Community

/ Magazine della casa

Magazine della casa

Vivi la tua passione per la casa e il giardino, scopri le ultime tendenze di stile e trova nuovi spunti per i tuoi progetti con gli articoli della nostra redazione.
Tutti gli articoli
I miei articoli
Creare un articolo
Tutto Bagno e arredo bagnoGiardino e TerrazzoDecorazione e IlluminazionePavimenti e rivestimentiVerniciCucinaOrdine e sistemazioneFalegnameria ed EdiliziaUtensileria e FerramentaFinestre, porte e scaleElettricità, automazioni e Smart HomeClimatizzatori, stufe e idraulicaNataleEventi e iniziative community
ValeriaBonatti
Architetto
22/11/23-17:44 (modificato il 22/11/23-20:18)

Anche tu sei sempre con un occhio agli annunci immobiliari perché vorresti una casa più grande? A volte lo spazio manca davvero, magari perché la famiglia cresce, ma spesso è più una questione estetica o di sensazioni, perché l’abbiamo riempita troppo o perché le nostre scelte di arredo ora in qualche modo non ci soddisfano più. Pavimenti, colori, arredo, luce e trucchi che ingannano l’occhio: vediamo insieme cosa fare, in modo creativo, per percepire la casa più spaziosa, a partire dal soggiorno.

Pennellate di colore danno carattere a un living chiaro e arioso – Leroy Merlin

1. Pavimenti che ampliano la percezione del soggiorno

Cominciamo dal basso a capire come intervenire per far sembrare il soggiorno più grande di quello che è. Ci sono pavimenti, soprattutto quelli vecchiotti come le cementine o le piastrelle, che al di là del fascino vintage, con il loro disegno, la texture o anche solo le fughe (soprattutto se le piastrelle sono piccole) “spezzettano” la superficie. In realtà anche un modernissimo parquet di qualità, ma pieno di nodi e venature, e magari posato nel verso sbagliato, interrompe la continuità della superficie su cui cammini. Sì quindi a pavimenti il più uniformi possibile, ai grandi formati sia di grès che di parquet, e ai pavimenti senza fughe, fino ad arrivare al top della resina. Per allargare lo spazio il materiale non è importante, ma sicuramente un pavimento chiaro e lucido aiuta! E come fare a intervenire, se il tuo soggiorno ha proprio l’esatto contrario? Per non incorrere in lavori troppo pesanti, considera l’idea di sovrapporre un pavimento sottile, senza dover sollevare quello sottostante. Oppure stendi dei tappeti, anzi, meglio uno solo e grande, piuttosto che diversi piccoli. Se lo spazio non è tanto, usa questo trucco: infila il tappeto anche sotto il divano o il tavolo, invece che solo davanti, vedrai la differenza. E altra soluzione, che ti propongo nella foto, prova a mettere il tappeto, ma anche il divano e la posa del parquet, in diagonale: sai perché allarga visivamente lo spazio? In un quadrato la diagonale è il lato più lungo!

Evidenziare la diagonale allarga lo spazio – Leroy Merlin

2. I colori che dilatano lo spazio

Il nero smagrisce, il bianco allarga, si dice così anche per i vestiti. Vero. Quando però di tratta di tinteggiare il soggiorno, non sono convinta che sia indispensabile il total white per creare un ambiente leggero e visivamente più ampio. Anche perché il rischio è di perdere quel senso di accoglienza e intimità che anche tu, sono sicura, vuoi sentire quando rientri a casa e di ritrovarsi con un soggiorno luminoso e moderno, ma un po’ freddino. In realtà basta davvero poco per mantenere un ambiente arioso, ma allo stesso tempo vivace, creativo e che ti rappresenta. La seconda proposta quindi è: crea un ambiente uniforme e sostituisci al bianco delle tinte chiare, ma che siano colore: basta un greige (che sarebbero le tonalità tra il grigio e il beige) o colori pastello, anche se personalmente io li preferisco nelle camere da letto. Se ti piacciono però, non rinunciare ai colori decisi, soprattutto quelli solari: è sufficiente una sola parete, invece che tutta la stanza, per dare carattere e personalità al soggiorno. Non trascurare infine il potenziale delle pitture con effetti illuminanti, come il metallizzato, glitterato o perlato. Danno allo stesso tempo quel tocco di luce e di raffinatezza, perfetti per un living elegante e di ampio respiro.

Living dai colori neutri e uniformi, ma arioso e accogliente – Leroy Merlin

3. Come arredare un soggiorno per farlo sembrare più grande

Se il tuo soggiorno non è tanto ampio, di sicuro più lo riempi, più sembrerà piccolo. Ecco quindi il trucco più facile del mondo per far sì che un ambiente venga percepito ampio, leggero e rilassante: tanto ordine, pochi fronzoli. Cosa vuol dire? Che tutti gli oggetti a cui tieni devono sparire e che anche i mobili vanno ridotti al minimo? Assolutamente no. Significa, innanzitutto, mantenere omogeneità (di colore o carattere stilistico) tra i vari elementi, così da dare uniformità alle superfici e non sfaccettare lo spazio. Superfici che devono essere il più libere possibile: scegli quindi pochi oggetti da tenere fuori, gli altri mettili via per intercambiarli ogni tanto. Alterna mobili aperti, come una libreria e delle mensole, ad altri chiusi dove hai più libertà di tenere tutto quello che vuoi e come vuoi. Infine scegli mobili leggeri, chiari e sollevati da terra, che lascino intravedere il pavimento e che siano della giusta misura per l’uso che dovrai farne, così da non occupare spazio inutilmente. Terza idea creativa, quindi: se avrai bisogno di più elementi per quando arrivano ospiti, usa gli arredi a scomparsa, come piani a ribalta, tavoli allungabili, sedie pieghevoli, pouf contenitori, da aprire solo quando servono.

Mobili aperti e chiusi per tenere tutto in ordine – Leroy Merlin

4. Luce a volontà per non perdere spazio

La quarta soluzione è piena di luce! Non importa quale sia lo stile del tuo soggiorno, può essere sofisticato e moderno o romantico e country, l’importante è lasciare che la luce entri, passi, si rifletta e vada a illuminare tutta la stanza senza lasciare angoli bui, che scompaiono alla nostra percezione. E come fare? Prima di tutto scegli tendaggi leggeri e bianchi, che creino intimità, ma lascino passare i raggi del sole. Mantieni poi pareti e arredi chiari: in pratica un total white di cui quasi non ti rendi conto se, per rivestire i muri, al posto della pittura usi una carta da parati con una texture appena accennata e, per mobili e accessori, utilizzi tutti elementi tono su tono, in varie sfumature dei famosi greige e pastello. Lascia anche che la luci filtri da una stanza all'altra attraverso porte vetrate o che si rifletta in uno specchio. Combina infine diverse fonti luminose da accendere anche tutte insieme: lampadari, luci da terra o da tavolo, applique e non dimenticare le candele!

La luce invade lo spazio e lo dilata – Leroy Merlin

5. Crea profondità per un soggiorno più grande

A volte lo spazio bisogna proprio inventarselo. Fisicamente, organizzando, anche in soggiorno le diverse attività coi mobili giusti e sfruttando bene ogni angolo, pareti comprese. Ma in una stanza che, in genere, è quella più grande della casa, c’è un altro modo per dare profondità e quindi renderla visivamente più ampia. Sfruttare proprio la dimensione delle pareti per creare, utilizzando pitture di colori differenti, delle geometrie che, con le loro linee prospettiche, aggiungano dimensione alla stanza. Ti sembra ancora poco? L’ultima proposta allora è questa: con i fotomurali spalanca il tuo soggiorno verso scorci di paesaggi che ti affascinano e ti trasmettono sensazioni positive: può essere un bosco, il mare, il vicolo di un paesino o i grattacieli di una grande città. Ciò che conta è che il tuo soggiorno sembrerà non finire più lì, ma continuare dietro l’angolo o oltre la vetrata. E sono più che sicura che tu te lo godrai ogni giorno con il sorriso.

Apri il tuo soggiorno verso nuovi orizzonti – Leroy Merlin

Ora che hai visto qualche proposta creativa per dilatare lo spazio del soggiorno, spero che guarderai anche il tuo con occhi diversi. Leggi anche l’articolo di Elisabetta “6 trucchi per ingrandire visivamente una stanza“ e se ti viene in mente qualche altro modo per farlo sembrare più grande, scrivicelo qui nei commenti o mandaci delle foto sulla Gallery Casa e Giardino!

Carlotta Lulli
Redattrice
20/11/23-13:31 (modificato il 04/03/24-09:07)

Ristrutturare il bagno è un’operazione che richiede creatività e cura. Le variabili in gioco sono molte, dall’organizzazione degli spazi agli impianti da tenere in considerazione, senza sottovalutare il design, elemento più prezioso di altri.
Per realizzare dei perfetti bagni ristrutturati è necessario organizzare ogni elemento nel modo giusto così da poter sfruttare una stanza della casa che sia funzionale, ma anche piacevole da vivere ogni giorno.
Se stai pensando alla ristrutturazione anche tu, ti saranno utili le idee home made che alcuni nostri clienti hanno realizzato nelle loro case. In questo elenco ti proponiamo 8 progetti realizzati da voi.

Gli 8 progetti di bagni ristrutturati prima e dopo

Ogni angolo della casa ha bisogno di attenzione e progetti pensati su misura. Il bagno è quello che richiede maggiore cura per precisi motivi legati alla logistica degli impianti. Se sei alla ricerca di interessanti idee per bagni ristrutturati saranno utili gli 8 progetti realizzati dai nostri clienti in cui per alcuni potrai vedere il prima e il dopo e per altri soltanto il suggestivo effetto finale del restyling.
Ecco di seguito i più interessanti progetti di bagni ristrutturati pubblicati sulla Community di Leroy Merlin:

  • Bagno con elementi minimal ma di carattere
  • Bagno piccolo ma accogliente
  • Bagno con doccia walk in
  • Bagno creativo con cabina idromassaggio
  • Bagno con mosaico e fibre ottiche
  • Bagno colorato con gres porcellanato effetto legno
  • Bagno con carta da parati e lavabo in pietra
  • Bagno funzionale con complementi ricerati

1. Bagno con elementi minimal ma di carattere

Il progetto del bagno pensato da @giuseppe.dolce vede protagonisti gli elementi indispensabili per un ambiente minimal, ma di carattere come i mobili bagno in legno e i pavimenti in gres porcellanato. Ottima anche l'illuminazione dello specchio con riflettori
Ecco il prima e il dopo.

2. Bagno piccolo ma accogliente

Per realizzare il suo nuovo bagno @michele.dima ha utilizzato l’aggrappante Mapei e la colla Mapei per posizionare le piastrelle in gres porcellanato Tempo Antracita. La doccia, posizionata ad angolo, sfrutta perfettamente lo spazio a disposizione.
Il risultato, come puoi vedere, è l'ideale soprattutto se hai un bagno non troppo spazioso, ma non vuoi rinunciare a un ambiente ricercato e accogliente.

3. Bagno con doccia walk in

Il progetto del nostro utente @marco.b aveva l’obiettivo di un bagno più spazioso, luminoso e facile da pulire. Con la sua ristrutturazione ha realizzato un bagno personalizzato che rispecchia tutte queste caratteristiche.
La protagonista è la doccia walk in che, con un lato completamente aperto, dona alla stanza maggiore ampiezza. A valorizzarla è il rivestimento della parete frontale sulla quale è stata posizionata la piastrella Balade Chevron beige.
Se anche tu desideri avere una doccia aperta vedi il prima e il dopo della ristrutturazione bagno del nostro utente.

4. Bagno creativo con cabina idromassaggio

Quella di @salvatore. simonelli è stata una ristrutturazione totale che ha reso il suo bagno un esempio di bagno creativo con cabina idromassaggio. Realizzato con una cabina doccia idromassaggio e nuovi sanitari, precisamente il wc filomuro selnova Geberit e il bidet filomuro selnova compact della stessa azienda.
Il risultato è un bagno ristrutturato con creatività e stile.

5. Bagno con mosaico fibre ottiche

L’idea della nostra utente @giovanna.marinelli_1809 era quella di ricreare l’ambiente della spa direttamente nel bagno di casa sua. Il risultato è quello di un bagno che può essere definito un po' zen.
La vasca da bagno delimitata da un mosaico delle stesse tinte delle piastrelle rende l’ambiente perfettamente in stile. Sul soffitto sono state posizionate 300 fibre ottiche che di sera rendono la stanza accogliente e zen.
Per gli accessori la nostra utente ha scelto il set bianco in ceramica che si lega in modo naturale al resto dell’arredamento.

6. Bagno colorato con gres porcellanato effetto legno

Il colore è il protagonista nel nuovo bagno di @alessia.albini, che ha scelto una parete completamente verde salvia, nuance elegante e mai invadente, utilizzando la piastrella Trend Mint
Nel suo bagno colorato desiderava avere maggiore spazio e luminosità. Ci è riuscita utilizzando materiali di ispirazione naturale ed elementi che si legano perfettamente allo stile scelto.
Il mobile Loto con due cassetti si abbina naturalmente al pavimento in gres porcellanato effetto legno che riescono a ricreare un ambiente rilassante grazie anche al colore scelto dalla nostra utente.
A completare l’arredamento, la porta battente Honey in larice chiaro.

7. Bagno con carta da parati e lavabo in pietra

Per il suo bagno degli ospiti la nostra utente @chiara.gnata ha scelto una carta da parati tropicale che conferisce alla piccola stanza un'atmosfera vivace. Interessante anche l’idea di posizionare un lavabo in pietra sopra la mensola dipinta color legno che uniti permettono all’ambiente di essere confortevole oltre che funzionale. Anche nella stanza da bagno, infatti, è indispensabile non sottovalutare l’aspetto design.
A completare il progetto la nostra utente ha scelto uno scaldasalviette bianco ideale per riscaldare uno spazio di piccole dimensioni.

8. Bagno funzionale con complementi ricercati

Per il suo bagno @TonyStakk ha scelto complementi di arredo ricercato in cui il grigio e il marrone chiaro sono protagonisti indiscussi.
L’effetto pulito e raffinato dei pavimenti e dei rivestimenti è stato realizzato utilizzando la piastrella Blush Matt White che abbinata a elementi nero opaco, come il rubinetto per bidet Jacuzzi rende la stanza davvero raffinata e di design.
Un effetto suggestivo anche per i rivestimenti della parete dei sanitari e della doccia per i quali è stata scelta la piastrella per rivestimenti in terracotta Balde Chevron beige che grazie alla sua somiglianza con in legno garantisce un’atmosfera accogliente e calda.

Hai trovato la soluzione ideale per ristrutturare il tuo bagno? Scrivila nei commenti e raccontaci la tua esperienza, potrebbe essere utile agli altri utenti della Community!

Barbara _PI
Esploratore
17/11/23-14:02 (modificato il 01/12/23-09:29)

Efficienza energetica e sostenibilità sono termini molto attuali che indicano quanto sia importante approfondire le soluzioni per migliorare le nostre case che spesso sono vecchie e non performanti. Dal cappotto termico al fotovoltaico, ecco tutti gli interventi possibili per migliorare la classe energetica della casa secondo quanto previsto dalla nuova direttiva europea Case Green.
Sono molteplici gli ambiti in cui puoi operare per rendere la tua casa più efficiente: isolamento termico, protezione solare, riduzione dei consumi, energia rinnovabile e controllo dei consumi. Vediamo insieme qualche possibile soluzione.
Migliorare l’efficienza energetica della nostra casa – Leroy Merlin

Isolamento termico

Spesso i materiali con cui sono costruite le nostre case, specialmente se hanno ormai qualche anno, non creano l’isolamento termico sufficiente per consentire di raggiungere un risparmio energetico rilevante e un comfort abitativo che vorremmo. L’isolamento termico verso l’esterno è un valido intervento per aumentare l’efficienza energetica dell’involucro della casa: la realizzazione di un cappotto esterno, ovvero un isolamento delle pareti verso l’esterno, è un intervento importante i cui risultati sono immediatamente rilevabili poiché riduce notevolmente il fabbisogno energetico dell’edificio e anche i costi in bolletta! Quando si interviene sull’involucro dell’edificio, è importante verificare che anche i serramenti esterni siano performanti: la sostituzione dei serramenti ti consente di eliminare dispersioni dannose. Con questi interventi potrai dare anche un nuovo aspetto alla tua casa che sembrerà più moderna e attuale!
Sostituzione serramenti – Leroy Merlin

Protezione solare

Migliorare la classe energetica delle nostre case è possibile attraverso molteplici interventi. Oltre all’isolamento termico, è opportuno intervenire anche sui sistemi di ombreggiamento. Le schermature solari, come la Tenda da sole Naterial o la Pergola Spell, aiutano a proteggere le finestre dai raggi solari, riducendo i costi per il raffrescamento estivo. Non dimenticare che anche persiane e tapparelle sono dei sistemi di oscuramento che ti consentono di gestire al meglio la protezione della casa dal calore. Un utilizzo accorto di questi sistemi renderà piacevole gli spazi della tua casa e potrai anche ridurre l’accensione di sistemi di raffrescamento minimizzando i consumi!
Tenda solare come schermatura solare – Leroy Merlin

Riduzione dei consumi

Scegliere impianti performanti e innovativi consente di ridurre i consumi anche in maniera importante. Tramite l’installazione di una pompa di calore, ad esempio, potrai ridurre i consumi di energia elettrica e le emissioni di anidride carbonica rispetto agli impianti di riscaldamento tradizionali. È il momento di rinnovare l’impianto di riscaldamento della tua casa poiché esistono anche agevolazioni fiscali molto interessanti. Ecco un altro aspetto da non sottovalutare: migliorare la classe energetica della tua casa ti consentirà di aumentarne il valore e la renderà senz’altro più appetibile in caso di compravendita. Le persone sono giustamente sempre più attente a questi aspetti che riguardano il singolo ma anche la collettività.
Rinnovare l’impianto – Leroy Merlin

Energia rinnovabile

Utilizzare energia da fonti rinnovabili significa utilizzare energia da fonti che rispettano le risorse che provengono dal mondo naturale; l’energia così prodotta si definisce pulita e l’impatto ambientale è minimo rispetto alle fonti non rinnovabili come i combustibili fossili, ad esempio. Come avrai notato in tutti gli ambiti è in corso un’evoluzione dei sistemi per rendere sostenibili tutti i processi. La più conosciuta energia rinnovabile è quella proveniente dal sole che può essere usata per riscaldare o raffreddare le nostre case o gli spazi di lavoro. Mediante l’installazione di un impianto fotovoltaico a casa tua potrai autoprodurre energia elettrica ed utilizzarla nella vita quotidiana; installando un adeguato sistema di accumulo potrai anche immagazzinare l’energia ed utilizzarla durante le ore notturne.
Impianto fotovoltaico – Leroy Merlin

Controllo dei consumi

Ecco un ultimo consiglio se stai pensando di rinnovare la tua casa e renderla green: per una gestione e un controllo migliori dei consumi, è opportuna l’installazione di sistemi che rendano la tua casa una smart home. Esistono vari tipi di dispositivi che consentono di raggiungere diversi livelli di controllo, ma con alcuni semplici accorgimenti sull’impianto di possono ottenere buoni risultati. Qualche esempio: il Termostato Avidsen Homeflow è un termostato senza fili che può essere abbinato anche ad altri accessori come sensori di presenza, rilevatori di apertura delle finestre e valvole termostatiche; Il Termostato intelligente e connesso Bosch è indicato per la chiusura e apertura delle valvole termostatiche dei termosifoni con gestione da remoto; la presa programmabile Enki consente di controllare ovunque via smartphone lampade ed elettrodomestici.
Termostato intelligente – Leroy Merlin

Abbiamo visto alcuni dei possibili interventi per rendere la tua casa green e migliorarne la classe energetica. Come abbiamo visto i benefici sono molteplici ed ormai è diventato davvero importante intervenire, ognuno può fare la propria parte! Leggi anche 4 consigli per rendere la casa più efficiente e ridurre i consumi e fammi sapere cosa ne pensi.

Riccardo Velis
Architetto
16/11/23-12:14 (modificato il 17/11/23-10:51)

Isolare il pavimento dal freddo è una mossa strategica per aumentare il comfort abitativo e ridurre i consumi energetici, specialmente durante i mesi più freddi. Un pavimento ben isolato mantiene l'ambiente domestico più caldo e accogliente l'escursione termica e contribuisce a ridurre i costi di riscaldamento. Ecco alcuni accorgimenti su come isolare efficacemente il pavimento dal freddo.


Isolare il pavimento dal freddo permette di camminare a piedi nudi in casa - Canva

Installazione di pannelli in sughero

L'uso di pannelli in sughero per l'isolamento del pavimento rappresenta una soluzione efficace e sostenibile per contrastare il problema dei pavimenti freddi, specialmente in ambienti domestici. Il sughero, materiale naturale ed ecologico, si distingue per le sue eccellenti proprietà isolanti, sia termiche che acustiche.

Questo materiale è composto da milioni di celle microscopiche riempite d'aria, che ne fanno un isolante termico naturale di grande efficienza. Grazie a questa struttura, il sughero è in grado di trattenere il calore, impedendo che si disperda attraverso il pavimento. Inoltre, il sughero è resistente all'umidità e alla formazione di muffe, rendendolo ideale per ambienti soggetti a variazioni di umidità.

I pannelli in sughero possono essere installati direttamente sotto la pavimentazione esistente o durante la posa di un nuovo pavimento. Sono disponibili in diversi spessori, permettendo di scegliere il grado di isolamento desiderato in base alle specifiche esigenze. L'installazione è relativamente semplice e può essere eseguita sia in contesti di ristrutturazione che in nuove costruzioni. È importante assicurarsi che la superficie su cui verranno posati i pannelli sia pulita, asciutta e livellata.


Installazione di uno strato di sughero sul pavimento - Canva

Isolamento con il polistirene espanso (EPS)

L'utilizzo del polistirene espanso (EPS) nell'isolamento dei pavimenti è una soluzione efficace e ampiamente utilizzata per combattere il problema dei pavimenti freddi, specialmente nelle ristrutturazioni e nelle nuove costruzioni. Il polistirene espanso, noto per la sua leggerezza e le ottime proprietà isolanti, è un materiale sintetico costituito da perle di polistirene gonfiate e successivamente fuse insieme.

Il polistirene espanso si distingue per la sua elevata resistenza termica, che lo rende particolarmente efficace nell'isolamento dei pavimenti. Grazie alla sua struttura cellulare chiusa, l'EPS intrappola l'aria, riducendo significativamente il passaggio del freddo dal sottofondo al pavimento. Questo aiuta a mantenere una temperatura più stabile e confortevole all'interno degli ambienti, riducendo il bisogno di riscaldamento supplementare.

L'installazione di pannelli in polistirene espanso sotto i pavimenti è un processo relativamente semplice. I pannelli di EPS possono essere posati direttamente sul sottofondo o su uno strato di guaina impermeabilizzante, a seconda delle esigenze specifiche dell'edificio. La posa deve essere eseguita con cura per evitare ponti termici e garantire un'isolazione uniforme. Inoltre, i pannelli di EPS sono facilmente tagliabili, permettendo un adattamento preciso a qualsiasi spazio o forma.


Posa del pavimento con polistirene espanso - Canva

Isolamento con Aeropan

L'isolamento del pavimento con Aeropan, un materiale innovativo nel campo dell'edilizia, è una soluzione sempre più apprezzata per la sua efficacia nel prevenire la dispersione del calore e combattere il problema dei pavimenti freddi. Aeropan, composto da granuli di polistirene espanso (EPS) incapsulati in cemento, combina le proprietà isolanti dell'EPS con la resistenza e la stabilità del cemento.

Questo materiale offre un'eccellente isolamento termico grazie alla sua struttura porosa, che intrappola l'aria e riduce il passaggio di calore. La componente in cemento garantisce una buona resistenza meccanica, rendendo Aeropan adatto anche per pavimenti soggetti a carichi consistenti. Inoltre, la sua composizione lo rende resistente all'umidità e alla formazione di muffe, migliorando la salubrità degli ambienti interni.

L'isolamento di un pavimento con Aeropan prevede la posa di pannelli o lastre preformate. Questi elementi possono essere applicati direttamente sul sottofondo esistente, seguiti da uno strato di massetto e, infine, dalla pavimentazione finale. La facilità di installazione rende Aeropan una scelta pratica sia in fase di ristrutturazione che in nuove costruzioni.


Installazione di un pannello isolante per il pavimento - Canva

Il riscaldamento a pavimento

L'installazione del riscaldamento a pavimento è una soluzione sempre più ricercata per liberarsi del problema dei pavimenti freddi, unendo comfort e efficienza energetica. Questo sistema, noto anche come riscaldamento radiante, funziona tramite la distribuzione uniforme del calore su tutta la superficie del pavimento, creando un ambiente caldo e accogliente dall'alto verso il basso.

L'installazione del riscaldamento a pavimento richiede una pianificazione accurata e un intervento specializzato. In genere, si posano tubi o cavi elettrici sotto il pavimento, attraverso i quali circola acqua calda (nel caso di sistemi idraulici) o passa corrente elettrica (nei sistemi elettrici). Questi tubi o cavi vengono poi ricoperti con un massetto di cemento o un altro materiale conduttivo, sopra il quale viene posata la pavimentazione finale.

Uno dei maggiori vantaggi del riscaldamento a pavimento è la sua efficienza energetica. Il calore viene distribuito uniformemente in tutta la stanza, eliminando le zone fredde e riducendo la necessità di riscaldare eccessivamente l'ambiente. Inoltre, la temperatura può essere controllata in modo più preciso e localizzato rispetto ai sistemi di riscaldamento tradizionali, con conseguenti risparmi sui costi di riscaldamento.

Il riscaldamento a pavimento migliora significativamente il comfort abitativo. Eliminando i pavimenti freddi, rende piacevole camminare scalzi in casa anche nei mesi più freddi. Inoltre, riduce la circolazione di polvere e allergeni, essendo privo di elementi come radiatori che possono accumulare polvere.

È importante considerare alcuni aspetti prima dell'installazione, come l'isolamento del pavimento esistente per garantire che il calore non si disperda verso il basso. Inoltre, la scelta della pavimentazione finale è cruciale.


Posa del riscaldamento a pavimento in un appartamento - Canva

Alcuni suggerimenti da usare tutti i giorni

L'utilizzo di tappeti è un metodo semplice ed efficace per contrastare il problema dei pavimenti freddi, apportando immediatamente un senso di calore e comfort agli ambienti domestici. I tappeti, grazie al loro spessore e alla loro tessitura, agiscono come strati isolanti, trattenendo il calore e riducendo la trasmissione del freddo dal pavimento alla superficie.

Oltre all'aspetto funzionale, i tappeti aggiungono un elemento di comfort visivo ed estetico agli ambienti. Scelti con cura, possono trasformare un'area fredda e impersonale in uno spazio accogliente e confortevole, invitando a trascorrere del tempo rilassandosi su di essi. Inoltre, camminare su un tappeto morbido e caldo è decisamente più piacevole, soprattutto a piedi nudi.

I tappeti sono disponibili in una vasta gamma di stili, colori e dimensioni, rendendoli versatili per qualsiasi tipo di decoro interno. Possono essere utilizzati per delineare spazi all'interno di stanze più grandi, aggiungere un punto focale di colore o texture, o semplicemente per dare un tocco di calore e raffinatezza all'arredamento.

Un altro vantaggio dei tappeti è la loro facilità di implementazione. A differenza di interventi più invasivi come l'installazione di un riscaldamento a pavimento o l'isolamento strutturale, l'aggiunta di tappeti in nuove stanze della casa non richiede lavori edili e può essere facilmente realizzata in qualsiasi momento.


Aggiungere un tappeto permette di rendere il pavimento meno freddo - Canva

Con l'arrivo dell'inverno non ti resta che scegliere quale soluzione attuare per poter godere di un ambiente domestico caldo e confortevole. Quale sceglierai? Raccontami la tua esperienza: sarò felice di confrontarmi con te

Rossella Minetto
Esploratore
16/11/23-10:26 (modificato il 17/11/23-11:00)

Con l'avvicinarsi delle festività, è tempo di pensare a come addobbare l'albero di Natale per il 2023. Quest'anno, le tendenze ti portano in un viaggio attraverso colori vibranti, abbinamenti audaci e stili che variano dal classico ad uno che induce al collegamento con la Natura. Che tu sia un appassionato delle tradizioni o un amante delle novità, ci sono trend per tutti i gusti per rendere il tuo albero unico e indimenticabile. Ecco quindi 5 idee di colori e abbinamento ai quali ispirarti per creare o rinnovare l'albero di Natale per il 2023.

  1. Rosso e oro, ma con i nastri
  2. Abbinamenti audaci per un albero di Natale eccentrico
  3. Albero di Natale minmal, un richiamo alla Natura
  4. Colori freddi che passione per il Frosty Christmas
  5. Candy Christmas sui toni del rosa


Un magico albero di Natale 2023 accanto al caminetto - Canva

1. Rosso e oro, ma con i nastri

L'albero di Natale rosso e oro è un classico senza tempo che nel 2023 si rinnova con un tocco di modernità, grazie all'introduzione di fiocchi stilizzati e dettagli innovativi. Questa combinazione di colori, intrisa di calore e ricchezza, porta con sé un'atmosfera di festa tradizionale, arricchita da un senso di eleganza contemporanea.

Il rosso, simbolo di calore e gioia, si sposa magnificamente con l'eleganza intramontabile dell'oro: quest'abbinamento crea un'atmosfera accogliente, perfetta per le festività. Nel 2023, queste tonalità vengono reinterpretate in modi sempre più originali, mantenendo però la loro essenza classica.

Il vero tocco di modernità viene dato dall'uso di fiocchi. Quest'anno, si va oltre il classico fiocco rosso, introducendo variazioni in termini di materiali, dimensioni e stili. I fiocchi possono essere di velluto per un aspetto più opulento, di raso per una lucentezza delicata, o persino di tessuti metallizzati per un effetto più moderno e brillante.


L'albero di Natale 2023 è rosso e oro con palline e fiocchi di velluto - Leroy Merlin

2. Abbinamenti audaci per un albero di Natale eccentrico

Nel 2023, l'albero di Natale si trasforma in una tela per espressioni artistiche audaci e eccentriche. Abbandonando le convenzioni, gli abbinamenti per l'albero di quest'anno invitano alla creatività e all'originalità. Se sei pronto a rompere gli schemi e a sperimentare con colori e stili fuori dall'ordinario, ecco alcune idee audaci per un albero di Natale veramente unico.

Dimentica il classico verde e rosso e osa con combinazioni di colori vivaci. Pensiamo a tonalità come il fucsia abbinato al turchese, o l'arancione neon accostato al viola. Questi abbinamenti sorprendenti creano un effetto visivo di grande impatto e modernità.

Ma come realizzarli? La base è sempre un abete verde, che potrai riutilizzare i prossimi anni quando deciderai di cambiare le decorazioni e che costituisce una tela perfetta sulla quale dare spazio alla tua fantasia.
Puoi poi passare alle luci, preferibilmente colorate per cominciare a dare carattere al tuo albero di Natale 2023.

A questo punto puoi dare libero sfogo alla tua fantasia, ma ti dò qualche suggerimento su cosa puoi fare:

  • abbinare materiali e texture diversi può dare vita a un albero di Natale ricco di dettagli. Combina decorazioni lucide con altre opache, morbide con ruvide, per creare un senso di profondità e complessità visiva;
  • sperimenta con materiali non tradizionali: pensa a decorazioni in plastica trasparente riempite di liquidi colorati, palle di Natale in metallo spazzolato, o addirittura elementi in stile cyberpunk con luci LED integrate.
  • perché non scegliere un tema completamente fuori dal comune? Un albero ispirato all'arte pop, ad esempio, con decorazioni che richiamano opere di Andy Warhol o Roy Lichtenstein, o magari un tema spaziale, con pianeti, stelle e navicelle spaziali come decorazioni.


Dettaglio di un'albero di Natale colorato per il 2023 - Canva

3. Albero di Natale minmal, un richiamo alla Natura

Nel 2023, l'albero di Natale si tinge di tonalità naturali, con una particolare predilezione per il beige e il verde, riflettendo un crescente desiderio di riconnessione con la natura e un richiamo a un'esistenza più sostenibile. In un'epoca segnata dal cambiamento climatico e dalla consapevolezza ambientale, questa tendenza non è solo una scelta stilistica, ma rappresenta anche un gesto simbolico verso un futuro più armonioso con il nostro pianeta.

Gli addobbi sono essenziali e spesso si riducono ad un semplice filo di lucine colorate o alla scleta di un albero di natale innevato. I colori, estratti direttamente dalla tavolozza della terra, ricordano le foreste, le spiagge sabbiose e i campi all'apice dell'estate, offrendo una pausa visiva dal caos del mondo moderno.


Alberto di Natale minimalista - Canva

4. Colori freddi che passione per il Frosty Christmas

Nel cuore dell'inverno, l'atmosfera incantata in stile Frosty Christmas prende vita attraverso l'uso di colori freddi nell'allestimento dell'albero di Natale, evocando la magia e la serenità dei paesaggi innevati. Questa tendenza, che si fa strada nel Natale 2023, celebra i toni del blu ghiaccio, dell'argento lucente e del bianco candido, colori che ricordano i cristalli di ghiaccio scintillanti e le distese nevose.

L'albero, adornato in queste nuance, diventa un'ode alla bellezza invernale, un tributo alla quiete e alla purezza del paesaggio invernale.

Le decorazioni in questi toni freddi, come palline, stelle argentate e fiocchi di neve luccicanti, aggiungono un tocco di eleganza eterea. L'uso di luci a LED bianche o blu crea un'atmosfera da sogno, che ricorda le notti stellate invernali e la luce soffusa del chiaro di luna sulla neve.

Un albero di Natale ispirato ai colori freddi di Frosty Christmas non è solo un elemento decorativo, ma diventa un rifugio di pace e riflessione nel vortice delle festività. È un promemoria del fascino silenzioso dell'inverno, un momento per apprezzare la semplicità e la bellezza nascosta nelle sfumature più fredde della natura


Abete sui toni freddi in stile frosty christmas - Leroy Merlin

Candy Christmas sui toni del rosa

Nella gioiosa atmosfera delle festività, un'irresistibile tendenza sta conquistando il cuore di molti: il "Candy Christmas", un tema natalizio che celebra i dolci toni del rosa. Questa scelta cromatica, ispirata alle caramelle e ai dolci delle feste, trasforma l'albero di Natale in una deliziosa fantasia zuccherina, un sogno ad occhi aperti per grandi e piccini.

L'albero, decorato e avvolto in sfumature di rosa, dal pastello al fucsia, diventa un tripudio di allegria e dolcezza. Le decorazioni giocano con questa palette, includendo palline rosa brillante, nastri di raso, fiocchi di zucchero filato e addirittura piccole caramelle e dolcetti finti appesi con cura tra i rami. L'abbinamento con dettagli in bianco, argento o persino oro chiaro, aggiunge un tocco di eleganza e raffinatezza a questo scintillante mondo di dolcezza.

La luce è un altro elemento chiave in questo scenario: luci calde e soffuse avvolgono l'albero, esaltando i toni del rosa e creando un'atmosfera accogliente e fiabesca. La scelta di acquistare un albero di Natale con luci incorporate, magari con la possibilità di cambiare tonalità, permette di giocare con l'atmosfera, passando da un rosa tenue e rilassante a un rosa vivace e festoso a seconda del momento.

Questo stile non è solo una festa per gli occhi, ma anche un invito a riscoprire la gioia e l'innocenza delle feste attraverso i colori. Il "Candy Christmas" sui toni del rosa rappresenta una pausa dalla tradizione, un modo per esprimere creatività e fantasia, e per immergersi in un mondo dove la dolcezza e la leggerezza sono al centro delle celebrazioni.


Albero di Natale decorato sui toni del rosa - Leroy Merlin

Personalmente quest'anno opterò per un albero di Natale colorato, con abbinamenti audaci che rispecchiano la mia personalità. Tu quale alternativa hai scaleto? raccontami la tua esperienza

Rossella Minetto
Esploratore
16/11/23-09:30 (modificato il 17/11/23-10:56)

Quando arriva un bebè bisogna fare spazio per le sue necessità e la zona del cambio pannolino è tra quelle alle quali dedicare maggiore attenzione. Una delle alternative più apprezzate è quella di posizionare il fasciatoio in bagno, dove la comodità di avere vicino il lavandino, il bidet ed eventualmente la doccia o vasca da bagno è impagabile. Organizzare il bagno includendo un fasciatoio richiede attenzione e pianificazione per garantire funzionalità e comfort. Vediamo come fare per posizionare il fasciatoio in bagno anche quando lo spazio a disposizione è molto poco.


Dolce zona fasciatoio in un angolo del bagno - Canva

Come creare uno spazio fasciatoio

La soluzione più classica ed apprezzata dai genitori è l’uso di un piccolo comò o di una cassettiera dove sopra al quale posizionare il fasciatoio. Questa alternativa consente di avere uno spazio alla giusta altezza per cambiare il neonato, senza dover fare sforzi eccessivi soprattutto nei primi giorni quando si rientra dall’ospedale. I vantaggi di questa soluzione sono:

  • comfort durante il cambio pannolino;
  • possibilità di organizzare i cassetti in modo da avere sempre a portata di mano, nel primo cassetto, salviette e pannolini, mentre nel secondo o terzo cassetto si possono posizionare body e pigiamini nel caso si debba cambiare completamente il piccolo;
  • se si accosta il comò alla parete per il lato lungo si rende questa soluzione ancora più sicura per il bambino.

In alternativa si può optare per un mobile che unisce la vaschetta al fasciatoio: è una soluzione versatile che può essere utilizzata da tutti coloro che desiderano ottimizzare lo spazio da dedicare al piccolo in bagno. Sotto al piano della vaschetta e del fasciatoio ci sono dei comodi ripiani per poter avere sempre a portata di mano gli oggetti di prima necessità dopo il cambio.

Esistono poi alcuni modelli con le ruote che rendono ancora più versatile questa soluzione: è ideale per chi non è ancora sicuro di come organizzare il bagno in arrivo del bebè ma vuole portarsi avanti con l’acquisto dell’occorrente per non farsi trovare impreparato.


Cambio pannolino in bagno con tutto quello che serve a portata di mano - Canva

Consigli per ottimizzare lo spazio in un bagno piccolo

Quando lo spazio a disposizione è poco bisogna trovare delle soluzioni ingegnose per poter organizzare il bagno nel migliore dei modi. In particolare, quando il bagno è piccolo si può pensare di posizionare il fasciatoio sopra la vasca. Questa opzione consente di sfruttare l'area della vasca, normalmente non utilizzata durante il cambio del pannolino. Si può optare per un fasciatoio che si posiziona direttamente sulla vasca da bagno, una sorta di piano stabile e facilmente rimovibile dove poter cambiare il bebè. La sicurezza è fondamentale: il fasciatoio deve essere stabile e sicuro sul bordo della vasca. L'accesso a tutti i prodotti necessari deve essere semplice e veloce, quindi si consiglia di avere mensole o cestini a portata di mano per riporre pannolini, salviette e altri accessori.

Una soluzione simile permette di utilizzare lo spazio sopra il bidet: in questo caso l’accesso ai prodotti per il cambio pannolino può essere più facile sebbene la posizione da assumere possa essere più scomoda.

Se invece si ha un bagno stretto, si può scegliere un fasciatoio da appendere alla parete. Si tratta di una soluzione versatile e salvaspazio che consente di utilizzare questo strumento solo all’occorrenza e di riporlo quando non in uso. Inoltre, quando il bambino crescerà, la rimozione è immediata e non richiede particolari interventi in muratura. Accanto al fasciatoio da appendere alla parete puoi creare delle mensole dove posizionare tutto quello che ti occorre per cambiare il piccolo.


Il fasciatoio sopra la vasca è una soluzione versatile - Pinterest

Non solo mobile fasciatoio, ma anche organizzazione dello spazio

Organizzare la zona intorno al fasciatoio in bagno è fondamentale per garantire praticità e sicurezza durante il cambio del bambino. Ecco alcuni consigli pratici:

  • sicurezza prima di tutto: assicurati che il fasciatoio sia stabile e sicuro. Se è un modello da appoggio, verifica che sia ben ancorato alla superficie su cui si trova. Opta per un fasciatoio con bordi rialzati per prevenire cadute accidentali;
  • posizione strategica: metti il fasciatoio in un luogo facilmente accessibile, preferibilmente vicino al lavabo. Ciò facilita il lavaggio delle mani e la pulizia rapida durante il cambio;
  • tutto a portata di mano: organizza tutti gli accessori necessari (pannolini, salviette, creme, borotalco) in modo che siano facilmente raggiungibili. Utilizza cestini, mensole o organizer per mantenere l'ordine e per avere tutto ciò che serve a portata di mano;
  • comfort per il bambino: abbi cura di scegliere una superficie per il fasciatoio che sia confortevole. Usa un materassino imbottito, possibilmente con una copertura lavabile per una facile pulizia;
  • illuminazione adeguata: se possibile, posiziona il fasciatoio in un'area del bagno ben illuminata, con luce naturale o con una lampada specifica per una visibilità ottimale;
  • conservazione igienica dei prodotti, in un ambiente pulito e asciutto: evita di posizionare pannolini o salviette in zone umide del bagno per preservarne l'igiene;
  • crea uno spazio per i vestiti: considera di avere un piccolo mobile o dei cassetti vicino al fasciatoio per riporre vestiti puliti e di ricambio. Ciò riduce la necessità di muoversi con il bambino in braccio;
  • decorazione e atmosfera: disponi dei piccoli dettagli come adesivi murali o un morbido tappetino possono rendere lo spazio accogliente sia per te che per il tuo bambino;
  • facilità di pulizia: particolarmente importante in un ambiente come il bagno, dove l'igiene è fondamentale.

A man mano che il bambino cresce, le sue esigenze cambiano. Sii pronto ad aggiustare l'organizzazione dello spazio in base allo sviluppo e alle nuove necessità.


Il fasciatoio in bagno è sinonimo di praticità ed igiene - Canva

E tu sei pronto per l’arrivo del tuo bebè? Hai già organizzato lo spazio del bagno con il fasciatoio ottimizzando tutto lo spazio a disposizione? Raccontami quale soluzione hai scelto.

Rossella Minetto
Esploratore
16/11/23-08:54

Arredare casa con fotografie personali è una pratica sempre più diffusa e apprezzata, che permette di combinare il fascino dell'arte visiva con il calore dei ricordi personali. Le fotografie, infatti, non sono semplici decorazioni: raccontano storie, catturano emozioni e momenti irripetibili, e possono trasformare uno spazio anonimo in un ambiente caldo e accogliente, carico di significato personale. Inoltre, utilizzare le proprie foto nell'arredamento è un modo splendido per esprimere la propria creatività e dare un tocco unico agli ambienti della casa. Che si tratti di immagini di viaggi memorabili, momenti speciali in famiglia, paesaggi mozzafiato o semplici scatti quotidiani, ogni fotografia ha il potere di rivivere e arricchire i nostri spazi. Ecco allora cinque idee originali e creative per appendere le fotografie in casa, trasformando i muri in una galleria personale che racconta chi siamo e ciò che amiamo.

  1. Collage di cornici con il giusto layout
  2. Arredare una parete con foto a tema
  3. Filo luminoso e mollette
  4. Alternare foto a frasi
  5. Una una cartina geografica come sfondo


Parete decorata con fotografie in bianco e nero e cornici di diversi colori - Leroy Merlin

1. Collage di cornici con il giusto layout

Creare un collage di cornici per arredare con le foto è un'idea affascinante e versatile, che consente di personalizzare gli spazi di casa in modo originale e creativo. Si tratta di un no dei grandi trend del momento e, per poter replicare i risultati più ricuciti, bisogna riflettere attentamente sul layout che si vuole attuare.

Disponi le cornici in diversi schemi fino a trovare quello che preferisci. Ecco alcune idee:

  • forma geometrica, disponi le cornici in forme geometriche come un cerchio, un quadrato o un cuore. Questo schema è perfetto per dare un tocco di originalità e può essere particolarmente efficace in spazi come il soggiorno o la camera da letto;
    linea orizzontale o verticale, un approccio più minimalista è disporre le cornici in una linea orizzontale o verticale. Questa soluzione funziona bene in corridoi stretti o sopra un divano;
  • effetto cascata, per un look più dinamico, appendi le cornici in modo che sembrino scendere lungo il muro come una cascata. Varia le dimensioni delle cornici per un effetto più vivace;
  • schema asimmetrico, un layout asimmetrico, con cornici di diverse dimensioni disposte in modo apparentemente casuale, può creare un effetto visivo molto accattivante e moderno.

Ti suggerisci di usare cornici tutte uguali, soprattutto quando vuoi realizzare un layout asimmetrico.


Un angolo di casa con una parete arredata con fotografie - Canva

2. Una parete a tema

Decorare le pareti con le foto diventa ancora più divertente quando si sceglie un unico tema per tutto lo spazio a disposizione.
Ad esempio, se sei un appassionato di viaggi, potresti creare una parete tematica con foto dai tuoi viaggi più significativi. Stampa le immagini in formati diversi, magari combinando ampie vedute panoramiche con dettagli intimi o ritratti.

Utilizza cornici che si abbinino al tema: per un tema viaggio, ad esempio, le cornici in legno o stile vintage possono aggiungere un tocco rustico e avventuroso. Disponi le foto in modo che raccontino una storia: puoi seguirne l'ordine cronologico o raggrupparle per luoghi o esperienze. Se il tema è la famiglia, considera l'idea di includere foto di diverse generazioni, creando una sorta di albero genealogico visivo.

Per una parete dedicata alla natura, scegli immagini di paesaggi, piante o animali che hai fotografato. Qui, le cornici in materiali naturali come legno o bambù possono amplificare il senso di connessione con la natura. Sperimenta con formati e disposizioni diverse: un grande panorama al centro circondato da piccole immagini di dettaglio può creare un effetto suggestivo.

Inoltre, non dimenticare l'illuminazione: una buona luce può esaltare la bellezza delle tue fotografie. Luci direzionate o strisce LED possono aggiungere un tocco di eleganza e mettere in risalto la tua parete tematica.


Elegante salotto con una parete decorata con foto a tema - Canva

3. Filo luminoso e mollette

Decorare una parete con foto appese a un** filo luminoso e mollette** è un modo incantevole e suggestivo per aggiungere un tocco personale e calore ad ogni ambiente. Questa soluzione di design, oltre ad essere esteticamente gradevole, è anche semplice da realizzare. Ecco come procedere:

  • scegli le foto, possono essere ricordi speciali, istantanee di viaggi, foto di famiglia, o anche immagini artistiche. Varia le dimensioni per un effetto più dinamico;
  • scegli e stendi il filo luminoso, disponibile in diverse lunghezze e stili (come luci calde, bianche, colorate, ecc.) e sono ideali per questo progetto perché consumano poca energia e sono sicuri. Assicurati che il filo sia abbastanza lungo da coprire la porzione di parete che desideri decorare;
  • fissa il filo luminoso, orizzontalmente, a zigzag, o a cascata a seconda dello spazio e dello stile che preferisci. Fissa il filo alla parete usando piccoli chiodi, ganci adesivi o clip, assicurandoti che sia teso e stabile.
  • applica le mollette, che possono essere in legno, plastica colorata o metallo) per attaccare le foto al filo. Le mollette aggiungono un tocco rustico e permettono di cambiare facilmente le foto quando desideri aggiornare la decorazione.

Ora puoi appendere le foto: puoi disporle in ordine casuale, seguendo una sequenza cromatica o tematica, o anche creare una sorta di timeline dei tuoi ricordi.


Fotografie appese con un filo luminoso a led e mollette - Leroy Merlin

4. Alternare foto e frasi

Alternare frasi e foto sulle pareti di casa è un'idea originale e creativa per dare un tocco personale e unico all'arredamento. Questo metodo offre infinite possibilità per esprimere la propria personalità e i propri gusti. Si può scegliere di abbinare fotografie con significati particolari a frasi ispiratrici, creando un dialogo visivo che racconti una storia o trasmetta un messaggio. Le frasi possono essere tratte da libri, canzoni, poesie o semplicemente essere pensieri personali.

Per un effetto armonioso, è importante considerare lo stile delle cornici e il layout delle foto e delle frasi sulla parete, per creare un equilibrio visivo piacevole. Questo approccio non solo abbellisce gli spazi, ma li rende anche più intimi e riflessivi, creando un ambiente in cui ogni elemento parla di chi abita la casa.


Un collage di foto e frasi su corncie esagonale - Leroy Merlin

5. Una una cartina geografica come sfondo

L'utilizzo di una cartina geografica come sfondo su cui applicare le fotografie dei viaggi fatti è un'idea straordinariamente originale e affascinante per decorare le pareti di casa. Questa soluzione non solo rappresenta un modo creativo per ricordare i luoghi visitati, ma trasforma anche una parete in un diario visivo di esperienze e avventure.

Si può scegliere una mappa di grandi dimensioni, da collocare su una parete significativa, e su di essa posizionare con cura le fotografie dei viaggi, magari corredandole con brevi didascalie che raccontino aneddoti o impressioni personali. Ogni foto diventa un tassello di un mosaico più ampio, che narra la storia dei viaggi fatti, creando un punto focale affascinante e unico nell'arredamento.

È importante selezionare immagini che catturino l'essenza dei luoghi visitati, così da poter rivivere le emozioni di quei momenti ogni volta che lo sguardo cade sulla mappa. Questa decorazione è dinamica: si evolve con ogni nuovo viaggio, aggiungendo continuamente nuovi ricordi e destinazioni, trasformando la parete in un racconto in continua evoluzione, che riflette la passione per il viaggio e la scoperta.


Carta geografica come base per decorare la parete con le foto - Leroy Merlin

Tu avevi già in mente come arredare le pareti con le fotografie? Dimmi la tua nei commenti!

Rossella Minetto
Esploratore
15/11/23-15:03 (modificato il 17/11/23-10:53)

La stella di Natale, conosciuta anche come Euphorbia pulcherrima, è una pianta che simboleggia le festività natalizie con le sue vivaci brattee rosse. Purtroppo nella maggior parte dei casi viene acquistata a ridosso delle festività e viene successivamente dismessa: infatti a differenza di quanto si possa pensare non è una pianta stagionale, come ad esempio i gerani, ma con le giuste cure può rifiorire di anno in anno. Vediamo quindi come prendersene cura durante i mesi più caldi.


Stella di Natale, il simbolo delle festività - Canva

Informazioni preliminari sulla stella di Natale

La stella di Natale è caratterizzata da vivaci brattee colorate, spesso scambiate per fiori, che in realtà sono foglie modificate. Queste brattee assumono il classico colore rosso, ma possono variare in tonalità che spaziano dal crema al rosa, dal giallo al viola, creando un caleidoscopio di colori che riscalda l'atmosfera delle festività natalizie. Il vero fiore della Stella di Natale è molto più piccolo e meno appariscente, e si trova al centro delle brattee.

La trasformazione cromatica delle sue foglie è un evento che coincide con le giornate più corte e le lunghe notti dell'inverno, un adattamento naturale che si verifica quando la pianta viene esposta a periodi prolungati di buio per almeno 5 giorni consecutivi. Questo periodo di oscurità deve durare circa 14 ore per notte per almeno 8 settimane per indurre il cambiamento di colore delle brattee.

Il cambio di colore è un processo affascinante e rappresenta un esempio dell'incredibile adattabilità delle piante ai cambiamenti stagionali. Questa caratteristica rende la Stella di Natale un simbolo vivente dell'avvicinarsi delle festività, evocando un senso di calore e di celebrazione domestica. Il suo aspetto è altamente decorativo e porta con sé non solo bellezza, ma anche la magia e la tradizione del Natale in ogni casa.


Stella di Natale che dura tutto l'anno - Canva

Illuminazione e acqua

Per far rifiorire la stella di Natale, la corretta illuminazione e irrigazione giocano un ruolo cruciale. Questa pianta ama la luce, ma non quella diretta del sole: predilige un'esposizione luminosa ma filtrata, che simuli la penombra tropicale della sua terra d'origine. Per stimolare la rifioritura, è fondamentale ridurre l'esposizione alla luce per circa 14 ore al giorno, iniziando da ottobre fino alla fine di novembre. Questo trattamento induce la pianta a sviluppare le caratteristiche brattee colorate, in un processo noto come fotoperiodismo.

In termini di irrigazione, la stella di Natale richiede attenzioni particolari: ama il terreno leggermente umido, ma senza ristagni d'acqua, per evitare il marciume radicale. È consigliabile aspettare che la superficie del terreno sia asciutta al tatto prima di annaffiare con un annaffiatoio nuovamente, usando acqua a temperatura ambiente.

Durante il periodo di riposo invernale, dopo le festività, riduci le innaffiature per permettere alla pianta di riposarsi adeguatamente. Con l'arrivo della primavera e l'aumento delle ore di luce, riprendi ad annaffiare con regolarità, mantenendo il terreno uniformemente umido, per supportare la nuova crescita e la successiva fioritura.

Per assicurarle sempre una corretta dose d’acqua puoi predisporre un sottovaso dal quale può abbeverarsi nel momento della giornata in cui ne ha più bisogno.


Posizionare la stella di Natale dove ha la giusta illuminazione - Pinterest

Come scegliere il vaso giusto

Scegliere il vaso giusto per far rifiorire la stella di Natale è un passaggio cruciale per assicurare la salute e la bellezza di questa pianta festiva. In particolare dovresti tenere in considerazione questi elementi:

  • dimensioni del vaso: assicurati che sia leggermente più grande della radice attuale della pianta. Un vaso troppo grande può trattenere l'umidità in eccesso, mentre uno troppo piccolo limiterebbe la crescita delle radici. Una buona regola è scegliere un vaso che sia circa 2-3 cm più largo del precedente;
  • materiale: i vasi in ceramica sono ideali per la stella di Natale, poiché permettono un buon drenaggio e una corretta aerazione delle radici. Evita i vasi in plastica, che possono trattenere troppa umidità;
  • drenaggio: assicurati che il vaso abbia fori di drenaggio adeguati. Un buon drenaggio è essenziale per prevenire il ristagno dell'acqua e le malattie delle radici;
  • profondità: la stella di Natale non richiede un vaso molto profondo, ma è importante che le radici abbiano spazio sufficiente per espandersi senza essere compresse.
  • colore e stile: anche l'aspetto estetico è importante. Scegli un vaso che si adatti allo stile della tua casa e che valorizzi il colore della stella di Natale.


La scelta del vaso giusto - Canva

Quando e come travasare la stella di Natale

Una volta individuato il vaso adatto è il momento di procedere con il travaso della stella di Natale. Il periodo migliore per farlo è dopo la fioritura, generalmente tra febbraio e marzo. È importante aspettare che la pianta abbia terminato il suo ciclo di fioritura per non stressarla ulteriormente.

Ecco alcuni consigli su come farlo al meglio:

  • estrazione della pianta: rimuovi con delicatezza la stella di Natale dal vecchio vaso. Fai attenzione a non danneggiare le radici. Se necessario, allenta delicatamente il terreno intorno alle radici;
  • inserimento nel nuovo vaso: posiziona un strato di terriccio fresco sul fondo del nuovo vaso e inserisci la pianta, magari con l'aiuto di una paletta. Assicurati che la stella di Natale sia alla stessa profondità a cui cresceva nel vecchio vaso. Aggiungi altro terriccio intorno alle radici e compattalo leggermente;
  • innaffiatura post travaso, una parte essenziale per aiutare a stabilire le radici nel nuovo vaso. Evita di annaffiare eccessivamente; l'acqua deve drenare liberamente.


Stella di Natale dopo il travaso pronta per le Feste - Canva

Ricorda di posizionare la pianta in un luogo luminoso ma non in pieno sole diretto. Mantieni un'umidità costante ma non eccessiva e evita correnti d'aria fredde o sbalzi di temperatura.

Tu sei pronti a prenderti cura della tua stella di Natale tutto l'anno? Raccontami la tua esperienza.