Community

Home
Magazine della casa

Magazine della casa

Vivi la tua passione per la casa e il giardino, scopri le ultime tendenze di stile e trova nuovi spunti per i tuoi progetti con gli articoli della nostra redazione.
Tutti gli articoli
I miei articoli
Creare un articolo
Tutto Bagno e arredo bagnoGiardino e TerrazzoDecorazione e IlluminazionePavimenti e rivestimentiVerniciCucinaOrdine e sistemazioneFalegnameria ed EdiliziaUtensileria e FerramentaFinestre, porte e scaleElettricità, automazioni e Smart HomeClimatizzatori, stufe e idraulicaNataleEventi e iniziative community
MaraLocatelli
Community Expert
16/01/23-12:32

Vediamo come si ottiene il bonus finestre 2023 e perché soprattutto adesso conviene non farsi scappare questa opportunità. Con la crisi energetica in atto, trovare tutte le soluzioni possibili per risparmiare sulla bolletta e diminuire il consumo di energie per riscaldare casa è fondamentale. Senza contare che ridurre l’utilizzo della caldaia si traduce anche in un miglioramento della qualità dell’aria che tutti respiriamo. Aria più pulita significa anche meno malattie per noi e i nostri bambini. Per abbassare il consumo di riscaldamento è necessario evitare le dispersioni di calore, di cui sono responsabili vecchie finestre e porte. Scopriamo allora come accedere al bonus infissi 2023 anche senza ristrutturazione.

Ecco i bonus per cambiare infissi dal 2023 a tutto il 2024 - Leroy Merlin

Quali sono i bonus finestre 2023

Per accedere al bonus infissi 2023 senza ristrutturazione ci sono diverse possibilità. I bonus attivi per il 2023 e il 2024 che ti permettono la sostituzione dei vecchi serramenti e rientrare del 50 per cento dei costi sono addirittura tre:

  • Bonus Casa 50% (bonus da usare per gli infissi anche senza fare le ristrutturazione),
  • Bonus sicurezza 50% (adatto come bonus infissi senza ristrutturazione),
  • Ecobonus 50% (perfetto per cambiare le finestre senza ristrutturazione).
    Vediamo quali sono i requisiti per accedere a queste facilitazioni e quale può essere il Bonus finestre 2023 più adatto alle tue necessità.

    La scelta per il bonus finestre 2023 spazia tre Bonus- Leroy Merlin

Come funziona il Bonus Casa 2023 e 2024

Fino al 31 dicembre 2024 puoi cambiare gli infissi con il Bonus Casa 2023 e 2024 e recuperare il 50 per cento delle spese sostenute, su una spesa massima di 96mila euro. Per godere del Bonus Infissi con il vantaggio della spesa dimezzata hai tre possibilità:

  • sconto diretto del 50 per cento in fattura,
  • cessione del credito,
  • detrazione fiscale, sempre del 50 per cento delle cifra spesa suddivisa in 10 rate annuali.

Si tratta di un’agevolazione semplice, rapida e perfetta anche per chi non ha intenzione di avviare lavori di ristrutturazione. Puoi infatti richiederlo nel caso di:

  • manutenzione straordinaria,
  • restauro
  • risanamento conservativo
  • ristrutturazione edilizia.

    Col Bonus Casa usi lo sconto Bonus infissi senza ristrutturare-Leroy Melrin

Come accedere al bonus finestre 2023 con l’Ecobonus

Per accedere alle agevolazioni previste dall’Ecobonus e rientrare del 50 per cento della spesa prevista come Bonus infissi 2023, deve essere riconosciuta la riqualificazione energetica della casa.

Questa agevolazione, che si può ottenere tramite lo sconto diretto in fattura (nei negozi Leroy Merlin che si occupa anche di tutti gli adempimenti burocratici previsti da questo tipo di bonus) o attraverso la detrazione nella dichiarazione dei redditi suddivisa in 10 quote annuali, spetta nel caso in cui si proceda con:

  • la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento;
  • il miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni, pavimenti, finestre comprensive di infissi);
  • l’installazione di pannelli solari;
  • la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

Come ho già accennato, la sostituzione dei vecchi infissi che comporta il miglioramento termico dell’abitazione consente di ottenere il Bonus finestre per tutto il 2023con una detrazione fiscale del 50 per cento su una spesa massima complessiva di 120 mila euro. In sostanza, per ottenere questo bonus gli infissi devono avere dei valori di trasmittanza termica specifici, basati sulla tua zona climatica. Questa soluzione è perfetta anche per fare il cappotto termico e insieme cambiare gli infissi: in questo modo si ottiene la detrazione del 65 per cento sul cappotto termico e il bonus infissi al 50 per cento.

Per la tua casa scegli il bonus infissi 2023 senza ristrutturazione - Leroy Merlin

Quando cambiare serramenti con il Bonus Sicurezza

Infine c’è il Bonus Sicurezza 2023 e 2024 che riguarda le attività che migliorano sicurezza nelle abitazioni e ti permette di utilizzare il bonus sulla sostituzione di infissi e accessori a patto che siano prodotti legati alla sicurezza: inferriate, persiane di sicurezza, porte blindate, porte di sicurezza, tapparelle di sicurezza.
La possibilità di accedere alla detrazione fiscale del 50 per cento, fornita dal Bonus Sicurezza 2023 2024 è prevista infatti per le spese di installazione di:

  • sistemi antifurto,
  • porte blindate,
  • allarmi e videosorveglianza
  • grate, inferriate oppure persiane di sicurezza.
    Anche in questo caso la detrazione prevista è del 50 per cento di una spesa massima di 96.000 euro. Ma non si può combinare con il Bonus Casa e non si può accedere allo sconto in fattura o alla cessione del credito. Per recuperare il 50 per cento della spesa con questo Bonus Infissi 2023, che dura anche per tutto il 2024, c’è solo la strada della detrazione fiscale in 10 rate annuali.

    Cambia serramenti con le detrazioni del Bonus sicurezza- Leroy Merlin

Adesso dovresti avere chiara tutta la panoramica delle agevolazioni possibili. Puoi usufruire fino alla fine del 2024 delle nuove detrazioni grazie a bonus finestre e infissi 2023 e senza fare ristrutturazioni. Se hai ancora qualche dubbio, scopri quanto si risparmia a cambiare i vecchi infissi.

MaraLocatelli
Community Expert
15/01/23-18:06

Eletto colore Pantone 2023, Viva Magenta è una tonalità vibrante e luminosa, che gioca con carattere tra le sfumature del rosso e del fucsia. C’è tanta voglia di ottimismo di energia solare e pop nella scelta di questa tonalità rosso ciliegia eletta colore dell’anno. Una tinta che rompe gli schemi dei delicati cromatismi del passato, degli accostamenti black and white e delle gradazioni nordiche delicate e austere, per esplodere di energia.

Ti stai chiedendo come portare l’audace tinta Pantone 2023 dentro casa? Con i miei consigli vedrai che è molto più facile di quello che credi, e il risultato è di grande effetto: luminoso e chic. In fondo, questo colore Pantone 2023 è un invito a osare, a cercare nuove prospettive senza paura di andare controcorrente perché, quando si osa, i risultati possono essere più rosei di quello che ci si aspette.

Abbinamenti con il Pantone 2023 per una casa Viva Magenta

Come abbinare il colore pantone 2023

Luminosa, stimolante e intrigante, questa tonalità di rosso Viva Magenta può dare una nuova spinta agli interni di casa. Con inserimenti a piccoli tocchi discreti fino alle grandi campiture, le possibilità di utilizzare il colore Pantone 2023 sono numerose. Per esempio puoi partire dagli accessori. Cuscini, lampade, cornici e anche vasi di fiori di colore Viva Magenta sono gli accessori perfetti per dare un twist moderno a un soggiorno più neutro.

Accosta il pantone 2023 alla tua palette di grigi pallidi, alle tinte pastello, alle gradazioni di blu e vedrai come come cambia l’atmosfera. A me piace tantissimo l’abbinamento tra Viva Magenta e il tripudio di verde in tutte le sue gradazioni che ha inondato gran parte della case moderne negli ultimi anni: proietta l’immaginazione tra boschi fioriti e alberi colmi di ciliegie.
In camera ti basta qualche cuscino e la nuova biancheria per il letto in tonalità Pantone 2023 per rendere la stanza attualissima e luminosa.

Colore Pantone 2023 anche in camera da letto, chic e pop

Una casa con le pareti Pantone 2023

Per avere interni vivaci e giovani, osa una parete Viva magenta. Questa tonalità ideale è perfetta per creare un muro d'accento in soggiorno o all’ingresso magari con una bella finitura lucida e laccata. Se la tua cucina è affacciata sul soggiorno, la tonalità Viva Magenta può delimitare lo spazio regalando sensazioni di buon umore. Stendi la vernice dall'alto verso il basso su una parete o magari anche fino al soffitto per incorniciare l’angolo della cucina.
Il colore Pantone di questo 2023 ha davvero una marcia in più, puoi portarlo anche tra le pareti della camera da letto, magari per alternare le pareti pastello con un’aggiunta energetica.
Il colore dell’anno entra con stile anche tra le proposte delle nuove carte da parati. Luminoso e allo stesso tempo caldo, questo Pantone 2023 è disponibile in molti pattern, che si tratti di motivi grafici, di decorazioni flower o di motivi astratti, consigli un rivestimento che giochi sulle sfumature: perfetto per dare un po’ di carattere all’ ingresso, per esempio.

Rivernicia i mobii, rivesti le pareti, porta il Pantone 2023 in cucina

Idee per i mobili nel colore pantone 2023

Accessori, pareti e perché non anche gli elementi di arredo in Pantone 2023? Visto che sono più facili da integrare, i mobili sono ottimi per portare un piccolo cambiamento in ogni ambiente. Il fulcro del soggiorno quest’anno può essere un divano color Viva Magenta che dà carattere a tutta la stanza: basta un copridivano per vedere l’effetto che fa. Se preferisci una presenza meno invadente, opta per una poltrona, un pouf o delle mensole: portano comunque un’iniezione di vitalità.
E poi, bastano poche pennellate di vernice nel colore Pantone 2023 per dare nuova vita a una vecchia cassettiera, rinnovare un tavolo usurato o modernizzare una credenza vintage.
Puoi scegliere il total look oppure riverniciare solo alcuni elementi del mobile, come la testata del letto, le ante e i cassetti di una madia, solo il piano di un tavolo.
Anche in bagno si può adottare il colore Pantone 2023 con qualche colpo di pennello alle pareti, oppure con nuove piastrelle, tappeti e asciugamani. Una volta che comincia a portare il Viva Magenta dentro casa non ti fermi più.

Idee per decorare casa con il colore Pantone 2023

Anche a te è venuta voglia di provare a rinnovare casa con questa tinta così positiva, intensa e femminile? Mostra alla Community gli effetti del colore Pantone 2023 dentro la tua casa.

ValeriaBonatti
Architetto
10/01/23-18:13 (modificato)

Se hai intenzione di cominciare l’anno rinnovando il tuo bagno, ecco per te i trend che saranno protagonisti nel 2023 per quanto riguarda i rivestimenti. Quali materiali usare e come abbinarli, i colori più alla moda e come accostarli, gli effetti e i trucchi per rendere il tuo bagno accogliente, pratico, ma soprattutto speciale e glamour. Parola d’ordine sarà Relax e imperativo trattare il bagno non più come uno spazio di servizio, ma come una stanza a tutti gli effetti.

Il bagno come ambiente relax – Leroy Merlin

Piastrelle per il bagno, ma quali?

Di sicuro, a rivestire un bagno con le piastrelle non sbagli mai. La grandissima offerta ti permette di scegliere non solo il colore, ma anche l’effetto desiderato. Il grès porcellanato ha una resa estetica, oltre che tecnica, che ti consente di piastrellare il tuo bagno con un materiale ceramico che però può assumere anche le sembianze di cemento, metallo, pietra o legno. Per un ambiente umido questo è un grande vantaggio. Soprattutto ora che la tendenza è di rivestire solo una parte delle pareti e di mixare materiali o effetti diversi. A te non resta che scegliere lo stile che preferisci, magari lasciandoti ispirare dai nostri progetti, e poi sfogliare il catalogo prodotti alla ricerca di quello che ti affascina di più. Un esempio? Per un bagno elegante e ricercato, crea uno sfondo grigio, ma con una texture a rilievo. Una ‘boiserie’ a effetto marmo renderà il tuo bagno davvero raffinato, mentre una cornice di mosaico dorato, intonato al mobile, sarà il dettaglio glamour.

Rendi unico il bagno accostando materiali diversi – Leroy Merlin

Mettere in risalto una parete del bagno

Il trend del 2023 per vestire il bagno è creare un ambiente di fondo molto rilassante, dando però un accento intrigante e di carattere su una sola zona o parete. Ecco perché allora combinare materiali diversi diventa una scelta vincente. Il legno torna protagonista nel bagno 2023, non solo come pavimento, ma anche come rivestimento e garantisce a qualsiasi soluzione quel tocco naturale e caldo che non può più mancare. Il contrasto emozionale sarà dato da un rivestimento a disegno geometrico, come il grès Station nei colori della terra e dalle curve morbide. Anche i mosaici saranno perfetti per ritagliare sui muri specchiature dai bagliori cangianti, ma con forme e colori nuovi, come il metallico Hastings Rose Gold, dalle sfumature ramate.

Una parete speciale per dare carattere al bagno – Leroy Merlin

Colori bagno 2023, tra classici e Pantone

Ci sono dei colori che per il bagno rimangono dei classici intramontabili. Il bianco per esempio (magari nella versione Subway Tiles, come puoi vedere nell’articolo di Elisabetta) trasmette quella sensazione di leggerezza, luminosità e pulizia così importante per un bagno. Combinato con il nero poi è un’altra versione che non passa mai di moda, per creare soluzioni moderne e mai banali, scegliendo formati dalla dimensione e dalla forma particolari e alternando piastrelle lucide e opache (anche questo è sempre un grande dilemma, leggi il mio articolo per saperne di più). In generale comunque, anche mantenendo i colori classici, come i toni organici della natura e le sfumature rilassanti, una nota particolare non può mancare nel bagno del 2023. Non per niente il colore Pantone di quest’anno è il Viva Magenta, una tonalità di rosso meno accesa del colore puro, ma estremamente intensa e corposa, solare, avvolgente e molto raffinata. E se non vuoi osare sulle pareti, l’alternativa, anche questa molto in voga quest’anno, è accendere note vivaci con i colori dei mobili e dell’arredo. Anche i sanitari prendono parte alla composizione del bagno, con tonalità neutre, come il tortora, il nero, il silver o tinte coraggiose e sgargianti.

Componi il tuo bagno coi colori 2023 – Leroy Merlin e Antonio Lupi

La natura (ri)veste il bagno

In un ambiente che deve essere all’insegna del relax e che è fatto di luce ed acqua, la natura non può mancare. Il bagno, qualunque sia il suo stile, viene sempre completato con piante rigogliose e ricadenti, anche al limite del tropicale! Ma ovviamente, al di là del tuo pollice verde, ci sono rivestimenti con pattern che portano l’elemento vegetale nel tuo bagno nel modo più romantico, moderno o sofisticato, scegli tu! Dalla ceramica a stampa floreale, come la City nei toni rosati, al mosaico in pasta di vetro a pannello Bouquet o alla carta da parati Florals, i rivestimenti del tuo bagno si trasformeranno in una quinta rigogliosa o delicata, come più piace a te. Perfetto e insuperabile invece, per una stanza sofisticata, è il decoro metallico della piastrella Felce, per farti immergere in una fitta oasi di ramage dorato.

Un tocco vegetale per rinnovare il bagno – Leroy Merlin

Ora che hai qualche idea sulle nuove tendenze per i rivestimenti del bagno, non perdere altro tempo. Prendi spunto dalle idee che ti ho dato e componi il tuo bagno 2023, provando nuovi, inattesi accostamenti e poi facendoci vedere il risultato. Ti aspettiamo!

AnnaZorloni
Garden Expert
10/01/23-08:34 (modificato il 10/07/23-07:32)

Le piante da interno fanno parte integrante della nostra casa e del suo arredamento, rendendola unica e ricca di personalità: anche le piante sono soggette alla moda e alle tendenze del momento, lo sapevi? Grandi, piccole, verdi o colorate, le piante da interno sono davvero tante e se ti rechi presso il reparto giardinaggio potrai ammirarle tutte per poi scegliere quelle che più ti piacciono. Ornamento per la casa ma anche balsamo per lo spirito: circòndati di piante e prenditene cura; vederle crescere e mutare, è un vero toccasana per la mente. Se vuoi sapere quali sono le piante da interno che più piacciono e che renderanno la tua casa veramente trendy anche quest’anno, scoprile qui sotto!
Non riesci a fare a meno di riempire la tua casa di piante? Scopri le tendenze di quest’anno e trasformala in un’oasi verde – foto Leroy Merlin
Non riesci a fare a meno di riempire la tua casa di piante? Scopri le tendenze di quest’anno e trasformala in un’oasi verde – foto Leroy Merlin

8 piante di tendenza per il 2023

Le piante da interno che piacciono sono davvero tante, ma ce n’è sempre qualcuna che, per un motivo o per l’altro, risulta essere più alla moda di altre. Ecco le 8 piante da interno di tendenza che, sono sicura, saranno più gettonate nel 2023: non fartele scappare!

Farfugium japonicum ‘Giganteum’, il “Farfaraccio giapponese”

Farfugium japonicum (sin. Ligularia tussilaginea, famiglia delle Asteraceae), anche chiamato “Farfaraccio giapponese”, piace molto per le sue forme tondeggianti e la sua lucentezza. Ti consiglio di scegliere la varietà ‘Giganteum’, caratterizzata da foglie tondeggianti molto grosse (diametro 15-30cm), con lamina di colore verde brillante e portate da un lungo (circa 60cm) stelo eretto. Piace molto la linearità di questa pianta, l’essenzialità delle sue forme e la macchia verde che crea: l’effetto giungla che viene molto ricercato in questo periodo è assicurato! E’ la pianta ideale per arredare la casa con un vistoso effetto decorativo.
Ampie foglie tonde e lucenti caratterizzano il Farfugium – foto dell’autrice
Ampie foglie tonde e lucenti caratterizzano il Farfugium – foto dell’autrice

Ficus elastica ‘Burgundy’, la “Pianta della gomma”

Le varietà di Ficus elastica (famiglia delle Moraceae) sono tante; non lasciarti sfuggire quella con le foglie scure, verdi tendenti al rosso, proprio come nella tonalità Burgundy. Questa pianta ha foglie talmente belle che sembrano finte, lucide e spesse, grandi ovali a margine liscio con un’evidente nervatura centrale rossa, così come il germoglio centrale che svetta verso l’alto. Viene anche detto “Pianta della gomma”, o “Pianta del caucciù”, perché dai suoi tessuti, se vengono feriti, fuoriesce un lattice gommoso bianco. Estremamente decorativa, oltre che facile da coltivare in casa, un Ficus elastica ‘Burgundy’ non potrà mancare nella tua casa!
Le tonalità rosse di Ficus elastica Burgundy sono di tendenza! – foto dell’autrice
Le tonalità rosse di Ficus elastica Burgundy sono di tendenza! – foto dell’autrice

Stromanthe sanguinea ‘Triostar’

Una pianta dalle foglie colorate non può mancare in casa nemmeno quest’anno. Scegli la Stromanthe sanguinea ‘Triostar’ (famiglia delle Marantaceae): un folto ciuffo di foglie vivaci e sbarazzine! La loro lamina è percorsa da pennellate color rosa, più o meno tenue o forte, a spezzare l’omogeneità verde scura di base. Lucide e appuntite, rappresentano un elemento d’arredo che piace indubbiamente e saprà aggiungere un tocco di colore alla tua casa. Coltivala entro un portavaso in ceramica bianca; vedrai come sta bene!
Non farti mancare una pianta nelle tonalità del rosso quest’anno, scegli una Stromanthe sanguinea ‘Triostar’ - foto Leroy Merlin
Non farti mancare una pianta nelle tonalità del rosso quest’anno, scegli una Stromanthe sanguinea ‘Triostar’ - foto Leroy Merlin

Philodendron ‘Pink Princess’

Similmente alla precedente, piace per il suo contrasto cromatico verde e rosa, che spezza l’uniformità delle ampie foglie lucide e cuoiose. Il genere Philodendron, della famiglia delle Araceae, è numeroso: questa varietà si distingue proprio per le ampie striature rosa che colorano le foglie. Avendo portamento rampicante, ti consiglio di coltivarla aggrappata ad un sostegno (un classico bastone muschiato), oppure facendola ricadere verso il basso, ottenendo un effetto decorativo davvero bello! Mantieni il suo terriccio sufficientemente umido e se necessario, nei periodi più caldi, nebulizzane le foglie con acqua non calcarea a temperatura ambiente.
Pennellate rosa attraversano la lamina verde delle foglie del filodendro ‘principessa rosa’ - foto Pinterest
Pennellate rosa attraversano la lamina verde delle foglie del filodendro ‘principessa rosa’ - foto Pinterest

Peperomia caperata “Luna Red”

Piacciono molto le sue foglie cuoriformi, carnose e molto rugose, di colore rosso porpora. La piantina è minuta; un cuscino folto di foglie molto decorativo. Peperomia caperata appartiene alla famiglia delle Piperaceae ed è facile da coltivare in casa; non esagerare mai con le bagnature se non vuoi correre il rischio di provocare lo sviluppo di marciumi radicali; tienila in una posizione ben luminosa della tua casa per esaltarne la bellezza! Impara a coltivarla al meglio, leggi "Peperomia, coltivazione e cura".
Tanti cuori rugosi bordeaux caratterizzano la Peperomia caperata ‘Luna Red’ - foto Leroy Merlin
Tanti cuori rugosi bordeaux caratterizzano la Peperomia caperata ‘Luna Red’ - foto Leroy Merlin

Asplenium nidus, la “Felce a nido di uccello”

Per gli ambienti più umidi della tua casa, come la cucina e il bagno, scegli una pianta adatta, come Asplenium nidus, la “felce a nido di uccello” (famiglia delle Aspleniaceae), nome che viene dato a questa specie dalle foglie lunghe e ondulate, di colore verde brillante. Coltivala in un vaso con terriccio ricco di torba e sostanza organica, che dovrai mantenere tendenzialmente umido.
Un portavaso bianco esalterà la brillantezza delle foglie di Asplenium nidus – foto Leroy Merlin
Un portavaso bianco esalterà la brillantezza delle foglie di Asplenium nidus – foto Leroy Merlin

Licuala grandis, la “Palma a ventaglio”

La “palma a ventaglio” sembra che abbia le foglie plissettate, come le gonne che vanno di moda adesso, ricche di pieghe regolari e sempre perfette, come morbidi e ampi ventagli verdi! Originaria delle isole Vuanatu, questa palmetta appartenente alla famiglia delle Arecaceae può essere coltivata con facilità in casa, in vaso, per arredarla con le sue magnifiche ed ampie foglie verdi; io trovo che stia proprio bene in un cesto rustico.
Puoi coltivare una palma anche in casa, scegli quella con le foglie a ventaglio - foto PlantVine
Puoi coltivare una palma anche in casa, scegli quella con le foglie a ventaglio - foto PlantVine

Epiphyllum anguliger, il “Cactus a zig-zag”

Il “cactus a zig-zag” piace molto per la forma delle sue foglie succulente, lunghe e dal caratteristico andamento a zig-zag, che rende questa pianta unica nel suo genere! Come tante altre specie appartenenti al genere Epiphyllum, il cactus a zig-zag è una cactacea, e come tale va trattata! Quindi coltivala in un vaso con un substrato ben drenante, misto a sabbia e bagnala moderatamente, solo all’occorrenza, quando la terra si sta asciugando. Tienila in una posizione calda e molto luminosa, se puoi vicino ad una finestra, ma non sotto i raggi del sole. Se vuoi avere una pianta sempre bella e vigorosa, somministra un concime specifico per piante grasse seguendo le dosi e le modalità indicate in etichetta.
Il “cactus a zig-zag” piace per l’aspetto particolare delle sue foglie – foto Leroy Merlin
Il “cactus a zig-zag” piace per l’aspetto particolare delle sue foglie – foto Leroy Merlin

Queste sono solo alcune delle piante da interno che piacciono tanto quest’anno, ma ce ne sono tante altre che sono sempre di moda, Caladium, Coleus, Calathea, Monstera, Kentia… scegli qual è la più adatta per la tua casa e trasformala in un’oasi verde! Scegli il portavaso che più ti piace per contenere il vaso e procurati il prodotto fertilizzante giusto per nutrirla e mantenerla sempre bella e rigogliosa! Se vuoi sapere quali sono le piante più facili da coltivare in casa, leggi "3 piante verdi facili per la casa". A proposito, lo sai qual è il colore Pantone di tendenza del 2023? Scopri quali piante puoi scegliere di questo colore, leggi “Viva Magenta! Piante nel colore Pantone 2023”.

MaraLocatelli
Community Expert
05/01/23-10:53

Non c'è niente come una tonalità neutra per creare un'atmosfera serena in una camera da letto. Se stai cercando un'alternativa al bianco, la camera da letto grigia è la migliore tra le tante possibilità. Da anni il grigio è diventato uno dei colori preferiti per decorare qualsiasi stanza. Elegante e versatile in ogni sua sfumatura, non passa mai di moda e conquista ogni ambiente della casa.
Questa scelta di stile, che decora con successo la zona giorno delle abitazioni moderne, oramai ha allargato i suoi confini. La camera da letto di colore grigio convince e seduce perché ha l’effetto raffinato e sobrio che caratterizza le tinte neutre ma con in più quel pizzico di carattere che rende la decorazione contemporanea e davvero chic.
Optare per le pareti grigie non significa che devi impegnarti in uno schema neutro, anzi puoi divertirti in accostamenti di grande impatto.
Camera da letto grigi
In camera da letto il colore grigio non passa mai di moda- Idea Leroy Merlin

Camera da letto: tutti i grigi per le pareti

Tra chiari e scuri, grigi caldi e grigi freddi, senza dimenticare tutti i grigi intermedi che strizzano l’occhio a beige o azzurri, in questo colore neutro super versatile c’è molto di più di quanto si possa immaginare. Una buona notizia per chi vuole decorare una camera da letto dove le pareti di grigi differenti giocano con la luce che entra dalla finestra.
E poi il grigio è una di quelle tonalità che funzionano praticamente con qualsiasi abbinamento cromatico e stilistico. Per questo motivo è perfetto nelle stanze come la camera da letto e il soggiorno, dove è più frequente introdurre accenti colorati vari, attraverso divani, cuscini, letti, tappeti, tende e biancheria da letto.
Ci sono tanti modi per rendere il grigio caldo: trasformalo nel punto focale della stanza con una parete rivestita da carta da parati e riproponilo all’interno di tessuti e finiture. Per evitare che la stanza sembri cupa, è importante abbinare il grigio a tocchi di colore e consistenze in accessori come cuscini, plaid leggeri e caldi o anche opere d'arte.
stanza da letto grigia
Dettagli chic per la stanza da letto grigia e moderna- Ispirazione Leroy Merlin

Una camera da letto grigia e vivace

Arreda una stanza da letto grigia di fatto ma non di atmosfera. Decorando con le sfumature di grigio puoi dare nuova vita ed energia alla tua camera da letto. Per una delicata combinazione di tonalità, in camera da letto le pareti grigie dipinte o rivestite si possono abbinare al pavimento grigio luminoso e persino all’armadio a muro nelle tonalità di grigio medio chiaro. Avrai così lo sfondo perfetto per qualsiasi selezione di biancheria da letto dalle tonalità accese: a tinta unita o fantasia, non puoi sbagliare. Prova il terracotta rosato per scaldare l'atmosfera con classe, scegli le distese di verde acqua per set di lenzuola che rinfrescano e rilassano, oppure punta sull’energia allegra e contagiosa delle fantasie floreali oversize o sulle geometrie moderne. Sono tutte tonalità perfette anche per tende e tappeti moderni che servono a macchiare di colore con eleganza la camera da letto grigia:

Decorazioni e abbinamenti per la camera da letto grigia e calda- Idea Leroy Merlin

Così la stanza da letto grigia prende vita

Abbellisci una camera da letto con una testiera in velluto antracite e mobili grigi coordinato. Rivesti il letto con biancheria a strati cuscini di varie dimensioni in tante sfumature beige, corda e caramello. Un’aggiunta di tessuti materici - la lana dei plaid, il lino delle tende, la seta dei cuscini - ti avvolge con una lussuosa sensazione di comfort.
Per dare un tocco finale glamour alla stanza da letto grigia, puoi aggiungere degli elementi dorati o cromati che illuminano con stile l'ambiente. Come le cornici degli specchi, una elegante lampada a stelo da abbinare a lampade da tavolo di design o alle pratiche applique da muro di fianco al letto.
Lo stesso gioco puoi realizzarlo accostando le gradazioni di blu alle pareti grigie della stanza da letto e poi puntare su un’illuminazione black oppure puoi scaldare l’ambiente con il rosa cipria e aggiungere lampade e applique dalle finiture in rame.
camera letto grigia
Grigi chiari e scuri per pareti e arredi in camera da letto- Idea Leroy Merlin

Queste idee per la camera da letto grigia ti hanno dato la giusta ispirazione per arredare la tua stanza da letto nella giusta tonalità? Scopri anche i nostri consigli per arredare il soggiorno nelle sfumature di grigio.

AnnaZorloni
Garden Expert
05/01/23-10:17 (modificato il 10/07/23-07:07)

Il Coleus è una pianta che piace molto per il colore vivido delle sue foglie di consistenza vellutata: tonalità che variano dal rosa al rosso bordeaux; un piccolo cespuglio di foglie dal notevole valore decorativo. Potrai coltivare questa graziosa pianta in casa durante l’inverno, e spostarla all’esterno nei mesi più caldi. Scopri come coltivare e prenderti cura della pianta di Coleus, vedrai che è facile!
Conosci il Coleus? Questa pianta viene apprezzata per i colori delle sue foglie! – foto Leroy Merlin
Conosci il Coleus? Questa pianta viene apprezzata per i colori delle sue foglie! – foto Leroy Merlin

Il Coleus è una pianta molto decorativa

Coleus blumei, o Plectranthus scutellarioides (specie appartenente alla famiglia delle Labiatae), è un piccolo cespuglio erbaceo, sempreverde e perenne, che può raggiungere le dimensioni massime di circa 70cm. Le sue foglie, di forma ovale o leggermente cuoriforme, con margini seghettati, hanno la lamina ricoperta di una leggera peluria che le rende di aspetto vellutato. Ma l’aspetto più interessante e apprezzato è il loro colore vivace, che comprende tonalità che passano dal rosa al rosso scuro o viola, con il bordo esterno generalmente verde. Gli ibridi di questa specie sono tanti e hanno foglie variopinte, con contrasti di colore davvero spettacolari! La sua fioritura estiva è poco appariscente e considerata di secondaria importanza rispetto alla bellezza delle foglie: sottili spighe erette di fiorellini chiari. Coltiva la tua pianta di Coleus entro una ciotola con terriccio fertile di buona qualità, a creare un cuscino folto e morbido di foglie, creando un ciuffo estremamente decorativo.
 I colori delle foglie di Coleus sono di una bellezza stupefacente! – foto Pixabay
I colori delle foglie di Coleus sono di una bellezza stupefacente! – foto Pixabay

Come coltivare la pianta di Coleus

Coleus blumei è una pianta piuttosto delicata che dovrai coltivare con le giuste attenzioni. E’ una pianta originaria di paesi caldi (isola di Giava) che soffre le basse temperature, già sotto i +10°C: durante l’inverno, ti consiglio di coltivarla entro casa, avendo cura di posizionarla in una zona sufficientemente luminosa ma mai dove possa essere raggiunta dai raggi del sole diretti sui vetri delle finestre, soprattutto nelle ore centrali del giorno. La luce è molto importante per la bellezza di questa pianta, indispensabile per intensificare e rendere ancora più brillanti i colori delle sue foglie. Mi raccomando, fai in modo che la tua pianta non si trovi troppo vicino a fonti di calore (i termosifoni) o a spifferi d’aria, né sottoposta a sbalzi di temperatura. Durante l’estate, quando le temperature esterne sono superiori ai 18°C, potrai trasferire la tua pianta di Coleus all’esterno, sul terrazzo, balcone o in giardino, ma sempre stando attenti a non sottoporla ai raggi diretti del sole, meglio in semiombra.
In estate puoi tenere le tue piante di Coleus all’esterno: accosta varietà di colori diversi per un effetto decorativo stupendo – foto Leroy Merlin
In estate puoi tenere le tue piante di Coleus all’esterno: accosta varietà di colori diversi per un effetto decorativo stupendo – foto Leroy Merlin

Quali cure necessita la pianta di Coleus?

Prenditi cura della tua pianta nella maniera corretta se vuoi che cresca rigogliosa e sana. Bagnala con costanza, variando gli interventi idrici in base all’andamento climatico e alle conseguenti esigenze della pianta; più frequentemente nei mesi caldi, meno nei mesi freddi. Io consiglio sempre di saggiare il terreno prima di bagnare, semplicemente con le dita (o soppesando il vaso): quando senti che la terra è asciutta (e il vaso è leggero) è necessario intervenire. Meglio bagnare poco ma più frequentemente, piuttosto che annegare la pianta, ricordatelo, e non lasciare mai acqua stagnante nel sottovaso. Se eccedi con l’acqua, il rischio è che la pianta vada incontro allo sviluppo di marciumi, dapprima a livello radicale e basale, per poi estendersi anche alle foglie: in questi casi è difficile curarla. Se vuoi avere una pianta sempre folta di foglie e forte, non sottovalutare la sua nutrizione! Concima il tuo Coleus regolarmente, utilizzando un fertilizzante bilanciato, meglio in formato liquido, da diluire nell’acqua dell’innaffiatoio e fornire una volta al mese, per tutto l’anno. Ogni anno, a inizio primavera o in autunno prima di riportarla in casa, rinvasa la tua pianta rinnovando il terriccio, che deve essere sempre fertile e ricco di sostanza organica. Il Coleus fiorisce generalmente durante l’estate se lo coltivi all’aperto: si tratta però di una fioritura poco appariscente e, se non vuoi indebolire la tua pianta, ti consiglio di recidere le infiorescenze alla base, così darai più risalto alle foglie!
Recidi le spighe se vuoi mantenere belle le foglie della tua pianta di Coleus – foto Pixabay
Recidi le spighe se vuoi mantenere belle le foglie della tua pianta di Coleus – foto Pixabay

Come propagare una pianta di Coleus?

La tua pianta è talmente bella e vigorosa che ti piacerebbe riprodurla? Potrai ottenere altre piantine identiche da tenere o da regalare alle amiche: un dono sempre gradito! Puoi riprodurre la tua pianta di Coleus facilmente, in ogni periodo dell’anno. Approfittane quando la tua pianta è diventata troppo grande e allungata, quasi ingombrante: una spuntatina ai suoi rami ti permetterà di ridarle una forma ordinata oltre che a renderla più folta stimolando l’emissione di germogli laterali lungo i suoi steli.
Non buttare via le porzioni apicali degli steli che recidi, ma utilizzale per fare delle talee e riprodurre la pianta! Ogni talea deve essere formata da uno stelo vigoroso, lungo circa 10cm, composto da 3-4 nodi oltre alle foglioline apicali. Taglia la talea subito al di sotto del primo nodo basale ed elimina le foglie più basse. Inserisci, quindi, la talea in un terriccio morbido e leggermente umido, interrando i primi due nodi basali che hai privato delle foglie. Puoi anche far radicare le talee in un vaso di vetro con acqua, quindi trasferirle in terra. Mantieni il vasetto al caldo, con il terriccio sempre leggermente umido: vedrai che nel giro di poche settimane, la tua talea mostrerà i primi segni di vita dando origine ad una nuova pianta!
Puoi far radicare talee di Coleus anche in acqua per ottenere piante nuove -  foto Leroy Merlin
Puoi far radicare talee di Coleus anche in acqua per ottenere piante nuove - foto Leroy Merlin

Ora che sai come coltivare questa bellissima pianta, procuratene una! Vedrai che ti darà tante soddisfazioni... Potrai abbinarla ad altre piante nel colore Magenta, proprio come va di moda quest'anno! E se hai dei dubbi, fai una domanda qui sotto!

ValeriaBonatti
Architetto
03/01/23-22:02 (modificato)

Una volta si chiamava tappezzeria ed era di stoffa. Oggi la carta da parati si è ancora evoluta in una varietà di materiali, resistenti, lavabili e adatti ad ogni ambiente, perfino quelli umidi. Ecco perché rimane uno dei rivestimenti più in voga per qualità e resa estetica. Se hai in mente di iniziare l’anno portando qualche cambiamento in casa, la carta da parati è di sicuro un intervento semplice ed economico, ma di grande effetto. Vediamo allora quali saranno le tendenze delle carte da parati per il 2023.

Ogni ambiente diventa speciale con la carta da parati – Leroy Merlin

Intramontabile stile geometrico per la carta da parati

Ecco un pattern che non stanca mai e che trasforma completamente la spazialità di una stanza pur con discrezione. Non saranno più disegni piccoli, ma grandi geometrie che conferiscono profondità alla parete moltiplicando lo spazio in mille sfaccettature. Ovviamente, a seconda dei tuoi gusti e dello stile della casa, puoi scegliere anche una geometria dai colori forti, in mood anni ’70, ma guarda anche solo una scala di grigi, come quella del pannello Geometrix, come trasforma l’angolo pranzo!

Scomporre lo spazio con la carta da parati geometrica – Leroy Merlin

Esagera con la carta da parati 3D o optical

Una variante del geometrico che aggiunge ancora più profondità e corposità alla stanza o all’angolo che intendi rinnovare con la carta da parati è il 3D. Sfavillante e prezioso come l’oro o vellutato e discreto come il blu petrolio, ecco il pattern con cui trasformare una banale parete in uno sfondo fuori dall’usuale. E’ perfetto per mettere in risalto una zona del soggiorno o un mobile importante, ma anche per dare carattere ad ambienti un po’ anonimi o monocromatici come una cucina o un bagno. Ti piacciono i contrasti forti e l’intramontabile black and white? Allora ti suggerisco di osare con una carta da parati optical come la Foglie, che con la sua magnetica geometria dalle linee arrotondate cattura l’attenzione per portarla nell’eleganza e nell’energia dei magnifici anni ’60.

La parete prende vita con i motivi geometrici – Leroy Merlin

Decorare con i paesaggi, da New York alla giungla

All’opposto del geometrico ci sono i paesaggi a tutta altezza. Lo sviluppo della tecnica di stampa digitale permette oggi di raffigurare soggetti fotografici anche di grandi dimensioni estremamente nitidi e veritieri. Questo ha aperto un mondo all’utilizzo della carta da parati e dei pannelli per l’interior design. Gli ambienti si trasformano in scenari di luoghi lontani e si affacciano sui paesaggi che più ci fanno sognare o su mondi immaginari, dallo sgargiante e visionario New York al monocromatico profilo di colline immerse nella nebbia del rivestimento Montagne. I pannelli decorativi si adattano perfettamente ad ogni stile, ma tutti hanno allo stesso modo la capacità di abbattere i confini spaziali e farti immergere nella natura più incontaminata. Un esempio? Lo stile Jungle ti avvolge con un tripudio di colori e la sua ricchezza vegetale, carica ma raffinata allo stesso tempo. Non a caso il richiamo tropicale caratterizza da sempre gli ambienti più significativi delle abitazioni e resta per questo un classico intramontabile.

Trasforma la tua casa in un paesaggio – Leroy Merlin

L’eleganza dello stile Japanise e dell’Art Deco

Hanno motivi leggeri e delicati, spesso tono su tono o dai contrasti inusuali, accattivanti, dal sapore orientale e dove l’oro porta quel tocco di luminosa raffinatezza in più. Sono due stili che nella carta da parati si trovano ad essere simili per l’eleganza delle linee che richiamano forme vegetali, morbide e geometriche negli intrecci dell’Art Deco, più realistiche nel Japan, come le foglie di Bambù o di Ginkgo Biloba. La loro presenza discreta, ma allo stesso tempo fortemente caratterizzante rende queste carte da parati un evergreen irrinunciabile quando si tratta di dare stile alla casa.

Decori raffinati sulle pareti – Pianeta Design e Leroy Merlin

Pop Art, carte da parati a tutto colore

E per le stanze che hanno bisogno di energia? Le carte da parati dai colori accesi e dai motivi allegri sono tante, ma ciò che continua ad essere (giustamente) in voga anche nel 2023 è lo stile Pop Art. I pannelli che riproducono strisce o collage di comics, piuttosto che opere d’arte reiterate e colorate alla Andy Warhol, sanno caratterizzare gli ambienti con semplice vivacità, perfetta per la camera di un ragazzo, ma anche con tutto il significato artistico che ha portato alla sua nascita negli anni ’60. I disegni devono essere possibilmente grandi, ecco perché, per dimensione e vocazione, i rivestimenti a tema Pop Art sono particolarmente adatti agli open space e ai loft.

Colori ed emozioni con i pannelli PopArt – Pianeta Design

Allora, pronti ad armarvi di colla e pennello? Se però il ‘fai da te’ non fa per te, non preoccuparti, potrai tranquillamente richiedere il servizio di posa alla squadra di Leroy Merlin. E se hai ancora voglia di curiosare tra le carte da parati da scegliere per il 2023, guarda anche il mio articolo “Carta da parati botanical per una casa ispirata alla natura”, o dai un occhio alla Guida sulle nuove fantasie di carta da parati Leroy Merlin, troverai tante idee per un altro stile sempre perfetto anche nel nuovo anno!

AnnaZorloni
Garden Expert
03/01/23-17:26 (modificato il 10/07/23-06:38)

Il Calicanto, Chimonanthus praecox, è una splendida pianta che fiorisce nei mesi invernali: un arbusto che ravviva il tuo giardino nei mesi più freddi, ogni anno, con la sua improvvisa e vivace fioritura gialla, quando ancora, tutte le altre piante sono spoglie e addormentate. Uno spettacolo che scalda il cuore e fa pensare che la primavera non è poi così lontana; ancora un po’ di pazienza e la natura si risveglierà! Scopri come coltivare questo bellissimo arbusto nel giardino di casa tua, quali cure necessita e quando e come potarlo per mantenerlo sempre bello, vigoroso e ordinato.
La fioritura del Calicanto scalda il cuore in pieno inverno - foto Leroy Merlin
La fioritura del Calicanto scalda il cuore in pieno inverno - foto Leroy Merlin

Chimonanthus praecox, il “Calicanto d’inverno”

Il Calicanto, più correttamente Chimonanthus praecox, è una specie ornamentale appartenente alla famiglia delle Calycanthaceae E’ un arbusto a foglia caduca, bello in ogni stagione, ma soprattutto in inverno, motivo per cui ti consiglio di coltivarne almeno una pianta nel tuo giardino. L’aspetto più apprezzato del Calicanto è la fioritura invernale, che avviene quando la maggior parte delle piante sono ancora in riposo (proprio per questo è stato chiamato ‘praecox’), generalmente a febbraio, anche sotto la neve! I rami nudi del Calicanto si colorano di giallo, con l’apertura dei suoi fiori; piccoli mazzetti penduli larghi un paio di cm (più grandi nella varietà ‘Grandiflorus’), composti da petali colorati di giallo con la parte centrale interna più scura. A fioritura terminata, con l’arrivo della primavera, compaiono le prime foglie, di forma ovale o lanceolata, di colore verde e lunghe fino a 20cm.
I fiori di Chimonanthus praecox si aprono anche sotto la neve - foto Leroy Merlin
I fiori di Chimonanthus praecox si aprono anche sotto la neve - foto Leroy Merlin

Conosci la leggenda del Calicanto?

Narra una leggenda che, durante un inverno particolarmente gelido, un piccolo pettirosso infreddolito e stanco fosse alla ricerca disperata di un ramo sul quale riposarsi e trovare ristoro, ma tutte le piante che incontrava lungo il suo difficoltoso tragitto erano inospitali nei suoi confronti. Fu solo quando giunse nei pressi di un cespuglio di Calicanto che riuscì a posarsi su un suo ramo, protetto tra le poche foglie gialle e quasi secche che ancora gli erano attaccate. Il Signore, che tutto vedeva, ricompensò il Calicanto per il suo nobile gesto di accoglienza e lo ricoprì di fiori gialli e profumati, come stelle luccicanti nella neve. Fu da allora che questa pianta fiorisce nel pieno dell’inverno.
Conosci la leggenda del Calicanto e il pettirosso? - foto Leroy Merlin
Conosci la leggenda del Calicanto e il pettirosso? - foto Leroy Merlin

Come si coltiva la pianta di Calicanto?

Come avrai sicuramente intuito, Chimonanthus praecox è una pianta resistente al freddo, che sopporta temperature minime ben sotto allo zero (fino a -15°C!). E’ una pianta dotata di notevole rusticità, che richiede poche cure e raramente si ammala; proprio per questo viene molto utilizzata anche per l’arredo urbano, nei giardini pubblici o per abbellire strade e aiuole … il suo notevole valore ornamentale desta sempre una grande ammirazione quando in fioritura crea una appariscente macchia di colore giallo, ma anche durante tutto il periodo vegetativo, grazie al suo folto fogliame.
Rustico e resistente, il Calicanto è un arbusto di grande pregio ornamentale - foto Leroy Merlin
Rustico e resistente, il Calicanto è un arbusto di grande pregio ornamentale - foto Leroy Merlin

Quando e come potare il Calicanto

Il Calicanto è un cespuglio ramificato, composto da rami eretti e intricati, che mantiene generalmente un’altezza massima di 4m per 3m di ingombro laterale. Esegui la potatura della tua pianta di Calicanto una volta che ha terminato la fioritura, non prima se vuoi ottenere il meglio da questa pianta: in questo modo la pianta avrà tempo di maturare il legno sul quale si svilupperanno le nuove gemme a fiore che si apriranno il prossimo inverno (il Calicanto fiorisce sui rami che si sono sviluppati l’anno precedente). Ti consiglio di potarlo ogni anno se vuoi mantenere sempre ordinata la sua forma e sano il suo aspetto, anche se questo arbusto ha una crescita piuttosto lenta. Indossa un paio di guanti da giardinaggio per proteggere le tue mani, impugna attrezzi con lame sempre ben pulite e affilate, e procedi con la potatura! Per la potatura di Calicanto è sufficiente utilizzare forbici da giardiniere; non sono necessari troncarami o segacci, poiché i rami da tagliare sono solitamente di dimensioni e calibro contenuto.

Scopo della potatura è “ripulire” la pianta e ridarle una forma ordinata

I suoi rami contorti e allungati rendono la pianta disordinata. Ecco come devi potare il calicanto:

  • Recidi tutti i polloni basali, oltre ai rami troppo vecchi, secchi e malconci, in modo da rinnovare un cespuglio troppo vecchio.
  • Recidi anche i rami troppo contorti che crescono all’interno del cespuglio: per mantenere la pianta sana e vigorosa, è importante arieggiare la chioma, consentendo alla luce di filtrare al suo interno.
  • Raccorcia i rami troppo lunghi, che vanno fuori dalla forma della pianta, in modo da mantenerli alla stessa altezza e uniformare la chioma. Tagliando l’apice dei rami, inoltre, stimolerai l’emissione di germogli laterali, che, una volta diventati rami, porteranno i fiori del prossimo anno!
    Esegui il taglio nella maniera corretta: appena inclinato e subito al di sopra di una gemma robusta rivolta all’esterno della chioma; deve essere un taglio netto e privo di sfilacciature, motivo per cui è importante che le lame delle tue forbici siano ben affilate.
    Dopo la fioritura, pota il Calicanto per ridare forma e ordine alla pianta - foto Leroy Merlin
    Dopo la fioritura, pota il Calicanto per ridare forma e ordine alla pianta - foto Leroy Merlin

Coltiva il Calicanto insieme a …

…altre piante che potranno abbellire il tuo giardino con fioriture continue, dall’inverno fino a primavera. Ad esempio, con il Cotogno del Giappone (Chaenomeles japonica), chiamato anche Fior di Pesco: i suoi fiori rosa compaiono con notevole anticipo sul finire della stagione invernale o appena inizia la primavera. Potrai coltivare cespugli isolati nel tuo giardino, ottenendo un effetto estremamente ornamentale, oppure creare bordure di arbusti con fioriture contemporanee o scalari; un susseguirsi di fiori e colori da febbraio in avanti che non passerà certamente inosservata! Se vuoi sapere come si potano altre specie ornamentali del tuo giardino, come il glicine, leggi “Come potare il glicine?”.