Community

Home
Magazine della casa

Magazine della casa

Vivi la tua passione per la casa e il giardino, scopri le ultime tendenze di stile e trova nuovi spunti per i tuoi progetti con gli articoli della nostra redazione.
Tutti gli articoli
I miei articoli
Creare un articolo
Tutto Bagno e arredo bagnoGiardino e TerrazzoDecorazione e IlluminazionePavimenti e rivestimentiVerniciCucinaOrdine e sistemazioneFalegnameria ed EdiliziaUtensileria e FerramentaFinestre, porte e scaleElettricità, automazioni e Smart HomeClimatizzatori, stufe e idraulicaNataleEventi e iniziative community
GiulioM
Community Starter
31/10/22-15:31 (modificato il 07/12/23-10:31)

Che il tuo bagno sia grande o piccolo, arredato in stile classico o moderno, non devi assolutamente sottovalutare la scelta delle tende. Queste, infatti, giocano un ruolo determinante in termini di privacy e luminosità della stanza. Inoltre, contribuiscono a caratterizzare lo stile del bagno. Le alternative possibili sono numerose e si distinguono per materiale, trame e colori. Scopriamo come scegliere le tende per il bagno senza commettere errori, con riferimento ai fattori da valutare in fase di acquisto, e passiamo in rassegna alcune idee da cui trarre ispirazione per individuare la tenda che più si adatta allo stile del tuo bagno.

Come scegliere le tende per il bagno? - Corporate

I fattori da valutare in fase di scelta

Nella scelta delle tende per il bagno è bene prestare attenzione ad una serie di fattori:

  • dimensione e posizione della finestra: a seconda che dia sull'esterno o meno, oppure a seconda del piano al quale si trova il bagno è opportuno scegliere per un materiale più o meno coprente;
  • modalità di apertura: tenendo presente che le tende da bagno possono essere aperte proprio come se fossero un sipario, oppure possono essere abbassate dall'alto verso il basso;
  • stile d'arredo: è un elemento importantissimo perché conferisce armonia e uniformità d'arredo a tutta la stanza. Lo stile si riflette non solo nei materiali, ma anch nelle trame e colori.


Tenda da bagno in un ambiente blu - Canva

Materiali, trame e colori

Una delle decisioni più importanti da compiere riguarda il materiale. Naturalmente, la scelta dipende dal tuo gusto personale. Ma non solo. Dipende anche e soprattutto dallo stile con cui hai scelto di arredare la stanza. Materiali naturali, come ad esempio il lino e il cotone, sono tra i più indicati perché, se trattati con attenzione, sono in grado di durare a lungo nel tempo. In alternativa, puoi optare per tessuti facili da lavare e resistenti (soprattutto all’umidità, che in un bagno non manca mai).

Per quanto riguarda le trame, le possibilità di scelta sono pressoché infinite. La trama fa la differenza soprattutto in termini di privacy e luminosità: una tenda per finestra del bagno realizzata con un tessuto molto spesso è più coprente e garantisce più riservatezza e luminosità alla stanza. Presta dunque molta attenzione al grado di trasparenza del tessuto, in base alle necessità di luminosità e privacy del tuo bagno.

Anche per quanto riguarda i colori delle tende da bagno, puoi letteralmente sbizzarrirti. Il mio consiglio? Con il bianco non si sbaglia mai! Ti suggerisco comunque di prestare attenzione al colore dei sanitari, dei rivestimenti, del pavimento, dei mobili e dei complementi d’arredo per ottenere un effetto finale equilibrato e armonioso. Le tonalità neutre, come il beige, il tortora e il crema, e i colori pastello sono perfetti perché si abbinano facilmente a qualsiasi stile: l’ideale se vuoi donare al bagno un tocco di raffinatezza ed eleganza. Anche l’azzurro è un colore molto delicato e versatile. Se vuoi osare e sei un amante dei contrasti, puoi optare per tende da bagno di colori più vivaci o decorate con motivi azzardati (ad esempio geometrici) per donare movimento e dinamicità alla stanza.


Elegante tenda di lino per il bagno - Leroy Merlin

Come scegliere le tende per il bagno classico: suggerimenti

Se hai scelto di arredare il tuo bagno secondo i dettami dello stile classico, probabilmente i mobili e i complementi che lo abitano sono anch’essi in stile classico.

È per questo motivo che il mio consiglio è evitare di ricalcare lo stile con l’installazione di tende classiche. Fai in modo che non siano eccessivamente ingombranti o pesanti perché rischieresti di rendere la stanza cupa e buia. La soluzione ideale sono le tende da bagno drappeggiate, i cui colori richiamano la palette cromatica dell’intero ambiente. Bianco o beige sono da prediligere. Per quanto riguarda il materiale, tessuti morbidi come il lino o il cotone sono perfetti.


Tende drappeggiate per il bagno in stile classico - Canva

Tende da bagno moderne

All’interno di un bagno arredato in stile moderno, le tende più indicate sono le tende a rullo, da installare direttamente nell’infisso oppure al soffitto. Rappresentano la scelta più indicata per te se sei alla ricerca di una soluzione funzionale, coprente ed estremamente pratica. Hanno uno stile un po’ minimal e sono adatte anche ai bagni di dimensioni ridotte.
Dai un’occhiata alla guida “Tende a rullo: come sceglierle e come eseguire il montaggio” per scoprire quali sono i vantaggi delle tende a rullo, le caratteristiche che le contraddistinguono e le procedura da seguire per effettuare un montaggio a regola d’arte.
In questo caso, in merito alla scelta dei colori, il mio consiglio è attenersi ai colori dell’ambiente. Se il bagno è in stile moderno, la palette cromatica sarà ricca di grigi, bianchi e neri. Ricordati che in base alle necessità di privacy e luminosità, potrai sovrapporre al tessuto delle tende diversi strati a trama (opaca oppure trasparente).


Tende leggere ed essenziali per il bagno in stile moderno - Canva

Idee per tende bagno in stile shabby

Le tende da bagno in cotone ricamate catturano l’attenzione all’interno di un bagno arredato in stile shabby. Sono molto eleganti e infondono nell’ambiente un profondo senso di leggerezza. Sono tende semplici che permettono alla luce proveniente dall’esterno di filtrare all’interno del bagno in modo uniforme, rendendo l’atmosfera più distesa, rilassante e soffusa. Colore bianco e ricami in pizzo sono l’ideale per un bagno shabby: caratterizzano l’ambiente e garantiscono una certa coerenza stilistica, senza esagerare con i contrasti tra gli elementi d’arredo.

Tende in cotone per un bagno in stile Shabby - Leroy Merlin

Tende da bagno stile boho

Hai scelto di arredare il tuo bagno in stile boho? Opta per le tende in bambù e dai un tocco esotico e originale alla stanza.

Le tende realizzate con questo materiale filtrano bene la luce e rendono il bagno immediatamente più caldo e accogliente. Per un effetto estetico d’impatto, valuta l’idea di aggiungere alle tende in bambù finiture in cotone sui bordi. Un’ottima idea se vuoi cimentarti nella realizzazione di tende per il bagno fai da te.


Tende perfetto per lo stile boho - Canva

Tende vintage

Un grande classico che si adatta alla perfezione anche in un contesto vintage è la tenda bianca. Se il tuo bagno vintage è caratterizzato da una palette cromatica sui toni del bianco, scegli tende di colore neutro: il risultato che otterrai sarà una stanza ancora più ampia e ariosa. Anche in questo caso, i ricami in pizzo daranno un tocco in più al bagno!

Tenda per il bagno vintage ecrù - Leroy merlin

Adesso che hai le idee più chiare su come scegliere le tende per il bagno in base allo stile dell’arredamento, sei pronto per l’acquisto. Presta attenzione ai fattori che abbiamo passato in rassegna e non dimenticarti che le regole di stile sono fatte per essere trasgredite! Libero sfogo alla fantasia e scegli la soluzione che più si adatta alla tua personalità e al risultato finale che desideri ottenere. Hai domande da fare? Lascia un commento: sarò felice di aiutarti.

MaraLocatelli
Community Expert
30/10/22-12:04

Chi ha un minimo di conoscenza del colore sa che la sua presenza basta a trasformare completamente l'aspetto e la sensazione di uno spazio. Ecco perché quando devi decidere come scegliere la biancheria da letto è importante tenere presente anche colore e fantasia delle lenzuola. Dato che un terzo della nostra giornata lo passiamo a letto a rigenerare corpo e mente, è importante sapere riconoscere la qualità di tessuti e lenzuola. Allo stesso tempo il colore dei tessuti dovrebbe creare un’armonia con il resto della stanza e invitare al riposo al relax. Vediamo come scegliere le lenzuola matrimoniali e la biancheria da letto in modo che stimolino un buon riposo e rappresentino perfettamente il tuo stile.

Come scegliere colore e stile della biancheria da letto - Idea Leroy Merlin

Come abbinare lenzuola matrimoniali e piumino

La biancheria da letto ha due funzioni. Ti deve avvolgere in un abbraccio confortevole. Ed ha anche una grande responsabilità nel valorizzare esteticamente il tuo letto, quindi la camera stessa. Ecco perché è importante capire come scegliere la biancheria da letto facendo attenzione a colori e decorazione.
La camera da letto nei colori neutri e tendenzialmente minimal è un classico per chi cerca l’eleganza contemporanea. Il rischio di apparire anonima e un po’ insipida è però molto alto. In questo caso, può venire in aiuto la biancheria da letto: come scegliere le lenzuola matrimoniali adatte, senza tradire l’anima di questo stile minimale? Si può puntare sull’effetto tono su tono, come lenzuola grigio perla e piumino color zinco, o giocare con accostamenti tra beige e caffè. Il risultato è sempre neutro, ma di personalità. Il tessuto? Scegli il cotone percalle, con la sua trama fitta è resistente oltre che morbido al tatto.

Accostamenti tono su tono tra le lenzuola- Ispirazione Leroy Merlin

Biancheria da letto: come scegliere lo stile soft

Quando il mood della camera da letto è romantico, shabby oppure country, le tonalità dominanti sono quelle pastello oltre al bianco in tutte le sue varianti. Per capire come scegliere la biancheria per il letto, basta seguire l'istinto e mirare diritto alle piccole fantasie floreali, ma non è l’unica alternativa. Puoi puntare sulle geometrie di una soffice trapunta corallo da accostare a morbidi lenzuola in flanella, perfette per dormire al caldo nelle serate d'inverno. Con questa adorabile combinazione, avvolgi la camera da letto di un’intima atmosfera rétro.

E poi c’è sempre la tinta unita. Se declini uno dei colori della tua stanza pastello in una chiave più decisa, aggiungi carattere con ottimi risultato. Per esempio, prova di dormire tra le lenzuola con angoli verde acqua . Questa tonalità è delicata ma allo stesso tempo di carattere, romantica ma fresco, perfetta da accostare a un copripiumino bianco effetto satinato .

Geometrie corallo per la calda trapunta country- Ispirazione Leroy Merlin

Idee per lenzuola e copripiumini stile naturale

Per trovare la biancheria da letto matrimoniale adatta a una camera arredata con la freschezza dello stile botanico o il calore delle contaminazione boho, puoi cercare tra le proposte che evocano un mood naturale. Ammetto che, a lungo andare le fantasie floreali possono stancare e che, se in camera da letto ci sono già molti motivi decorativi, si ha voglia di tinta unita nelle gradazioni riposanti.
Che ne dici quindi di optare per un verde salvia? Questo colore, pur essendo decorativo, è perfetto per invitare alla calma. Rivesti il tuo letto con intenso verde salvia della set federe, lenzuola e copripiumino con volant . Il suo look rasatello regala quel pizzico di personalità con un tocco ricercato.

Se invece preferisci un effetto più rustico ma chic, punta sul copripiumino di lino: è un bel jolly per soluzioni mix and match che personalizzano la parure letto.

Biancheria da letto come scegliere lo stile giusto- Idea Leroy Merlin

Spero di averti dato qualche ispirazione per lo shopping. Se hai bisogno di capire come scegliere la biancheria da letto in base al tessuto, dai un'occhiata alla nostra piccola guida alla scelta del tessuto del copripiumino.

AnnaZorloni
Garden Expert
27/10/22-14:57 (modificato il 22/08/23-07:19)

Salsa Guacamole, insalate, tartare, toast e tante altre ricette … l’avocado è un frutto esotico molto di moda, ingrediente di molte ricette veloci, facili da eseguire, ricche di sapore e benefici (è ricco in vitamine, sali minerali, fibra e grassi monoinsaturi “buoni”), motivi per cui viene molto apprezzato. Se anche a te piace l’avocado (il nome scientifico della pianta è Persea americana, e appartiene alla famiglia delle Lauraceae), prova a coltivarne una pianta in vaso o in terra… potrai provare ad ottenere una bella pianta verde da tenere in casa, partendo dal nocciolo, o meglio dal seme, di un frutto, e poi, perché no, se hai un giardino potrai provare a metterla in terra e avere in pochi anni un albero che ti regalerà frutti sani e buoni da gustare in modi diversi.
Prova anche tu a riprodurre una piantina di avocado partendo dal suo seme! – foto Leroy Merlin
Prova anche tu a riprodurre una piantina di avocado partendo dal suo seme! – foto Leroy Merlin

Non buttare via il seme dell’avocado

Quando pulisci un frutto di avocado per utilizzarlo in una delle tue ricette preferite, non buttare via il suo seme! Prova a conservarlo per generare una nuova pianta! E’ facile e potrai ottenere una pianta in breve tempo con poca fatica: un giochino che piacerà sicuramente molto anche ai bambini. Fai attenzione a non rovinarlo quando lo estrai dalla polpa del frutto: ripuliscilo sotto l’acqua corrente del rubinetto e liberalo dall’epidermide scura che lo avvolge.
Gusta la polpa nelle tue ricette preferite e tieni il seme per dare vita ad una nuova pianta di avocado – foto Leroy Merlin
Gusta la polpa nelle tue ricette preferite e tieni il seme per dare vita ad una nuova pianta di avocado – foto Leroy Merlin

Fai radicare il seme di avocado in acqua

Ti servirà un bicchiere in vetro (o plastica) trasparente, contenente acqua a temperatura ambiente. Inoltre, 4 stuzzicadenti con i quali infilzare il seme ai bordi (rimani a circa 5mm di profondità) e tenerlo sospeso sul bordo del bicchiere: dovrai tenerlo nel senso giusto, cioè con la punta rivolta verso l’alto e la parte arrotondata verso il basso. Così facendo, il seme potrà rimanere sospeso pucciando in acqua solo la parte basale, circa 1cm, cioè quella da cui spunteranno le radici; la parte superiore, invece, da cui spunteranno i germogli, deve rimanere fuori dall’acqua. Tieni il tuo seme di avocado, così sistemato, in un ambiente luminoso e caldo: in casa, davanti ad una finestra è la posizione perfetta. Se vedi che il livello dell’acqua scende, aggiungine un pochino.
Sistema il seme come in questa foto, con la base immersa in acqua: radicherà in poche settimane! – foto Leroy Merlin
Sistema il seme come in questa foto, con la base immersa in acqua: radicherà in poche settimane! – foto Leroy Merlin

Dal seme alla piantina

Bastano poche settimane, 3-4 in genere, per vedere le prime radichette spuntare dalla base del seme e allungarsi in acqua. Contemporaneamente, sulla punta del seme, vedrai comparire una spaccatura e spuntare un piccolo germoglio che pian piano si allungherà aprendo le prime foglioline della nuova piantina di avocado.
Radici e germoglio si svilupperanno in un ambiente caldo e luminoso – foto Leroy Merlin
Radici e germoglio si svilupperanno in un ambiente caldo e luminoso – foto Leroy Merlin

Metti in terra la tua nuova pianta di avocado

E’ giunto il momento di trasferire la tua nuova pianta di avocado in un vaso contenente terra. Il momento giusto per eseguire questo trasferimento è quando le radici si sono sviluppate sufficientemente, ovvero quando sono lunghe almeno 4cm, ma non aspettare troppo! Procurati, dunque, un contenitore dotato di fori basali, delle dimensioni giuste: un vasetto del diametro di 15-20cm è sufficiente. Sul fondo metti un paio di cm di argilla espansa, per facilitare il drenaggio dell’acqua. Quindi il terriccio, che deve essere sciolto e ben drenante: utilizza terriccio universale miscelato a circa un terzo di sabbia o agriperlite. Interra il seme (dal quale avrai tolto gli stuzzicadenti) per metà, mantenendo la parte apicale fuori terra. Premi la terra ai bordi con le dita e innaffia.
Trasferisci la tua giovane pianta in un vasetto contenete terriccio – foto Leroy Merlin
Trasferisci la tua giovane pianta in un vasetto contenete terriccio – foto Leroy Merlin

Come curare la tua giovane pianta di avocado?

Dovrai mantenere la tua piantina in vaso entro casa, garantendole sempre una buona luminosità e calore. Bagnala all’occorrenza, cercando di mantenere il terreno sempre leggermente inumidito, ma mai troppo! Per favorire lo sviluppo della sua chioma, con belle foglie verdi e ampie, ti consiglio di nutrirla con un fertilizzante ricco in azoto (N): scegli tu se utilizzare un prodotto liquido o granulare, ma ricordati di seguire sempre le indicazioni in etichetta! A primavera, con l’innalzarsi delle temperature, potrai trasferire la tua pianta ben sviluppata (alta almeno 30cm) all’esterno, in giardino o sul terrazzo: abituala gradualmente alla luce del sole, poiché le sue foglie sono ancora molto delicate e sotto i raggi diretti del sole si brucerebbero facilmente, meglio tenerla in una zona dove riceva sole parziale. In autunno, poi, potrai trasferirla in piena terra, scegliendo la sua posizione definitiva, che dovrà essere esposta al sole e protetta da correnti o vento: crescerà nel giro di pochi anni, diventando un albero vigoroso e fruttifero. Considera, però, che per ottenere i primi frutti dalla tua nuova pianta dovrai attendere qualche annetto, una decina circa...
Fai crescere la tua pianta di avocado in un ambiente luminoso, bagnata e concimata a sufficienza – foto Pixabay
Fai crescere la tua pianta di avocado in un ambiente luminoso, bagnata e concimata a sufficienza – foto Pixabay

Prepara una gustosa salsina Guacamole con l’avocado!

A proposito: ecco una ricetta facile facile per una salsina Guacamole veloce e squisita:
Taglia a metà un avocado maturo ed estrai il seme. Con il cucchiaio, estrai la sua polpa morbida e mettila in una ciotola. Unisci il succo di un lime e un pizzico di sale e pepe. Amalgama bene la composta con una forchetta. Se ti piacciono, puoi unire anche una cipollina fresca tritata finemente e un pizzico di peperoncino.
Ma le varianti di questa ricetta sono tante: tu come la fai? Raccontamelo nei commenti qui sotto ↓
Con i frutti della pianta di avocado potrai preparare gustose ricette! – foto Pixabay
Con i frutti della pianta di avocado potrai preparare gustose ricette! – foto Pixabay

MaraLocatelli
Community Expert
26/10/22-10:15 (modificato)

Nelle giornate umide, fredde e nebbiose britanniche, grandi e bambini accolgono con entusiasmo l’atmosfera Natalizia. Ecco perché ogni villaggio e non solo le grandi città, a dicembre si trasforma in una girandola di colori e luci: gli addobbi natalizi stile inglese lasciano sempre a bocca aperta. Lo sa bene chi è stato di passaggio a Londra sotto Natale. Anche dentro casa gli inglesi celebrano ogni anno i loro riti tradizionali: il ceppo che arde nel camino, l’agrifoglio appeso per il bacio sotto il vischio, i maglioni buffi e tutto l’occorrente per l’addobbo dell’albero di Natale stile inglese. Non che la terra britannica sia esente dalle mode, anche lì ci sono le varianti con la tendenza del total blue, lo stile shabby o il mood minimal. Ma il fascino dei colori tradizionali delle decorazioni natalizie stile inglese è impareggiabile. Se quest’anno vuoi omaggiare l’ultimo anno al trono della Regina Elisabetta II, perché non copiare lo stile della corona inglese? Ecco i miei consigli per una giornata natalizia davvero british style.

Tradizioni inglesi per addobbara casa a Natale- Ispirazione Leroy Merlin

Addobbi natalizi dallo stile inglese da copiare

Appena possibile bisogna decorare la porta di case con una bella corona di aghi di pino decorata e qualche ghirlanda verde con fiocchi tartan: tra le tante forme e colori a disposizioni il rosso abbinato a verde e oro è il mix perfetto.
Puoi utilizzare questa tavolozza di colori per i piccoli dettagli che portano dentro casa l’atmosfera british come le tende scozzesi alle finestre. Una volta selezionato l'albero comincia il lavoro di ricerca delle decorazioni natalizie stile inglese tra cui scegliere.
L’albero è il centro delle festività, ma ci sono altri elementi da considerare. Dalle palline alle ghirlande, dalle decorazioni in tavole ai piccoli gadget, dovrai scegliere diversi addobbi natalizi per dare uno stile inglese alle tue festività. Un consiglio: invece dei buffi maglioni di Natale, puoi puntare sui cuscini con fantasie natalizie di stile inglese : seminali su poltrone e divani e saranno un bel gadget ricordo per gli ospiti.

Le calze fanno parte degli addobbi natalizi stile inglese- Ispirazione Leroy Merline

Il rito dell’addobbo albero di Natale secondo lo stile inglese

La vigilia di Natale è una giornata molto impegnativa per gli inglesi. Bisogna impacchettare i regali da mettere sotto l’albero di Natale, cuocere i biscotti e appendere le colorate calze fatte a maglia . Poi, quando il lavoro è terminato, la famiglia si riunisce attorno all’albero per raccontare una storia natalizia. Per l’occasione aggiungi dei comodi cuscini da pavimento rosso. Confeziona i pacchetti con carte colorate e fiocchi dorati, sono perfetti come addobbo sotto l’albero di natale in stile inglese soprattutto se infili in ogni nastrino un bastoncino di zucchero o una matita con pupazzi di pandizenzero oppure chiudi i doni in comodi sacchetti regalo tartan https://www.leroymerlin.it/prodotti/natale/decorazioni-natalizie-per-casa/carta-da-regalo/sacchetto-tartan-rosso-10-5x-32-cm-82623026.html, fai prima e ottieni anche un effetto decorativo natalizio in stile inglese. E ti rimane tempo per cucinare i tipici biscotti speziati da sgranocchiare mentre raccontate la favola di Natale!

Come addobare l'albero di Natale in stile inglese - Idea Leroy Merlin

Scegli decorazioni natalizie per la tavola in stile inglese

L’albero di Natale riflette lo spirito delle decorazioni natalizie in stile inglese natalizio se tra le sfere rosse, oro e verde trovano posto i tipici bastoncini di zucchero oppure i soldatini stile guardie di Buckingham Palace. La mattina del 25 i bambini scartano i regali che Babbo Natale ha consegnato sulla slitta e mangiano i dolcetti trovati nella calza. Quando ci si siede per il pranzo, accanto al piatto c’è il Christmas cracker, un pacchetto con il cappellino di Natale da indossare e gadget vari. Per portare in tavola lo spirito natalizio british scegli una tovaglia verde accompagnata da runner tartan, prepara il centro tavola con bacche rosse di agrifoglio o rami di pungitopo legati con fiocchi oro e rossi. Come segnaposti scegli le campanelline colorate . Sai perché sono il tocco di stile che rende le decorazioni natalizie della tua tavola davvero inglesi? A Natale i cori vanno di casa in casa suonando campanelline (che tu porti in tavola) e cantano le canzoni di Natale. Ora che tutto è impeccabile, devi solo servire un bel tacchino ripieno accompagnato da cavoletti di Bruxelles per sentirti come in terra britannica.

Idee per le decorazioni natalizie della tavola british - Leroy Merlin

Ti è venuta voglia di fare shopping di nuovi addobbi natalizi in stile inglese per la tua casa? Da Leroy Merlin trovi anche tante altre proposte interessanti che possono ispirarti. Dai un'occhiata ai nuovi stili natalizi per una magica atmosfera.

RafaelMaffina
Community Lover
25/10/22-15:10 (modificato)

In alcune zone d’Italia, si pensa a mettere il piumino sul letto già a settembre, magari un modello leggero quanto una trapuntina. Quando poi la temperatura si abbassa ovunque, soprattutto la notte, ecco che insieme al cambio di stagione si tira fuori il copripiumino matrimoniale. Spariscono i copriletti e le lenzuola leggere e arrivano le parure con copripiumino matrimoniale. Proprio come succede con l’abbigliamento dell’anno passato, spesso quello che abbiamo non ci piace più. A volte è colpa del colore un po’ sbiadito, altre è la fantasia che non risponde più ai nostri gusti o al bisogno di dare una rinfrescata all’aspetto generale della stanza. Vediamo come muoversi per scegliere bene il sacco copripiumino matrimoniale.

Tessuti e colori per il copripiumino matrimoniale - Idea Leroy Merlin

Come scegliere il sacco copripiumino

Una camera da letto accogliente è una stanza che ti aiuta a ritrovare il relax. Per questo è importante scegliere dei colori riposanti e circondarsi di ordine. Uno dei vantaggi di usare il sacco copripiumino matrimoniale è proprio la velocità con cui si rifà il letto. Dopo che le lenzuola hanno preso aria, mentre si è nella doccia, ci si veste e si fa colazione, si tira il copripiumino e si sprimacciano i cuscini. In due mosse il letto è fatto. Molto più rapido della parure di lenzuola seguita da copertina e poi copriletto.

Per godersi un buon riposo, però, è necessario curare la qualità dei tessuti di tutta la parure del copripiumino matrimoniale o singolo che sia. Puoi scegliere un copripiumino in tessuto naturale come il cotone che è adatto a tutte le stagioni oppure il lino. Sai perché, pur essendo un tessuto associato alla freschezza estiva, il cotone è perfetto anche per rivestire il piumino invernale? Perché il cotone si adatta alla temperatura corporea e trattiene il calore fornito dal piumino e dal corpo. Il cotone può essere di diverso spessore, ma più la trama è stretta più morbido e resistente risulterà il tuo copripiumino matrimoniale. Vediano le 5 possibiità di scelta per il tuo copripiumino matrimoniale di cotone colorato.

  • Il percalle è un tipo di cotone molto compatto ma leggero e morbido, diffusissimo per la produzione di parure di copripiumini matrimoniali e singoli.
  • C’è poi il rasatello di cotone, molto soffice e liscio, dalla leggera finitura lucida che regala al copripiumino un effetto setoso sofisticato.
  • Ci sono anche modelli di sacco copripiumino matrimoniale in flanella. Una volta questo tessuto leggermente peloso su entrambi i lati era di lana. Oggi lenzuola e copripiumini sono in flanella di cotone, meglio se a trama fitta. Il tocco morbido di questo tessuto lo rende molto piacevole sulla pelle.
  • Nei negozi trovi molti copripiumini realizzati in cotone leggero, si tratta di garza di cotone o mussola. La stoffa è morbida e delicata, ma dalla consistenza leggera visto che tessuta con circa 25 fili per centimetro quadrato contro il 60/80 del percalle leggero o i 120 del raso. Meglio riservare questo tessuto da sacco copripiumino per i modelli più leggeri, che si usano nelle mezze stagioni o per rivestire il piumino estivo fresco.
  • Infine ci sono gli eleganti copripiumini matrimoniali in lino. L’effetto sempre un po’ stropicciato porta sul letto un tocco di eleganza perché mixa il comfort della biancheria tradizionale con l’effetto luxury del tessuto ricercato, ma dall'aspetto ruvido.

    Varianti in cotone per i copripiumini mantrimoniali - Ispirazione Leroy Merlin

Come creare la parure copripiumino matrimoniale

Quello che fa la differenza, in termini di qualità, nella scelta del copripiumino matrimoniale è sicuramente il tessuto. Ma anche i colori e la fantasia contano sull’impatto estetico. Se vuoi vestire il letto secondo le ultime tendenze della decorazione, concentrati sull’effetto mix and match. Il bello è che questa soluzione ti permette di creare combinazioni sempre nuove e personalizzare ogni set, invece di attenerti alla parure copripiumino matrimoniale. Puoi scegliere un mix di cuscini con fodere decorative per abbellire il copripiumino in un colore diverso. Il trucco sta nell'abbinare i colori con eleganza. Puoi giocare il tono su tono tra lenzuola e piumino e poi spaziare tra pattern geometrici per vivacizzare le federe. Puoi scgeliere un coordinato colorato federe e sacco copripiumino matrimoniale da spezzare con il bordo ripiegato di lenzuola tinta unita, oppure puoi fare l’esatto contrario. Le possibilità sono infinite, l’importante è creare sempre un’armonia o un gioco di contrasti piacevoli al colpo d'occhio.

Personalizza i set di lenzuola e copripiumini - Idea Leroy Merlin

Spero di averti aiutato a scegliere meglio i prossimi copripiumini matrimoniali invernali. Se ti servono altri consigli, scrivimi pure. E ricorda sempre di controllare le dimensioni sull'etichetta del piumino così da comprare un sacco che possa contenere comodamente il copripiumino matrimoniale.

RafaelMaffina
Community Lover
25/10/22-08:56 (modificato)

La passiflora caerulea è un rampicante che piace sempre molto. Merito del fascino esotico della sua fioritura dai colori screziati: il Fiore della Passione. Curata con amore, la passiflora caerulea anche in vaso ti può regalare dei cespugli fioriti per tutta l’estate. Tieni presente che questo rampicante esotico può essere coltivato in piena terra solo dove il clime è mite. Per esempio, cresce rigoglioso nei giardini delle case affacciate sul Mar ligure. Quella, però, lo sappiamo, è una zona speciale per le piante: non a caso si chiama la Riviera dei Fiori. Nelle altre zone d’Italia, invece, le variazioni climatiche stagionali possono essere troppo aggressive. Ecco perché, per proteggere la passiflora in inverno, si preferisce coltivarla in vaso, con il giusto terriccio, un’adeguata irrigazione e tutti i trucchi per uno svernamento adatto. Ecco i nostri consigli per imparare come coltivare la passiflora caerulea in vaso.

Come coltivare la passiflora caerulea in vaso

Quando e dove piantare la passiflora in vaso?

La prima cosa da decidere è dove piantare la passiflora caerulea. Puoi prendere una fioriera in legno oppure un vaso di terracotta con un diametro di almeno 50 cm e una profondità di 40 cm. Non usare, invece, vasi smaltati o di plastica perché riducono la circolazione dell’aria all’interno e danneggiano le radici della passiflora. Ti suggerisco di scegliere un vaso che puoi appoggiare su un adeguato supporto a rotelle . Ti accorgerai che è una comodità fondamentale quando per proteggere la passiflora in inverno dovrai spostarla in una posizione riparata.
Attenzione: mai piantare la passiflora fuori stagione. Il periodo adatto per piantare la passiflora cerulea in vaso è tra marzo e giugno, con il clima più mite. Passati questi mesi, evita comunque di piantare nella stagione molto fredda così come in quella molto calda.

Come piantare la passiflora in vaso?

La passiflora caerulea cresce rigogliosa e in salute solo se le fornisci il terreno adatto. Prima di tutto sul fondo del vaso stendi uno strato di ghiaia o ciottoli di argilla. Poi, visto che questo rampicante non ama il terreno calcareo, dovrai creare un mix composto da:

  • 1/2 parte di terriccio non calcareo
  • 1/3 di terriccio universale,
  • 1/3 di compost di foglie ,
  • 1/3 di compost maturo ,
  • un po' di sabbia di fiume.
    Per piantare la passiflora in vaso, prima immergi la zolla con la pianta in un secchio d'acqua così da reidratarla, poi aggiungi il fondo drenante. Versa un poco del composto terroso preparato, inserisci delicatamente la pianta nel vaso e riempi con il resto del substrato. Ora puoi innaffiare abbondantemente la pianta e spargere del pacciame sulla superficie del vaso. La pacciamatura naturale è importante per dare uno strato protettivo che riduce sbalzi di temperatura e umidità.

    Pianta la passiflora caerulea in vasi di terracotta

Quando fiorisce la passiflora caerulea?

In primavera, quando avviene la ripresa vegetativa della pianta, fertilizza la passiflora ogni due settimane con concime liquido arricchito di potassio. Questa piccola attenzione favorirà la fioritura estiva rigogliosa e prolungata.
Il vantaggio di coltivare la passiflora caerulea in vaso è che in estate puoi spostare la pianta in posizione favorevole al suo benessere. Il troppo sole e il caldo estivo possono rallentare la fioritura: quindi, sposta la passiflora in vaso in una posizione di mezz’ombra, soleggiata nelle ore meno intense. Fai anche attenzione che la pianta sia al riparo dalle correnti di vento.
L’irrigazione deve essere costante tutto l’anno, perché la pianta patisce la siccità ma anche l’umidità eccessiva. Controlla sempre che la terra sia asciutta tra una innaffiatura e l’altra. Anche se con una buona pacciamatura mantieni comunque la giusta umidità.

Con il terreno giusto la passiflora in vaso offre una bella fioritura

Come proteggere la passiflora in inverno?

Quando comincia l’autunno devi pensare a come proteggere la passiflora in inverno. Pota la passiflora in vaso in autunno e poi preparala a superare il freddo invernale senza soffrire. Se vivi in una zona dove non si arriva a 0°C, puoi tenere i vasi di passiflora all'aperto, a patto che siano messi contro un muro e riparati dai venti. Ti consiglio di proteggere il vaso con della paglia spessa 10 cm e coprire la pianta con un telo svernante , adatto proprio per proteggere le piante dalle gelate. Da quel momento puoi smettere di annaffiare la passiflora per tutto l’inverno.
Invece, se c’è il pericolo che la temperatura si abbassi, porta in casa la passiflora, in una zona ben illuminata, ma solo se il riscaldamento non è elevato. Continua a innaffiare la pianta, sempre con moderazione perché non deve rimanere mai acqua nel piattino sotto vaso. Di tanto in tanto, vaporizza nuvole di acqua sulle foglie. Non appena il rischio di gelate è terminato, riporta all’aperto la pianta. Anche in inverno, nelle belle giornate tiepide porta la passiflora a fare un giretto all’aria aperta: un giretto soleggiato le farà solo bene.

Scopri dove piantare la passiflora caerulea

La passiflora caerulea in vaso può crescere parecchio. Una bella idea può essere costruire una fioriera salvaspazio dove le tue piante possono stare comode. Anche se non hai una grande esperienza nei lavoretti fai-da-te, segui il video tutorial con le spiegazioni passo, passo. Vedrai che è davvero facile assemblare una bella cassetta di legno per i fiori.

RafaelMaffina
Community Lover
24/10/22-16:10 (modificato)

All’estero addobbare il bar a Natale è una tradizione. Pub, bistrot e ristoranti non fanno economia su luminarie, ghirlande e decorazioni in genere perché sanno che l’atmosfera natalizia ha un potere magnetico sorprendente sulla clientela.
Da novembre in poi tra un locale spoglio di decorazioni e uno ricco di colori, festoni, palline e stelle di Natale, non c’è partita. Con una variegata composizione di addobbi natalizi il bar diventa più allettante.
A tutti piace avvertire la magia delle feste, perché si assapora la gioia unica e mai dimenticata che i bambini provano in questo periodo dell’anno. Addobbare un bar per Natale serve ad attrarre le famiglie con i bambini a spasso, per una cioccolata dopo la scuola o una pausa calda dopo la passeggiata.
Attira i colleghi di lavoro che vogliono brindare con un aperitivo l’arrivo del weekend, riunisce le compagnie di amici che bevono un drink mentre cominciano a scambiarsi i regali, e accoglie le mamme per il rito della colazione dopo avere lasciato i figli a scuola. Vediamo quindi come addobbare il bar per Natale con piccoli ritocchi d’effetto.

Come addobbare il bar con uno stile natalizio accogliente- Idea Leroy Merlin

Come addobbare il bar per Natale

Sei sei proprietario di un bar, in questo periodo dell’anno sai che devi assicurare ai tuoi clienti un clima il più possibile gioioso. Un conto è servire un caffè di fretta la mattina, un altro è invogliare a fermarsi, sedersi al tavolo e ordinare qualcosa di più. L’arredamento è fondamentale per rendere l'abiente accogliente. Sotto Natale, però, per assicurare un clima festoso ai tuoi clienti devi scegliere gli addobbi natalizi per un bar dove Babbo Natale potrebbe sentirsi a casa. Da dove cominciare? Parti dall’esterno, la tua vetrina deve essere il più possibile natalizia. Decora il vetro con la neve spray e poi appendi tante stelle di legno color oro e bianco argento. Puoi anche aggiungere una scenografica stella luminosa, farà luce all'interno e attirerà anche l’attenzione dei passanti.

Si comincia dalla vetrina ad addobbare il bar per Natale- Idea Leroy Merlin

I colori per addobbare il bar a Natale

Sul catalogo di Leroy Merlin trovi tante suggestioni che possono ispirarti per decidere come addobbare il bar per Natale. Ma se punti sui colori tradizionali non puoi sbagliarti: oro, rosso e verde sono insuperabili per portare l’atmosfera natalizia nella stanza. Dissemina vasi di Stelle di Natale di verie dimensioni in diversi punti dell’ambiente. I colori sono gli stessi che puoi usare per i morbidi cuscini in tessuto tartan da mettere su sedie e panche. Tra gli scaffali alle spalle del bancone bar fai correre le ghirlande verdi decorate con grossi lecca lecca finti
e fili di piccole luci led che evidenziano le bottiglie. Aggancia ai portabicchieri sopra la tua testa nastri dorati con appese palline colorate rosse e verdi. Gli addobbi natalizi di colore oro, rosso e verde rendono il bar più invitante di altre scelte più azzardate come il viola o il blu.

Idee colorate per gli addobbi natalizi del bar- Ispirazione Leroy Merlin

Luci e decorazione natalizie per un bar accogiente

Per dare la giusta enfasi agli addobbi natalizi nel bar le luci sono fondamentali. Se non hai tempo per addobbare l’albero di Natale, ti consiglio di utilizzare un albero già decorato. Oppure puoi coinvolgere i clienti del tuo bar, invitandoli a realizzare delle decorazioni fai-da-te da appendere direttamente: offrirai un premio per la decorazione più bella.
Scegli il punto adatto per il tuo albero, deve essere un posto visibile (meglio se anche dalla vetrina) che non sia d’ostacolo ai posti a sedere. L’ideale è un albero di Natale imponente che arrivi quasi al soffitto del bar, più è grande e colorato e più attrae clienti. Aggiungi ai suoi piedi qualche finto pacchetto infiocchettato
e una bella renna luminosa. Non dimenticare di abbellire i posti a sedere, scegli delle tovagliette natalizie e sistema su ogni tavolino moderni alberi di Natale dorati luminosi . Offrono una soluzione decorativa perfetta per i tavoli e per addobbare il bar a Natale con eleganza.

Personalizza le decorazioni natalizie sui tavolini del bar-Idea Leroy Merlin

La tradizione classica dà sempre molte certezza, ma dai un’occhiata anche ad altri stili di decorazioni natalizie. Puoi trovare ispirazioni originali per addobbare il bar a Natale con un tocco più personale.

.

RafaelMaffina
Community Lover
24/10/22-11:28

Se anche tu hai uno due micetti in casa sai che condividere con loro la quotidianità è fonte di grande gioia. Ma sai anche che non sempre è facile adattarsi alle reciproche abitudini. Ogni anno per esempio si ripropone il problema di come fare l’albero di Natale a prova di gatto. I mici sono giocherelloni e soprattutto molto curiosi. Appena vedono qualcosa di nuovo in casa non riescono a essere indifferenti. Si avvicinano, ispezionano, toccano. Se poi sono oggetti luccicanti, che si muovono o rotolano per loro è una pacchia. Anche se sono gattoni cresciuti, si mettono a giocare con micini appena nati.
Quindi decorare un albero di Natale con un gatto in casa è sempre un’impresa faticosa. Però io non ci rinuncio. Con gli anni ho adottato qualche trucco che adesso condivido con te.

Idee a prova di gatto per decorazioni e addobbi di Natale- Ispirazione Leroy Merlin

Compra l'albero di Natale adatto a un gatto

La prima abitudine che ho modificato da quando ho preso il primo gatto è stata comprare un albero di Natale finto da decorare con addobbi natalizi a prova di gatto. Questo perché gli abeti veri, per quanto sia piacevole e natalizio il profumo che diffondono, perdono troppi aghi. Per evitare che il gatto trovi aghi ovunque e finisca per masticarli, cosa che potrebbe fargli molto male, ho acquistato un albero di Natale artificiale. Quando il gatto era piccolo, ho scelto un albero di media altezza In questo modo anche se il micio, giocando con qualche addobbo, sbilancia l’albero e lo fa cadere non rischia di farsi male. Adesso che i gatti in casa sono grandi e sono abituati anche agli addobbi natalizi, ho comprato un albero di Natale folto e imponente. Ma l’ho fatto solo quando ho avuto la certezza che le mie due tigri erano al sicuro.

L'abero di Natale artificiale è a prova di gatto in casa- Idea Leroy Merlin

Come fare l'albero di Natale a prova di gatto

Un ottimo trucco per decorare l’albero di Natale con gatto in casa è non farlo subito. Visto che molti gatti amano arrampicarsi, assicurati di sistemare l'albero in modo che non si rovesci facilmente. Con lo spago puoi legare il tronco nella parte superiore così da fissarlo più saldo alle parete alle spalle dell’albero. Una volta messo in sicurezza, aspetta qualche giorno prima di cominciare ad aggiungere le decorazioni. In questo modo il micio ha tutto il tempo necessario per ispezionare l’intruso, e per annoiarsi della sua presenza. Questa piccola accortezza ti permette di procedere con maggiore tranquillità con la distribuzione di addobbi natalizi a prova di gatto in casa. Se il tuo gatto è un acrobata, cerca di trovare una collocazione per l'albero di Natale distante da mobili o mensole. Sono come trampolini di lancio verso l’albero di Natale: una tentazione irresistibile per i gatti intrepidi. Se vuoi avere la certezza che non scambi l’albero per una palestrina indoor pronta per l’uso opta per un albero di legno da parete , minimale, elegante e luminoso.
Un altro trucchetto per rendere addobbi e l’albero di Natale a prova di gatto è circondare la base con le pigne e spruzzare un po’ di aceto di mele, o di essenza agli agrumi . Puoi anche aggiungere le scorze degli agrumi alle pigne. I gatti preferiscono tenersi alla larga dai profumi di aceto di mele, di arancia e di limone.

Alternative all'albero di Natale per il gatto in casa- Idea Leroy Merlin

Quali addobbi natalizi usare con un gatto in casa

Veniamo alla parte più difficile: decorare un albero di Natale quando hai un gatto in casa può essere rischioso. I gatti sono attirati dalle luci colorate e dagli oggetti luccicanti: se allungano una zampa o saltano possono buttare a terra palline e strappare fili. Come si fa quindi ad addobbare un albero di Natale a prova di gatto?
Puoi adottare diverse strategie o combinarle insieme, qui ti consiglio qualche trucchetto provato personalmente. Oggi che i miei micioni sono abituati alle festività natalizie non ne ho più bisogno. Ma per anni questi suggerimenti mi hanno permesso di fare l’albero di Natale con due gatti in casa.

  • Rinuncia alle palline, perché attirano la curiosità dei gatti. Puoi optare per uno stile più naturale e rustico e decorare l’albero di Natale con le pigne innevate. Ci sono anche alternative colorate che ti permettono di sfoggiare un mood nordico, come fiocchi di tessuto colorato scozzese oppure le calze e cappelli di Babbo Natale. Le alternative ai pendagli lucidi e luccicanti ci sono e si rivelano ottimi addobbi natalizi a prova di gatto.
  • Se vuoi comunque provare a mettere le palline, scegli solo sfere colorate di plastica e mai di vetro. Lasciane qualcuna a terra accanto all’albero così che il gatto abbia le sue palline con cui giocare. Fai solo molta attenzione tu a non cadere.
  • Presta attenzione anche alle luci dell'albero di Natale. Quando sistemi i fili, posizionali verso l’interno dell’albero e ben arrotolati ai rami, così il gatto non vi possa infilare una zampa o masticare.
  • I mici impazziscono anche per i festoni luccicanti e, soprattutto la notte mentre tu dormi, si metteranno di impegno per farli cadere, portandosi dietro tutto il resto. Meglio rinunciare.
  • Se ti piace l’effetto luminoso, una buona alternativa è sostituire il tradizionale abete con un albero a cono. Nessun festone colorato, zero palline e pendagli scintillanti, solo un [albero di Natale di design
  • con tante luci](https://www.leroymerlin.it/prodotti/giardino-e-terrazzo/natale/alberi-di-natale/tutti-gli-alberi-di-natale/alberi-di-natale-con-luci-incorporate/albero-conico-nero-h-200-cm-88279168.html) led colorate. L’esempio perfetto di albero con addobbi natalizi a prova di gatto.

    Decorazioni per l'albero a prova di gatto- Ispirazione Leroy Merlin

Spero che questi consigli ti siano di aiuto come lo sono stati per me quando dovevo fare l'albero di Natale con due gatti in casa frenetici come terremoti. Se ti servono suggerimenti scrivimi nei commenti, per me è sempre un piacere cercare di essere di aiuto.