Community

/ Magazine della casa

Magazine della casa

Vivi la tua passione per la casa e il giardino, scopri le ultime tendenze di stile e trova nuovi spunti per i tuoi progetti con gli articoli della nostra redazione.

Tutti gli articoli
I miei articoli
Creare un articolo
Tutto Bagno e arredo bagnoGiardino e TerrazzoDecorazione e IlluminazionePavimenti e rivestimentiVerniciCucinaOrdine e sistemazioneFalegnameria ed EdiliziaUtensileria e FerramentaFinestre, porte e scaleElettricità, automazioni e Smart HomeClimatizzatori, stufe e idraulicaNataleEventi e iniziative community
RafaelMaffina
Esploratore 🔍
14/07/21-12:31 (modificato)

Quando arriva la bella stagione è un piacere organizzare le cene in terrazza o il barbecue in giardino. Ma tra candele alla citronella per tenere lontani gli insetti e candele sulla tavola per creare l’atmosfera, quando la festa è finita spesso ci si trova davanti al dilemma di come togliere la cera delle candele dal pavimento esterno. Ammettiamolo, a chi non è successo di avere un ospite maldestro che inciampa nel vasetti di terracotta o che con il suo gesticolare plateale urta la candela sul tavolo. La tovaglia tutt’al più si cambia, e anche se può essere seccante non è complicato come togliere la cera dal pavimento esterno o interno che sia.

togliere cera da pavimento
Così togli la cera delle candele sul pavimento

Come togliere la cera dal pavimento esterno di cotto?

Sul mercato si trovano prodotti che servono anche a rimuovere la cera delle candele dal pavimento esterno. Il rischio di rovinare la superficie però è dietro l’angolo. Io, prima di combinare altri guai, suggerisco sempre di cominciare dai rimedi della nonna che, bene o male, hanno sempre la loro efficacia. Nel peggiore dei casi, può non venire via tutta la cera delle candele colorate o delle candele alla citronella e a quel punto potrete usare il prodotto solo su una piccola superficie circoscritta. Quando il problema è come togliere la cera dal pavimento di cotto esterno a casa, suggerisco sempre di rimuovere il grosso della cera raffreddata e solidificata con una spatola di plastica rigida. L’importante è non usare mai arnesi appuntiti o lame perché graffiano. Successivamente, il sistema migliore resta sempre usare il ferro da stiro con qualche foglio di carta assorbente: la cera si scalda subito e la carta la assorbe. Sostituite subito i fogli di carta per evitare che si rovini il ferro. Conclusa la rimozione basta pulire il pavimento con acqua e qualche goccia di detergente per balconi e terrazzi. Potete usare lo stesso metodo sulle piastrelle di gres e ceramica.

Togliere la cera delle candele
Rimuovi la cera dal pavimento in modo naturale- Idea Leroy Merlin

Come togliere la cera delle candele dal pavimento di marmo?

Spesso i dubbi su come togliere la cera delle candele dal pavimento esterno nascono perché la superficie è di marmo, pietra che, si sa, è preziosa ma anche delicatissima. In questo caso, è importantissimo non grattare con nessun tipo di spugna abrasiva o cercare di pulire con prodotti aggressivi: possono solo rovinare in maniera irrimediabile le piastrelle in marmo o in altra pietra. Prima di provare con il sistema a caldo, valido per il cotto, suggerisco di provare con il metodo a freddo. Di solito, sulle superficie liscia del marmo è facile rimuovere la cera dal pavimento esterno con i cubetti di ghiaccio. Dovete appoggiare i cubetti sulla macchia per qualche minuto, così la cera si indurisce quel tanto che basta per toglierla con le dita o con una spatola. Solo a quel punto si può lavare il pavimento con il solito detergente delicato per marmo.

Cera su pavimento esterno
Via la cera dal pavimento in marmo o in pietra - Idea Leroy Merlin

Come rimuovere la cera dal pavimento esterno di legno?

Se la cera è colata sul legno, non c’è da avere paura. Meglio evitare di pulire con i detergenti perché si rischia solo di estendere la macchia di cera. L’ideale è attendere che la cera colata sul pavimento secchi e poi applicare un cubetto di ghiaccio per un minuto o due, così da solidificarla e rimuoverla con le dita o con l’aiuto di una spatola di plastica che non graffia. Un altro sistema per togliere la cera dal pavimento esterno di legno, quando si è rappresa troppo o è molto indurita perché fa freddo, è usare il phon. Dovete scaldare leggermente la cera, non troppo altrimenti si scioglie nuovamente, quel tanto che basta per staccarla con le dita o per riuscire a infilare la spatolina per rimuoverla con delicatezza. Una volta eliminata tutta la cera, si può pulire il pavimento di legno con il classico detergente delicato per il legno.

Cera sul pavimento esterno
Scopri come rimuovere la cera dal pavimento- Ispirazione Leroy Merlin

Spero di averti aiutato a trovare il modo più congeniale per togliere la cera delle candele dal pavimento esterno, ma ti suggerisco di leggere i nostri consigli per illuminare gli esterni - dal giardino, al terrazzo, al portico - e creare la giusta atmosfera anche senza usare le candele.

Antonella.M
Esploratore
14/07/21-06:00

Lavare l'auto in modo ecologico è possibile! Scegli detergenti ecologici sia per la pulizia degli interni che per quella degli esterni del veicolo; utilizza dei dispositivi che limitano lo spreco d’acqua. Segui i consigli della Community di Leroy Merlin e scopri quali prodotti usare e quali dispositivi scegliere per ridurre il più possibile ogni spreco.

Consigli per lavare l'auto in modo ecologico e senza sprechi - CanvaConsigli per lavare l'auto in modo ecologico e senza sprechi - Canva

Lavare l'auto in modo ecologico con i detergenti naturali

Il primo consiglio per lavare l'auto in modo ecologico e senza sprechi è sostituire i detergenti chimici con prodotti naturali efficaci e non inquinanti.

1. Partendo dai tappetini, se sono particolarmente sporchi, basta cospargerli con del bicarbonato: la sua azione deodorante e sgrassante pulirà i tappetini tanto da farli sembrare come nuovi.

2. Anche per i vetri è possibile optare per il bicarbonato: basterà diluirlo nell’acqua e versarlo in un contenitore spray. Una volta nebulizzati i vetri, basterà asciugarli semplicemente con un panno in microfibra.

3. Per la pulizia del cruscotto, sarà sufficiente utilizzare un panno in microfibra imbevuto con dell’acqua tiepida: verrà eliminata così la polvere senza rovinare gli interni dell’auto.

4. Per le gomme e i cerchioni utilizza una soluzione di acqua e aceto: un metodo infallibile per eliminare le tracce di fango e sporco. Anche in questo caso sarà possibile aggiungere del bicarbonato sufficiente per creare un impasto cremoso da utilizzare con una spugna.

5. Per la carrozzeria, utilizza dell’acqua tiepida e una piccola quantità di detergente ecologico, biodegradabile. Risciacqua la parte esterna del veicolo cercando di utilizzare non più di due secchi d’acqua.

6. Infine, per dare alla tua macchina un piacevole profumo, prepara dei sacchettini profumati da posizionare sul cruscotto o nel bagagliaio dell’auto: la tua macchina profumerà di fresco a lungo.

Visita il sito di Leroy Merlin e trova i prodotti eco friendly ideali per lavare l'auto in modo ecologico, come il Lavavetri Ecologico vetri e plexiglass 750 o la Pasta per lucidatura Green Stuff in cotone un prodotto 100% naturale che regala un fresco profumo, non tossico e biodegradabile. Ideale per la pulizia di acciaio, rame, cuoio, argento, ceramica, inox, cromo, stagno.

Consigli per lavare l'auto in modo ecologico e senza sprechi - CanvaConsigli per lavare l'auto in modo ecologico e senza sprechi - Canva

Lavare l'auto in modo ecologico con i dispositivi anti spreco d’acqua

Dopo aver utilizzato i prodotti eco friendly di Leroy Merlin ideali per lavare l'auto in modo ecologico, arriva il momento di risciacquare la vettura. Qui è fondamentale risparmiare acqua il più possibile. Il consiglio essenziale è quello di strofinare e insaponare per bene insieme tutte le parti esterne, in modo da procedere poi con un unico risciacquo finale per limitare l’impiego di acqua necessaria per completare la pulizia dell’auto. Utilizza prodotti come la Lancia d’irrigazione GEOLIA multi getto: così neppure una goccia d’acqua verrà sprecata. Dopo aver risciacquato la carrozzeria, ricordati di asciugare velocemente l’auto con dei panni in microfibra o in cotone, lavabili e riutilizzabili.

Consigli per lavare l'auto in modo ecologico e senza sprechi - CanvaConsigli per lavare l'auto in modo ecologico e senza sprechi - Canva

Hai trovato interessante l’articolo? Per qualsiasi curiosità scrivi alla Community, saremo felici di rispondere alle tue domande! Dai un'occhiata alle numerose proposte di Leroy Merlin e trova i prodotti più adatti alle tue esigenze per lavare l'auto in modo ecologico e senza sprechi!

Antonella.M
Esploratore
13/07/21-06:30 (modificato)

Durante la stagione estiva è bello potersi rilassare e rinfrescare con una nuotata in piscina. Ma le vasche sono sempre sicure? Segui i consigli della Community di Leroy Merlin per mettere in sicurezza la piscina di casa e proteggere tutta la famiglia da incidenti ed infortuni.

Tutti i consigli per mettere in sicurezza la piscina di casa - ispirazione Leroy Merlin

Utilizzare i tappeti antiscivolo

La pavimentazione antiscivolo è fondamentale non solo nell’area piscina, ma anche nel resto del giardino. Nel caso in cui la pavimentazione non sia propriamente antiscivolo, è bene provvedere all’inserimento di tappeti antiscivolo come il modello Tappeto BESTWAY perfetto per la protezione del fondo piscina. In polietilene resistente, di colore blu, fornisce una protezione extra al fondo della piscina, disponibile anche in verde. I tappeti antiscivolo posti anche all’esterno della piscina, evitano che delle semplici gocce di acqua possano provocare spiacevoli e pericolose cadute.

Mettere in sicurezza la piscina - ispirazione Leroy Merlin

Le scalette per piscina

In caso di piscina fuori terra, è bene prevedere l’inserimento della scaletta in modo che si possa entrare e uscire agevolmente e in sicurezza dalla vasca. Il modello Scaletta per piscina fuori terra in acciaio Bestway 4 gradini è perfetto per mettere in sicurezza la piscina di casa.

Consigli per mettere in sicurezza la piscina di casa - Leroy Merlin

Rilevatori di caduta

Sul bordo della piscina, è risaputo, è facile scivolare cadendo in acqua. Per evitare che possa capitare ad un bambino o ad un adulto che non è un perfetto nuotatore, è bene utilizzare dei rilevatori di caduta. Il Rilevatore anti-caduta GRE 100 dB con Tecnologia VisioPool e pannello di controllo integrato, è pronto all'uso. È dotato di un Kit di fissaggio, viti e pile alcaline incluse. Raggio massimo di avviamento dell'allarme: 7 metri. È consigliato per piscine con una dimensione massima di 10 metri per 5 metri. Indicato per completare la sorveglianza attiva da parte di un adulto. Migliora il livello di sicurezza di bambini e animali domestici. È facile da installare e utilizzare. Ha un alloggiamento resistente agli urti e ai raggi UV.

Come mettere in sicurezza la piscina di casa - ispirazione Leroy Merlin

Tenere pulita l’acqua della piscina

La pulizia dell’acqua è essenziale per la sicurezza dei bagnanti. Il Kit manutenzione è un purificatore dell’acqua per piscine da 800 a 1200 litri. Adatto per tutte le piscine di piccole dimensioni. Senza filtrazione, previene la formazione e lo sviluppo di alghe e funghi. Privo di cloro, non genera schiuma. Inoltre, durante i periodi di non utilizzo è bene coprire la vasca con coperture e teli per piscine ideali per mantenere la piscina sempre pulita.

Tutti i consigli per mettere in sicurezza la piscina di casa - ispirazione Leroy MerlinTutti i consigli per mettere in sicurezza la piscina di casa - ispirazione Leroy Merlin

Dei consigli per te!

Se hai una piscina nel tuo giardino, ricordati sempre di tenere a portata di mano un kit per il pronto soccorso. Puoi organizzare personalmente una scatola di emergenza con tutto l’occorrente per risolvere da solo piccoli incidenti come tagli, sbucciature al ginocchio, punture d’insetto o piccoli gonfiori dovuti ad urti accidentali. Ricorda sempre di tenere a portata di mano anche giubbotti e salvagenti, anche se tutti sono in grado di nuotare.

Rammenta ai bambini, ma anche agli ospiti adulti e alla tua famiglia, le principali regole di comportamento in piscina. Bisogna evitare di tuffarsi dove il fondo è basso. È necessario camminare piano e con attenzione lungo il perimetro della vasca. Bisogna utilizzare lo scivolo o il trampolino in modo appropriato. Evitare di fare il bagno dopo aver mangiato in modo abbondante.

Hai trovato interessante l’articolo? Per qualsiasi curiosità scrivi alla Community, saremo felici di rispondere alle tue domande!

RafaelMaffina
Esploratore 🔍
12/07/21-16:23 (modificato il 24/09/23-19:07)

Le piastrelle sono belle, resistenti e generalmente facili da pulire, ma pulire la malta è tutt’altra storia. A causa della colorazione tipicamente chiara e della composizione porosa, la malta che viene stesa per colmare lo spazio tra una mattonella e l’altra si sporca facilmente. Vediamo come sbiancare le fughe del pavimento che sono prese di mira da nemici diversi: fango, terra e polvere all’ingresso, unto e umidità in cucina, muffe e funghi da depositi di calcare e umidità nel bagno. Con i miei consigli scoprirai come sbiancare le fughe delle piastrelle senza fatica e in modo naturale.

Come sbiancare le fughe senza nuocere all'ambiente- Idea Leroy Merlin

Come sbiancare le fughe del pavimento in maniera ecologica

Ci sono molti prodotti in commercio, specifici per sbiancare le fughe del pavimento. Purtroppo di solito si tratta di detergenti che, se anche non esalano vapori irritanti, inquinano le acque dei nostri mari e minacciano le forme di vita acquatiche. Invece è possibile ottenere ottimi risultati aprendo gli armadietti della cucina per creare composizioni detergenti e disinfettanti molto efficaci, senza nuocere al nostro pianeta. Aceto, bicarbonato di sodio, percarbonato di sodio - da non confondere con il perborato, nocivo anche per l’uomo - sono perfetti per pulire e sbiancare le fughe delle piastrelle. Il comune aceto di vino è più economico di un prodotto chimico e, oltre a pulire, è anche un ottimo igienizzante e battericida. Puoi usarlo per pulire la doccia, disinfettarla e rimuovere muffe e batteri così come per tenere pulite e sbiancare le fughe del pavimento. Spruzza l'aceto bianco, lascia riposare per un paio di minuti e poi strofina energicamente con una spazzola dalle setole rigide o con lo spazzolino da denti.

Con lo spazzolino strofini le fughe dei pavimenti da sbiancare

Prova a sbiancare le fughe col percarbonato (non il perborato)

Puoi alternare la pulizia con l’aceto all'uso ridotto e misurato di prodotti specifici antimuffa, oppure a un trattamento intenso con il bicarbonato. Mescola il bicarbonato di sodio e un poco di acqua, così da formare una pasta da spalmare sulle fughe. Spruzza l’aceto che attiva la formazione di schiuma. A quel punto strofina con la spazzola.
Quando io devo sbiancare le fughe delle piastrelle mi piace usare il percarbonato di sodio, elemento che trovi nella lista dei componenti di molti prodotti sbiancanti in polvere con il nome di Sodium Carbonate Peroxide. È la perfetta alternativa alla candeggina ed ha un’azione sbiancante superiore al bicarbonato di sodio. Usarlo è facile: sciogline un cucchiaio in un litro di acqua insieme a un cucchiaio di sapone liquido ecologico e usalo per pulire le superfici resistenti della casa. Puoi utilizzarlo su fornelli, sanitari oltre che per sbiancare le fughe del pavimento e delle piastrelle.

Alternative ecologiche per sbiancare le fughe di piastrelle e pavimenti

Come sbiancare le fughe di piastrelle e pavimenti senza fatica

Vuoi sapere come sbiancare le fughe del pavimento in fretta, senza nessuna fatica e senza usare prodotti inquinanti? Credo che non ci sia mezzo migliore del pulire le fughe con il vapore acqueo: è capace di rimuovere lo sporco incrostato, sciogliere residui di polvere, calcare, grasso e umidità che si depositano sulle piastrelle. Con una scopa a vapore puoi pulire e sbiancare le fughe del pavimento e con una pistola a vapore puoi agire comodamente in verticale, per mantenere pulite e sbiancare le fughe delle piastrelle dei muri in cucina e in bagno.

Con la pistola a vapore sgrassi fornelli e sbianchi le fughe-Idea Leroy Merlin

Spero di esserti stato di aiuto a capire come pulire e sbiancare le fughe del pavimento e delle piastrelle. Per qualsiasi dubbio o se hai qualche ricetta segreta ed ecologica, scrivimi nei commenti e condividi le tue riflessioni con la Community. Prima di metterti al lavoro con le piastrelle di bagno e cucina, leggi i nostri suggerimenti per pulire alla perfezione anche il piano cottura in vetroceramica.

MaraLocatelli
Sostenitore 🏋️‍♀️
12/07/21-12:23 (modificato)

Lo stile rustico tipico della cucina da casa di campagna non è più una semplice moda. Oggi è una delle scelte classiche per le cucine di campagna in muratura o per quelle componibili e moderne. In giro per casa puoi seminare ad arte plaid scozzesi, tronchi e tavoli di legno come preziosi pezzi di antiquariato, ma è in cucina che avverti lo spirito country. La cucina della casa di campagna, con le sue scaffalature aperte, i mobili rivestiti di piastrelle colorate, le collezione di barattoli e scatole di latta è una delle stanze più vere e accoglienti. Ecco perché la si trova anche fuori dal suo contesto originario, a decorare e scaldare appartamenti metropolitani.

Il fascino delle cucine delle case di campagna rustiche e shabby -amtico Il fascino delle cucine delle case di campagna rustiche e shabby -amtico

Cucine di campagna in muratura: come scegliere le ante

Quindi, se hai voglia dell’atmosfera rilassante delle cucine di campagna rustiche, non devi aspettare di trasferirti e investire in una fattoria. Puoi portare il fascino della cucina da casa di campagna nel tuo appartamento di città. Per le cucine di campagna in muraturaservono lavori di muratura per realizzare le basi da piastrellare con maioliche di gusto country e poi da richiudere con ante da cucina. Fai attenzione perché i frontali dei mobili giocano un ruolo decisivo nel risultato finale. Puoi sceglierli in legno massello o impiallacciato, effetto naturale oppure dipinto. Se scegli quest’ultima opzione, le ante in MDF sono perfette: colorate non noti la differenza dal legno, ma dal punto di vista del budget, risparmi parecchio.
Il bello dello stile rustico è anche la semplicità. Se non vuoi imbarcarti in troppe spese, puoi riverniciare la vecchia cucina color crema, recuperare un grande tavolo di legno stile vecchia fattoria, aggiungere un caratteristico carrello in legno e sostituire i pensili con mensole di legno da riempire di piatti di ceramica, pentole di terracotta.

Legno e cemento: elementi base delle cucine di campagna in muratura, rustiche e moderne - maisonsdecharme Legno e cemento: elementi base delle cucine di campagna in muratura, rustiche e moderne - maisonsdecharme

Cucine di campagna moderne e dettagli country

Che tu viva in un condominio di una grande città, in una casetta indipendente in provincia o in una villetta al mare, non devi per forza guardare al passato per portare in cucina un’atmosfera che profuma di crostate di frutta. Ci sono splendide cucine di campagna moderne che, senza rinunciare al fascino rustico, uniscono le comodità del design contemporaneo. Bastano poi una minima attenzione ai dettagli, come la cappa da cucine di campagna rustiche, il paraschizzi decorato, i cestini, i robusti ceppi portacoltelli e i taglieri di legno… Tutto è disponibile in versione country. Quindi, aggiungi gli accessori che preferisci e mantieni un abbinamento equilibrato di legno e colori pastello per incorporare gli elementi classici delle cucine di campagna shabby e completare l’atmosfera della stanza.

I dettagli che creano l'atmosfera della cucina da casa di campagna - Ispirazione Leroy Merlin I dettagli che creano l'atmosfera della cucina da casa di campagna - Ispirazione Leroy Merlin

Scegli bene i rivestimenti per la cucina da casa di campagna

La scelta dei rivestimenti è fondamentale per rendere credibile l’atmosfera. Se quindi hai deciso di fare i lavori necessari per le cucine di campagna in muratura ti consiglio di approfittare per adattare anche pavimenti e pareti. A mio avviso, quando si decide per una cucina di campagna shabby o rustica, il rivestimento di maioliche almeno nella zona lavabo, con magari una nicchia per detersivi e spugne, è un elemento immancabile, così come la parete di pietra. Sono elementi necessari perché aggiungono un carattere rustico alla cucina di campagna. Non devi rivestire tutte le pareti, ma almeno una sì: puoi puntare su rivestimenti con il rustico effetto pietra beige oppure orientarti su finiture più originali, come il grintoso effetto sasso grigio, perfette anche per contrasti di impatto con le cucine di campagna moderne. Per il pavimento, le piastrelle effetto cotto sono ideali quando vuoi sottolineare il calore delle cucine di campagna rustiche e in muratura. Invece l’eleganza dell’effetto legno è sicuramente più efficace in un ambiente originale come le cucine di campagna moderne. Così come risulta rilassante, pulito e perfetto per bilanciare la ricchezza di dettagli e decori nelle cucine di campagna shabby.

I rivestimenti avvolgono di calore le cucina di campagna moderne - Idea Leroy Merlin I rivestimenti avvolgono di calore le cucina di campagna moderne - Idea Leroy Merlin

Come vedi, puoi scegliere diversi stili per la tua cucina di campagna rustica e chic. Se sei pronta a impegnarti nei lavori si ristrutturazione per realizzare una bella cucina in muratura, leggi anche i nostri consigli utili per progettare la cucina in muratura senza commettere errori. E poi ricordati di condividere con la Community le foto del tuo progetto realizzato!

MaraLocatelli
Sostenitore 🏋️‍♀️
12/07/21-07:17 (modificato)

La scelta del tappeto giusto richiede sempre alcuni passaggi ponderati. E davanti alla classica indecisione del tappeto sotto il tavolo sì o no, i dubbi e le incertezze aumentano. Qual è lo stile è adatto in un soggiorno moderno? Meglio tinta unita o multicolore con motivi fantasia? E poi che forma deve avere il tappeto sotto al tavolo rotondo? Queste sono solo alcune delle domande che sorgono spontanee quando ci si mette alla ricerca del tappeto perfetto sotto il tavolo in soggiorno. Proviamo a cercare insieme le risposte che ti stanno cuore.

Come scegliere il tappeto giusto sotto il tavolo da pranzo

Tappeto sotto il tavolo da pranzo: sì o no?

A volte ci si innamora a prima vista di un tappeto che però non è adatto alla posizione. Quando cerchi il tappeto da mettere sotto il tavolo devi concentrarti su quelli che possono convivere per forma, dimensione, colore e materiale con gli arredi del soggiorno. Domandati se vuoi un tappeto in armonia con lo stile del soggiorno o un tappeto che porti un tocco eccentrico alla stanza. Entrambe le scelte sono valide, purché l’abbinamento di colori funzioni e purché si dosi con le decorazioni. Se il tuo soggiorno è minimale, puoi scegliere un tappeto fantasioso. Ma se la stanza è già carica di motivi decorativi tra tessuti di tende, poltrone e cuscini, non devi rinunciare al tappeto. Basta solo evitare di sovraccaricare con altre decorazioni e optare per un tappeto più sobrio, tinta unita o un tappeto con motivi geometrici appena accennati.

Colori e geometrie per il tappeto sotto il tavolo rotondo - deavita.com

Tappeto sotto il tavolo: ecco le misure giuste

Per scegliere il tappeto giusto da mettere sotto il tavolo, devi fare qualche riflessione su forma e dimensioni. La zona del soggiorno e la forma del tavolo sono determinanti. Domandati quale funzione deve avere il tappeto: deve solo delimitare la zona pranzo all’interno del living o vuoi che un tappeto colorato che scaldi e decori la stanza? Per esempio, il tappeto sotto tavolo di cristallo ha principalmente un potere decorativo: a meno di non avere un pavimento ricercato, il tappeto sotto il tavolo di cristallo serve a portare colore e a interrompere l’uniformità cromatica. Quando però deve delimitare l’area pranzo, è perfetto anche un bel tappeto ampio, l’importante è che sia incorniciato almeno da un lato da una madia o un mobile che sottolinei lo spazio e non faccia apparire il tavolo perso in mezzo alla stanza. Non prendere mai un tappeto troppo piccolo perché, oltre a essere visivamente antiestetico, le gambe delle sedie rischiano di rimanere impigliate sollevando i bordi da terra o piegandoli. Per trovare le misure giuste per il tappeto sotto il tavolo aggiungi 60 centimetri a ogni lato del tavolo in modo che le sedie si spostino facilmente quando ci si accomoda. Consiglio in più: prima di decidere, prova a visualizzare le dimensioni del tappeto applicando il nastro adesivo al pavimento.

Tappeto sotto il tavolo da pranzo sì o no? - visitedeco

Cambia geometrie al tappeto sotto al tavolo rotondo

A volte l’incertezza è alimentata dai dubbi sulla forma migliore per il tappeto sotto il tavolo rotondo. Io trovo la scelta del tappeto rotondo sotto il tavolo rotondo poco felice: quando è abbastanza ampio da contenere le sedie scostate dal tavolo risulta eccessivo rispetto al tavolo, viceversa quando è esteticamente proporzionato al tavolo è scomodo per il movimento delle sedie che vi inciampano. A mio avviso, l’ampio tappeto rettangolare o, ancora meglio, un tappeto di forma quadrata sono la soluzione ottimale per sottolineare la perfezione geometrica di un tavolo rotondo. Il mio suggerimento è di lasciare i tappeti rotondi come decorazione dell’ingresso, nell’ampio spazio vuoto della camera dei figli oppure come tappeto sotto il tavolo da caffè davanti ai divani del salotto.

Decorazioni colorate per il tappeto sotto il tavolo di cristallo - blogbut

Come vedi nel dubbio tra "tappeto sotto il tavolo da pranzo sì o no", la risposta adesso dovrebbe essere automatica. Una volta che hai memorizzato le regole per sceglierlo e disporlo, il tappeto sotto il tavolo completa esteticamente l'arredo della zona pranzo, soprattutto quando è integrata nel soggiorno o nella cucina. Vuoi creare una maggiore separazione tra zona pranzo e cucina o soggiorno? Leggi le nostre soluzioni per dividere gli spazi di una stessa stanza.

Antonella.M
Esploratore
12/07/21-06:00 (modificato)

L'Olio di Neem è un rimedio 100% ecologico e potente, ideale per proteggere gli animali in maniera naturale, non solo durante la stagione estiva ma nell’arco dell’intero anno. Scopri insieme alla Community di Leroy Merlin tutti i benefici dell'olio di Neem per tenere lontane zecche, pulci e parassiti dal tuo cane o dal tuo gatto.

Olio di Neem per proteggere gli animali in maniera naturale - Canva Olio di Neem per proteggere gli animali in maniera naturale - Canva

Olio di Neem per proteggere gli animali in modo naturale: tutti i benefici

L’olio di Neem può essere utilizzato come insetticida e pesticida oltre che per lenire le irritazioni cutanee. Un prodotto ideale per la protezione dei nostri amici a quattro zampe, una perfetta alternativa ai prodotti antiparassitari tradizionali che contengono sostanze chimiche dannose che possono essere ingerite leccando il pelo. È perfetto per combattere pulci, zecche e parassiti interni.

L’olio di Neem sul pelo degli animali ne aumenta la salute generale. Ha proprietà antifungine, antibatteriche, antivirali, antiossidanti, antisettiche e antinfiammatorie naturali. In genere, non ha effetti collaterali per i nostri amici animali. L’olio di Neem applicato regolarmente sul pelo, viene assorbito gradualmente attraverso la pelle e giunge nel sangue proteggendo così gli animali anche da infezioni, purificando il sangue e migliorando la salute del sistema immunitario degli animali.

Olio di Neem per proteggere gli animali in maniera naturale - Canva Olio di Neem per proteggere gli animali in maniera naturale - Canva

Come usare l’olio di Neem su cani e gatti

È consigliato diluirlo prima dell’utilizzo per il trattamento su cani e gatti. L’olio di Neem può essere miscelato con altri oli, diluito nello shampoo o applicato come spray. In questo caso la miscela deve essere prodotta per il giorno stesso in cui si intende utilizzarla in quanto l’olio diventerà meno potente con il trascorrere del tempo. Si utilizzerà poi spruzzandolo su tutto il corpo dell’animale in quantità consone.

È possibile diluirlo con dell’olio d’oliva o olio di vinaccioli prima di tamponarlo sulle zone in cui è più probabile che si annidino parassiti come testa, orecchie, coda, spalle e fianchi. L’applicazione può essere ripetuta ogni due o tre giorni come misura preventiva. In alternativa è possibile anche miscelarlo allo shampoo pochi minuti prima dell’uso e massaggiarlo per almeno 10 minuti, altrimenti la sua funzione può essere inibita.

Olio di Neem per proteggere gli animali in maniera naturale - Canva Olio di Neem per proteggere gli animali in maniera naturale - Canva

Come preparare un antipulci naturale

Collare antipulci: basta immergere una stringa di stoffa in olio di Neem, per ottenere un collare casalingo 100% naturale.

Olio di Neem puro: applicare 2-3 gocce direttamente sul pelo dei nostri amici animali.

Lozione spray: basta diluire poche gocce di olio di Neem in acqua tiepida e nebulizzare.

L’olio di Neem non deve mai essere applicato su ferite aperte, tagli o piaghe né entrare a contatto con occhi, naso o bocca dell’animale.

Nonostante si tratti di un prodotto 100% naturale, in seguito all’utilizzo, possono presentarsi degli effetti collaterali come starnuti, tosse, orticaria, gonfiore o difficoltà di respirazione. Quindi sempre meglio consultare prima il proprio veterinario di fiducia.

Olio di Neem per proteggere gli animali in maniera naturale - Canva Olio di Neem per proteggere gli animali in maniera naturale - Canva

L'olio di Neem - Consiglio Nazionale delle Ricerche

L'olio di Neem viene così definito dal Consiglio Nazionale delle Ricerche: "Un rimedio atossico per l’uomo, le piante e gli animali, un millenario insetticida naturale che ha cominciato ad essere usato anche da noi rivelandosi efficace nella lotta alle zanzare, sia come larvicida, (Ricerca Mariani – D’Andrea - ENEA), sia come repellente, perché gli insetti non ne sopportano l’odore".

Hai trovato interessante l’articolo? Per qualsiasi curiosità scrivi alla Community, saremo felici di rispondere alle tue domande! Dai un'occhiata alle numerose proposte di Leroy Merlin e trova i prodotti più adatti alle tue esigenze!

Leggi anche i seguenti articoli

Come evitare i pericoli in casa per gli animali domestici

Come mettere in sicurezza il giardino per gatti e cani

MaraLocatelli
Sostenitore 🏋️‍♀️
10/07/21-10:14 (modificato)

Sei pronto per affrontare la tua vita da single, ma non ti senti altrettanto sicuro nei passi da muovere per arredare il tuo appartamento per single? Non preoccuparti, è normale quando si va o si torna a vivere da soli. Una casa per single ha bisogno soprattutto di organizzazione e dell’essenziale. Vediamo, allora, qualche idea per aiutarti a disporre e decorare la casa ideale per single.

Colori, luci e materiali: i dettagli che contano nella casa per single - Idea Leroy Merlin Colori, luci e materiali: i dettagli che contano nella casa per single - Idea Leroy Merlin

Colori e materiali nella casa ideale per single

Il rivestimento di pareti e pavimenti è l’elemento chiave per creare l’atmosfera giusta nella casa per single ideale. La pietra e il mattone a vista sono sempre di grande impatto in ogni ambiente: ti suggerisco di scegliere piastrelle che riproducono l’aspetto mattone per i rivestimenti di bagno e cucina. La carta da parati effetto mattone è adatta in in camera, all’ingresso o nel living perché aggiunge un tocco decorativo industriale o scandinavo che dà carattere a una casa per single moderna. In bagno e in cucina, invece, è meglio scegliere il rivestimento di piastrelle:oltre a essere più pratico da pulire, resiste all’umidità e quindi dura a lungo. Consiglio in più: in soggiorno, tra mobili in legno o metallo, divani in pelle o in tessuto scuro, una parete rivestita con carta da parati a motivi 3D può riempire visivamente una parete senza necessità di altre decorazioni o mobili.

Effetto 3D di grande impatto nel living di una casa per single - Idea Leroy Merlin Effetto 3D di grande impatto nel living di una casa per single - Idea Leroy Merlin

La luce giusta nell'appartamento da single

Che sia minimale, industriale o nordico, lo stile maschile della casa per single di solito privilegia le tonalità tabacco e sabbia, le gradazioni di blu, la scala di grigi e, su tutti, il nero, colore di tendenza in ogni stanza. Da soli o combinati tra loro, questi sono colori che rendono moderni e accoglienti gli interni di un appartamento per single. Attenzione, però, a curare la distribuzione dei punti luce: devono illuminare bene ogni ambiente per evitare che risultino opprimenti e anche per sottolineare la personalità dell’appartamento. La classica casa per single di solito ha il cucinotto aperto sul soggiorno, ma questo non significa rinunciare a stile e comodità. Anche se in salotto c’è già la lampada da terra, qualche applique moderna e un lampadario, non bisogna essere avari di luci nella zona cucina: oltre ai led sotto i pensili, con una serie di lampade a sospensione sarà più piacevole cenare al banco della penisola. In camera, invece, si può essere più minimali e accompagnare la lampada da comodino con un scenografico ventilatore con luce integrata.

Piccola ma di carattere la cucina dell'appartamento da single - Ispirazione Leroy Merlin Piccola ma di carattere la cucina dell'appartamento da single - Ispirazione Leroy Merlin

Il living della casa per single è accogliente e organizzato

In generale, lo stile maschile negli interni predilige un'atmosfera rilassata e piacevole, mescolata a funzionalità e linee pulite. Il tutto condito con armonia e con quell'atmosfera accogliente che fa sentire una persona sola a proprio agio nel suo appartamento per single. In soggiorno, quindi, oltre al mobile per la tv e a un moderno impianto di altoparlanti, ci sta bene un piccolo camino a bioetanolo per le serate in cui serve riscaldare l’atmosfera. E per quando si fa smart working, anche in una casa da single si riesce sempre ad attrezzare l'angolo studio con mensole o una piccola libreria dove riporre libri e materiale di lavoro. Se, invece, bisogna ottimizzare lo spazio, basta scegliere le scrivanie a scomparsa o quelle con lo scaffale libreria integrato nella gamba.

Basta poco per arredare una casa per single con stile - Ispirazione Leroy Merlin Basta poco per arredare una casa per single con stile - Ispirazione Leroy Merlin

Adesso che hai le idee più chiare su alcuni dei punti critici di una casa per single, vorresti anche qualche consiglio per organizzare il bagno su misura? Prova a dare un’occhiata ai nostri suggerimenti per arredare con stile un piccolo bagno di un appartamento per single. E se ti servono altri consigli o hai qualche dubbio, scrivi qui nei commenti.