli: il risultato non farà che valorizzare la bellezza e aumentare il potere benefico delle piccole o grandi oasi verdi che abbiamo a disposizione!
Ispirazioni per inserire il colore Pantone 2024 nell’allestimento di giardini e terrazzi - Leroy Merlin

Arredi in tonalità Peach Fuzz per creare angoli romantici in giardino

Forse qualcuno storcerà il naso immaginando di avere in giardino degli arredi rosa e in effetti, io stessa non consiglierei mai di impostare un’intera zona living con questo colore. Tuttavia, l’idea di creare un angolino originale e un po’ fuori dagli schemi, magari in forte contrasto con lo stile più convenzionale degli altri arredi, mi attira tantissimo anche perché trovo che questa delicata sfumatura pesca stia davvero bene in mezzo alle tante gradazioni di verde del fogliame. Immaginiamo quindi di uscire la mattina per una tranquilla colazione in giardino e di trovare ad aspettarci il tavolino con sedie rosa di gusto retrò che ricorda le atmosfere di una volta e che, con un tocco di poesia, può aiutarci a iniziare meglio la giornata. Non trovate che sia un’occasione d’oro per sperimentare il potere benefico del rassicurante Peach Fuzz? Io sono certa che funzionerà…a maggior ragione se realizziamo per il nostro angolo di pace una cornice ad hoc pavimentando l’area con dei piastrelloni in legno di acacia marrone scuro che valorizzeranno il carattere vintage del coffee set color Peach Fuzz!
Come creare in giardino un angolo romantico e originale color Peach Fuzz - Leroy Merlin

Complementi e decorazioni in morbido color pesca per valorizzare il giardino

Come ben sappiamo, se bijoux e accessori sono in grado di caratterizzare un outfit, allo stesso modo complementi e decorazioni possono definire l’atmosfera di uno spazio outdoor, grande o piccolo che sia, con pochissima fatica e, spesso, con un budget molto contenuto. Se quindi quest’anno vogliamo “vestire” di Peach Fuzz i nostri giardini o terrazzi, affidiamoci ai cuscini d’arredo e agli** oggetti decorativi** giusti, come vasi e tappeti da esterno. Se abbiamo un piccolo balcone, possiamo scegliere delle mini fioriere rosa da appendere alla ringhiera e qualche futon da pavimento in nuance pesca che ci consentirà di aggiungere delle sedute in più per le serate con gli amici. Se invece abbiamo la fortuna di possedere uno spazio outdoor più ampio, come un giardino o un terrazzo con una vera e propria area living, allora possiamo sbizzarrirci con tanti cuscini da appoggiare su divani e poltroncine: il mio consiglio è alternare dei cuscini con nappine e mini fantasie floreali in tonalità Peach Fuzz con altri rivestiti da un copricuscino in cotone color pesca a tessitura grezza: in questo modo asseconderemo il carattere rassicurante del colore Pantone 2024 e, al tempo stesso, daremo all’intero giardino un’impronta elegante e sofisticata.
Idee per valorizzare il giardino con complementi ed elementi decorativi color Peach Fuzz - Leroy Merlin

Personalizzazioni creative color Peach Fuzz

Gli amanti del fai-da-te, da qualche parte, conservano sicuramente vecchi arredi da riportare a nuova vita e quest’anno, con il colore scelto da Pantone Color Institute, credo proprio sia arrivato il momento di tirarli fuori perché…come afferma la vicepresidente Laurie Pressman “Peach Fuzz 13-1023 rispecchia il passato ma dona un tocco di nuova modernità”. Con queste premesse è quindi “obbligatorio” aprire la capsula del tempo e cercare gli arredi o i complementi più adatti per un relooking a base di smalto spray effetto opaco con il quale si può anche ottenere un bellissimo finish vintage dopo una sapiente levigatura. Se proprio non troviamo l’elemento retrò che ci ispira (o abbiamo già dato fondo alle scorte…), possiamo orientare la nostra creatività verso nuovi acquisti in legno grezzo come una casetta da giardino per i bimbi, che avranno un rifugio accogliente e super originale, o un piccolo capanno per gli attrezzi, utile e…decisamente dilettevole! Il mio consiglio è comunque lavorare su elementi di piccole dimensioni da distribuire poi nelle varie zone del giardino creando così degli accenti visivi molto, molto accattivanti!
Assecondare il carattere di Peach Fuzz 13-1023 personalizzando vecchi arredi e complementi - Leroy Merlin

Spettacolari fioriture in nuance pesca

La sfumatura rosa-arancio di Peach Fuzz è presente in tantissime piante che potremo scegliere per dare ai nostri giardini e terrazzi l’impronta del colore Pantone 2024. Preferire essenze con tempi di fioritura diversi ci aiuterà ad avere un ambiente outdoor sofisticato e contemporaneo in tutte le stagioni: mettendo a dimora i bulbi di giacinto “Gipsy Queen” - per esempio - daremo inizio alla primavera con largo anticipo, mentre con le rose inonderemo di dolcezza e armonia il mese di maggio. Le peonie, poi (anche se per pochissimo tempo), ci regaleranno imperdibili spettacoli floreali all’inizio dell’estate e le festose dalie continueranno a fiorire fino ad autunno inoltrato. Con Peach Fuzz come colore dell’anno, davvero non avremo alcuna difficoltà a valorizzare le proprietà benefiche dei nostri spazi verdi che saranno amplificate dal carattere calmante e protettivo di questa delicata tonalità. Se però non abbiamo a disposizione un’ampio giardino e quindi temiamo di poter contare su poche fioriture, possiamo aumentare la presenza del colore Pantone 2024 scegliendo dei portavasi in tonalità pesca che sicuramente ci permetteranno di ottenere il total look desiderato.
Ispirazioni per scegliere le piante in tonalità pesca che trasformeranno il giardino in un’oasi di benessere - Leroy Merlin

Gli abbinamenti ideali di Peach Fuzz 13-1023 per il giardino

Come sempre Pantone Color Institute propone, insieme al colore dell’anno, anche le palette cromatiche cui ispirarsi per valorizzarlo al meglio. Questa volta sono cinque, molto diverse una dall’altra: ciò vuol dire che Peach Fuzz è un colore versatile con cui potremo giocare in modo creativo anche nei nostri spazi outdoor. Io ho fatto una sintesi tra Libations, la palette per gusti sofisticati e urbani, Peach Plethora che invece presenta una collezione di gradazioni e Hybrid Hues, la combinazione di apparenti dissonanze che però genera equilibrio e armonia. Il risultato è un mix di sfumature verdi, tonalità neutre a base calda che possono arrivare fino al giallo e, naturalmente, gradazioni del color pesca: con questa palette sarà facilissimo abbinare Peach Fuzz, per esempio, a un tavolo in alluminio verde accompagnato da simpatiche panche beige oppure, in modo più audace, a un mini salottino da giardino arancio ramato. La vegetazione e le fioriture aggiungeranno poi un numero infinito di gradazioni che ci aiuterà ad assecondare la natura benefica di Peach Fuzz e, ovviamente, dei nostri giardini!
Come creare la palette cromatica perfetta per inserire Peach Fuzz nei nostri giardini - Leroy Merlin

Sono riuscita a ispirarti? Come pensi di inserire il colore Pantone del 2024 nel tuo giardino? Scrivi qui nei commenti le tue idee e condividile con tutta la Community. Se poi hai bisogno di qualche consiglio personalizzato…io sono qui per aiutarti!

AnnaZorloni
Agronoma
03/01/24-17:21 (modificato il 03/01/24-17:37)

Se sei un’amante delle piante verdi, saprai quante specie e varietà possono essere utilizzate per abbellire la casa tutto l’anno, anche nei mesi più freddi, per non farsi mancare mai quel tocco di verde che migliora l’umore anche nei momenti più freddi. Le piante verdi d’appartamento sono diventate un vero e proprio elemento d’arredo, e la scelta è davvero ampia, da inserire in ogni angolo della casa, in base allo spazio a disposizione e alla luminosità, a proprio piacimento. Vuoi sapere quali piante di tendenza renderanno la tua casa tra le più trendy dell’anno? Scoprile qui sotto!
quale pianta sceglierai per arredare la tua casa alla moda quest’anno? Sceglila tra quelle che ti descrivo… - foto Leroy Merlin quale pianta sceglierai per arredare la tua casa alla moda quest’anno? Sceglila tra quelle che ti descrivo… - foto Leroy Merlin

Quali varietà scegliere per la casa?

Gli amanti delle piante verdi ben sanno quanto alto sia il rischio di trasformare la casa in una giungla! Le piante da interno sono come una droga: ne vorresti sempre di più, e di più grandi, perché un posto lo si trova sempre anche se la casa è piccola! E allora, quali piante scegliere, quest’anno, da aggiungere alla raccolta? Resistono le splendide e gettonatissime Monstera, Marantha e altre varietà dalle foglie ampie, verdi o anche colorate… vedi le “piante da interno di tendenza nel 2023”, alle quali possiamo aggiungere alcune varietà che quest’anno sicuramente piaceranno molto, per i loro tratti distintivi e per la loro facilità di coltivazione.
Trasforma la tua casa in un'oasi verde con le piante di moda! - foto Leroy Merlin Trasforma la tua casa in un'oasi verde con le piante di moda! - foto Leroy Merlin

11 piante che non devi farti mancare

…scegline almeno una se vuoi avere una casa alla moda! Sarà la protagonista della tua casa nel 2024, e farà una gran bella figura con le sue foglie appariscenti… perché si tratta, in ogni caso, di piante uniche per la bellezza del fogliame, per lo più appariscente sia per forma che per dimensioni e tonalità di colore, con sfumature o screziature bellissime! Vanno sempre di moda le piante maestose, dalle foglie importanti, che possano arredare con personalità la casa. Molte di loro sono nuove selezioni che sono state create dai vivaisti; nuove varietà sempre più belle e contraddistinte da caratteri forti e unici, che le rendono uniche. Scegli quella che più ti piace per abbellire la tua casa. Ecco le 11 piante che ti consiglio quest'anno:

Aglaonema commutatum ‘Silver Queen’

Un ciuffo vaporoso di foglie morbide ed eleganti, l’Aglaonema, oltre ad essere una pianta molto facile da curare e tenere in casa, anche con poca luce, si presta molto bene come elemento d’arredo, riempiendo angoli spogli con le sue foglie verdi, marezzate d’argento… ecco perché viene chiamata ‘Silver Queen’, la regina argentata! Mantieni sempre belle pulite e fresche le foglie utilizzando un prodotto lucidante fogliare.
Aglaonema commutatum ‘Silver Queen’, la ‘regina argentea’ – foto Leroy Merlin Aglaonema commutatum ‘Silver Queen’, la ‘regina argentea’ – foto Leroy Merlin

Alocasia cuprea ‘Red Secret’

Appena l’ho vista, ho creduto fosse una pianta finta, tanta è la perfezione delle sue foglie, lucide e vivaci, di un colore metallico che dal verde si sposta verso il rosso-bronzeo, simile al rame, come ricorda il nome di questa specie, ‘cuprea’, ovvero ‘ramacea’. Le specie e varietà comprese nel genere Alocasia sono tante e tutte estremamente decorative, grazie all’aspetto delle loro foglie: utilizza un coprivaso semplice e lineare, possibilmente bianco, per metterne ancor più in risalto la bellezza!
Metalliche foglie di Alocasia cuprea ‘Red Secret’ – foto Free Pik Metalliche foglie di Alocasia cuprea ‘Red Secret’ – foto Free Pik

Alocasia ‘Jacklin’

Un’altra bellissima pianta compresa nel genere Alocasia, la ‘Jacklin’, si caratterizza per la forma dinamica delle sue foglie appuntite, triangolari con i margini molto incisi e irregolari. Pare un’opera d’arte, da esporre in casa al pari di una scultura moderna, regolare e geometrica. Un vaso dalle linee essenziali metterà in risalto le forme di questa bellissima pianta.
Le forme suadenti delle foglie di Alocasia ‘Jacklin’ piacciono! – foto The Spruce Le forme suadenti delle foglie di Alocasia ‘Jacklin’ piacciono! – foto The Spruce

Anthurium clarinervium

Se ti piacciono le foglie che arredano, questa è la pianta che fa per te: le foglie di Anthurium clarinervium hanno la forma di grossi cuori, di colore verde scuro, attraversate da evidenti nervature chiare, regolari e nette. Come coprivaso, utilizza un cestino: le foglie, portate da lunghi piccioli, ne spunteranno al di fuori creando una composizione rustica e molto decorativa.
Anthurium clarinervium con le sue belle foglie ricamate – foto Etsy Anthurium clarinervium con le sue belle foglie ricamate – foto Etsy

Calathea majestica ‘White Star’

Le piante di moda si caratterizzano per l’aspetto delle loro foglie: nel caso di Calathea majestica ‘White Star’, l’impatto visivo è davvero elegante, con le pennellate bianche che risaltano nella lamina lasciando trasparire una minima parte di colore verde. Mantieni sempre rigogliosa questa pianta nutrendola con pastiglie di fertilizzante specifico per piante verdi, un valido integratore da inserire nel terreno una volta ogni 4-6 settimane?
Calathea majestica ‘White Star’ ha foglie eleganti e candide – foto Leroy Merlin Calathea majestica ‘White Star’ ha foglie eleganti e candide – foto Leroy Merlin

Monstera deliciosa ‘Thai Constellation’

La Monstera la conosciamo da tempo, pianta esuberante dalle foglie maestose, che arreda la casa con generosità, andando a creare in breve un effetto giungla strepitoso. La nuova selezione ‘Thai Constellation’ ti piacerà molto per le pennellate color crema che ne attraversano la lamina fogliare rompendo l’omogeneità di colore verde che caratterizza questa pianta. Una novità che non devi farti mancare in casa, tra le altre piante della tua collezione verde! Per questa pianta, ti consiglio di utilizzare un portavaso dotato di rotelle, così da poterla spostare con più facilità, anche soltanto per ruotarla e far sì che cresca il più dritta possibile, poiché, come tutte le piante, tende a spostarsi alla ricerca della luce!
Monstera deliciosa ‘Thai Constellation’ ha grandi foglie variegate – foto Monrovia Monstera deliciosa ‘Thai Constellation’ ha grandi foglie variegate – foto Monrovia

Peperomia prostrata ‘Turtle’

Simile alla più conosciuta Ceropegia woodii, la “stringa di cuori” (‘String of hearts’), dalla quale si distingue per il caratteristico disegno a forma di carapace di tartaruga che presentano le sue foglioline, piccole e tonde, inserite alterne lungo steli sottili e ricadenti: per questo viene detta “String of turtles”. Falli ricadere da un bel portavaso in ceramica, anche grezzo, ma sicuramente di bell’effetto nella tua casa! Non esagerare mai con l’acqua: forniscine poca, all’occorrenza, utilizzando un innaffiatoio dal beccuccio sottile.
Peperomia prostrata ‘Turtle’ ha esili steli ricadenti con foglioline minute – foto Tico Plant Guy Peperomia prostrata ‘Turtle’ ha esili steli ricadenti con foglioline minute – foto Tico Plant Guy

Peperomia argyreia ‘Watermelon’

Come un’opera d’arte, la successione regolare e ripetitiva delle foglie di Peperomia sembrano disegnate, tutte uguali una accanto all’altra. Questa varietà, che non devi lasciarti sfuggire, è stata chiamata ‘Watermelon’ non a caso: hai notato la somiglianza con l’anguria? Le foglie sembrano tante piccole angurie tonde, con la scorza rigata bianco su verde… simpatica, no? Poco ingombrante, questa piantina può essere facilmente coltivata entro una ciotola bassa e larga, a creare un ampio cuscino di foglie.
Ricordano proprio la forma delle angurie le foglie di Peperomia argyreia ‘Watermelon’ – foto Leroy Merlin Ricordano proprio la forma delle angurie le foglie di Peperomia argyreia ‘Watermelon’ – foto Leroy Merlin

Philodendron verrucosum

Se ti piacciono i filodendri, ma hai paura di non avere spazio a sufficienza, sappi che ne esistono anche varietà meno esuberanti: Philodendron verrucosum è uno di questi, ricco di foglie cuoriformi, morbide e vellutate, con nervature evidenti, portate da lunghi piccioli verde-rosati per la sottile peluria rossa che li ricopre. Potrai scegliere se far sviluppare gli steli di questa pianta a ricadere verso il basso, oppure se farla arrampicare su un bastone muschiato. Lo sapevi che il filodendro è dotato della capacità di filtrare l’aria che lo circonda, rendendola più pura e sana? Un motivo in più per tenerne uno in casa!
Philodendron verrucosum – foto The Spruce Philodendron verrucosum – foto The Spruce

Pilea peperomioides ‘Moijto’

Dopo il grande successo della amatissima “pianta delle monete”, Pilea peperomioides, è il momento della varietà ‘Moijito’, caratterizzata dai disegni marezzati della sua lamina fogliare, verde chiara, attraversata da spruzzate di colore più chiare. Le cure richieste da questa pianta, minuta e graziosa, sono sempre le stesse: coltivala in terriccio ben drenante e bagnala solo all’occorrenza, con poca acqua fornita in maniera regolare; ogni 3 settimane circa, diluisci nell’acqua un pochino di fertilizzante specifico per piante verdi, secondo le dosi indicate in etichetta. Tienila in un ambiente luminoso, dedicandole un piccolo angolo verde della tua casa.
Tonde e variegate, sono le delicate foglie di Pilea peperomioides ‘Moijto’ – foto Zielony-Parapet Tonde e variegate, sono le delicate foglie di Pilea peperomioides ‘Moijto’ – foto Zielony-Parapet

Stephania erecta

E’ una morbida piantina erbacea con foglie tonde, verdi e delicate, attraversate da nervature chiare unite in posizione centrale, portate da esili steli rampicanti. Il fusto è ingrossato alla base, rigonfio, e funge da organo di riserva. Tieni questa pianta in una posizione calda e luminosa ma non troppo, che sia protetta dai raggi diretti del sole, proprio come nelle foreste da cui ha avuto origine. Mantienila in un terriccio ben drenante e bagnala il minimo indispensabile!
Lunghi steli rampicanti con foglie tonde, è la Stephania erecta – foto Plant Carefully Lunghi steli rampicanti con foglie tonde, è la Stephania erecta – foto Plant Carefully

Non fare a meno del tuo angolo verde!

Non trascurare mai la tua voglia di verde: circondarsi di piante è un’abitudine sana e fonte di benessere, sia fisica che mentale. Aiuta a distrarsi dallo stress quotidiano e a mantenere più salubre l’aria di casa. Una valida terapia nei tempi moderni, lo dice anche la scienza. Un giro nel reparto giardinaggio è sempre fonte d’ispirazione, e ti consiglio di non tornare mai a casa a mani vuote! Non farti mancare l’ultima varietà selezionata per essere sempre alla moda anche con le piante e rendere la tua casa sempre più trendy. Inoltre, potrai dotarti di piccoli attrezzi per prendertene cura con poca fatica e dei prodotti indispensabili per mantenerle sempre belle e vigorose! Raccontami quale di queste piante hai scelto per la tua casa!

elisabetta.garoni
Architetto
03/01/24-16:49

Arredare la propria casa è un momento per alcuni entusiasmante e per altri stressante e faticoso. Le incognite sono tantissime, a partire dai costi da sostenere che possono essere incontrollabili e riservare alla fine spiacevoli sorprese. Come puoi immaginare, è molto difficile stabilire un prezzo a priori per un intero arredamento. Le variabili sono tante e dipendono principalmente dalla qualità e dallo stile degli arredi, dalle dimensioni degli ambienti da arredare, dal servizio che richiedi ai rivenditori e anche dal tempo che puoi dedicare alla ricerca degli arredi con il giusto rapporto qualità/prezzo. Proviamo insieme ad individuare la giusta strategia per arredare una casa da zero senza sforare il budget.

Arredare low cost con risultati high profile - Leroy Merlin

Da dove iniziare

Innanzitutto è importante avere le idee chiare. Il modo migliore per iniziare ad arredare la casa è la pianificazione: progettare significa non solo stabilire sulla planimetria la posizione e la dimensione dei singoli elementi d’arredo ma anche immaginarsi il risultato finale con lo stile, i colori e gli abbinamenti che più ci piacciono. Con il progetto in mano, meglio se corredato da immagini di riferimento e fonti di ispirazione captate da riviste, in rete, sul Magazine della Community e nella sezione Idee e consigli sarà molto più facile mantenere la rotta, non sforare il budget che hai a disposizione e raggiungere il risultato desiderato. Infine il mio consiglio è quello di mixare arredi e personalizzare il più possibile gli ambienti. Vediamo come.

Progetto e pianificazione sono il segreto per arredare in modo oculato - Leroy Merlin

I prezzi di una cucina

Partiamo dalla cucina, l’ambiente indispensabile fin dall’inizio della tua vita nella nuova casa. I prezzi di una cucina variano in base alla composizione (le cucine lineari sono meno costose delle composizioni ad angolo o con isola), alla qualità dei materiali e al valore degli elettrodomestici che possono incidere in maniera rilevante sul costo finale. Per una cucina completa a composizione fissa di circa 2 ml si va da circa 1000€ in su (pensa che cucine in acciaio, tecno-superfici o legni pregiati con elettrodomestici innovativi di ultima generazione arrivano a costare anche 80-90.0000€!). Cucine di lusso a parte, possiamo pensare che in media un cucina componibile standard si aggiri intorno ai 5.000€. Ti consiglio di non risparmiare sul materiale del top che può rendere speciale e dare un plusvalore anche al modello più semplice ed economico.

Dai il giusto peso ai materiali della cucina - Leroy Merlin

Quanto costa arredare il soggiorno

Il soggiorno è di solito diviso in due aree: la zona tv e la zona pranzo. Ti serviranno un divano con eventuali poltrone, una libreria, un mobile tv e un tavolo da pranzo con sedie. Il prezzo di un divano a 3 posti varia da 300€ in su. Mi sentirai spesso ripetere “ in su” perché i prezzi di tutti gli arredi presenti in una casa possono raggiungere livelli molto elevati. Immagina, per esempio, che un divano di design, in pelle pregiata, prodotto da un brand leader del settore e che rispetti altissimi standard di qualità, può arrivare a costare cifre a 4 zeri. Ma rimaniamo fedeli al nostro budget e al nostro proposito di limitare i costi senza rinunciare allo stile. In special modo in soggiorno la mia idea di arredamento è quella di accostare elementi di design a pezzi più economici: non rinunciare a un complemento di cui ti sei innamorato anche se un po’ costoso. Spesso è sufficiente un singolo elemento che attiri l’attenzione per la sua raffinatezza e bellezza per dare valore all’ambiente. Abbinalo ad elementi più economici (l’offerta low cost è enorme!) e avrai la giusta combinazione che rende una casa personale e non standardizzata. Stabiliamo un budget di circa 3000€ che comprende anche un tappeto, qualche cuscino e stampe incorniciate alle pareti.

Avere un’idea chiara di quello che vuoi aiuta a contenere i costi -Leroy Merlin

Quanto costa arredare la camera da letto

La dotazione minima indispensabile per arredare la camera è il letto matrimoniale con materasso, due comodini e un armadio. Per tutto questo potresti considerare una spesa minima di circa 1000€. Ruba l’idea di utilizzare una vecchia sedia restaurata o un tavolino vintage al posto dei comodini. A tutto questo devi aggiungere l’illuminazione per rendere l’ambiente personale e confortevole. Scegli sospensioni o lampade ad comodino che producano una luce calda e accogliente: ce ne sono di bellissime a prezzi estremamente contenuti. Se il tuo budget ti consente di acquistare un semplicissimo armadio in laminato bianco, valorizzalo tinteggiando la parete di fondo di un bel colore riposante o decora quella dietro il letto con una carta da parati che puoi posare anche da solo. Vedrai che anche con una spesa contenuta puoi riuscire a creare un ambiente bello e accattivante.

Ispirazione per arredare la camera da letto con il tessile coordinato - Leroy Merlin

Bagno per tutti i budget

Se il tuo bagno è già completo con rivestimenti, sanitari, sanitari e box doccia, non ti resta che scegliere il mobile bagno. Con un budget minimo di soli 150/200 € puoi acquistare un mobile con cassetti completo di lavabo e specchio. Se lo spazio e il tuo potere di acquisto te lo consente, puoi salire di livello qualitativo e aggiungere un mobile contenitore a colonna o un pensile, mensole e accessori che rendano il bagno funzionale e comodo.

Ispirazione per arredare il bagno a costi contenuti - Leroy Merlin

In conclusione possiamo dire che arredare un appartamento di medie dimensioni può costare meno di 10.000€. Naturalmente è un valore puramente indicativo che può variare grazie alla tua capacità di trovare offerte speciali, di mescolare mobili nuovi e pezzi vintage e di recupero, arredi low cost e di pregio dal design inconfondibile. Spero di averti dato una panoramica per iniziare ad orientarti nel mondo, vastissimo, dell’arredamento. Ci sono tanti articoli da leggere qui sul Magazine della Community che potranno aiutarti ed ispirarti nelle scelte.

Federica_Cornalba
Architetto e paesaggista
01/01/24-23:27 (modificato il 02/01/24-08:31)

Ogni volta che una cosa finisce è necessario fermarsi un attimo per fare il bilancio di ciò che è accaduto, prendersi una pausa rigenerante per il corpo e per la mente, quindi ripartire con energie fresche e rinnovate: è il tempo dei buoni propositi, in cui si guarda avanti facendo tesoro di tutte le azioni, giuste o sbagliate, che abbiamo compiuto…e la fine di un anno che se ne va è l’occasione perfetta per aprire un nuovo capitolo! Copriamoci quindi per bene, prepariamo una tazza di tè bollente, usciamo nel nostro spazio outdoor - giardino o mini balcone che sia - e prendiamoci un po’ di tempo per fare la lista dei buoni propositi green del 2024. Io vi dico i miei che spero siano di ispirazione per un nuovo anno in giardino all’insegna della bellezza e della sostenibilità!
Ispirazioni per buoni propositi green all’insegna della bellezza e della sostenibilità in giardino - Leroy Merlin

Fare scelte responsabili

Alla base di tutti i buoni propositi green per il 2024 c’è la volontà di donare un po’ di bellezza e portare tanto, tantissimo rispetto al mondo in cui viviamo tutti i giorni. È certamente un proposito ambizioso, ma i benefici che si possono ricavare superano di gran lunga gli sforzi da fare…anche perché, se ci pensiamo bene, non sono poi così tanto impegnativi. Scegliere in modo responsabile tutto ciò che serve ai nostri spazi outdoor, dagli arredi ai prodotti per la cura delle piante, è infatti un’operazione semplicissima: basta leggere le etichette e accertarci che quel determinato prodotto non abbia causato danni all’ambiente durante il processo di realizzazione e non ne generi una volta terminato il suo ciclo di vita. Un esempio? Se stiamo pensando di rinnovare la zona living del nostro spazio outdoor, scegliamo un avvolgente salotto da giardino in rattan sintetico ricavato da vecchie bottiglie di plastica, durevole nel tempo e facile da pulire: oltre ad avere un materiale ecosostenibile, eviteremo la dispersione di tanti prodotti detergenti e risparmieremo sui consumi idrici…per il nostro bene e per quello del Pianeta!
Scegliere in modo sostenibile è il primo proposito per il nuovo anno - Leroy Merlin

Creare un piccolo orto per mangiare bene

Il secondo proposito green del 2024 farà bene al corpo e anche all’umore: dobbiamo assolutamente trovare lo spazio per un piccolo orto dove coltivare verdure belle, sane, profumate e a km 0! Oltre a darci prodotti di stagione con cui preparare un sacco di prelibatezze, coltivare l’orto ci farà anche passare più tempo all’aria aperta e ci riempirà di orgoglio perché, vi assicuro, ottenere i risultati desiderati è più facile di quanto si creda. In più, non è necessario avere un grande giardino: scegliendo la fioriera rialzata per orto più adatta allo spazio che abbiamo a disposizione, è infatti possibile creare un veggie garden anche in terrazza o su un mini-balcone di città. Bisogna seguire alcuni semplici passaggi per progettare lo spazio dedicato alla coltivazione che, una volta impostato, richiederà cura e amore ripagandoci però con così tanti profumi e colori da invitarci a trascorrere lì vicino anche il nostro tempo libero. Il mio suggerimento, infatti, è realizzare una piccola zona dedicata al relax in perfetto stile fattoria con una semplice sdraio pieghevole in legno o una poltrona Adirondack con tavolino coordinato e un ombrellone salvaspazio se abbiamo impostato l’orto sul nostro piccolo balcone: basteranno questi pochi arredi - e la compagnia di tanti, vivacissimi pomodori! - per trasformare il tempo libero in momenti di puro benessere!
Idee per creare un orto in giardino, sul terrazzo o sul piccolo balcone di città - Leroy Merlin

Accogliere la biodiversità

Tra i propositi green per il 2024 non può certo mancare l’essere più ospitali nei confronti della biodiversità animale, soprattutto se viviamo in città dove api, farfalle e piccoli insetti hanno bisogno di tutto il nostro aiuto per trovare dei posticini accoglienti che li facciano sentire a casa. La prima cosa da fare è, ovviamente, riempire i nostri spazi outdoor con tante coloratissime e super-profumate fioriture biodiversity-friendly: per questo possiamo piantare, per esempio, dei bulbi di Allium decorativo che sono perfetti per le api e spargere qua e là semi di fiori che attirano le farfalle. Una volta creato l’habitat ideale, preoccupiamoci di offrire ai nostri amici con ali e zampette dei ripari adeguati come bug’s hotel e rifugi per farfalle da personalizzare come più ci piace. Basterebbe questo per dare il nostro piccolo contributo alla biodiversità, ma se vogliamo fare ancora di più, proviamo a creare un vero e proprio ecosistema appendendo un abbeveratoio per uccellini e una casetta in legno riciclato per i pipistrelli. Oltre a mostrare al Pianeta la nostra riconoscenza, mettendo in pratica questo buon proposito avremo la possibilità di insegnare alle generazioni future - penso soprattutto ai tanti bimbi che vivono in città - quanto è importante conoscere il mondo animale che ci circonda per poi rispettarlo e proteggerlo.
Ispirazioni per accogliere la biodiversità nei nostri spazi outdoor - Leroy Merlin

Ricavare del tempo all’aria aperta tutto per sé

Dopo aver pensato alla salute del Pianeta trasformando i nostri giardini, terrazzi e piccoli balconi in spazi ecosostenibili e bee-friendly, possiamo finalmente dedicare un buon proposito anche a noi concedendoci tranquilli momenti di pausa all’aria aperta ogni volta che ne abbiamo bisogno. Con le giornate frenetiche e impegnative che ci vedono occupati quasi 24 ore su 24, il tempo libero deve infatti diventare di qualità e offrirci quante più occasioni possibili per stare bene. E cosa c’è di meglio che un angolino en plein air tutto per noi, dove rilassarci in compagnia di un po’ di musica, di un buon libro o di una benefica tisana? Per crearlo basta scegliere il dondolo da giardino più adatto ai nostri gusti e allo spazio disponibile. Perché proprio un dondolo? Perché da quando è stato inventato da Benjamin Franklin nel XVIII secolo, questo tipo di seduta non ha mai smesso di coccolare migliaia e migliaia di persone con il suo calmo dondolio, quindi è certamente l’arredo più indicato per il nostro angolo detox. A me piace particolarmente l’ampio dondolo a tre posti con morbidi cuscini e tenda regolabile che permette di sdraiarsi comodamente se si è da soli e di ricevere anche un ospite se si ha voglia di scambiare quattro chiacchiere. In più la tenda regolabile permette di creare un effetto nido perfetto per i momenti in cui desideriamo evadere da ciò che ci circonda. Vale la pena fare questo piccolo investimento per noi e per il nostro spazio outdoor, non trovate?
Creare uno spazio per sé con un dondolo da giardino - Leroy Merlin

Stare con gli amici e creare i ricordi più belli

Altro buon proposito green per il 2024 è passare più tempo con gli amici e creare così bellissimi ricordi di cui parlare poi per anni e anni! Giardini, terrazzi e persino piccoli balconi sono, in questo caso, spazi ideali perché possono essere allestiti in mille modi diversi e trasformarsi così in bellissime scenografie per pranzi festosi e allegre giornate in compagnia. Immancabili saranno un super attrezzato barbecue a carbonella da alimentare con bricchette di carbone 100% vegetale (perché non ci dobbiamo dimenticare di fare scelte responsabili!) e, se lo spazio ce lo consente, una mini spa gonfiabile per i party più divertenti. Ricordiamoci anche tanti coloratissimi futon da pavimento che diventeranno delle comode sedute in più da riporre poi quando i festeggiamenti sono finiti. Manca ancora qualcosa? Beh…per illuminare a festa gli spazi outdoor scegliamo le luci da esterno che meglio si adattano alle nostre esigenze, assicurandoci - anche in questo caso - che siano ecosostenibili, cioè a basso consumo e preferibilmente ad alimentazione solare. Se questi sono gli arredi e i complementi must have, per accogliere gli amici nel migliore dei modi possiamo sbizzarrirci con tanti altri elementi decorativi che esprimeranno tutto il piacere di averli con noi per momenti bellissimi da ricordare poi nel tempo.
Ispirazioni per trasformare lo spazio outdoor nel luogo perfetto dove accogliere gli amici - Leroy Merlin

Cosa pensi dei buoni propositi green per il 2024? Scrivi qui nei commenti quali sono i tuoi e condividi con noi le tue idee. Se poi hai bisogno di qualche consiglio personalizzato, sarò ben felice di darti una mano!