Community

Home
Magazine della casa

Magazine della casa

Vivi la tua passione per la casa e il giardino, scopri le ultime tendenze di stile e trova nuovi spunti per i tuoi progetti con gli articoli della nostra redazione.
Tutti gli articoli
I miei articoli
Creare un articolo
Tutto Bagno e arredo bagnoGiardino e TerrazzoDecorazione e IlluminazionePavimenti e rivestimentiVerniciCucinaOrdine e sistemazioneFalegnameria ed EdiliziaUtensileria e FerramentaFinestre, porte e scaleElettricità, automazioni e Smart HomeClimatizzatori, stufe e idraulicaNataleEventi e iniziative community
GiulioM
Community Starter
27/02/23-13:54

Hai una cucina in muratura e non sai come chiudere nicchie e vani senza ricorrere alle classiche ante? Questo è un problema che si manifesta anche quando si dispone di una cucina tradizionale, composta da mobili e scaffali aperti. Si tratta di spazi certamente utili per riporre pentole e utensili, ma che è bene tenere al riparo da polvere e sguardi curiosi. Le tendine sono una valida alternativa alle ante richiudibili perché permettono di donare un aspetto tutto nuovo alla cucina, a costi contenuti e con tempi di realizzazione piuttosto rapidi. Scopriamo perché le cucine con tendine al posto della ante sono un’ottima soluzione e passiamo in rassegna alcune idee da cui trarre ispirazione in base allo stile dell’arredamento.

Le tendine sono una valida alternativa alle ante richiudibili - Corporate

Perché le cucine con tendine al posto delle ante sono un’ottima idea

Chiudere i mobili della cucina con le tende è un’ottima idea per chi è alla ricerca di una soluzione creativa, economica e versatile. Preferire le tende alle ante, infatti, ti permette di chiudere vani aperti in modo non definitivo e sempre trasformabile. Se un giorno dovessi decidere di rinnovare il look della cucina o dovessi stancarti del colore o della fantasia delle tende, sarà sufficiente sostituirle con delle tende nuove. Potrai cambiare stile tutte le volte che vorrai! In termini di budget, questa soluzione si rivela certamente più economica rispetto alla sostituzione delle ante.
Le tende, inoltre, hanno un grande potere decorativo. Puoi scegliere tra un’infinità di motivi e colori per personalizzare la stanza e donarle un carattere unico. Il consiglio è puntare sui tessuti perché riscaldano l’atmosfera e rendono la cucina un luogo estremamente accogliente. In ogni caso, la raccomandazione è scegliere le tendine che si abbinano meglio al resto dell’arredamento, così da ottenere un risultato finale armonioso ed equilibrato.
Da non sottovalutare anche il fatto che le cucine con tendine al posto delle ante permettono di guadagnare spazio prezioso. Un’anta classica, infatti, per essere aperta ha bisogno di circa 80 cm di spazio. Le tende si rivelano la soluzione perfetta se la metratura che hai a disposizione è piuttosto ridotta e hai bisogno di tenere il passaggio libero dagli ingombri. Le tendine al posto delle ante, infine, sono vantaggiose perché sono facili da montare e non richiedono particolari attenzioni in termini di pulizia e manutenzione.

Tessuti, colori e motivi

I motivi, i tessuti e i colori tra cui puoi scegliere sono numerosi. Le cucine con tendine al posto delle ante, infatti, si adattano alla perfezione a tutti gli stili di arredamento. A fare la differenza sono le caratteristiche del tessuto, la fantasia, la tonalità e i decori. La guida “Come scegliere le tende giuste per la casa” può esserti d’ispirazione per trasformare e completare la decorazione della tua stanza. Per quanto riguarda i tessuti, le tende in lino o in cotone sono perfette per donare alla stanza un senso di spazio e leggerezza. Molto gettonati sono anche i tessuti traslucidi che assicurano un effetto “vedo-non vedo”, lasciando intravedere ciò che c’è all’interno dei mobili, e i tessuti opachi, che mimetizzano perfettamente il contenuto dei vani.
Se desideri donare un tocco di movimento alla cucina, il consiglio è optare per delle tendine morbide. Per quanto riguarda i colori e i motivi, puoi scegliere tra tinta unita e fantasia. Le tende a fantasia sono una scelta azzardata, soprattutto se decorate con motivi eccentrici. Se armonizzate rispetto al contesto in cui sono inserite, però, contribuiscono a caratterizzare lo stile della cucina, diventando quasi le protagoniste della stanza. L’importante è mantenere un certo equilibrio tra gli elementi decorativi della cucina, senza sovraccaricarla, per non perdere la sensazione di accoglienza che solitamente si ricerca in questo ambiente della casa.
Che la tua scelta ricada su tendine a tinta unita o su tendine a fantasia, presta attenzione alla scelta dei colori. Quelli chiari, come il bianco, donano luminosità alla stanza e si adattano con eleganza a tutti i tipi di mobili e complementi d’arredo. Se, invece, sei un amante dei colori decisi, nulla ti vieta di optare per delle tendine più vivaci e allegre o di colore scuro. L’imperativo di massima è non eccedere perché basta poco per trasformare la cucina in un luogo confusionario.

Tendine a tinta unita dalle tonalità chiare - Casa Pini IG

Qualche idea di stile

Chiudi i mobili a vista con delle tendine ricche di balze dal gusto vintage. Se si abbinano all’arredamento della stanza, anche quelle decorate con fantasie floreali sono perfette. Per evocare un’atmosfera d’altri tempi, come quella rustica o tipica delle trattorie tradizionali, chiudi i vani aperti della cucina con delle tendine a quadretti bianchi e rossi. Puoi trovare altre ispirazioni in stile shabby chic, nell’articolo “Tutto quello che non può mancare in una cucina in perfetto stile shabby chic”. In alternativa, le tende ricavate da sacchi di tela grezza, come quelli del caffè, sono perfette per le cucine in stile rustico e si adattano anche ai contesti più contemporanei. Via libera a tessuti di juta o canapa! Per una cucina d’ispirazione più romantica, le tendine con trame (come quelle del merletto) sono l’ideale. Per le case al mare, le cucine con tendine al posto della ante realizzate con stuoie in paglia sono molto caratteristiche perché spiritose, economiche e adatte al contesto in cui sono inserite.

Tessuti naturali per le tendine - Corporate

Coprire tutti i mobili oppure no?

Quando si arredano cucine con tendine al posto delle ante, uno degli interrogativi su cui aleggiano più dubbi riguarda l’estensione della copertura. È preferibile coprire con le tende tutti i mobili della cucina o solo quelli a vista? Dipende dal tuo gusto personale. Estendendo la copertura con le tende lungo tutta la cucina, otterrai un risultato più uniforme. Se opti per questa soluzione, tieni a mente che non dovrai per forza tenere le tende tutte chiuse: l’ideale è lasciarne aperta qualcuna, così da rivelare in parte gli scaffali.

Un consiglio per rendere la composizione più sofisticata è schermare le aperture con delle modanature. Installa le tende subito dietro e otterrai un effetto più elegante. Non dimenticare, infine, di scegliere i bastoni giusti, abbinando i colori con il resto dell’arredamento. Un suggerimento? Scegli bastoni che richiamino, nei materiali e nei colori, i pomelli o le maniglie dei mobili su cui sono installate le tende.

Coprire con le tendine solo alcuni vani - Bela Gebara Arquitetura IG

Non ti resta che scegliere la soluzione che più si adatta al tuo gusto e allo stile dell’arredamento! Come avrai notato, puoi letteralmente sbizzarrirti in fatto di colori, tessuti e motivi. Adottando gli accorgimenti giusti, basterà davvero per donare alla tua cucina un aspetto unico. Se hai bisogno di un consiglio o hai domande da fare, lascia un commento: sono qui per aiutarti.

Claudia M
Community Starter
27/02/23-11:37 (modificato)

Con l’arrivo della bella stagione, abbronzarsi sul terrazzo di casa o rilassarsi in giardino in compagnia di un buon libro è il desiderio di molti. Perché lasciare che gli sguardi indiscreti di vicini e passanti interrompano questi momenti di piacere? Soprattutto in città, è fondamentale riuscire a tutelare l’intimità e la riservatezza di questi spazi. Se sei un amante della natura, il verde è la soluzione ideale per creare un po’ di privacy e, allo stesso tempo, arredare e abbellire. Rispetto alle recinzioni, le piante sono certamente più attraenti e assicurano il giusto livello di luce e ariosità! Ecco 10 piante coprenti perfette per godere a pieno dei tuoi affacci all’aria aperta:

  • Bambù
  • Falso cipresso
  • Ginepro
  • Nandina domestica
  • Ortensia
  • Rododendro
  • Rosa
  • Tasso comune
  • Tuia
  • Piante rampicanti

Le piante coprenti perfette per la privacy in giardino - Leroy Merlin

Il Bambù

Se sei alla ricerca di una pianta che possa fungere da divisorio o da separé, il Bambù è perfetto. Versatile e robusto, è un valore aggiunto per gli spazi all’aperto. Per farlo crescere rigoglioso, posizionalo in un luogo riparato e soleggiato. Prediligi un concime ricco di azoto e piantalo in file per creare delle siepi. Attenzione: le radici del Bambù si intrufolano ovunque, quindi scegli vasi robusti e, se possibile, proteggi il pavimento.

Il Falso cipresso

Il Falso cipresso è un albero che si presta bene alla creazione di siepi folte e coprenti. Dalla forma conica e dalla chioma slanciata, è particolarmente apprezzato per le sue foglie, piccole e molto decorative. Con una buona potatura, l’albero può assumere la forma che più desideri. Forbici e cesoie di qualità non possono mancare per eseguire un lavoro di potatura a regola d’arte! Il Falso cipresso è una delle piante coprenti sempreverdi più diffuse, è molto resistente ed è disponibile in oltre 200 varietà.

Il Ginepro

Diversi per forme e dimensioni, i Ginepri sono molto scenografici perché hanno un colore che va dal blu/verde all’oro. Si sviluppano verticalmente e, per questo, sono l’ideale per creare coperture per giardini e terrazzi. Sono piante coprenti che si adattano alla perfezione ai climi più rigidi e sono disponibili in numerose varietà. Quelle che sviluppano grappoli di colore blu e verde sono tra le più belle!

La Nandina domestica

Perfetta per creare una siepe di media altezza nel tuo spazio all’aperto, la Nandina domestica è una pianta sempreverde che durante la stagione invernale, sviluppa piccole bacche di colore rosso, d’estate piccoli fiori di colori bianco, mentre in autunno il suo fogliame si tinge di rosso: lo spettacolo è assicurato! La Nandina domestica non richiede particolari attenzioni in termini di manutenzione, si adatta bene a qualunque condizione climatica e può essere posizionata sia al sole che all’ombra.

L’Ortensia

Nonostante l’Ortensia sia considerata un arbusto, è disponibile anche in varietà a crescita rapida. Queste ultime sono perfette per garantire la giusta privacy, soprattutto se piantate come se fossero un bordo vero e proprio. Se opti per questo genere di pianta coprente, inoltre, potrai godere di bellissimi fiori, dall’inizio dell’estate alla fine della stagione autunnale.

L’ortensia, pianta coprente dai bellissimi fiori - Corporate

Il Rododendro

Il Rododendro è un arbusto fiorito sempreverde originario dell’Eurasia e dell’America. È molto versatile e, all’occorrenza, può essere utilizzato per formare delle siepi molto vigorose. Il fogliame è lucido e di colore verde intenso. Alcune specie resistono bene al freddo e le fioriture primaverili sono estremamente luminose!

La Rosa

Fiori dal fascino senza tempo, le Rose, oltre ad essere molto belle, si prestano bene alla creazione di siepi miste in giardino. Le varietà tra cui puoi scegliere sono numerose: la Wild Edric è perfetta per creare bordure fitte e rigogliose, caratterizzate da fioriture abbondanti. I fiori sono grandi, il colore delle Rose è rosa intenso e la pianta cresce fino ad un metro e mezzo di altezza. Potrai godere di un profumo inebriante e penetrante. Non sai da che parte iniziare? Dai un’occhiata all’articolo “6 consigli per coltivare le rose a cespuglio”.

Profumati cespugli di rose - Corporate

Il Tasso comune

Il Tasso è una pianta sempreverde dal grande potere ornamentale ed estremamente facile da coltivare. Ne esistono di diverse tipologie: si va dai tassi a bassa crescita alle varietà più alte. Quelle piramidali o verticali sono piante coprenti perfette per creare schermate e bordi. Si tratta di alberi molto resistenti al freddo e all’ombra parziale.

La Tuia

Anche conosciuta come “albero della vita”, la Tuia è una pianta da siepe sempreverde molto decorativa. Originaria dell’Alaska, è adatta per creare siepi folte e dense, è resistente al freddo ed è di facile manutenzione. È molto simile al Tasso, tranne per il fatto che non tollera potature troppo aggressive! Molte varietà di Tuia, infatti, mantengono la propria forma per lungo tempo, anche senza potatura. L’importante è posizionare queste piante coprenti in un luogo soleggiato, al riparo dal vento.

Le rampicanti

Le piante rampicanti sono perfette per creare fitti grovigli che non solo arredano e profumano, ma che possono anche fungere come frangivista. Installa dei grigliati dove fare crescere queste piante coprenti, così che, ad esempio in terrazzo, non si arrampichino sulla ringhiera, danneggiandola. La guida “Come scegliere recinzioni e frangivista per giardini e balconi” può esserti d’aiuto per fare la scelta giusta. Per quanto riguarda la specie, il consiglio è optare per una pianta sempreverde, in modo da avere un’ottima copertura durante tutto l’anno.
Il tuo spazio all’aperto è in ombra? L’Edera è perfetta. Si tratta di una delle piante coprenti più note, che cresce spontaneamente sui muri delle case o attorcigliata alle ringhiere. È molto resistente e si adatta facilmente al contesto in cui viene inserita: l’ideale se non hai il pollice verde, ma non vuoi rinunciare ad una copertura rigogliosa. Se, invece, il tuo outdoor è più soleggiato, il Falso gelsomino è un’ottima alternativa. È molto profumato e regala una ricchissima fioritura tra i mesi di aprile e maggio. In vaso o messo a dimora in piena terra in giardino, è perfetto da utilizzare come pianta da siepe perché occulta completamente le recinzioni sulle quali cresce.

Piante rampicanti, le più utilizzate per godere della giusta privacy - Corporate

Delimitare un giardino o un terrazzo con il verde, adottando gli accorgimenti giusti, si rivela più facile del previsto. Quelle che ti ho proposto sono solo alcune delle piante coprenti tra cui puoi scegliere per assicurare il giusto livello di privacy al tuo spazio all’aperto e tenerlo al riparo da sguardi indiscreti. Se hai altre soluzioni da proporre o hai qualche domanda da fare, lascia un commento.

Claudia M
Community Starter
27/02/23-11:26 (modificato il 21/01/24-10:08)

Arredare il giardino con gusto ed eleganza significa avere la possibilità di vivere momenti di relax in un ambiente accogliente e confortevole dopo un’intensa giornata di lavoro...senza allontanarsi di casa. Sei un amante dello stile vintage e ti piacerebbe donare al tuo giardino un aspetto retró? Ti spiego quali sono le caratteristiche di questo mood e quale arredo giardino vintage prediligere per fare un tuffo nel passato e lasciarti avvolgere da un’atmosfera magica, calorosa e familiare.
Ispirazioni per arredare un giardino in stile vintage - Leroy Merlin

Le caratteristiche dello stile vintage

Lo stile vintage ha un fascino senza tempo ed è una tendenza sempre attuale che domina nel mondo della moda, della musica e del design. Arredare un giardino in stile vintage significa quindi evocare sensazioni ed emozioni eterne, attraverso elementi che fanno percepire l’ambiente in cui sono inseriti come qualcosa di importante, che più passa il tempo e più acquisisce valore. Significa ispirarsi al passato e adattarlo al presente. Se opti per un arredo giardino vintage, l’obiettivo è valorizzare la natura, l’imperfezione e l’essenzialità. Spazio quindi alle venature del legno e al suo inconfondibile profumo, alla pietra naturale, alla terracotta e al ferro battuto. Presta molta attenzione anche alla scelta dei colori: tra colori neutri, tenui e vivaci, hai letteralmente l’imbarazzo della scelta. Il bianco e il nero sono perfetti da accostare alle tonalità più delicate; le tinte pastello (rosa, verde, azzurro) rendono l’atmosfera romantica; le palette con colori vivaci, come l’arancione e il fucsia, sono un chiaro richiamo agli anni ‘70.
Scegliere gli arredi, i colori e i materiali giusti per creare un giardino in stile vintage - Leroy Merlin

Arredo giardino vintage: il tavolo e le sedie

L'elemento d'arredo che non può assolutamente mancare in un giardino è il tavolo da pranzo, ideale per creare una zona conviviale dove trascorrere momenti indimenticabili in compagnia degli amici...e quando si parla di stile vintage, un tavolo allungabile in legno è sicuramente la scelta più azzeccata. Per quanto riguarda le sedute, si può anche puntare sulle divertenti e praticissime sedie pieghevoli in acciaio colorato oppure, in alternativa, si può considerare l’idea di sistemare un'originale panchina da giardino lungo i lati del tavolo.
Scegliere il tavolo e le sedie per il giardino vintage - Leroy Merlin

I vasi e le fioriere

In uno spazio outdoor, le piante e i fiori sono importantissimi perché, con i loro colori brillanti e i profumi intensi, contribuiscono a definire lo stile d'insieme. Per assecondare il mood bisogna però scegliere anche i contenitori adatti e in un giardino vintage i vasi in terracotta sono di certo la soluzione ideale. In alternativa, o abbinati ai vasi di terracotta, si possono utilizzare dei capienti cesti di vimini oppure ancora qualche bacinella in lamiera zincata che, in modo originalissimo, potremo anche trasformare in un sorprendente mini-laghetto per ninfee!
Idee per completare il giardino in stile vintage con vasi e contenitori per piante - Leroy Merlin

Un gazebo romantico

Se il tuo giardino è di dimensioni generose, installa un bel gazebo a pianta quadrata, circolare o ottagonale in base allo spazio disponibile: non esiste un arredo più romantico di una copertura di questo tipo! Il consiglio è optare per un gazebo in ferro con copertura idrorepellente che coniuga le forme del passato alle più attuali esigenze di tipo pratico e funzionale, come la resistenza al vento e alle intemperie: il tuo giardino guadagnerà un fascino fiabesco che lascerà a bocca aperta tutti i tuoi ospiti. Non dimenticarti di abbellirlo con qualche pianta rampicante e con altri complementi da appendere, sempre in stile vintage.
Ispirazioni per inserire un gazebo vintage in giardino - Leroy Merlin

L’illuminazione in stile retró

Le luci, in un giardino in stile vintage, devono illuminare gli spazi in modo efficace e al tempo stesso assecondare l'estetica delle lampade di una volta. Il suggerimento è scegliere delle lanterne portacandela da appoggiare per terra con scopo decorativo e delle applique da esterno in stile vintage che invece servono per l'illuminazione funzionale. Gli elementi con finitura anticata sono da prediligere perché sembreranno usciti direttamente da un'abitazione del secolo scorso. L’obiettivo è creare un’atmosfera suggestiva e rilassante giocando con le luci e le ombre che mettono in risalto gli angoli del giardino che desideri valorizzare.
Come illuminare il giardino in stile vintage - Leroy Merlin

Altri complementi per un arredo giardino vintage

Riempire un giardino in stile vintage di oggetti e di complementi che ci ricordano il passato è una tentazione fortissima, ma è meglio non esagerare perché il rischio di creare un insieme disordinato e poco armonioso è dietro l’angolo. Il consiglio è puntare su un elemento d'effetto, come un dondolo sospeso con finitura bronzo anticato, e concentrare lì i nostri "desideri decorativi", appoggiandovi sopra qualche cuscino di lino in tonalità neutra e un morbido plaid
in cotone a fantasia check
. Per completare l'insieme , si può anche aggiungere - a terra -un tappeto rotondo con microstampa geometrica accentuando in questo modo l'immagine retró.
Idee per inserire accessori e complementi vintage nel giardino in stile retró - Leroy Merlin

Sono riuscita a ispirarti per arredare il tuo giardino in stile vintage? Se non sai come coniugare esigenze estetiche e funzionali, puoi affidarti anche alla guida “Come scegliere i mobili da giardino” in cui troverai tanti altri consigli utili. Se, invece, hai bisogno di un consiglio per il tuo progetto, lascia un commento: ti risponderò in tempi brevi.

Claudia M
Community Starter
27/02/23-11:01

Avere un giardino è una vera e propria fortuna, anche se piccolo e posto all’ingresso di casa. Se, poi, hai anche poco tempo a disposizione per tenerlo in ordine e viverlo durante le belle giornate, le dimensioni, più che un limite, si rivelano un’opportunità vantaggiosa. L’importante è organizzare il tuo spazio all’aperto in modo intelligente per renderlo confortevole e accogliente. Ecco alcune idee su come arredare un piccolo giardino davanti casa, senza rinunce e con un occhio di riguardo all’estetica e alla funzionalità.

Un piccolo giardino di design davanti casa - Leroy Merlin

Un progetto ben dettagliato

Come arredare un piccolo giardino davanti casa? È essenziale sfruttare al massimo ogni angolo a disposizione. Questo non significa creare un bazar o rinunciare al gusto e allo stile, ma mettere a punto un progetto il più dettagliato possibile, che abbia come obiettivo quello di rendere armonioso ed equilibrato l’insieme. In fase di progettazione, infatti, è indispensabile che tu riesca a bilanciare in modo sapiente tutti gli elementi (naturali e non) che andranno ad abitare lo spazio. Valuta gli ingombri e fai in modo che ogni cosa sia proporzionata rispetto al contesto in cui è inserita.
Devi avere le idee chiare sulla destinazione d’uso del tuo spazio all’aperto. Se non sai come arredare un piccolo giardino davanti casa, la definizione delle esigenze da soddisfare è il punto di partenza. Vuoi sfruttare la tua area verde per creare un piccolo orto? Desideri allestire un piccolo angolo relax? L’intenzione è destinare lo spazio ai momenti di convivialità con amici e familiari? Rifletti su questo aspetto: immaginare il risultato finale ti permetterà di fare le scelte giuste in fase di progettazione e di ottenerlo con più facilità.

Il progetto di design curato nei minimi dettagli - Leroy Merlin

Spazio al verde

Una delle idee più apprezzate su come arredare un piccolo giardino davanti casa e adibire un piccolo sentiero pavimentato che conduce gli ospiti all’ingresso di casa e circondalo di piante e fiori per rendere l’insieme accogliente e naturale. Il consiglio è evitare piante che occupano troppo spazio. Piuttosto, prediligi specie piccole e colorate, così da donare luminosità al giardino.
Se lo spazio lo consente, puoi creare delle aiuole. Non sai da che parte iniziare? L’articolo “Come creare delle aiuole nel tuo giardino” può esserti utile. Se, invece, non hai molto spazio a disposizione, valuta l’idea di creare delle aiuole pensili, che si sviluppano in verticale piuttosto che in ampiezza. Perché poi non puntare sulle piante aromatiche? L’ideale per averle sempre a portata di mano e impreziosire i tuoi piatti. È vero, non sarà come avere un orto… ma riceverai comunque grandi soddisfazioni. Via libera anche alle piante rampicanti e agli arbusti (perfetti per formare delle siepi e proteggere il tuo piccolo giardino da sguardi indiscreti).
Se reputi interessante questa idea su come arredare un piccolo giardino davanti casa, tieni a mente che il verde necessita di cure quotidiane. Alcune delle piante che sceglierai potrebbero non richiedere un apporto idrico costante, altre, invece, sì. Se sai già di non poter soddisfare il loro fabbisogno con puntualità, metti in preventivo l’installazione di un sistema di irrigazione.

Le aree pavimentate

Se sei un amante del verde, un bel tappeto erboso in stile inglese (o, in alternativa, un bel prato di erba sintetica) fa da protagonista nel tuo piccolo giardino. Se decidi di arredarlo con mobili e complementi, ti consiglio di riservare una parte di prato al pavimento. Per arredare uno spazio all’aperto, infatti, è indispensabile predisporre una pavimentazione resistente che faccia da base per i mobili. Vuoi ottenere un effetto il più naturale possibile? Opta per un pavimento da esterno in pietra o in legno.

Le aree pavimentate - Leroy Merlin

Come arredare un piccolo giardino davanti casa: cosa non può mancare

Quando si parla di arredo giardino, gli accorgimenti da adottare sono validi sia per gli spazi all’aperto di grandi dimensioni che per quelli di dimensioni meno generose. Rispettando alcune semplici indicazioni, infatti, non dovrai rinunciare a nulla, neanche ai dettagli che sarebbero impensabili in un piccolo giardino.
Partiamo dal progetto illuminotecnico. Punta sulle applique o, meglio ancora, su complementi che, allo stesso tempo, illuminano e arredano, lasciando libero lo spazio che, diversamente, avresti destinato a piantane e lampioni. Se la tua idea è sfruttare il giardino davanti casa per momenti di convivialità, un set di sedie e tavolo (pieghevole, per chiuderlo e limitarne l’ingombro quando non serve) non può mancare.
Il tuo spazio all’aperto lo immagini come un’area relax? Ritaglia piccoli angoli di intimità e sistema un salottino da esterno con qualche cuscino per rendere le sedute più comode. L’ordine, in un giardino di piccole dimensioni, è indispensabile. Un’ottima idea è inserire un box da esterno in cui riporre gli attrezzi per il giardinaggio e per il barbecue: l’ideale per nascondere alla vista tutto ciò che non utilizzi quotidianamente e che, se non riposto adeguatamente, crea caos e disordine.

Set di sedie e tavolo da esterno - Leroy Merlin

Idee arredo giardino in base allo stile

Non sai come arredare il tuo piccolo giardino davanti casa e sei alla ricerca di ispirazione per lo stile dell’allestimento? Dai un’occhiata alle nostre idee giardino e arredo giardino per prendere spunto. Tieni a mente che ogni spazio all’aperto, indipendentemente dalle sue dimensioni, deve rispecchiare i gusti di chi lo progetta e lo vive. Evita limiti, rigidi paletti e costrizioni e ricorda che le contaminazioni tra stili diversi sono sempre ammesse perché in grado di regalare grandi soddisfazioni!
Anche se il tuo giardino copre pochi metri quadri, averlo è una fortuna. Segui le indicazioni che ti ho fornito e sfrutta al massimo lo spazio che hai a disposizione. Arreda in modo intelligente e goditi il tuo piccolo angolo di pace durante la bella stagione (e non solo!). Se hai bisogno di un consiglio, lascia un commento: sono qui per aiutarti.

Claudia M
Community Starter
27/02/23-09:54 (modificato)

Stai pensando di rinnovare il tuo giardino per renderlo più accogliente? Se non hai il pollice verde ma non vuoi rinunciare ad abbellire il tuo spazio all’aperto, le piante acidofile sempreverdi sono la soluzione ideale perché hanno un grande potere decorativo e non richiedono particolari attenzioni per crescere rigogliose. Scopriamo quali sono gli accorgimenti da adottare in fase di coltivazione e passiamo in rassegna alcune raccomandazioni da tenere a mente per prendertene cura nel modo corretto. Basta davvero poco per creare coloratissime bordure e donare carattere al tuo giardino con piante sempreverdi dalle forme accattivanti!
Piante acidofile sempreverdi - Leucothoe - Corporate

La scelta della specie

La caratteristica principale delle piante acidofile è che per crescere e svilupparsi necessitano di essere messe a dimora in un terreno acido, che abbia cioè un pH inferiore a 7. Sbirciando nei giardini di tutto il mondo, le specie che puoi trovare sono numerose e tutte bellissime. Si tratta principalmente di piccoli alberi, piante erbacee e arbusti. Fanno parte di queste famiglie il faggio, la betulla, il castagno, le camelie, le azalee, il corbezzolo, l’erica, i gigli, le calle, la mimosa e l’ortensia.
In questo articolo proponiamo 4 piante acidofile perfette per decorare il tuo giardino:

  1. Leucothoe
  2. Skimmia
  3. Camelia
  4. Magnolia

1. Leucothoe

Ti piacerebbe abbellirlo con un arbusto dall’abbondante e colorata fioritura? Ti consiglio la Leucothoe. È una pianta sempreverde che non teme il freddo, i cui rami sono ricoperti di foglie ovali di colore verde scuro. In autunno resterai ammaliato perché la pianta si tingerà di bronzo e rosso; in primavera, invece, potrai godere della bellezza di fiori bianchi o rosa che cresceranno in grappoli. Posizionala a mezz’ombra.

2. Skimmia

Perfette da coltivare sia in vaso che in giardino (altezza media: 30 cm), la Skimmia a foglia variegata e la Skimmia a foglia verde hanno portamento arbustivo e sono caratterizzate da un fogliame fitto e lucido. La particolarità di questae piante acidofile sempreverdi è che se provi a schiacciare le foglie, emanano un intenso profumo agrumato. Inoltre, hanno un grande potere ornamentale perché tra le foglie e i fiori si crea un interessante contrasto cromatico che fa risaltare le piante in tutta la loro bellezza. Resistono bene al freddo e, in caso di esposizione al sole, fai attenzione alle foglie perché potrebbero ingiallire.

3. Camelia

Le foglie della Camelia sono sempreverdi e la fioritura, che inizia nella stagione invernale, continua per tutta la primavera. Puoi posizionarla alla luce, evitando però il contatto diretto con i raggi del sole.

4. Magnolia

La Magnolia è una pianta sempreverde facile da curare che durante la fioritura regala un bellissimo spettacolo. I suoi fiori sono molto grandi, possono crescere a forma di stella o di tulipano e hanno colori diversi a seconda della specie. Il profumo di questa pianta acidofila è inconfondibile!
Le tipologie di piante tra cui scegliere - Skimmia - Corporate

La preparazione del terreno e la coltivazione

In merito alla coltivazione, tieni a mente che se opti per le varietà più piccole, puoi sistemarle all’interno di vasi di plastica o [vasi di terracotta]https://www.leroymerlin.it/prodotti/giardino-e-terrazzo/vasi-fioriere-e-portavasi/fioriere-vasi-e-portavasi-per-esterni/vasi-e-sottovasi-in-terracotta/). Le piante acidofile sempreverdi di grandi dimensioni, invece, necessitano di essere messe a dimora direttamente nel terreno. In ogni caso, è proprio alla preparazione di quest’ultimo che devi prestare particolare attenzione.
Se scegli di coltivare le piante acidofile in giardino, per prima cosa lavora la terra in profondità aiutandoti con una vanga, così che le radici possano svilupparsi liberamente. Arricchisci il terreno aggiungendo un concime apposito per acidofile e sistema le piante nelle zone del giardino che hanno un buon drenaggio. Ti consiglio di metterle a dimora lì dove non avrai difficoltà ad intervenire per curarle e irrigarle.
Evita l’utilizzo di terricci universali perché hanno un pH neutro. Come già anticipato, per il corretto sviluppo delle piante acidofile è necessario che il terreno abbia un pH inferiore a 7. Per misurarlo puoi utilizzare una cartina tornasole oppure un misuratore ad hoc per terreni (che restituisce risultati molto precisi). Puoi rendere il terreno più acido utilizzando prodotti specifici oppure ricorrendo ad una soluzione naturale, come l’aggiunta di fondi di caffè al compost che utilizzerai per fertilizzare il terreno. Se vuoi saperne di più sugli aspetti da considerare per scegliere il terriccio giusto, dai un’occhiata alla guida “Terriccio universale, torba e sabbia per piante: quale scegliere?”.
Prendersi cura delle piante acidofile sempre verdi - Camelia - Corporate

Il clima e la temperatura

Fornire un’indicazione univoca sul clima e sulla temperatura ideali per far crescere rigogliose le acidofile è difficile perché molto dipende dalle caratteristiche delle piante che scegli di acquistare. La regola generale è non esporre mai le piante acidofile a contatto diretto con il sole, specialmente se vivi in una zona molto calda. Queste piante, infatti, crescono bene in zone umide e a mezz’ombra: puoi sistemarle alla luce, avendo però l’accortezza di tenerle al riparo dalle temperature torride. Un clima temperato è l’ideale, così come un clima con precipitazioni frequenti. In assenza di piogge, infatti, dovrai preoccuparti di innaffiare generosamente le tue piante acidofile.
Il luogo ideale dove coltivare le piante acidofile sempreverdi - Magnolia - Corporate

L’irrigazione delle piante acidofile sempreverdi

Le piante acidofile sempreverdi richiedono un apporto idrico generoso per tutto il loro ciclo di vita: il terreno dovrà essere sempre umido.
Evita ristagni d’acqua che potrebbero fare ammalare le piante: monitora costantemente l’umidità del terreno, verificando che l’acqua defluisca senza difficoltà verso le radici. Se nel tuo giardino sono presenti molte acidofile, valuta l’installazione di un sistema di irrigazione: si rivelerà estremamente prezioso quando dovrai assentarti da casa per più giorni. Non sai quale sistema di irrigazione interrata scegliere? La guida “Come scegliere il miglior sistema di irrigazione interrata per il giardino” può esserti d’aiuto.
Intensifica l’irrigazione durante le fasi di fioritura ed evita l’utilizzo di acqua ad alto contenuto di calcare perché potrebbe portare alla morte delle piante. Un consiglio? Utilizza acqua distillata, acqua bollita (dopo averla fatta riposare per qualche ora) oppure l’acqua dei deumidificatori.
Adesso che hai una panoramica più completa sulle specie di acidofile sempreverdi e sulle cure che queste piante richiedono per crescere rigogliose, scegli quelle che più ti piacciono e inizia a rinnovare il tuo spazio all’aperto. Le fioriture che regalano sono meravigliose e durature… l’ideale per non rendere mai spoglio il tuo giardino! Se qualche passaggio non ti è chiaro o hai domande da fare, lascia un commento: ti risponderò in tempi brevi.

Federica_Cornalba
Architetto e paesaggista
26/02/23-06:52 (modificato il 05/09/23-13:37)

Se stiamo pensando di rinnovare la pavimentazione del terrazzo o delle aree funzionali che abbiamo in giardino, non dimentichiamoci che oggi gli spazi outdoor sono diventati a tutti gli effetti parte integrante delle nostre case. Le più attuali tendenze dell’interior design ci possono quindi guidare nella scelta dello stile, dei colori e dei materiali giusti per fare in modo che il mood degli ambienti domestici si estenda anche agli spazi outdoor. Unico accorgimento è ricordarsi che i nostri giardini e terrazzi hanno pareti e soffitti “un po’ diversi” da quelli del soggiorno o della cucina di casa, perciò è fondamentale saper adeguare i trend del momento alle diverse condizioni d’uso e manutenzione richieste dagli ambienti outdoor. Vediamo quindi insieme quali sono le pavimentazioni di tendenza 2023 e adattiamole alle caratteristiche degli spazi all’aria aperta: gli spunti per trovare l’ispirazione giusta sono tantissimi…a voi non resta che lasciarvi ispirare! Come scegliere la giusta pavimentazione di tendenza per giardini e terrazzi – Leroy Merlin

L’eleganza del pavimento in marmo

Molto utilizzato nelle abitazioni signorili degli anni ’70, oggi il marmo è tornato alla ribalta: particolarmente apprezzate sono le sue qualità estetiche, che offrono una varietà infinita di cromatismi, e l’origine naturale che incontra l’ormai prioritaria tendenza alla sostenibilità. Nell’interior design il marmo può essere utilizzato in modo molto ampio (oltre ai pavimenti si possono realizzare anche piani di lavoro, tavoli e rivestimenti di pareti), mentre all’esterno dobbiamo fare i conti con gli agenti atmosferici che possono danneggiarlo o renderlo addirittura pericoloso (gelo e pioggia, per esempio, rischiano di creare il temibile “effetto pista di pattinaggio”). In nostro aiuto arrivano però i pavimenti in grès porcellanato effetto marmo che coniugano l’eleganza delle venature naturali con i requisiti di praticità, resistenza, e durabilità di cui una superficie esterna non può fare a meno. Ispirazioni per pavimentazioni esterne in grès effetto marmo – Leroy Merlin

L’affidabilità del cotto

Le piastrelle di cotto posate con ampie fughe chiare sono tra le pavimentazioni più gettonate per chi ama le semplici e autentiche atmosfere di campagna: la versatilità e la robustezza che rendono il cotto adatto a tutti gli ambienti – sia interni che esterni – lo hanno infatti reso per tantissimo tempo il materiale più utilizzato nelle abitazioni contadine, dove ha valorizzato stanze e porticati. Oggi il cotto torna alla ribalta non solo per i suoi pregi funzionali, ma anche per la capacità di rendere gli spazi accoglienti e di adattarsi a molteplici stili, se abbinato ai colori e agli arredi giusti: le sue sfumature, che vanno dal rosa chiaro al rosso mattone passando per le tonalità calde del beige, ben si prestano infatti anche ad accostamenti più contemporanei che strizzano però un occhio al passato e tendono alla creazione di ambienti rasserenanti. Se poi vogliamo ampliare ancora di più la scelta cromatica e aumentare le prestazioni del materiale, ricordiamoci del grès porcellanato effetto cotto che rende più attuali le tradizioni del passato. Idee per realizzare la pavimentazione esterna in piastrelle di cotto – Leroy Merlin

La morbidezza dell’erba sintetica

Le tendenze di interior design 2023 indicano la moquette come uno dei materiali più ambiti per pavimentare spazi come il soggiorno o la camera da letto. In auge tra gli anni ‘60 e ’70, la moquette ha vissuto una lunghissima fase di declino: oggi però, grazie alle recenti tecniche produttive e all’utilizzo di nuove materie prime, è tornata alla ribalta con rinnovate caratteristiche legate alle performance di assorbimento acustico, al comfort e alla facilità di posa….tutte qualità che effettivamente possiede anche l’erba sintetica, variante outdoor della super-trendy moquette. Ideale per piccoli balconi, l’erba sintetica assicura il massimo comfort, è facile da pulire sia con l’aspirapolvere che con la scopa, resiste alle intemperie e, se scelta nel formato in piastrelle, è anche semplicissima da posare. Per chi ha deciso di rinnovare i pavimenti di casa con la moquette, direi quindi che l’erba sintetica, sul terrazzo, è la soluzione ideale! Come utilizzare l’erba sintetica per pavimentare un piccolo balcone o un terrazzo – Leroy Merlin

Il legno naturale o composito: un evergreen

Può sembrare strano che il legno non sia citato tra le tendenze di interior design 2023, ma in effetti - se ci pensiamo bene - si tratta di un materiale apprezzato da sempre che non ha mai conosciuto momenti di declino. A periodi alterni vengono preferite alcune essenze piuttosto che altre, ma la bellezza di una pavimentazione in legno non è mai stata messa in discussione…né per gli interni e neppure per gli spazi outdoor. Oggi poi abbiamo a disposizione moltissimi formati, finiture diverse e materiali compositi che ampliano ancora di più la gamma di possibili applicazioni: i listoni a incastro in pino scandinavo con superficie antiscivolo sono, per esempio, ideali per pavimentare terrazzi e verande oppure per definire le aree funzionali di un grande giardino, mentre le piastrelle in composito di legno e plastica (WPC) – entrambi composti da scarti riciclati – possono essere utilizzate per le zone a bordo piscina o per le docce da esterno. Ispirazioni per creare belle pavimentazioni in legno in giardino o terrazzo – Leroy Merlin

L’originale mix di pavimenti

Non disperiamoci se siamo arrivati fin qui e non siamo ancora riusciti a scegliere la pavimentazione che renderà unico il nostro spazio outdoor (se è capitato è solo perché, in realtà, ci piacciono tutte le tendenze del 2023!): il mix di pavimenti è l’idea in più che i designer del momento hanno pensato per noi. Con l’abbinamento di pavimentazioni diverse, per esempio erba sintetica e piastrelle di cotto, oppure grès e legno, potremo dar vita a originalissimi tappeti materici con cui disegnare inedite geometrie o definire i diversi ambienti del giardino che, come sappiamo bene, hanno pareti…decisamente impalpabili! A me piacerebbe molto la combinazione tra piastrelle di grande formato in grès effetto cemento, che danno l’aspetto di una superficie continua, e i quadrelli con decorazione floreale anticata per ottenere così un raffinatissimo dialogo tra modernità e tradizione. Come creare una superficie movimentata con il mix di pavimentazioni – Leroy Merlin
Stai pensando di rinnovare i pavimenti del giardino o del terrazzo seguendo le tendenze del 2023? Scrivi le tue idee qui nei commenti e, se hai bisogno di qualche consiglio personalizzato, sarò ben felice di rispondere a tutte le tue domande.

AnnaZorloni
Garden Expert
24/02/23-17:05 (modificato il 23/06/23-07:34)

Anche quest’anno non ho resistito al Myplant e mi sono immersa nella bellezza di questa splendida fiera, ricca come sempre di spunti e novità da seguire e condividere con voi! Per chi non lo conoscesse, il Myplant si svolge ogni anno nell’area fieristica di Rho, alle porte di Milano: un'enorme esposizione dove si incontrano tutti i professionisti del settore verde, abbracciando i numerosi aspetti che caratterizzano questo affascinante mondo, a partire dalla coltivazione di piante di ogni genere, ornamentali, da orto e da frutto, con l’immancabile presenza di nuove varietà e ibridi di piante, sempre più resistenti e belle. Non manca, poi, tutto quello che serve alla loro cura, vasi, fitofarmaci, concimi, attrezzi ecc… fino al fiore reciso e alla decorazione. Una giornata non sempre è sufficiente a vedere tutto: io mi sono girata gli stand tutti d’un fiato, soffermandomi ad ammirare le numerose curiosità e novità che cercherò di riassumervi, condividendo con voi quello che mi ha particolarmente interessato e ispirato per i progetti verdi dei prossimi mesi!
Un giretto al Myplant val sempre la pena per qualche ispirazione verde! – foto dell’autrice Un giretto al Myplant val sempre la pena per qualche ispirazione verde! – foto dell’autrice

Trasforma le lattine in simpatici vasetti DIY

Per dare un tocco di colore in più alla tua casa, adotta la tattica del riciclo creativo, in stile DIY: non buttare via le lattine vuote, ma trasformale in vasetti per le tue piantine più piccole, come quelle grasse! E’ un lavoretto davvero semplice, che potrai fare anche se non sei dotato di grande manualità, prestando attenzione a non farti male con la latta tagliente. E’ sufficiente asportare la parte superiore della lattina, con un paio di forbici robuste adatte al lamierino, o cesoie per lamiera. Ricordati di apportare anche qualche foro nella porzione basale, per consentire lo sgrondo dell’acqua, indispensabile per il corretto e sano drenaggio. Non solo lattine… utilizza anche le latte della salsa di pomodoro, o dei legumi, o anche del tonno in scatola!
Non buttare via le lattine vuote: riciclale per farne dei vasetti – foto dell’autrice Non buttare via le lattine vuote: riciclale per farne dei vasetti – foto dell’autrice

Non lasciarti sfuggire un vasetto di design

Lo scorso anno avevano fatto breccia nel mondo del green design i vasi antropomorfi… ne abbiamo parlato ampiamente in “Coltiva le tue piantine in vasi a forma di testa”. Tutt’oggi vengono molto apprezzati, in versioni differenti, soprattutto a rappresentare faccine dolci e ammiccanti. Ma, per chi è stufo di leggerezza, è possibile scegliere quelli più “aggressive”: mi sono piaciuti davvero molto quelli a forma di testa di animale selvaggio!
Una colorata Maranta leuconera inserita in un vaso a forma di belva… non morde! – foto dell’autrice Una colorata Maranta leuconera inserita in un vaso a forma di belva… non morde! – foto dell’autrice

Vanno di moda le piante “dark”!

La fiera Myplant, ogni anno, presenta piante nuove e di design piuttosto che minimal, semplici e soprattutto facili da curare. Questo, secondo me, potrebbe essere l’anno delle piante a ispirazione “dark”! E’ quello che mi pare di aver capito durante il mio giro tra gli stand della fiera… le piante con le foglie scure o appuntite piacciono tanto! E devo dire che hanno affascinato anche me… hanno attratto la mia attenzione, in modo particolare, queste tre:
Alocasia 'black velvet': impossibile resistere al toccare le sue foglie, che sembrano fatte di velluto nero, morbido alla vista e al tatto!
Alocasia 'black velvet' - foto dell'autrice Alocasia 'black velvet' - foto dell'autrice
Begonia 'black mamba': è una delle numerosissime varietà di begonia e si caratterizza per le sue foglie a forma elicoidale, di colore nero lievemente pelose.
Begonia 'black mamba' - foto dell'autrice Begonia 'black mamba' - foto dell'autrice
Begonia ferox: è la più aggressiva del genere! Al contrario delle altre, non invita al tocco, poiché le sue foglie sono ricoperte di punte… a dire la verità piuttosto delicate e inoffensive, ma senz’altro poco invitanti!
Begonia ferox: le sue foglie sono davvero poco invitanti! – foto dell’autrice Begonia ferox: le sue foglie sono davvero poco invitanti! – foto dell’autrice

Salva spazio e tempo: coltiva direttamente nella terra del sacco!

Idea geniale, già vista a dire la verità, ma che mi piace riproporre avendola rivista proprio oggi al Myplant: se sei una persona “sbrigativa” e non hai tempo o voglia di dedicarti alla scelta del vaso e al rinvaso… coltiva le tue piantine direttamente nel sacco di terra! Potrai utilizzare questo stratagemma per le piantine a ciclo breve, se vuoi creare un piccolo orto sul terrazzo ad esempio. Acquista un sacco di terriccio specifico per orto: con un taglierino affilato, incidi la plastica aprendo una finestrella di dimensioni sufficienti ad inserire una piantina; potrai utilizzare questa tecnica per le tue insalate, il basilico, ma anche fragole e pomodorini… sbizzarrisciti e lasciati ispirare, la primavera è vicina!
Se sei pigro, coltiva le tue piantine direttamente nel sacco! – foto dell’autrice Se sei pigro, coltiva le tue piantine direttamente nel sacco! – foto dell’autrice

Vale sempre la pena fare un giro a queste bellissime esposizioni! Ogni anno trovo spunti nuovi e faccio il pieno di entusiasmo per abbellire e rinnovare il mio giardino. A proposito: hai fatto un giro a Orticola? Leggi le idee fiorite per il giardino che ho potuto ammirare a Orticola quest'anno, e se ci sei stata anche tu, condividi con noi una foto dei fiori che ti sono piaciuti di più!

MaraLocatelli
Community Expert
24/02/23-15:34 (modificato)

Una delle festività più importanti, insieme al Natale è la Pasqua.Per i cristiani rappresenta la resurrezione di Gesù, e per gran parte dell’emisfero settentrionale coincide con l’arrivo delle temperature più miti e delle giornate più lunghe. Questo è il periodo in cui i bambini amano decorare le uova e preparare l’albero di Pasqua con i rami d’ulivo. Ma non solo.
In un momento di grande interesse per le decorazioni green, i lavori con rami d’ulivo sono diventati super trendy per trovare nuove idee per abbellire casa con elegante semplicità. Visto che, terminate le festività, ricomincia subito anche la stagione dei matrimoni, runner e centrotavola con rami di ulivo sono ormai diventati i nuovi protagonisti delle decorazioni a tema dei ricevimenti di nozze. Del resto, questa è una pianta simbolo di salute, saggezza, fortuna e serenità, obiettivi di buon auspicio per ogni matrimonio. Vediamo come decorare i rami d’ulivo con queste idee da cui prendere ispirazione.

Come decorare i rami di ulivo a Pasqua- womansday

Idee per l’albero di Pasqua con rami di ulivo

Preparare l’albero di Pasqua con i rami d’ulivo è semplice. Devi procurarti un bel vaso alto, (ma anche un bel barattolo di latta vintage funziona) così da sostenere bene i rami che poi puoi decorare con uova, fiori o altri simboli pasquali. La parte divertente è realizzare le decorazioni insieme ai bambini. Si possono appendere delle uova colorate e decorate, oppure degli ovetti di cioccolato, uova di polistirolo dipinte e legate con i nastrini.

Puoi aggiungere fiori primaverili di tessuto o dei bigliettini di auguri personalizzati per ogni componente della famiglia. L'importante è dare spazio alla fantasia e scegliere una palette di colori precisa, che si adegui all’arredamento. Qualche consiglio: per tenere fermi i rami utilizza una spugna da fiorai imbevuta d'acqua. Fai attenzione al peso delle decorazioni che non devono piegare o spezzare i rami.

Come decorare l'albero di Pasqua con i rami d'ulivo-Countryliving e Womansday

Lavori con rami di ulivo artificiali

Nelle ultime tendenze di decorazione d'interni le composizioni con i rami d’ulivo sono molto frequenti, e si possono realizzare anche con le versioni artificiali della pianta o dei semplici rami d'ulivo. Il vantaggio è che le loro foglie e rami non sono altrettanto delicati ma offrono consistenza e colore molto simili. Un’idea semplice, ma d'effetto, è realizzare una ghirlanda con i ramoscelli d'ulivo artificiale, da abbellire con fiori dai colori primaverili delicati. Si può appendere sopra il camino, alla porta d’ingresso o in soggiorno. Oppure puoi usarla come centrotavola con i rami di ulivo che avvolgono eleganti ceri bianchi. Un bel nastro abbinato al colore della candela, fissa il tutto con un piccolo fiocco: semplice ed elegante.

Idee per un centrotavola con rami di ulivo- Marieclaire.fr

Come decorare la tavola con i rami d'ulivo

Dei tanti lavori con rami di ulivo che si vedono ultimamente ai matrimoni ci sono i meravigliosi runner da tavolo. Invece dei soliti runner in tessuto, ormai visti e rivisti, queste composizioni con rami d’ulivo risultano molto più originali e chic. Lo svantaggio può essere che la preparazione richiede un po’ di tempo.

Se vuoi provare a farlo anche tu a casa, stendi un runner di tessuto poi appoggia sopra i rami di ulivo in maniera tale da sovrapporre le foglie e la parte iniziale del ramo successivo. Continua così per tutta la lunghezza del tavolo. Puoi aggiungere candele di diversa altezza oppure fare correre una piccola ghirlanda di lucine led a batteria . Avrai un runner perfetto come centrotavola con rami di ulivo luminosi.

Composizioni con rami d'ulivo per decorare la tavola- Quickparties

Spero che ti siano piaciute queste idee per decorare casa con i rami d'ulivo. Puoi copiarle oppure semplicemente prenderle come fonte di ispirazione per realizzare i tuoi lavori con i rami di ulivo. Se poi vuoi creare delle decorazioni simpatiche insieme ai tuoi bambini, da appendere all'albero di Pasqua fatto con i rami d'ulivo, copia queste idee per dipingere le uova di polistirolo.